VENEZUELA. Breve manuale per difendervi dallo stupro di verità in corso + Dossier Venezuela: Una realtà capovolta

“Le sanzioni contro il Venezuela sono ideologiche”. Walter Suter, ex ambasciatore svizzero in Venezuela.

Dunque difendere le libere istituzioni del Venezuela da questi assalti all’arma bianca non significa difendere Maduro, significa difendere noi stessi dalla menzogna.

di il simplicissimus

scarica DOSSIER VENEZUELA: UNA REALTÀ CAPOVOLTA

Risultati immagini per göbbels frasiLa democrazia occidentale nelle sue attuali caratteristiche, è una forma diluita di nazismo o fascismo. Al più è un paravento per mascherare le tendenze naziste e fasciste dell'imperialismo. Perché oggi vi è la guerra, se non per la brama della spartizione delle spoglie del mondo?
Mohandas Gandhi

Mettiamoci nei panni di un abitante del pianeta terra che per informarsi sul Venezuela non ha che i media mainstream occidentali, che sente e legge ogni giorno di “manifestanti” e “repressione”: inevitabilmente finirà per credere che la popolazione sia in rivolta nelle piazze mentre il governo non fa che reprimere la protesta. Non potrebbe mai immaginare che in Venezuela non esiste in realtà alcuna rivolta popolare, che le manifestazioni partono esclusivamente dai quartieri residenziali dei ricchi, che violenza, uso delle armi  e terrorismo vengono proprio dagli organizzatori di queste falangi, che i media possono trasformare il 2% della popolazione in popolazione tout court e le piccole isole urbane di privilegio nel “Venezuela”.

Non possono immaginarlo perché vedono immagini del tutto fuori contesto e leggono parole fuori dignità, non possono pensarlo ancorché tutto questo faccia parte di un copione adottato ormai un’infinità di volte: sono abituati, anzi piegati alla pseudo verità hollywoodiana, espressione che in questo caso è più di una metafora visto che dai memandri del dipartimento di stato di  Washington è saltato fuori l’elenco delle personalità dello spettacolo, dell’arte e della politica lautamente ricompensati per rendere più credibile la storia. Ecco il documento fortunosamente trapelato:  “Come parte integrante delle nostre azioni per restaurare la democrazia in Venezuela, abbiamo stabilito contatti con politici e artisti per una loro collaborazione nella diffusione di messaggi che stimolino lo scenario di protesta in questo paese. Questi cittadini venezuelani sono stati contattati attraverso le nostre sedi diplomatiche per poter ricevere le istruzioni sui messaggi, azioni e pubblicazioni da tenere nelle reti sociali, per orientare l’agenda nazionale e internazionale, generando alti livelli di conflitto in questo paese (leggi anche diffusione di armi ndr) e aumentando il ripudio al Governo di Nicolás Maduro. I nostri agenti hanno garantito il finanziamento necessario per garantire  le spese logistiche necessarie e campagne di marketing per adempiere ai compiti assegnati. Di seguito facciamo riferimento ad una lista di personalità che dovranno essere presi in considerazione per la loro protezione in caso di un intervento nel paese sudamericano. Julio Andrés Borges Junyent, Freddy Guevara Cortez,  David Smolansky Urosa, Enrique Márquez. Tomás Ignacio Guanipa Villalobos, María Corina Machado, Juan Guillermo Requesens, Gabriela Arellano, Luis Florido, Lilian Tintori, Norkys Yelitza Baptista, Miguel Ignacio Mendoza Donatti, Henry Lisandro Ramos Allup.
Spero che qualcosa vada anche ai giornalisti nostrani che hanno fatto propria la sceneggiatura in questione, anche se in realtà lo stesso stipendio costituisce spesso una ricompensa forfettaria.

Quindi sapete cosa significhi e da chi sia sollecitata la santificazione dei dimostranti mercenari o reazionari in proprio che uccidono, distruggono, torturano e sabotano in nome della democrazia, un termine che l’uso amerikano sta rendendo ignobile. Ma siccome il trascinamento della pseudo verità è forte vi propongo un manuale di autodifesa contro le menzogne alla venezuelana:

“Il Venezuela è un regime dittatoriale” Assolutamente falso.
A partire dal 1999 il Venezuela bolivariano ha organizzato ben 25 appuntamenti elettorali, riconosciuti come trasparenti dalle organizzazioni internazionali. Per l’ex presidente Jimmy Carter che è stato osservatore in 98 consultazioni elettorali in tutto il mondo il , il sistema elettorale venezuelano è il migliore del mondomentre Lula da Silva ritiene che rappresenti addirittura un eccesso di democrazia. Nel maggio 2011 la relazione della Fondazione Canadese per l’avanzamento della democrazia (FDA) ha collocato il sistema elettorale venezuelano al primo posto nel mondo per il rispetto delle norme fondamentali della democrazia. Il cileno Latinobarometro ha stabilito nel suo rapporto 2013 che il Venezuela ha il record di fiducia dei cittadini nella democrazia in America Latina (87%) seguito da Ecuador (62%) e Messico (21%). Il presidente Nicolás Maduro ha avviato un processo costituzionale partecipativo che permette a tutti i settori sociali di presentare proposte e ha ribadito che le elezioni presidenziali si terranno nel 2018, come previsto dalla legge.

