Chi ha spodestato il presidente dei poveri del Perù?

Pedro Castillo. Foto: MORGANA VARGAS LLOSA

Negli ultimi due mesi, la crisi politica in Perù ha fatto regolarmente il giro dei media. Il 7 dicembre scorso, il presidente peruviano Pedro Castillo, eletto democraticamente, è stato rimosso dal potere dopo aver tentato di sospendere temporaneamente il Congresso poche ore prima della sua terza udienza di impeachment.

di Rodrigo Acuña (*)
Fonte:
Traduzione e aggiunte: GFJ

 Perú: Il Popolo scende in strada contro il governo assassino della Boluarte

Castillo, prima persona proveniente da un ambiente rurale impoverito a diventare presidente in Perù, aveva trovato ampio sostegno nelle regioni più povere del Paese. La sua estromissione ha scatenato manifestazioni di massa e blocchi in tutto il Paese, con i manifestanti che hanno chiesto le dimissioni del presidente Dina Boluarte, vicepresidente di Castillo che lo ha sostituito, nonché la convocazione di elezioni anticipate. A metà febbraio, sono state uccise 60 persone, la maggior parte delle quali erano manifestanti uccisi dalle forze statali. Ma le abbondanti risorse di rame del Paese, insieme agli interessi delle multinazionali minerarie, hanno lasciato molti dubbi sul coinvolgimento degli Stati Uniti.

Foto: Proteste contro Dina Boluarte per l'uccisione di manifestanti durante la rivolta iniziata nel dicembre 2022. (Magda Gibelli Sánchez)

Secondo The Economist, il Perù “rimane dilaniato dai disordini dopo l'”autogol” e il successivo arresto del suo presidente a dicembre. Tom Phillips, capo corrispondente estero del Guardian in America Latina, ha recentemente affermato sull’Observer che la città di Juliaca “è stata conquistata da squadre di ribelli antigovernativi in aperta rivolta contro la presidente Dina Boluarte” – eppure Phillips non ha fornito uno straccio di prova che i manifestanti possano essere ragionevolmente classificati come “ribelli”. Rapporti come quelli dell’Economist e dell’Observer non affrontano le domande fondamentali che dovrebbero essere sempre poste quando si parla di politica latinoamericana: ad esempio, quali erano le politiche dell’ex presidente Pedro Castillo e quali erano le vere motivazioni della sua destituzione? Quali sono le convinzioni politiche di Dina Boluarte, che ora è al potere? E qual è la posizione degli Stati Uniti riguardo al cambio di regime in Perù? Altre domande potrebbero riguardare il motivo per cui il Perù è stato sommerso da manifestazioni così diffuse in seguito all’impeachment e all’incarcerazione di Castillo, e quali sono le origini socioeconomiche dei manifestanti rispetto a quelle di coloro che hanno preso il potere. Le risposte a queste domande mettono inevitabilmente in luce macchinazioni politiche come quelle che si sono viste troppo spesso nella storia politica dell’America Latina.

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Perù, Lisa Kenna (a sinistra nella foto), è un veterano agente della CIA. Ha incontrato il ministro della difesa del paese appena un giorno prima che il presidente di sinistra democraticamente eletto, Pedro Castillo, venisse estromesso con un colpo di stato e incarcerato senza processo. Il ministro della difesa, Gustavo Bobbio Rosasun, generale di brigata in pensione dell’esercito peruviano, ha ordinato ai militari di rivoltarsi contro Castillo. Foto: ANDINA/Difusión

Il giorno prima della fallita manovra di Castillo per sciogliere il Congresso, l’ambasciatrice statunitense nel Paese Lisa Kenna ha incontrato il ministro della Difesa Gustavo Bobbio Rosas. I dettagli di ciò che è stato discusso in quell’incontro non sono ufficialmente noti; tuttavia, il giorno successivo, il 7 dicembre 2022, Kenna ha scritto sulla sua pagina Twitter: “Gli Stati Uniti rifiutano categoricamente qualsiasi atto extra-costituzionale da parte del Presidente Castillo per impedire al Congresso di adempiere al suo mandato“.

Costituzione della Repubblica del Perù

Articolo 134
Il Presidente della Repubblica ha la facoltà di sciogliere il Congresso se questo ha censurato o negato la fiducia a due Consigli dei ministri.
Il decreto di scioglimento contiene la convocazione delle elezioni per un nuovo Congresso. Queste elezioni si tengono entro quattro mesi dalla data di scioglimento, senza che il sistema elettorale preesistente venga modificato.
Il Congresso non può essere sciolto nell’ultimo anno del suo mandato. Una volta sciolto il Congresso, la Commissione permanente rimane in carica e non può essere sciolta.
Non sono previste altre forme di revoca del mandato parlamentare.
In stato di assedio, il Congresso non può essere sciolto.

