2 settembre. I leader cubani inviano le loro congratulazioni al Vietnam per il Giorno dell’Indipendenza

Il 2 settembre segna il 75 ° anniversario dell’indipendenza della Repubblica socialista del Vietnam. La rivoluzione d’agosto del 1945 pose fine a 80 anni di dominio coloniale, abolì la monarchia e ristabilì il Vietnam come nazione indipendente sotto la guida dell’indiscusso leader storico Ho Chi Minh.

Vietnam: 75 ° anniversario dell’indipendenza sotto la guida di Ho Chi Minh

Zio Ho era morto proprio il 2 settembre del 1969, 51 anni fa, giorno dell’anniversario dell’indipendenza del Vietnam








Hanoi oggi

di Ruvislei González Saez

Il 2 settembre segna il 75 ° anniversario dell’indipendenza della Repubblica socialista del Vietnam. La rivoluzione d’agosto del 1945 pose fine a 80 anni di dominio coloniale, abolì la monarchia e ristabilì il Vietnam come nazione indipendente sotto la guida dell’indiscusso leader storico Ho Chi Minh.

Zio Ho era morto proprio il 2 settembre del 1969, 51 anni fa, giorno dell’anniversario dell’indipendenza del Vietnam

Lo zio Ho, come era anche conosciuto, si distinse per unificare le forze rivoluzionarie e per aver fondato il Partito Comunista di fronte alla necessità di lotta del popolo vietnamita. Nel maggio 1941, Ho Chi Minh convocò a Pac Bo (provincia di Cao Bang) l’ottava sessione plenaria del Comitato centrale del partito che assegnò alla rivoluzione vietnamita l’arruolamento nel campo antifascista mondiale. Il compito essenziale del momento era quello di liberare il “paese” dalla dominazione franco-giapponese che travolgeva l’intera nazione. Il Comitato Centrale decise di promuovere i preparativi in ​​vista dell’insurrezione armata e di rafforzare così le unità di guerriglia, di autodifesa e di stabilire le basi di guerriglia. Allo stesso tempo, il Fronte Viet Minh è stato fondato sulle basi precedenti, a cui hanno partecipato numerose organizzazioni formate da lavoratori, contadini, giovani, donne e brigate di guerriglia. I Viet Minh adottarono come loro emblema la bandiera rossa con la stella d’oro.

Alla fine del 1943, unità di propaganda armata del Viet Minh operavano su un’ampia regione che abbracciava diverse province degli altipiani a nord del fiume Rosso. Il 9 marzo 1945, le truppe francesi furono disarmate dai giapponesi. I colonialisti francesi fuggirono o si arresero, dimostrando così di essere incapaci di proteggere l’Indocina francese. Il Viet Minh ha invitato la popolazione a non contare sui giapponesi, né sul governo fantoccio, ma a organizzare e sequestrare le riserve di riso.

Nell’estate del 1945, in tutte le parti del paese, nelle campagne e nelle città, con le minoranze etniche nelle regioni montuose, l’effervescenza popolare era ai massimi storici così come le azioni rivoluzionarie. Il fronte Viet Minh è stato il fattore decisivo. Dirigeva e coordinava tutte le operazioni su scala nazionale. Il 13 agosto, dopo la sconfitta dell’esercito giapponese e dopo il bombardamento atomico delle città di Hiroshima e Nagasaki, il Giappone capitolò. Quello stesso giorno, l’incontro del Partito Comunista Indocinese nel suo Congresso Nazionale ha deciso di lanciare gli slogan:

• Porre fine all’aggressione straniera,
• Riacquistare l’indipendenza nazionale,
• Stabilire un potere popolare.

Furono stabilite direttive per combattere l’azione politica e militare, demoralizzare l’avversario, indurlo alla resa prima di attaccarlo e concentrare gli sforzi sui centri più importanti. A metà agosto 1945 un Comitato di liberazione nazionale fu eletto sotto forma di un governo provvisorio presieduto da Ho Chi Minh.