” Non c’è libertà di espressione in Venezuela” . Vergognosamente falso.
Delle oltre mille fra stazioni radio e canali televisivi cui lo Stato ha concesso l’autorizzazione a trasmettere, il 67% è privato e contrario al bolivarismo, il 28% è nelle mani delle comunità, ma trasmette solo a livello locale e appena il 5%  è di proprietà dello stato. Dei 108 giornali che esistono, 97 sono privati e 11 pubblici, mentre il 67% della popolazione venezuelana ha accesso a Internet. Questa piattaforma dominata da mezzi di comunicazione privati e rafforzata dalla rete reazionaria transnazionale gioca un ruolo cruciale nella disinformazione al servizio di destabilizzazione. Potete leggere qui un esempio molto significatico di censura della verità e dell’intelligenza.

“Ci sono prigionieri politici in Venezuela” . Falso.
A meno che non siano considerati “prigionieri politici” gli assassini delle formazioni di estrema destra.  In uno stato di diritto, essere di destra non significa essere al di sopra delle leggi e poter compiere impunemente omicidi, attentati o dedicarsi alla corruzione. Sedicenti prigionieri prolitici  sono in galera per questo e non per le loro idee ammesso che le abbiano. E’ davvero una vergogna senza fine per l’occidente e per i suoi media che si accrediti di prigionia politica persino di un  tale Leopoldo Lopez, capo di Alba Dorata venezuelana, indottrinato al Kenyon College dell’ Ohio che ha sulla coscienza l’assassinio di 43 persone tra cui alcuni bambini e 6 poliziotti. Ma per questo serial killer esiste persino una campagna per la liberazione che parte – indovinate! – proprio dal Kenyon College. Anzi la società venezuelana nel suo complesso ritiene che vi sia un certo lassismo. Secondo la società privata di sondaggi Hintyerlaces, il 61% dei venezuelani ritiene che i promotori della violenza e del terrorismo devono rispondere delle loro azioni in tribunale.

“L’opposizione è democratica”. Falsissimo.
Gli attuali leader della destra che organizzano le violenze non hanno affatto rispettato le istituzioni democratiche, sono gli stessi che nell’aprile 2002 avevano condotto un sanguinoso colpo di stato contro il presidente Chavez, con l’aiuto della confindustria locale e militari addestrati la Scuola delle Americhe . Del resto uno dei loro mentori non è che l’ex presidente Alvaro Uribe, formatosi negli Usa, tanto per cambiare, che nel suo lungo cursus onorum da sindaco di Medellin a padrone del Paese ha prodotto 60.630 desparecidos per non parlare degli accordi sottobanco con i cartelli della droga.

Uno dei pochi infortuni venuti alla luce nella campagna contro la democrazia in Venezuela: la foto di un soldato che soccorre un cameramen ferito, diffusa dalla Reuters come prova di repressione della libertò di esprresione. La Reuters ha dovuto chiedere scusa, ma per il fatto di esistere.

Lo scrittore Luis Bitto Garcia sintetizza così la situazione riguardo alla libertà di espressione:
Esiste la censura in Venezuela? Sì, in effetti. Quella di gran parte dei media nazionali e internazionali che oscurano ciò che accade realmente nel paese e mantengono un silenzio sul progresso sociale e lo sviluppo della democrazia partecipativa, privando così del loro diritto all’informazione una stragrande maggioranza di persone in tutto il mondo.
C’è una dittatura in Venezuela? Sì, in effetti. Una dittatura dei media che pretende di imporre i tiranni stile Carmona Estanga, capo dei capi del colpo di stato che con il sostegno diretto dei depose Chavez nel 2002 ” 

Tutto questo insegna come con la sola forza dei media e della stupidità indotta nelle persone, si è riusciti a trasformare una democrazia tra le più avanzate in una dittatura, a creare una pura realtà virtuale per ingannare le opinioni pubbliche e dare modo a un ceto di super ricchi del Paese, ancora dotati di servi mulatti come al tempo degli spagnoli, di opporsi ad ogni politica sociale.

Dunque difendere le libere istituzioni del Venezuela da questi assalti all’arma bianca non significa difendere Maduro, significa difendere noi stessi dalla menzogna.


L’ex ambasciatore svizzero a Caracas, Walter Suter, difende la  Costituente convocata da Nicolás Maduro e contesta le accuse di dittatura evocate dai media occidentali


Walter Suter, ex ambasciatore svizzero in Venezuela

– “Le sanzioni contro il Venezuela sono ideologiche”. Walter Suter

– Venezuela: Un vote contre la violence

– Des troubles préfabriqués au Venezuela selon le même modèle qu’en Ukraine. Interview de Walter Suter, ancien ambassadeur suisse au Venezuela


Articoli correlati:

 

Pubblicato in Attualità, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Sfilata 1° Maggio 2016. La Habana

Archivi

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)