Che Guevara 54 anni dopo. La sua figura vive nella lotta palestinese e in e qualsiasi paese del mondo

Mohammed aveva 13 anni quando il rivoluzionario marxista Ernesto Che Guevara fece la sua prima visita nella Striscia di Gaza che all’epoca era amministrata dall’Egitto.

di Ahmad Karakira – Al Mayadeen English
Traduzione: l’Antidiplomatico

 

Che Guevara 54 anni dopo. La sua figura vive nella lotta palestinese e nel mondo arabo

Non sapeva che sarebbe diventato un’icona della resistenza e soprannominato “il Guevara di Gaza” per il suo enorme ruolo nella resistenza contro l’occupazione israeliana a Gaza e la sua continua rivolta contro l’ingiustizia e il colonialismo, così come la sua capacità di nascondere e confondere il nemico.

Mohammed al-Aswad, o ” Guevara di Gaza” nacque nella città costiera di Haifa nel 1946. In seguito, il ragazzo e la sua famiglia cercarono rifugio dopo essere stati sfollati dalla loro città a causa della Nakba del 1948 e alla fine finirono in un campo profughi a Gaza.

Al-Aswad diventò un attivista della resistenza contro Israele fino ad essere incarcerato per due anni. Dopo il suo rilascio nel 1970, si è unì al Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina e gradualmente diventò comandante dell’ala militare del FPLP nella Striscia di Gaza.

Durante quel periodo, si concentrò sull’addestramento e l’istruzione delle forze di resistenza, nonché sull’organizzazione di manifestazioni e scioperi contro l’occupazione, applicando la dottrina del martire Bassel al-Araj: ” Se non vuoi essere impegnato (nella lotta contro l’oppressione), il tuo intelletto è inutile”.

La sua integrità fece dire a Moshe Dayan, ex ministro della sicurezza dell’occupazione israeliana: “Noi gestiamo Gaza di giorno, e Guevara e i suoi compagni la gestiscono di notte”.

Tre anni dopo, il “Guevara di Gaza” fu martirizzato durante un’eroica battaglia nella Striscia.

La visita di Ernesto Che Guevara a Gaza

Foto: Che Guevara a Gaza, 1959

La storia del martire Mohammed al-Aswad è una vivida prova del rapporto forte e significativo tra Che Guevara e la causa palestinese, di cui Gaza è diventata il simbolo.

Infatti, la visita di Che Guevara nella Striscia il 18 giugno 1959, su invito del defunto presidente e leader egiziano Gamal Abdel-Nasser, giunse a stabilire uno stato di solidarietà e armonia tra Cuba e la causa palestinese.

La sua visita a Gaza ha trasformato la causa da regionale a globale e ha rispecchiato la sua famosa frase: “La solidarietà è una condizione che deve essere sempre praticata“.

L’occupazione israeliana della Palestina e la sistematica pulizia etnica contro la sua popolazione hanno innescato l’istituzione delle forze della Resistenza Palestinese e l’emergere di combattenti per la libertà, legittimati da Abdel-Nasser, che era considerato un leader contro il colonialismo e l’imperialismo.

Per spezzare la determinazione della Resistenza, le forze di occupazione israeliane, guidate da Ariel Sharon, primo ministro dal 2001 al 2006, hanno attaccato continuamente la Striscia di Gaza e i suoi campi profughi, commettendo orribili massacri contro molti palestinesi, senza alcuna reazione da parte dei la comunità internazionale che ha semplicemente chiuso un occhio sulle atrocità israeliane.

Una visita storica

La visita del Che arrivò a sostegno della liberazione nazionale palestinese e dei movimenti rivoluzionari contro l’imperialismo e la colonizzazione.

Fu una visita eccezionale accolta con entusiasmo dai leader della resistenza e dai palestinesi.

Fu accompagnato al campo di al-Bureij, dove gli israeliani commisero alcuni dei massacri più orribili, e vide la povertà e le difficoltà in cui vivevano i palestinesi, consigliò ai leader di perseguire la via della resistenza, che percorrono attraverso la resilienza e la fermezza del loro popolo .

Durante la visita, si rivolse al capo del campo Mustafa Abu Midyan, dicendo: “Dovresti mostrarmi cosa hai fatto per liberare il tuo paese. Dove sono i campi di addestramento? Dove sono le fabbriche di armi? Dove sono i centri di mobilitazione popolare?” Con queste parole Guevara cercava di gettare le basi necessarie per ogni movimento di resistenza.

Allo stesso tempo, esortò i rifugiati palestinesi a continuare la loro lotta per liberare la loro terra dall’occupazione, offrendo di fornire armi e addestramento alla resistenza palestinese.

In un’intervista per Al Mayadeen , sua figlia, la dottoressa Aleida Guevara, ha citato suo padre: “Il Medio Oriente è considerato, con tutte le sue contraddizioni, una regione in ebollizione, e non è possibile prevedere fino a che punto il la guerra tra Israele – che è sostenuta dagli imperialisti – e i paesi progressisti della regione andrà”.

E l’impatto riecheggia ancora

La bandiera cubana sventola nella Palestina sotto attacco (leggi)

Dopo la storica visita, Cuba ha offerto borse di studio, concesso cittadinanze e organizzato numerose conferenze tutte a sostegno della Palestina e del popolo palestinese.

Inoltre, l’isola di Cuba è stato uno dei primi paesi a riconoscere l’Organizzazione per la liberazione della Palestina quando è stata fondata nel 1964.

Subito dopo la sua visita, il medico marxista divenne un’icona per la resistenza e i combattenti palestinesi e un simbolo della rivoluzione, soprattutto per i movimenti di sinistra.

Hasta Siempre

In questa occasione, nel 54° anniversario del suo martirio, è ovvio che la resistenza, l’integrità e la solidarietà del Che sono ciò di cui abbiamo bisogno per liberare le nazioni oppresse, come la Palestina, lo Yemen e qualsiasi paese del mondo da Imperialismo occidentale, colonialismo e occupazione militare. La sua memoria porta ancora alla luce devote figure di resistenza rivoluzionaria come “il Guevara di Gaza”, Mohammed al-Aswad.

Armato della sua audacia e del suo valore, sarebbe stato in prima linea a Gaza a combattere l’assedio israeliano. Avrebbe scavato, con uno strumento semplice come un cucchiaio, insieme agli altri sei, il tunnel della libertà che libera l’intera Palestina dagli operatori della prigione di Gilboa.


Altri articoli su www.cuba-si.ch/it:

Il Mondo arabo ricorda il 60° anniversario della visita di Che Guevara in Palestina. “Fu l’inizio del carattere internazionale della causa palestinese” (VIDEO + FOTO)

II. La politica estera della Rivoluzione cubana. Solidale e antimperialista

Gaza e l’Avana: l’amore per i bombardamenti della “dissidenza” cubana (+VIDEO)

Movimento dei non Allineati: Un processo penale per i leader israeliani per il genocidio di Gaza

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

ATTUALE

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)