Bolsonaro passa alla storia come il primo presidente a non essere rieletto. Lula non sarà il Gabriel Boric brasiliano (+discorso completo di Lula)

Fernando Henrique, Lula e Dilma vinsero le elezioni quando occupavano il Palazzo Planalto. Il suo primo discorso ha dimostrato che Lula si trova nel campo opposto a quello dell’imperialismo

Fonti:
https://causaoperaria.org.br/
https://pcdob.org.br
https://www.farodiroma.it
https://www.lantidiplomatico.it/

Lula non è il candidato dell’imperialismo e la classe operaia deve contribuire al suo governo in difesa del Paese e delle sue ricchezze. A differenza del “sinistroide” Gabriel Boric, eletto in Cile, Lula non ha l’appoggio reale dell’imperialismo, è stato eletto contro la volontà dell’imperialismo. Nonostante la sua politica di conciliazione, Lula sarà un problema per l’imperialismo, poiché, come ha chiarito nel suo discorso, non intende portare avanti una politica filo-imperialista. Un altro fatto che lo dimostra sono le pronte dichiarazioni di Putin, Díaz Canel e Maduro rappresentanti dei Paesi nemici dell’imperialismo.

In una delle elezioni più importanti del Brasile, oggi c’è un unico vincitore: il popolo brasiliano”, ha detto Lula da Silva, poco dopo aver vinto il ballottaggio. “Non è una vittoria mia o del mio partito, ma di un immenso movimento democratico”, ha aggiunto Lula. “La maggioranza del popolo ha lasciato detto chiaro che desidera più democrazia e non meno. Vuole più libertà, più uguaglianza e più fraternità”, ha continuato l’ex sindacalista.

Dal primo gennaio governerò per tutti i brasiliani e non solo per quelli che mi hanno votato. È tempo di riunire la famiglia. A nessuno interessa vivere in un Paese perennemente in guerra. È tempo di deporre le armi”.

 Luciana Santos, presidente nazionale del PCdoB: “Il Brasile sarà di nuovo felice! Il popolo ha eletto Lula presidente per tornare ad avere pace, dignità e cibo nei nostri piatti. È un giorno di festa per la democrazia. Hanno vinto la ragione, la verità, l’impegno per il popolo e per un progetto inclusivo del Paese.

Il Brasile è “pronto per lottare contro la crisi climatica e per la deforestazione zero dell’Amazzonia”, ha poi assicurato il presidente eletto. “Il pianeta ha bisogno di una Amazzonia viva: un albero in piedi vale più di tonnellate di legname estratto illegalmente”, ha aggiunto l’ex sindacalista, annunciando che il suo governo “riprenderà la vigilanza sull’Amazzonia e combatterà tutte le attività illegali”. “Si può generare ricchezza senza distruggere l’ambiente”, ha continuato Lula, sottolineando di essere aperto alla cooperazione internazionale per l’Amazzonia “ma senza rinunciare alla sovranità”.

"Sconfiggere la povertà si può". Lula ha affermato che la missione principale del suo governo è combattere la fame in Brasile

Lula ha affermato inoltre che la missione principale del suo governo è combattere la fame in Brasile. “Il nostro impegno più urgente è porre fine alla fame. Se siamo il terzo produttore di cibo al mondo e il primo di carne, abbiamo il dovere di garantire che ogni brasiliano possa fare colazione, pranzo e cena ogni giorno. Non possiamo accettare come una cosa normale che intere famiglie siano costrette a dormire per strada”, ha aggiunto.

Questo il discorso completo di Lula:

«Amici e amiche.

Siamo giunti alla fine di una delle elezioni più importanti della nostra storia. Un’elezione che ha messo di fronte due progetti nazionali opposti e che oggi ha un solo grande vincitore: il popolo brasiliano.

Questa non è una vittoria per me, né per il PT, né per i partiti che mi hanno sostenuto in questa campagna. È la vittoria di un immenso movimento democratico che si è formato, al di là dei partiti politici, degli interessi personali e delle ideologie, affinché la democrazia potesse trionfare.

In questo storico 30 ottobre, la maggioranza del popolo brasiliano ha detto chiaramente che vuole più democrazia, non meno democrazia.

Vuole più, non meno, inclusione sociale e opportunità per tutti. Vuole più, non meno, rispetto e comprensione tra i brasiliani. In breve, vuole più, non meno, libertà, uguaglianza e fraternità nel nostro Paese.

Il popolo brasiliano ha dimostrato oggi di volere qualcosa di più dell’esercizio del sacrosanto diritto di scegliere chi governerà la propria vita. Vogliono partecipare attivamente alle decisioni del governo.

