Con la Cina in prima linea e senza gli Stati Uniti: in Asia nasce il più grande blocco commerciale del mondo

L’associazione coprirà il 30% dell’economia mondiale e il 30% della popolazione mondiale, raggiungendo circa 2,2 miliardi di consumatori.

Fonte: 
Traduzione e aggiunte: GFJ

L’Asia si accorda e volta le spalle agli Usa

Quindici economie dell’Asia-Pacifico hanno firmato domenica il più grande accordo di libero scambio del mondo, un blocco con la Cina al timone che lascia fuori gli Stati Uniti. Dopo otto anni di negoziati, l’accordo è stato virtualmente firmato in un summit dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico (ASEAN) ospitato dal Vietnam.

Anche il luogo della firma mostra il sorriso beffardo dell’ironia della Storia: Hanoi, Vietnam del Nord, la più grande e significativa sconfitta statunitense del ‘900.

L’Associazione Economica Integrale Regionale (Regional Comprehensive Economic Partnership RCEP in inglese) riunirà tutti i 10 membri dell’ASEAN, oltre a Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda. L’India si è ritirata dai colloqui nel novembre dello scorso anno, anche se i firmatari hanno lasciato la porta aperta nel caso in cui decidesse di aderire.

La leadership statunitense sarà ridimensionata?

L’accordo tra paesi asiatici e oceanici potrebbe mettere in svantaggio alcune società statunitensi e altre multinazionali che si trovano al di fuori di questa zona di libero scambio, soprattutto dopo l’uscita del paese nordamericano dall’accordo di cooperazione economica transpacifica (TPP), decretato nel 2017 dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Il RCEP sarà ratificato “presto” dai paesi firmatari ed entrerà in vigore “contribuendo alla ripresa economica” dopo la pandemia del COVID-19, ha sottolineato il primo ministro vietnamita Nguyen Xuan Phuc.

L’associazione rappresenterà il 30% dell’economia mondiale e il 30% della popolazione mondiale, raggiungendo circa 2,2 miliardi di consumatori.

La produzione industriale della Cina batte le previsioni, il Giappone nel terzo trimestre fa un balzo record del Pil dopo il crollo più grande dell’economia mai registrato dal dopoguerra a oggi, Pechino firma un accordo commerciale di libero scambio con altri 14 paesi dell’area Asia Pacifico, le speranze sull’arrivo del vaccino si stanno materializzando, le borse asiatiche corrono.

Tra i suoi obiettivi vi sono la riduzione delle tariffe commerciali, il rafforzamento delle filiere basate su regole comuni in materia di informazione sull’origine dei prodotti, nonché la sistematizzazione delle regole che regolano il commercio elettronico.

Sebbene la più grande economia del mondo sia esclusa da due gruppi commerciali che comprendono la regione in più rapida crescita, e nonostante sia stata nell’amministrazione che ha lanciato l’accordo di cooperazione economica transpacifica, è improbabile che il presidente eletto Joe Biden lo farà rientrare nel TPP a breve termine, stimano gli analisti consultati dall’agenzia Reuters , i quali spiegano che il governo degli Stati Uniti dovrà dare la priorità alla gestione dell’epidemia di covid-19 nel Paese.

“Non sono sicuro che ci sia molta attenzione sul commercio in generale, compresi gli sforzi per ricongiungersi” al gruppo successore del TPP “, per il primo anno o giù di lì, perché ci sarà molta attenzione per alleviare il covid” ha spiegato di recente Charles Freeman, vicepresidente senior per l’Asia della Camera di commercio statunitense.

La posizione della Cina

Invece, tra le domande sull’impegno di Washington nei confronti dell’Asia, la RCEP potrebbe “cementare la posizione della Cina” più saldamente come partner economico per il sud-est asiatico, il Giappone e la Corea, rendendola la seconda economia più grande del mondo. “In una posizione migliore per plasmare le regole commerciali della regione”, valuta la Reuters .

La produzione cinese è cresciuta più velocemente del previsto in ottobre (+6.9% anno su anno), i consumi sono in forte ripresa, segnano un +4.3% anno su anno, gli investimenti immobiliari sono a +12.7% rispetto a un anno fa, il ritmo di crescita più elevato dal luglio del 2018, la ripresa economica secondo l’Ufficio nazionale di statistica di Pechino è destinata a accelerare ancora nell’ultimo trimestre.

Il nuovo gruppo, che comprende molti alleati statunitensi, rappresenta un colpo di fortuna inaspettato per la Cina, grazie in gran parte al ritiro di Trump dal TPP, secondo l’economista della banca ING Iris Pang, il quale precisa che l’associazione potrebbe anche aiutare Pechino a ridurre la sua dipendenza dai mercati esteri e dalla tecnologia.

Inoltre, l’accordo rappresenta una pietra miliare nel senso che le potenze rivali dell’Asia orientale – Cina, Giappone e Corea del Sud – partecipano allo stesso accordo di libero scambio. “Per la prima volta, Cina e Giappone hanno raggiunto un accordo bilaterale per ridurre le tariffe, ottenendo un progresso storico “, ha sottolineato il ministero delle Finanze cinese, sottolineando che le promesse del nuovo blocco includono l’eliminazione di alcune tariffe all’interno del gruppo, alcune immediatamente e altri per 10 anni, senza offrire ulteriori dettagli.

Pubblicato in Attualità, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)