La dichiarazione di Kenna si riferiva all’azione di Castillo all’inizio della giornata, prima del suo arresto. Con le mani chiaramente tremanti, il presidente nervoso aveva letto una dichiarazione davanti alle telecamere, cercando di usare l’articolo 134 della Costituzione per chiudere temporaneamente il Congresso per ostruzionismo al suo governo. Ma senza l’appoggio dei suoi ministri e dei militari, il processo di impeachment è andato avanti. Castillo è stato arrestato dalla polizia locale e dalla sua stessa squadra di sicurezza – secondo quanto riferito, mentre si recava all’ambasciata messicana a Lima per chiedere asilo politico – e rinchiuso nella stessa prigione che ospita l’ex presidente Alberto Fujimori.

Castillo, a differenza del suo concorrente politico, proviene da radici umili, figlio di contadini analfabeti. Prima di candidarsi alle presidenziali, dal 1995 fino quasi al momento del massiccio sciopero degli insegnanti del Perù nel 2017, in cui ha svolto un ruolo chiave come organizzatore sindacale, Castillo ha lavorato come insegnante di scuola rurale nella città di Puña, nel nord del Paese.

In quanto ex funzionario della Central Intelligence Agency (CIA), il commento dell’ambasciatrice Kenna sul sostegno al Congresso del Perù, controllato dalla destra, non sorprende. Castillo rappresenta tutto ciò che gli Stati Uniti e le élite locali di Lima hanno storicamente aborrito.

Castillo, a differenza del suo concorrente politico, proviene da radici umili, figlio di contadini analfabeti. Angela Ponce/Getty Images

Castillo aveva trionfato alle elezioni presidenziali del giugno 2021 con un piccolo margine di 44.000 voti sulla candidata di destra Keiko Fujimori (figlia dell’ex presidente incarcerato). Castillo, a differenza del suo concorrente politico, proveniva da radici umili, figlio di contadini analfabeti. Prima di candidarsi alle presidenziali, dal 1995 fino quasi al momento del massiccio sciopero degli insegnanti del Perù nel 2017, in cui ha svolto un ruolo chiave come organizzatore sindacale, Castillo ha lavorato come insegnante di scuola rurale nella città di Puña, nel nord del Paese. Riflettendo sulla sua vita dopo la vittoria elettorale, Castillo ha scritto:

È stato un grande traguardo per me finire la scuola superiore, cosa che ho fatto grazie all’aiuto dei miei genitori e dei miei fratelli e sorelle. Ho continuato a studiare, facendo il possibile per guadagnarmi da vivere. Ho lavorato nei campi di caffè. Sono venuto a Lima per vendere giornali. Ho venduto gelati. Ho pulito i bagni degli alberghi. Ho visto la dura realtà dei lavoratori in campagna e in città“.

Criticando la Costituzione del 1993, stabilita sotto il governo Fujimori, sostenuto dagli Stati Uniti, Castillo ha dichiarato: “Tratta l’assistenza sanitaria come un servizio, non come un diritto. Tratta l’istruzione come un servizio, non come un diritto. Ed è progettata a beneficio delle imprese, non delle persone“. Al termine della sua dichiarazione, il presidente eletto ha dichiarato: “Niente più poveri in un Paese ricco. Vi do la mia parola di insegnante“.

Héctor Bejar. Da guerrigliero a ministro degli esteri del Perù (leggi). Foto: Presidencia de Perú

Una volta in carica, con il suo ministro degli Esteri Héctor Béjar, Castillo ha ritirato il Perù dal Gruppo di Lima, un organismo multilaterale filo-statunitense istituito nel 2017 per promuovere il rovesciamento dell’amministrazione Maduro in Venezuela. Dopo essere stato in carica per soli 19 giorni, Béjar – un rispettato intellettuale di sinistra ed ex guerrigliero – è stato costretto a dimettersi dopo che la Marina si è offesa per i commenti da lui fatti sulla guerra civile che il Perù ha vissuto negli anni Ottanta.

La credibilità degli altri ministri nominati da Castillo fu quindi messa in discussione. Secondo Francisco Domínguez, docente senior presso la Middlesex University, “l’accanimento del Congresso [volto] a impedire al governo di Castillo di funzionare può essere verificato con i numeri: nei 495 giorni in cui è rimasto in carica, Castillo è stato costretto a nominare un totale di 78 ministri“.

Commentando questi sviluppi a Eureka Street, il commentatore politico e affiliato a Perù Libre  Didier Ortiz osserva che Castillo ha lanciato una riforma agraria (la seconda dal governo del leader militare progressista Juan Velasco Alvarado negli anni ’70); tuttavia, “qualsiasi avanzamento di questo progetto è stato messo in pausa indefinita a causa del golpe“. E aggiunge: “I poteri presidenziali di Castillo sono stati abrogati dal Congresso fascista ogni mese, da quando è entrato in carica“.

BHP, Rio Tinto e Glencore, le tre più grandi compagnie minerarie transnazionali del mondo, hanno vaste attività in Perù e, dati i lucrosi profitti che ne derivano, non sorprende che l’industria abbia sostenuto la rimozione di Castillo.