Il popolo brasiliano ha dimostrato oggi di volere qualcosa in più del diritto di protestare per il fatto che ha fame, che non c’è lavoro, che il suo stipendio è insufficiente per vivere dignitosamente, che non ha accesso alla salute e all’istruzione, che non ha un tetto sopra la testa, per vivere e crescere i propri figli in sicurezza, che non ci sono prospettive per il futuro.

Il popolo brasiliano vuole vivere bene, mangiare bene, vivere bene. Vuole un buon lavoro, un salario sempre adeguato al di sopra dell’inflazione, una sanità pubblica e un’istruzione di qualità.

Vuole la libertà religiosa. Vuole libri invece di armi. Vuole andare a teatro, al cinema, avere accesso a tutti i beni culturali, perché la cultura nutre la nostra anima.

Il popolo brasiliano vuole recuperare la speranza.

È così che intendo la democrazia. Non solo come una bella parola iscritta nella Legge, ma come qualcosa di palpabile, che sentiamo sulla nostra pelle e che possiamo costruire quotidianamente.

È questa democrazia, nel senso più ampio del termine, che il popolo brasiliano ha eletto oggi alle urne. È per questa democrazia – reale, concreta – che ci siamo impegnati durante tutta la nostra campagna.

Ed è questa democrazia che cercheremo di costruire ogni giorno del nostro governo. Con una crescita economica condivisa tra tutta la popolazione, perché è così che dovrebbe funzionare l’economia, come strumento per migliorare la vita di tutti, non per perpetuare le disuguaglianze.

La ruota dell’economia tornerà a girare, con la creazione di posti di lavoro, l’aumento dei salari e la rinegoziazione dei debiti delle famiglie che hanno perso il loro potere d’acquisto.

La ruota dell’economia girerà di nuovo con i poveri come parte del bilancio. Con il sostegno ai piccoli e medi produttori rurali, responsabili del 70% del cibo che arriva sulle nostre tavole.

Con tutti gli incentivi possibili per i micro e piccoli imprenditori affinché mettano il loro straordinario potenziale creativo al servizio dello sviluppo del Paese.

È necessario andare oltre. Rafforzare le politiche di lotta alla violenza contro le donne e garantire loro lo stesso salario degli uomini nello stesso ruolo.

Affrontare senza sosta il razzismo, il pregiudizio e la discriminazione, in modo che bianchi, neri e indigeni abbiano gli stessi diritti e le stesse opportunità.

Solo così possiamo costruire un Paese per tutti. Un Brasile egualitario, la cui priorità sono le persone che ne hanno più bisogno.

Un Brasile con pace, democrazia e opportunità.

Amici e amiche.

Dal 1° gennaio 2023, governerò per 215 milioni di brasiliani, non solo per coloro che mi hanno votato. Non ci sono due Brasile. Siamo un solo Paese, un solo popolo, una sola grande nazione.

Nessuno è interessato a vivere in una famiglia in cui regna la discordia. È tempo di riunire le famiglie, di ricostruire i legami di amicizia spezzati dalla diffusione criminale dell’odio.

Non è nell’interesse di nessuno vivere in un Paese diviso, in uno stato di guerra permanente.

Questo Paese ha bisogno di pace e di unità. Queste persone non vogliono più combattere. Queste persone sono stanche di vedere nell’altro un nemico da temere o da distruggere.

È tempo di deporre le armi che non avrebbero mai dovuto essere brandite. Le armi uccidono. E noi scegliamo la vita.

La sfida è immensa. È necessario ricostruire questo Paese in tutte le sue dimensioni. In politica, in economia, nella gestione pubblica, nell’armonia istituzionale, nelle relazioni internazionali e, soprattutto, nell’assistenza ai più bisognosi.

Dobbiamo ricostruire l’anima di questo Paese. Dobbiamo recuperare la generosità, la solidarietà, il rispetto per le differenze e l’amore per gli altri.

Per riportare la gioia di essere brasiliani e l’orgoglio che abbiamo sempre avuto per il verde-oro e per la bandiera del nostro Paese. Quel verde-oro e quella bandiera che non appartiene a nessuno se non al popolo brasiliano.

Il nostro impegno più urgente è quello di porre nuovamente fine alla fame. Non possiamo accettare come normale che milioni di uomini, donne e bambini in questo Paese non abbiano nulla da mangiare o che consumino meno calorie e proteine di quelle necessarie.