La vittoria dell’insurrezione è savvenuta in tutte le parti del paese. Dopo il trionfo della Rivoluzione d’Agosto, il 2 settembre 1945 in piazza Ba Dinh apparve dinanzi al popolo di Hanoi il governo provvisorio dell’insurrezione. Il presidente Ho Chi Minh ha letto il Proclama d’Independenza, dichiarando la nascita della Repubblica Democratica del Vietnam, oggi Repubblica Socialista del Vietnam. Da quell’evento storico, il paese non ha smesso di svilupparsi e posizionarsi a livello internazionale come nazione indipendente e sovrana in base al principio di essere amico di tutti.

La proclamazione ha segnato la vittoria di quasi un secolo di lotta contro il colonialismo e il regime feudale. A livello internazionale è molto marcata l’influenza della lotta per l’indipendenza in Vietnam nel 1945. Con questo evento, la Patria di Ho Chi Minh divenne un esempio per i paesi che a quel tempo erano mantenuti come colonie. Questo evento ha ispirato altri paesi in Asia, Africa e America Latina che hanno subito l’oppressione del colonialismo e hanno iniziato i propri processi di liberazione nazionale.

Il 2 settembre ha segnato l’inizio di una nuova tappa, per il Vietnam, la penisola indocinese e il movimento rivoluzionario mondiale. Successivamente, la nazione asiatica ha dovuto affrontare nuovi scontri con i francesi fino al 1954, la divisione del paese e una delle peggiori guerre del XX secolo contro gli Stati Uniti. Tuttavia, ha adempiuto la profezia del leader Ho Chi Minh di riunificare la Patria e renderla dieci volte più bella. La Repubblica Democratica del Vietnam è diventata una Repubblica Socialista nel 1975, è entrata a far parte della comunità internazionale, ha accresciuto il proprio prestigio e oggi si trasforma in una delle 16 economie economicamente più dinamiche del mondo.

75 anni dopo l’indipendenza, nonostante l’avanzata della pandemia Covid-19, il Partito, il governo e il popolo vietnamiti stanno costruendo un paese dieci volte più bello e moderno, diventando negli ultimi anni una delle economie in più rapida crescita In tutto il mondo. Il livello di disoccupazione è solo del 2% e la crescita del prodotto interno lordo (PIL) nel 2019 è stata del 7,0%, la quinta più alta in Asia. Una popolazione che è passata da 60 milioni di persone nel 1986 a circa 97 milioni nel 2018 e si prevede che entro il 2050 raggiungerà una popolazione di 120 milioni di persone con un’aspettativa di vita che è aumentata tra il 1990 e il 2016 da 70,5 anni a 76,3.

Nel 2020 il Vietnam gode di grande prestigio nella comunità regionale e internazionale. È presidente pro-tempore dell’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico (ASEAN), membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, intrattiene relazioni diplomatiche con circa 178 paesi, è membro di 63 organizzazioni internazionali e intrattiene rapporti con circa 650 organizzazioni internazionali non governative (Ministero degli affari esteri del Vietnam, 2020).

Proprio nell’attuale 2020 si celebra anche il 60 ° anniversario delle relazioni con Cuba, diventando il primo Paese delle Americhe con il quale la nazione asiatica ha avuto rapporti diplomatici dopo la sua indipendenza. Due motivi per celebrare entrambe le nazioni, l’indipendenza del Vietnam e l’istituzione di legami ufficiali. I legami tra i due paesi sono caratterizzati da un’amicizia speciale che nasce dai sentimenti di fratellanza tra Fidel e Ho Chi Minh.

Cuba è stato il primo paese dell’emisfero a ricevere studenti vietnamiti per insegnare loro la lingua spagnola su richiesta di Fidel, è stato il primo paese a creare un Comitato di Solidarietà con il Vietnam del Sud in cui l’eroina del Moncada, Melba Hernández, ha svolto un ruolo fondamentale. Il leader della rivoluzione cubana, Fidel, il 2 gennaio 1966 affermò che “per il Vietnam saremmo disposti a dare anche il nostro stesso sangue”, gesto che è stato impresso nel cuore del popolo vietnamita ed è stato anche il primo capo del governo a visitare la zona liberata del sud nella provincia di Quang Tri.

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346