Secondo un altro osservatore, entro l’agosto del 2021 la Presidenza del Consiglio dei Ministri avrebbe avviato la riscossione di tutti i debiti per milioni di dollari nei confronti della Sovrintendenza nazionale delle dogane e dell’amministrazione fiscale (SUNAT). In base a questa decisione, due colossi minerari privati, “uno dei quali di proprietà statunitense al 53%, avrebbero dovuto pagare “debiti fiscali multimilionari [che] non erano mai stati riscossi dai governi precedenti“.

Nel novembre 2021, in un altro importante sviluppo, è avvenuta la consegna del Blocco 1 nel bacino di Talara alla compagnia energetica statale Petroperú. Dopo una pausa di 25 anni dovuta alla privatizzazione, Castillo ha affermato che si trattava di un “grande passo per riportare Petroperú alle attività produttive” che alla fine “produrrà per rifornire il mercato nazionale, a beneficio di milioni di famiglie peruviane“.

Non sorprende che nessuna di queste politiche sia stata sostenuta dal Congresso di ultradestra del Perù, che ha tentato due volte di avviare una procedura di impeachment contro Castillo prima di riuscirci definitivamente.

Biden administration reaffirms “US support” for murderous regime in Peru (leggi)

Il 18 gennaio, come ha osservato il giornalista Ben Norton, Kenna ha incontrato il ministro dell’Energia e delle Miniere del Perù, insieme al viceministro degli Idrocarburi e al viceministro delle Miniere. Secondo il Ministero dell’Energia e delle Miniere del Perù, l’incontro con Kenna ha riguardato le opportunità di “investimento” e i piani di “sviluppo” ed “espansione” delle industrie estrattive. È interessante notare che all’inizio dello stesso mese, Kenna ha dichiarato sul suo account Twitter che l’amministrazione Biden avrebbe dato al regime di Boluarte altri 8 milioni di dollari per sostenere la riduzione della coltivazione illegale di coca (fonte di cocaina).

Sotto la superficie dell’instabile politica peruviana si nascondono i suoi ricchi giacimenti di risorse naturali, in particolare rame, oro e altri metalli, oltre al gas naturale liquefatto, tutti strategicamente molto importanti e sempre più richiesti nell’attuale clima politico mondiale. Nel passaggio alle fonti di energia rinnovabile, ad esempio, il rame è essenziale per l’immagazzinamento e il trasporto di tale energia; infatti, con le sue proprietà uniche e versatili, il rame è probabilmente il metallo più importante per la civiltà moderna. BHP, Rio Tinto e Glencore, le tre più grandi compagnie minerarie transnazionali del mondo, hanno ampie attività in Perù e, dati i lucrosi profitti che ne derivano, non sorprende che l’industria abbia appoggiato la rimozione di Castillo, così come il governo Trudeau (Canada, ndt), dato che “le compagnie canadesi sono i maggiori investitori del Perù nell’esplorazione mineraria“, secondo la giornalista Camila Escalante.

ImmagineObservatorio.

Con la spinta di Castillo verso la proprietà peruviana delle risorse e “la rinegoziazione dei contratti minerari, l’aumento delle tasse sulle imprese e la potenziale nazionalizzazione delle miniere“, il colpo di Stato contro di lui ha certamente eliminato una minaccia agli interessi statunitensi e ai margini di profitto delle società minerarie transnazionali.

Dal punto di vista di Didier Ortiz, “la popolazione peruviana si è abituata a cambiare presidente ogni anno, quindi non posso immaginare che Boluarte rimanga in carica oltre il 2023“. Per ora, le proteste antigovernative in Perù e la loro violenta repressione da parte delle forze di sicurezza non sembrano avere fine, con un gran numero di persone che chiedono la liberazione di Castillo, nuove elezioni e la stesura di una nuova costituzione. Anche se il tempo ci dirà se alcune o tutte queste richieste saranno soddisfatte, dovrebbe essere chiaro che le forze di destra che hanno rimosso Castillo l’anno scorso hanno il sostegno di Washington.

 

__________________________

(*)Rodrigo Acuña lavora per il Dipartimento dell’istruzione e della formazione del NSW, è uno scrittore indipendente di politica latinoamericana e conduttore del podcast “Indestructible” di ALBORADA. Ha conseguito un dottorato di ricerca presso la Macquarie University. È possibile seguirlo su Twitter all’indirizzo @rodrigoac7.Rodrigo Acuña 


Vedi anche su www.cuba-si.ch/it:

Perù: Pedro Castillo vince, ma la destra già trama il golpe (+DOCUMENTARIO)

In Perù i manifestanti “muoiono”, nessuno li uccide, a Cuba invece vengono “brutalmente repressi”. Doppi standard e crimini di Stato invisibili alla stampa occidentale (+VIDEO)

Cuba: La destituzione del presidente Castillo in Perù sovverte la volontà popolare

Perù: destituito con un golpe il presidente Pedro Castillo

La nuova politica estera antimperialista del Perù sotto la presidenza di Pedro Castillo

Il colpo di Stato strisciante in Perù. Riuscirà il popolo a sconfiggerli?

Perù nel caos

 

 

Pubblicato in Attualità, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346