Se siamo il terzo produttore di cibo al mondo e il primo di proteine animali, se disponiamo di tecnologia e di un’immensa quantità di terra coltivabile, se siamo in grado di esportare in tutto il mondo, abbiamo il dovere di garantire che ogni brasiliano possa fare colazione, pranzare e cenare ogni giorno.

Questo sarà, ancora una volta, l’impegno numero uno del nostro governo.

Non possiamo accettare come normale che intere famiglie siano costrette a dormire per strada, esposte al freddo, alla pioggia e alla violenza.

Pertanto, riprenderemo Minha Casa Minha Vida, con priorità per le famiglie a basso reddito, e recupereremo i programmi di inclusione che hanno fatto uscire 36 milioni di brasiliani dalla povertà estrema.

Il Brasile non può più convivere con questa immensa spaccatura senza fondo, questo muro di cemento e disuguaglianza che separa il Brasile in parti diseguali che non si riconoscono. Questo Paese deve riconoscere se stesso. Hai bisogno di ritrovare se stesso.

Oltre a combattere la povertà estrema e la fame, ristabiliremo il dialogo in questo Paese.

Dobbiamo riprendere il dialogo con il Potere Legislativo e Giudiziario. Senza tentativi di esorbitanza, intervento, controllo, cooptazione, ma cercando di ricostruire la coesistenza armoniosa e repubblicana tra le tre potenze.

La normalità democratica è sancita dalla Costituzione. È ciò che stabilisce i diritti e gli obblighi di ogni potere, di ogni istituzione, delle Forze armate e di ognuno di noi.

La Costituzione regola la nostra esistenza collettiva e nessuno, assolutamente nessuno, è al di sopra di essa, nessuno ha il diritto di ignorarla o sfidarla.

È inoltre più che urgente riprendere il dialogo tra il popolo e il governo.

Riprendiamo quindi le conferenze nazionali. Gli stakeholder possono scegliere le loro priorità e presentare al governo proposte di politiche pubbliche per ogni area: istruzione, salute, sicurezza, diritti delle donne, uguaglianza razziale, giovani, alloggi e molte altre.

Riprendiamo il dialogo con i governatori e i sindaci, per definire insieme le opere prioritarie per ogni popolazione.

Non importa a quale partito appartengano il governatore e il sindaco. Il nostro impegno sarà sempre quello di migliorare la vita dei cittadini di ogni Stato e di ogni comune di questo Paese.

Inoltre, ristabiliremo il dialogo tra governo, imprese, lavoratori e società civile organizzata, con il ritorno del Consiglio per lo Sviluppo Economico e Sociale.

In altre parole, le principali decisioni politiche che hanno un impatto sulla vita di 215 milioni di brasiliani non saranno prese in segreto, nell’oscurità della notte, ma dopo un ampio dialogo con la società.

Credo che i principali problemi del Brasile, del mondo, dell’essere umano, possano essere risolti con il dialogo e non con la forza bruta.

Nessuno dubiti del potere della parola quando si tratta di cercare la comprensione e il bene comune.

Amici e amiche.

Nei miei viaggi internazionali e nei contatti che ho avuto con i leader di diversi Paesi, ciò che sento di più è che il mondo sente la mancanza del Brasile.

Mi manca quel Brasile sovrano, che parlava alla pari con i Paesi più ricchi e potenti. E che allo stesso tempo ha contribuito allo sviluppo dei Paesi più poveri.

Brasile che ha sostenuto lo sviluppo dei Paesi africani attraverso la cooperazione, gli investimenti e il trasferimento di tecnologia.

Che ha lavorato per l’integrazione del Sud America, dell’America Latina e dei Caraibi, che ha rafforzato il Mercosur e ha contribuito a creare il G-20, l’Unasur, la Celac e i BRICS.

Oggi diciamo al mondo che il Brasile è tornato. Che il Brasile è troppo grande per essere relegato in questo triste ruolo di paria del mondo.

Recupereremo la credibilità, l’affidabilità e la stabilità del Paese, in modo che gli investitori, nazionali ed esteri, possano riacquistare fiducia nel Brasile. Affinché smettano di vedere il nostro Paese come una fonte di profitto immediato e predatorio, e diventino nostri partner nella ripresa della crescita economica con inclusione sociale e sostenibilità ambientale.

Vogliamo un commercio internazionale più equo. Riprendere i nostri partenariati con gli Stati Uniti e l’Unione Europea su nuove basi. Non siamo interessati ad accordi commerciali che condannino il nostro Paese all’eterno ruolo di esportatore di beni e materie prime.

Reindustrializziamo il Brasile, investiamo nell’economia verde e digitale, sosteniamo la creatività dei nostri imprenditori. Vogliamo anche esportare la conoscenza.

