Antimperialista, panarabo e panafricano: ecco perché Gheddafi doveva morire dieci anni fa

Fidel Castro e Muammar Gheddafi. Non c’è niente che l’Occidente odi più di un leader che si oppone all’imperialismo e al sionismo

Non c’è niente che l’Occidente odi più di un leader arabo che si oppone all’imperialismo, al sionismo e vuole che il suo paese, e altri paesi arabi e africani, siano autosufficienti. Ecco perché la NATO ha ucciso Gheddafi.

di Richard Medhurst*
Fonte originale
Fonte italiana

Muammar Gheddafi

Muammar Gheddafi ha portato la sua nazione a diventare la più ricca di tutta l’Africa. Un decennio dopo la sua scomparsa, è lacerata dal tribalismo, dal terrorismo e dalla schiavitù, tutto perché l’Occidente non poteva permettere che un leader arabo avesse successo.

Non c’è mai stata una vera “primavera araba” in Libia come in Egitto o Tunisia. Le proteste erano molto più piccole e, col passare del tempo, i maggiori attori si sono rivelati gruppi estremisti e stranieri, ognuno dei quali cercava di ottenere una fetta del paese.

Il bombardamento della Libia da parte della NATO e il sostegno ai ribelli che cercano di rovesciare Gheddafi hanno avuto poco a che fare con il desiderio di prosperità del paese. Con il pretesto di “diritti umani” e “democrazia”, ??l’alleanza militare occidentale ha aiutato a uccidere uno dei leader più importanti del mondo arabo per rubare le risorse della Libia e proteggere l’egemonia occidentale.

In seguito, come parte dell’operazione Timber Sycamore, la CIA avrebbe trovato ulteriore utilità nella cacciata di Gheddafi: incanalare le scorte di armi e munizioni della Libia in Siria per armare Al-Qaeda e altri gruppi jihadisti.

Quello di cui non si parla spesso è che la Libia è diventata l’ombra di se stessa, devastata da 10 anni di guerra e caos. Hillary Clinton, Barack Obama e gli altri criminali di guerra che hanno orchestrato la sua distruzione non vogliono che tu sappia quanto male stia andando.

Da nazione fiorente a “stato fallito”

Muammar Gheddafi e Hugo Chávez

Conosciuto per la sua stravaganza, Gheddafi vantava un dettaglio di sicurezza di guardie del corpo femminili, abiti sontuosi e discorsi lunghi e drammatici. Ha anche trasformato la Libia da uno dei paesi più poveri della Terra in uno stato ricco e autosufficiente, il tutto mentre gestiva una società tribale in un paese che ospita le più grandi riserve di petrolio in Africa.

Durante i suoi 42 anni al potere, ha aumentato il tasso di alfabetizzazione del paese dal 25% all’88%. I libici godevano di assistenza sanitaria gratuita, istruzione gratuita e un tenore di vita elevato. I beni di prima necessità come l’elettricità e il gas erano a buon mercato e al Paese erano garantiti una forte rete di sicurezza sociale e programmi di welfare.

La Libia è al 90% deserta. Gheddafi ha cercato di fornire acqua fresca a tutti i libici per il consumo e l’agricoltura, impresa in cui è riuscito. Ha costruito il più grande progetto di irrigazione del mondo, il “Grande fiume artificiale” negli anni ’80. Vantando la più grande rete di tubazioni del mondo, fornisce il 70% di tutta l’acqua dolce in Libia. Gheddafi l’ha definita “l’ottava meraviglia del mondo”. Con un costo di oltre 25 miliardi di dollari, il progetto è stato interamente autofinanziato, senza prestiti o crediti da banche estere. La Libia era diventata un paese molto ricco e non aveva debiti esteri.

Un tempo nazione prospera, dalla sua caduta è stata conquistata da terroristi, opportunisti e ladri, ed è precipitata nel caos. Questo è quello che è successo alla Libia in questi ultimi 10 anni. Questo è ciò che la NATO ha creato. 

La NATO ha bombardato il Great Man Made River nel luglio 2011, distruggendo infrastrutture civili fondamentali: un crimine di guerra.

L’indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite fornisce una misura sommaria di salute, istruzione e reddito. Nel 2010, la Libia è stata classificata al primo posto in Africa e al  53° posto su 189 paesi e territori. Oggi in questa classifica è scesa dal 53 ° al 105 ° a  livello mondiale .

