“26 de Julio”. Tutti i cubani sono eredi dell’assalto! (+ Fotos)

La lotta per l’indipendenza di Cuba rivela diversi 26 luglio. Alcuni eventi sono stati la voce della ribellione nazionale che ha difeso un grande progetto per salvare l’isola dall’ignominia.

http://www.cubadefensa.cu/
Redazione Verde Olivo 
Traduzione: GFJ, ASC-TI

¡Todos los cubanos somos herederos del asalto! Foto: Archivo de la Casa Editorial Verde Olivo ¡Todos los cubanos somos herederos del asalto! Foto: Archivo de la Casa Editorial Verde Olivo

La lotta per l’indipendenza di Cuba rivela diversi 26 luglio. Alcuni eventi sono stati la voce della ribellione nazionale che ha difeso un grande progetto per salvare l’isola dall’ignominia.

100 Pesos (Carlos Manuel de Céspedes) - Cuba – Numista
Un secolo prima, l’impulso per l’assalto era stato avvertito nei campi: la lotta di Yara è stata un fallimento? Quell’ottobre del 1868, Carlos Manuel de Céspedes finì al suo fianco con i dodici uomini necessari per raggiungere la sovranità. Maceo ha anche trasformato il Patto di Zanjon in un trionfo mambí attraverso la Protesta di Baragua.
Ci sono delle battute d’arresto militari tradotte in vittorie. La loro importanza sta nella capacità di esprimere i sentimenti della gente e lo spirito di lotta. L’ideale di Martí di una repubblica “con tutti e per il bene di tutti” definisce e riassume i nostri principi.
Sembrava che l’Apostolo sarebbe scomparso nell’anno del suo centenario, ma i giovani, a maggio, lo hanno posto sulla vetta più alta della patria. Da lì, due mesi dopo, brilla e illumina Santa Ana e diventa un faro di luce per la stella solitaria quando questa sembrava sconsolata: “Scarsi come le montagne sono gli uomini che sanno guardare fuori da loro e sentire con il cuore di una nazione o dell’umanità”.


Un altro episodio ha aperto il cammino: a Las Coloradas. Nel 1956 Alegría de Pío annunciava la fine, ma sette uomini iniziarono, insieme a Fidel, la conquista della Sierra Maestra. Il programma difeso il 26 luglio ha bandito dall’isola la miseria, la malsanità, l’oppressione straniera, la disoccupazione e l’analfabetismo.

Reeligen a Miguel Díaz-Canel como presidente de Cuba - Sputnik Mundo
Sessantasette anni dopo, questo grande evento sta guidando l’attuale battaglia ideologica. Non si tratta solo di proteggere ciò che è stato acquisito, ma anche di perfezionare il nostro progresso. Il nuovo scenario evidenzia la profonda crisi come conseguenza dell’impatto del covid-19, ma la volontà di superare le avversità si vede nella capacità della gente. “Cuba è ancora una volta sfidata da un contesto mondiale difficile e da una politica imperiale aggressiva. E, ancora una volta, sapremo superare le avversità. Abbiamo una storia grande e stimolante e non temiamo un’ennesima lotta”, ha sottolineato il presidente della Repubblica di Cuba, Miguel Mario Díaz-Canel Bermúdez.

Lungi dall’appartenere al passato, la tradizione patriottica ci insegna ad affrontare le battute d’arresto e a comprendere la strategia rivoluzionaria. L’esempio dell’azione vive nell’amore per la libertà e la pace, nell’unità di tutti, nel culto della piena dignità dell’uomo, nella solidarietà, nell’appoggio incontestabile alla Rivoluzione e al socialismo, per Fidel e Raúl…


Le Forze Armate Rivoluzionarie rendono omaggio al 26 luglio: restiamo fermi, sosteniamo lo sviluppo del Paese, rimaniamo fedeli alla fiducia del popolo e difendiamo con il Verde olivo il principio: tutti i cubani sono eredi dell’assalto!

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

Archivi

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)