Cinque chiavi di lettura dell’incendio su larga scala a Cuba (+VIDEO)

Per via aerea e terrestre, forze specializzate provenienti da Cuba, Messico e Venezuela hanno versato migliaia di tonnellate d’acqua sul terminal delle superpetroliere di questa città, che sta bruciando da più di 72 ore a causa di un fulmine.

Fonte: CubaSi
Traduzione: italiacuba.it

Prensa Latina presenta cinque chiavi di lettura di quello che è già stato descritto come il più significativo disastro tecnologico di origine naturale nella storia del Paese.

1- Il luogo

La posizione geografica, le infrastrutture e le caratteristiche naturali della baia di Matanzas rendono il terminal superpetroliere un’area strategica per la logistica del carburante a Cuba.

Il sito si trova nella zona industriale della città occidentale cubana, vicino alla centrale termoelettrica Antonio Guiteras, la più grande del Paese, e ad altri siti tecnologici, tra cui generatori e altre aree per lo stoccaggio di combustibili e gas industriali.

Il terminale è fondamentale per la distribuzione di carburante di produzione nazionale – di cui Matanzas è un importante produttore – e di carburante importato alle centrali elettriche, alla rete di stazioni di servizio del Paese e ad altre destinazioni.

2- Le cause

Intorno alle 19:00 ora locale di venerdì 5 agosto, un fulmine ha colpito la cisterna numero 52 della base superpetroliera di Matanzas, provocando un grave incendio. Il verificarsi di questo fenomeno durante i soliti temporali non è una coincidenza in questo periodo dell’anno.

Cuba è uno dei Paesi più colpiti dai temporali, secondo le statistiche dell’Istituto di Geofisica e Astronomia tra il 1973-2013.

Si tratta della principale causa di morte nel Paese dovuta a fenomeni naturali e i mesi più inclini al verificarsi di temporali sono quelli da luglio a settembre, quando è maggiore il verificarsi di processi convettivi prodotti dal grande riscaldamento dell’aria a contatto con la superficie terrestre.

3- La strategia

Durante i primi momenti del disastro, le forze dei vigili del fuoco cubani e le unità di soccorso si sono concentrate sullo spegnimento delle fiamme del primo incidente al serbatoio; tuttavia, un’esplosione e la propagazione delle fiamme nel sito avrebbero portato a un cambiamento.

L’esplosione di un secondo serbatoio di carburante, avvenuta sabato, e la diffusione del greggio in fiamme nelle aree circostanti il terminal delle superpetroliere costringeranno al ritiro delle forze specializzate e all’uso di mezzi aerei per evitare che le fiamme si propaghino ad altri serbatoi vicini.

Questa pratica ha rallentato il riscaldamento in un terzo serbatoio, che unito allo spegnimento delle fiamme nel primo serbatoio danneggiato indicava il controllo dell’incidente; tuttavia, nelle prime ore del lunedì mattina, l’esplosione di un terzo serbatoio ha riacceso l’incendio.

Da quel momento in poi, la strategia si è concentrata sull’abbassamento delle temperature, sull’apertura di percorsi per l’ingresso di attrezzature che consentissero di spruzzare schiuma sulle fiamme e di fermare la diffusione del combustibile in fiamme che stava divorando la vegetazione del sito.

L’uso di mezzi aerei e l’installazione di pompe di maggiore capacità non sono stati sufficienti e lunedì pomeriggio si è verificata una nuova esplosione e le fiamme hanno interessato un quarto serbatoio che era vuoto. Nonostante l’incendio, non ci sono stati danni strutturali.

I vigili del fuoco hanno spiegato che le alte temperature, il comportamento del vento, l’intensità del fumo e le continue esplosioni hanno impedito una risposta più rapida all’incendio e li hanno costretti a cambiare continuamente strategia.

4- Impatto

L’inquinamento atmosferico dovuto ai fumi generati dalla combustione di petrolio greggio ricco di zolfo per più di 72 ore è il principale rischio per la salute e l’ambiente.

Gli esperti cubani stanno valutando la qualità dell’aria e le precipitazioni a Matanzas e nel nord ovest di Cuba, compresa L’Avana, una città con più di due milioni di abitanti. Finora non è stato segnalato alcun aumento dell’incidenza di malattie respiratorie in questi luoghi.

Il Ministero della Salute pubblica ha riferito lunedì 103 dimissioni mediche e 22 persone ricoverate in ospedale, di cui cinque in condizioni critiche, due in condizioni gravi e 15 in cura. Quattordici vittime sono ancora disperse e una è morta.

Dal punto di vista economico, oltre alla perdita di carburante, spiccano la sospensione delle operazioni nel porto di Matanzas e l’arresto della centrale termoelettrica di Antonio Guiteras, la più grande di Cuba, che ora sta registrando gravi deficit nella produzione di energia.

5- Solidarietà

A poche ore dall’incidente, il governo cubano ha lanciato un appello per ottenere aiuti internazionali. A partire da lunedì, l’isola aveva ricevuto 22 donazioni, principalmente di materiale medico, attrezzature per affrontare l’incendio e generi alimentari. La maggior parte di essi era destinata alle persone che erano state vittime dell’incendio o che lo stavano affrontando.

L’aeroporto internazionale Juan Gualberto Gómez di Varadero ha ricevuto 14 voli, per lo più dal Messico e dal Venezuela, che ha anche inviato brigate specializzate in questo tipo di disastri.

Diversi Paesi, istituzioni, agenzie delle Nazioni Unite e movimenti di solidarietà hanno inviato messaggi di sostegno e di disponibilità a collaborare per rispondere alle esigenze della nazione caraibica.

Con l’invio di attrezzature e risorse umane, donazioni di sangue e sostegno emotivo, altre parti del Paese hanno dimostrato la loro solidarietà con l’area colpita. Il Presidente Miguel Díaz-Canel ha detto che Cuba è Matanzas.

VIDEO

 

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)