Dopo la “rivoluzione” sostenuta dalla NATO, la Libia non ha più nessuna di queste belle cose. Ci sono interruzioni di corrente continue. Il sistema sanitario è crollato. Non ci sono infrastrutture. Il tenore di vita è crollato e, dopo 10 anni, la Libia non ha nemmeno un governo centrale funzionante.

Nel marzo di quest’anno è stato formato un governo di unità nazionale, dopo un cessate il fuoco mediato nell’ottobre 2020. Sebbene finora si sia tenuto in gran parte e le elezioni siano previste per dicembre, le lotte intestine persistono e resta da vedere se da questo processo verrà fuori qualcosa.

Invece di un’abbondanza di acqua, oro e petrolio in un paese fiorente con grandi infrastrutture, la Libia ora ha mercati aperti per la tratta degli schiavi. Contrabbandieri e trafficanti di esseri umani approfittano dei migranti e dei rifugiati che passano in Europa, vendendoli in schiavitù. Tribù rivali e fazioni politiche  combattono per il petrolio e altre risorse preziose, determinate a prendere il potere per se stesse. Nel frattempo, sacche dello  Stato Islamico (IS, ex ISIS), Al-Qaeda e altri combattenti jihadisti si nascondono nell’ombra, affliggendo il Paese devastato dalla guerra  e i suoi vicini – gruppi che non avrebbero osato stabilire una presenza nella Libia di Gheddafi.

Un tempo nazione prospera, dalla sua caduta è stata conquistata da terroristi, opportunisti e ladri, ed è precipitata nel caos. Questo è quello che è successo alla Libia in questi ultimi 10 anni. Questo è ciò che la NATO ha creato.

Uno dei migliori discorsi di Gheddafi è stato nel 2008 a Damasco, in una riunione della Lega Araba. Rimproverando la violenta invasione dell’Iraq, offrì ai leader arabi un duro promemoria di ciò che accadde a Saddam Hussein, che un tempo gli Stati Uniti consideravano un alleato contro l’Iran.

“Un’intera dirigenza araba è stata giustiziata per impiccagione, eppure ci sediamo in disparte. Come mai? Ognuno di voi potrebbe essere il prossimo”.

Ridacchiando alle sue parole, altri leader arabi avrebbero fatto bene a prestare attenzione all’avvertimento di Gheddafi, perché, in effetti, gli Stati Uniti sarebbero venuti per la Siria e la Libia dopo. E solo tre anni dopo, lo stesso Gheddafi sarebbe stato brutalmente ucciso per mano dei ribelli sostenuti dalla NATO.

Anti-imperialista, panarabo e panafricano: perché Gheddafi doveva morire

Muammar Gheddafi e Nelson Mandela

Il defunto leader libico ha sostenuto l’indipendenza e i movimenti di liberazione nazionale in tutto il mondo, inclusi gruppi come l’Organizzazione per la liberazione della Palestina, l’Esercito repubblicano irlandese, il Black Panther Party e molti altri. Negli anni ’70, ha cercato di fondere la Libia con l’Egitto e la Siria per formare uno stato arabo unificato. Nel 2009 ha proposto alle nazioni africane di adottare una moneta unica: il dinaro d’oro. La Banca centrale libica, che era al 100% di proprietà statale, aveva riserve di 144 tonnellate d’oro che intendeva utilizzare a tale scopo.

Gheddafi ha proposto ai paesi africani di acquistare e vendere le proprie risorse esclusivamente in questa nuova valuta panafricana. Ciò avrebbe consentito loro di allontanarsi dal dollaro USA e dal franco dell’Africa centrale (CFA), una valuta coloniale utilizzata in 14 paesi e controllata interamente dalla Francia.

Questo è stato il peccato più grande di Gheddafi. Volendo che le nazioni africane adottassero una moneta unica, per controllare le proprie risorse e avere una vera indipendenza, ha rappresentato una minaccia per l’egemonia monetaria occidentale, quindi ha dovuto andarsene.