Torneremo a batterci per una nuova governance globale, con l’inclusione di un maggior numero di Paesi nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e la fine del diritto di veto, che mina l’equilibrio tra le nazioni.

Siamo pronti a impegnarci nuovamente nella lotta contro la fame e la disuguaglianza nel mondo e negli sforzi per promuovere la pace tra i popoli.

Il Brasile è pronto a riprendere il suo ruolo di leadership nella lotta contro la crisi climatica, proteggendo tutti i nostri biomi, in particolare la Foresta Amazzonica.

Con noi al governo siamo riusciti a ridurre dell’80% la deforestazione in Amazzonia, riducendo notevolmente le emissioni di gas che causano il riscaldamento globale.

Ora lottiamo per azzerare la deforestazione in Amazzonia.

Il Brasile e il pianeta hanno bisogno di un’Amazzonia viva. Un albero in piedi vale più di tonnellate di legno abbattute illegalmente da chi pensa solo al facile profitto, a scapito del deterioramento della vita sulla Terra.

Un fiume di acqua limpida vale molto di più di tutto l’oro estratto al costo del mercurio che uccide la fauna selvatica e mette in pericolo la vita umana.

Quando un bambino indigeno viene ucciso dall’avidità dei predatori ambientali, una parte dell’umanità muore con lui.

Pertanto, riprenderemo il monitoraggio e la sorveglianza dell’Amazzonia e combatteremo tutte le attività illegali, siano esse minerarie, di disboscamento o di abusivismo agricolo.

Allo stesso tempo, promuoveremo lo sviluppo sostenibile delle comunità che vivono nella regione amazzonica. Dimostriamo ancora una volta che è possibile generare ricchezza senza distruggere l’ambiente.

Siamo aperti alla cooperazione internazionale per preservare l’Amazzonia, sia sotto forma di investimenti che di ricerca scientifica. Ma sempre sotto la guida brasiliana, senza mai rinunciare alla nostra sovranità.

Siamo impegnati nei confronti delle popolazioni indigene, delle altre popolazioni forestali e della biodiversità. Vogliamo la pacificazione ambientale.

Non siamo interessati a una guerra per l’ambiente, ma siamo pronti a difenderlo da qualsiasi minaccia.

Amici e amiche.

Il nuovo Brasile che costruiremo a partire dal 1° gennaio non interessa solo il popolo brasiliano, ma tutti coloro che lavorano per la pace, la solidarietà e la fraternità, ovunque nel mondo.

Mercoledì scorso, Papa Francesco ha inviato un importante messaggio al Brasile, pregando affinché il popolo brasiliano sia libero da odio, intolleranza e violenza.

Voglio dire che noi vogliamo lo stesso e lavoreremo instancabilmente per un Brasile in cui l’amore prevalga sull’odio, la verità superi la menzogna e la speranza sia più grande della paura.

Ogni giorno della mia vita ricordo il più grande insegnamento di Gesù Cristo, che è l’amore per il prossimo. Pertanto, credo che la virtù più importante di un buon governante sarà sempre l’amore, per il suo Paese e per il suo popolo.

Per quanto ci riguarda, l’amore non mancherà in questo Paese. Ci prenderemo cura del Brasile e del popolo brasiliano. Vivremo in un tempo nuovo. Un tempo di pace, amore e speranza.

Un tempo in cui il popolo brasiliano avrà di nuovo il diritto di sognare. E le opportunità di realizzare i loro sogni.

A tal fine, invito tutti i brasiliani, indipendentemente dal candidato per cui hanno votato in queste elezioni. Più che mai, stiamo camminando insieme in Brasile, guardando più a ciò che ci unisce che alle nostre differenze.

Conosco la portata della missione che la storia ha in serbo per me e so che non sarò in grado di portarla a termine da solo. Avrò bisogno di tutti: partiti politici, lavoratori, imprenditori, parlamentari, governatori, sindaci, persone di tutte le religioni. Brasiliani che sognano un Brasile più sviluppato, più giusto e più fraterno.

Ripeto quello che ho detto durante tutta la campagna. Quella che non è mai stata una semplice promessa di un candidato, ma una professione di fede, un impegno di vita:

Il Brasile ha un percorso. Tutti insieme saremo in grado di sistemare questo Paese e di costruire un Brasile grande come i nostri sogni, con le opportunità per realizzarli.

Rinnovo ancora una volta la mia eterna gratitudine al popolo brasiliano. Un grande abbraccio e che Dio benedica il nostro viaggio».

(da Portalalba, traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)