Díaz-Canel: il viaggio presidenziale ha dimostrato che Cuba non è sola

Dopo aver esercitato il suo diritto di voto nelle elezioni municipali che si sono svolte questa domenica, il presidente ha manifestato la sua sensibilità ai problemi, il suo riconoscimento al popolo e la sua volontà di sostenere Cuba, dimostrando che l’isola non è sola.

di
Fonte: Granma
Traduzione: GFJ

Foto: José Manuel Correa

Sono soddisfatto e felice del modo in cui si è svolta la visita appena conclusa, per l’accoglienza, le conversazioni personali con i presidenti e gli incontri, che sono stati anche incontri di relazioni amichevoli“, ha dichiarato Miguel Díaz-Canel Bermúdez, Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e Presidente della Repubblica, nel fare un bilancio dei risultati del tour presidenziale appena concluso.

Dopo aver esercitato il suo diritto di voto nelle elezioni municipali che si sono svolte questa domenica, il Presidente ha sottolineato la sensibilità ai problemi, il riconoscimento del popolo e la volontà di sostenere Cuba, che ha dimostrato che l’isola non è sola.

Il diritto che Cuba si è guadagnata davanti agli altri di difendersi nel mondo con la dignità con cui anche noi affrontiamo le avversità ha a che fare con il concetto di resistenza creativa, che non è altro che andare avanti con il proprio talento e potenziale, come abbiamo fatto nella pandemia“, ha sottolineato il Capo di Stato.

Díaz Canel ha commentato che si è trattato di una visita necessaria e opportuna, perché le restrizioni imposte dal COVID-19 per tre anni hanno impedito i contatti diretti con i leader di Paesi con cui abbiamo buone relazioni politiche ed economico-sociali; in particolare si tratta di nazioni da cui il nostro piano di sviluppo dipende fortemente, perché i loro progetti di collaborazione hanno un impatto diretto sulla nostra economia.

Inizialmente, ha detto il presidente, non volevamo assentarci dal Paese perché ci sono molti compiti complessi da affrontare in questi tempi. “Ma dobbiamo tenere presente, quando ci assumiamo delle responsabilità, che la realizzazione della politica estera è una priorità per il Paese, il Partito e il Governo“.

Sui risultati, il Presidente ha sottolineato che l’alta sensibilità ai problemi affrontati da Cuba con l’inasprimento del blocco, la coincidenza con la pandemia e le complessità che sono implicite nella strategia imperiale contro il nostro Paese, così come il riconoscimento dell’eroica resistenza del popolo cubano, erano sempre presenti in ogni momento del viaggio.

Díaz-Canel ha sottolineato l’ammirazione verso una piccola isola, priva di risorse, la quale ha saputo rispondere in modo più efficiente della maggior parte dei Paesi del mondo al COVID-19 e, quindi, al contributo dei nostri scienziati, dei vaccini e del sistema sanitario, un criterio che si riflette negli scambi commerciali con proposte di cooperazione più stretta con l’industria biofarmaceutica.

La volontà è stata anche quella di continuare a progredire negli scambi, di migliorare le relazioni politiche – già eccellenti – con i quattro Paesi visitati e di incoraggiare la cooperazione economica, commerciale e finanziaria.

Per quanto riguarda i risultati e gli accordi derivati dalle visite, Díaz-Canel ha detto che, in modo differenziato con ogni nazione, sono state trovate azioni concrete per ristrutturare il debito o modi per saldarlo attraverso agevolazioni di pagamento, affinché il Paese possa avanti senza interrompere o rallentare progetti già in corso o in procinto di essere iniziati.

Ha confermato che “Cuba ha la volontà, la disposizione e il dovere di onorare i debiti che ha con gli altri Paesi e, su questa base, si sta portando avanti un gruppo di progetti e se ne stanno ampliando, rinnovando e facendo nascere altri che devono essere sviluppati nel Paese“.

La questione energetica, ha detto, è stata affrontata in due direzioni fondamentali: l’approvvigionamento stabile di combustibile e, dall’altro lato, un gruppo di progetti che ci permettano di raggiungere una situazione per migliorare gli impianti esistenti a Cuba, ma anche per sviluppare altre tecnologie innovative, soprattutto le fonti rinnovabili.

Ci sono diverse aziende e progetti governativi interessati, nonché la volontà di farlo, ha detto il Presidente, e ha indicato alcuni già concreti, come la donazione da parte dell’Algeria di un impianto fotovoltaico.

Per quanto riguarda la produzione alimentare, ha detto, esistono diversi progetti di sviluppo – basati sulle tecnologie di questi Paesi – per la produzione alimentare congiunta a Cuba, in modo da garantire un migliore approvvigionamento della popolazione.

In generale, ha sottolineato, esiste un altro gruppo di progetti nel turismo, nelle biotecnologie e nella sanità pubblica, in cui ci sono aziende straniere che hanno già il mercato e riconoscono i nostri scienziati.

Vi sono anche altri settori nell’industria manifatturiera, nel commercio interno, sulla base delle misure recentemente approvate per gli investimenti esteri nel settore del commercio all’ingrosso e al dettaglio, nei trasporti e negli scambi nell’istruzione superiore, nella cultura e nello sport.

Díaz Canel ha evidenziato il ripristino dei meccanismi di monitoraggio dell’agenda economica bilaterale, in alcuni casi da parte della Commissione intergovernativa e in altri da parte dei Consigli ministeriali, che vengono ratificati e hanno date per le sessioni future.

Una questione prioritaria comune di cui si è discusso, ha spiegato il presidente, è la creazione di una solida infrastruttura bancaria finanziaria, che consenta scambi diretti con questi Paesi, al fine di evitare le sanzioni e le misure restrittive del governo statunitense, come parte del blocco. “Credo che con questa architettura bancaria-finanziaria potremo sostenere meglio la realizzazione di questi progetti“, ha concluso.

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Eventi

¡CUBA necesita nuestro apoyo solidario! CUBA braucht unsere solidarische Unterstützung!

01.01.2023 - 31.12.2023

Feria del Libro

09.02.2023 - 19.02.2023
in Parque Histórico Militar San Carlos de la Cabaña, Habana

Cada 17 - chaque 17 - jeden 17. contra US-Blockade...

17.02.2023 - 31.12.2023

Make the US blockade of Cuba unenforceable - Macht die US-Blockade Kubas undurchsetzbar

17.02.2023 - 17.12.2023

Viaggio a Cuba: dal 27 aprile al 15 maggio 2023

25.04.2023 - 15.05.2023
in Viaggio a Cuba, L'Avana e Province

Coronavirus en Cuba

01.12.2023 - 31.12.2023
in Cuba, Cuba

L’IDEOLOGIA DELLA RIVOLUZIONE CUBANA

31.12.2023
in República de Cuba, Cuba

Riflessioni sul pensiero di Fidel Castro (+VIDEO)

31.12.2023
in Cuba e il Mondo, Cuba

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

ATTUALE

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)