I governi occidentali erano ben consapevoli di questo piano. Uno sguardo alle e – mail dell’allora Segretario di Stato americano Hillary Clinton, mostra discussioni sulle riserve auree di Gheddafi e sui suoi piani per una moneta unica. Divenne chiaro all’Occidente che i paesi africani che abbandonavano il dollaro USA o il franco CFA e controllavano la propria valuta e la propria politica monetaria, avrebbero minato l’influenza americana e francese sull’Africa. Avrebbero Indebolito il monopolio occidentale sulle risorse africane e sul sistema bancario internazionale, rendendo le istituzioni neocoloniali come il Fondo monetario internazionale meno efficaci nella manipolazione dei paesi in via di sviluppo.

Non che avessimo bisogno di ulteriori conferme; ma scritto chiaramente in quelle e-mail era la prova che questo piano per fornire un’alternativa al franco CFA “è stato uno dei fattori che hanno influenzato la decisione del presidente Nicolas Sarkozy di impegnare la Francia nell’attacco alla Libia”.

Gheddafi è sempre stato una spina nel fianco per gli interessi coloniali occidentali. Il suo più grande "crimine" è stato volere una vera indipendenza, minacciando l'egemonia monetaria americana e francese e il sistema bancario internazionale.

Sarkozy decise di bombardare la Libia perché sapeva benissimo che i paesi dell’Africa occidentale e dell’Africa centrale che abbandonavano il franco CFA avrebbero ridotto al minimo la sfera di influenza della Francia sulle sue “ex” colonie africane e avrebbero soddisfatto il suo “desiderio di ottenere una quota maggiore della produzione petrolifera della Libia” – cioè, saccheggiare la ricchezza della Libia.

Gheddafi lo aveva previsto nel 2011, quando disse: “C’è una cospirazione per controllare il petrolio libico e per controllare la terra libica, per colonizzare di nuovo la Libia“.

Tutto questo è un duro promemoria del fatto che alla NATO non potrebbe importare di meno dei manifestanti e della “primavera araba“. Le affermazioni di “rispetto per la democrazia” erano semplicemente una storia di copertura per proteggere gli interessi occidentali e rubare le risorse della Libia, lasciando il paese nel caos e brulicando di terroristi, proprio come l’Iraq e la Siria.

Hillary Clinton salta di gioia nell'apprendere della morte di Gheddafi

Niente potrebbe essere più emblematico di quanto sia malvagia l’intera faccenda, di Hillary Clinton che letteralmente salta di gioia nell’apprendere della morte di Gheddafi, dopo che fu brutalmente sodomizzato, linciato e giustiziato dai ribelli sostenuti dalla NATO. “Siamo venuti, abbiamo visto, è morto”, disse.

Ucciso per il suo successo

Gheddafi è sempre stato una spina nel fianco per gli interessi coloniali occidentali. Il suo più grande “crimine” è stato volere una vera indipendenza, minacciando l’egemonia monetaria americana e francese e il sistema bancario internazionale.

La storia è disseminata di leader africani, arabi e latini, uccisi dagli Stati Uniti, per aver osato migliorare i loro paesi e aver cercato di sfidare l'egemonia occidentale. Gheddafi non fa eccezione.

Ora la gente guarda alla Libia e la etichetta come uno “stato fallito”, ma la Libia di Gheddafi non era uno stato fallito. Era la nazione più ricca e prospera dell’Africa, uno stato fiorente e fiorente fino a quando l’Occidente non lo distrusse deliberatamente nel 2011.

Gli apologeti dell’imperialismo occidentale amano liquidare le conquiste di altri paesi ed etichettare i loro leader come dittatori, ma la verità è che la Libia stava molto meglio sotto Gheddafi. Aveva petrolio, oro, acqua e indipendenza dalle risorse.

La storia è disseminata di leader africani, arabi e latini, uccisi dagli Stati Uniti, per aver osato migliorare i loro paesi e aver cercato di sfidare l’egemonia occidentale. Gheddafi non fa eccezione.

Non c’è niente che l’Occidente odi più di un leader arabo che si oppone all’imperialismo, al sionismo e vuole che il suo paese, e altri paesi arabi e africani, siano autosufficienti. Ecco perché la NATO ha ucciso Gheddafi.

 

* Richard Medhurst è un giornalista britannico nato a Damasco. Esperto di relazioni internazionali, si occupa della politica degli Stati Uniti, del Medio Oriente e dell’estradizione di Julian Assange. Account Twitter  @richimedhurst

Pubblicato in Attualità, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)