Cuba: il nostro giornalismo è onesto, libero e sovrano come la terra che difendiamo

Molte cose ci potrebbero essere criticate, ma il nostro esercizio di difesa della verità, del culto della libertà e della piena dignità dell’uomo dichiarato nella nostra Costituzione, essenze che definiscono l’esercizio del nostro giornalismo, libero e sovrano come la terra che difendiamo, non potrà mai essere messo in discussione

 

prensa cubana

 

I mezzi fondamentali di comunicazione sociale, nel nostro Paese, sono di proprietà di tutte le persone o di organizzazioni politiche, sociali e di massa. Foto: NotiAmerica
Reporter Senza Frontiere (RSF) è a un passo dal Guinness dei primati per il numero di dati falsi che si registrano in questa competizione tra “specialisti” dei media.Da una lista di 180 paesi, Cuba si è classificata al 171° posto con rispetto all’esercizio della libertà di stampa, secondo l’ultimo rapporto di RSF, che la pone all’ultimo posto in America Latina e nei Caraibi, come ha riportato martedì scorso Notimex .Il World Press Freedom Index dell’organizzazione ha classificato i tre Paesi assurdamente descritti dal governo degli Stati Uniti come “la triade del male”: Cuba, Venezuela e Nicaragua, come i Paesi con “la peggiore performance e la più alta censura della regione latinoamericana”.

È degno di nota il fatto che nel 2019 sono stati uccisi 49 giornalisti in tutto il mondo, 14 dei quali in America Latina, ma nessuno a Cuba. In Messico, secondo il rapporto annuale del RSF, dieci giornalisti sono stati uccisi nell’esercizio della loro professione e 17 sono scomparsi. La Commissione Nazionale per i Diritti Umani del Messico afferma che 155 comunicatori sono stati uccisi in Messico dal 2000 e che l’89% dei crimini contro i giornalisti rimangono impuniti. L’UNESCO ha riportato più di 1.300 giornalisti assassinati in tutto il mondo negli ultimi cinque anni (nessuno a Cuba), confermando che la professione è ad alto rischio.

L’ultimo giornalista assassinato nel nostro Paese è stato Carlos Bastidas Argüello, un giovane reporter ecuadoriano di 23 anni, ucciso all’Avana il 13 maggio 1958 da un assassino della dittatura di Fulgencio Batista.

La Commissione Interamericana per i Diritti Umani (CIDH) ha chiesto alla Colombia, venerdì 20 marzo 2020, di proteggere quattro reporter che stanno indagando sul presunto acquisto di voti a favore del  presidente Ivan Duque e che hanno ricevuto minacce di morte.
“Chiediamo allo Stato colombiano di valutare queste minacce di morte contro quattro giornalisti investigativi e di stabilire adeguate misure di protezione”, ha scritto Edison Lanza, relatore speciale della CIDHR sulla libertà di espressione, sul suo account Twitter.

Nel 2019, altri due giornalisti sono stati puniti con la vita per il loro lavoro in Colombia. Inoltre, secondo un rapporto della Fondazione per la libertà di stampa (flip), ci sono state 137 minacce, quattro esiliati, tre rapimenti e 303 attacchi alla libertà di stampa. Non possono tuttavia menzionare Cuba con un solo nome di un giornalista che sia stato ucciso, imprigionato o torturato.

Di quale libertà di stampa stiamo parlando?

SIP reporta 30 periodistas asesinados en América en lo que va del 2018

La cosiddetta “libertà di stampa”, basata sul libero mercato e sulla proprietà privata dei media, è una delle più grandi truffe del capitalismo.

“Che la stampa capitalista discordante parlasse di libertà ci suona allo stesso modo come se una prostituta in pensione si ergesse ad  esempio di onore e pudore  o un ladro svolgesse il suo lavoro cantando un inno alla decenza. [1]

Le sale stampa, i moderni media digitali, gli editoriali, sono a disposizione solo dei difensori dell’establishment, mentre rimangono chiusi a chi mette in discussione il capitalismo. Il dominio dei mass media è uno dei principali modi in cui il capitalismo esercita il suo controllo di classe.

Tra gli esempi emblematici di come funziona questa stampa libera nella nostra regione evochiamo il coinvolgimento dei media nel colpo di stato contro Salvador Allende, guidato da El Mercurio e dalla sua rete di giornali, che rappresenta tutt’oggi la maggioranza della stampa scritta in Cile; la TV di Canale 13, appartenente alla Chiesa cattolica cilena, e il 66% del gruppo Luksic.

Nella seconda settimana di proteste in Cile contro il governo neoliberale di Piñera, quando più di un milione di manifestanti hanno riempito la Plaza Italia, la televisione, Canal 13, tvn, Mega e Chilevisión, hanno criminalizzato la protesta, ricorrendo alla censura, dando priorità alle fonti governative e travisando le informazioni mostrando solo la violenza nelle strade, ma non le violazioni dei diritti umani commesse dalle forze speciali dei carabineros e militari. A due importanti inserzionisti cileni, Agrosuper e Juan Sutil, è stata tolta la loro sponsorizzazione a nientemeno che alla CNN Chile per aver cercato di dire una parte della verità.

Il governo di fatto della Bolivia, guidato da Jeanine Áñez, continua la sua offensiva contro la libertà di espressione e di stampa. 53 radio comunitarie sono state costrette a sospendere le loro emissioni. Il 9 novembre, quando la Csutcb è stata rilevata, i capi del colpo di stato boliviano hanno preso il controllo della Radio Comunitaria e hanno legato il direttore di questa istituzione ad un albero. Hanno preso la Bolivia TV e la Red Patria Nueva (ora Radio Illimani).
Questi eventi si aggiungono all’interruzione delle trasmissioni televisive di TeleSur e Actualidad rt.

L’Associazione Interamericana della Stampa (sip), che riunisce i maggiori quotidiani statunitensi e latinoamericani, alleati con l’intera rete mediatica delle multinazionali al servizio degli Stati Uniti e dei governi capitalisti neoliberali della regione, non dice una sola parola su questi eventi. Né è stato visto o si è sentito parlare dei giornalisti che sono stati imprigionati, torturati e scomparsi in Bolivia dopo il colpo di stato.

Il fotoreporter argentino Facundo Molares Schonfeld, che si è occupato delle elezioni in Bolivia e del colpo di stato contro Evo Morales, nella città di Montero-Santa Cruz, in qualità di delegato della rivista Centenario, è stato arrestato e imprigionato nel carcere di massima sicurezza “Chonchocoro” della città di La Paz, senza alcuna prova e nonostante il suo stato di salute precario.

E cosa dire del crimine contro il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, che si trova ad affrontare una situazione di confine che potrebbe portarlo alla morte, proprio perché mostra l’impero della vigilanza esercitato dai padroni del mondo?

Terrorismo mediatico contro Cuba

La campagna scatenata dall’apparato propagandistico statunitense contro il nostro Paese, dal 1° gennaio 1959, ha raggiunto un’intensità mai vista prima nella storia. Per contrastarla, la Rivoluzione organizzò una strategia nel 1959, guidata da Fidel, che divenne nota come Operazione Verità.

Quell’operazione non è finita, né finirà presto, la macchina della falsificazione continua la sua opera contro il popolo cubano.

Ogni Piano d’azione segreto elaborato dai governi al potere negli Stati Uniti contro l’Isola ribelle, per 60 anni  è  stato sostenuto da un’attività mediatica fortemente finanziata.

La Sezione d’Interesse statunitense, che ha operato all’Avana fino al ripristino delle relazioni diplomatiche, era una “accademia” per la formazione dei cosiddetti giornalisti indipendenti  al servizio del capitale finanziario della Casa Bianca.

Nel Lincoln Center e nell’Eleanor Center – spazi illegali creati all’interno della Marina degli Stati Uniti – sono stati addestrati decine di presunti giornalisti allo scopo di  servire gli interessi del governo degli Stati Uniti.

Sappiamo cosa significavano i progetti falliti di Zunzuneo, Piramideo e Commotion. I tentativi di creare reti wireless illegali per connettersi a Internet, l’introduzione di apparecchiature satellitari, telefoni cellulari, Bgan, e altri hardware e software per costruire una connettività lontana dal controllo dello Stato e delle compagnie di telecomunicazioni cubane, tutto questo mascherato da un presunto aiuto, da atti di “filantropia” che nascondono i veri fini: far arrivare contenuti falsi e dominare il cyberspazio per porre fine alla Rivoluzione.

Contro l’Isola opera La Internet Task Force per Cuba, nota anche come Internet Task Force for Subversion in Cuba, un programma creato dal governo degli Stati Uniti per sovvertire l’ordine interno, seguendo le linee guida stabilite dal presidente Donald Trump nel suo memorandum presidenziale del 16 giugno 2017. Ciò è conformato dall’Ufficio di Cuba Broadcasting (OCB),  dall’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) e dalla Freedom House.

Borse di studio e viaggi allettanti per giovani giornalisti, strategie avanzate per la gestione dei social network, accompagnati da laute ricompense in denaro ai cyber mercenari, nonché continue provocazioni e molestie contro coloro che difendono la Rivoluzione, hanno fatto parte della strategia finanziata da Washington e da Paesi terzi.

Risultati immagini per constitucion de cubaLa nostra Costituzione garantisce nel suo Articolo 54, Titolo V, Diritti, Doveri e Garanzie, Artículo 54, la libertà di pensiero, coscienza ed espressione; e nel suo Articolo 55 si riconosce la libertà di stampa per le persone.

I mezzi fondamentali della comunicazione sociale, in qualsiasi sua manifestazione e sostegno, nel nostro Paese sono di proprietà socialista di tutto il popolo o di organizzazioni politiche, sociali e di massa; non appartengono ad una corporazione transnazionale, non dipendono da inserzionisti milionari che condizionano il libero esercizio della verità e delle idee, non rispondono all’interesse di una minoranza, ma della grande maggioranza del popolo cubano.

C’è molto da fare, è vero, perché noi sosteniamo la qualità e aspiriamo all’eccellenza della nostra stampa. Molte cose ci potrebbero essere criticate, ma il nostro esercizio di difesa della verità, il culto della libertà e della piena dignità dell’uomo dichiarato nella nostra Costituzione, essenze che definiscono l’esercizio del nostro giornalismo, libero e sovrano come la terra che difendiamo, non potrà mai essere messo in discussione.

 

[1] Rafael San Martín, Biografia dello zio Sam, Scienze sociali, L’Avana, 2006, T II, p. 205.

 
 

 

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)