Dieci frasi di Fidel sul blocco

Granma condivide estratti di dieci discorsi di Fidel, in cui il leader della Rivoluzione Cubana ha fatto riferimento al blocco

Autore: Digital Editor | internet@granma.cu
Fonte: Granma
Traduzione: GFJ

Il comandante in capo, Fidel Castro Ruz, ha fatto riferimento più volte al blocco commerciale, economico e finanziario imposto dagli Stati Uniti a Cuba per quasi sei decenni. Granma condivide alcuni di questi momenti in cui Fidel ha riaffermato la fermezza del popolo cubano di fronte a questa politica di genocidio.


Fidel, mai sconfitto, ci chiama con il suo esempio. Foto: YOUSUF KARSH/CAMERA PRESS

1. “È vero che siamo ancora sotto il blocco imperialista; è vero che gli imperialisti stanno cercando di stringere quel blocco, e che non sappiamo per quanto tempo dovremo resistere a questa situazione. E lo faremo! Perché la nostra bandiera rivoluzionaria non sarà mai piegata! Perché l’alta fronte di questa nazione non sarà mai abbassata! Perché affronteremo i rischi che sono necessari finché saranno necessari; affronteremo i sacrifici che sono necessari, finché saranno necessari. Perché ci assumiamo la piena responsabilità della nostra condotta, della nostra storia, della nostra Rivoluzione. (Discorso pronunciato il 28 settembre 1963, in occasione del terzo anniversario dei Comitati di difesa della Rivoluzione)

2. “Colpire duramente gli Yankees attraverso lo sviluppo della nostra agricoltura è sconfiggere l’arma principale, o una delle armi principali, che hanno usato contro la nostra Rivoluzione, che è l’arma del blocco economico, cioè l’arma della fame. (Chiusura del Terzo Congresso Nazionale dell’ANAP, presso l’Istituto di Tecnologia “Rubén Martínez Villena”, 18 maggio 1967).

3. “Il loro blocco economico e le loro aggressioni contro di noi sono screditati, sono insostenibili nel mondo. Non hanno alcun argomento morale di difesa di questa politica contro di noi… Il blocco rimane. L’aspetto immorale di questa politica statunitense è che cerca di usare il blocco come arma per negoziare con noi”. (Conclusioni della seconda sessione ordinaria dell’ANPP del 24 dicembre 1977)

4. “Come può parlare di diritti umani il governo imperialista che mantiene con la forza una base militare nel nostro territorio e sottopone il nostro popolo a un criminale blocco economico? Siamo pronti a resistere con dignità e abnegazione per tutti gli anni necessari fino alla revoca del blocco imperialista. Se altri cercano compromessi, se altri si lasciano corrompere, se altri tradiscono, Cuba saprà mantenersi come esempio di una rivoluzione che non cede, che non si vende, che non si arrende, che non si inginocchia” (Discorso pronunciato il 26 luglio 1978)

5. “Il blocco è qualcosa di più che vietare la vendita di beni americani, impedendoci di comprare o vendere negli Stati Uniti, è una feroce pressione e una feroce persecuzione per impedirci di fare affari di qualsiasi tipo, e tutto quell’immenso potere si concentra oggi contro il nostro paese. (Discorso tenuto all’incontro con i Pastori per la Pace, 27 novembre 1992)

6. “Il blocco non è solo il divieto di ottenere qualsiasi credito, qualsiasi agevolazione finanziaria. Il blocco non è solo la totale chiusura delle attività economiche, commerciali e finanziarie da parte degli Stati Uniti, la nazione più ricca del mondo, la più potente nazione del mondo in termini economici e militari, non solo a 90 miglia dalle nostre coste, bensì a pochi centimetri dalle nostre coste, nel territorio occupato dalla base navale di Guantanamo… Per noi, la questione della fine del blocco in cambio di concessioni politiche, concessioni che compromettono la sovranità del nostro Paese, è inaccettabile. È assolutamente inaccettabile, è oltraggioso, è irritante e, in realtà, preferiamo morire piuttosto che rinunciare alla nostra sovranità” (Discorso di chiusura dell’Incontro mondiale di solidarietà con Cuba, 25 novembre 1994)

7. “I governi degli Stati Uniti ci hanno dato la possibilità di lottare fino in fondo bloccandoci, tormentandoci costantemente ed escludendoci da tutto; siamo felici anche di essere esclusi in cambio della libertà, di poter parlare senza compromessi su qualsiasi piattaforma al mondo dove ci sono tante giuste cause da difendere. (Discorso tenuto nell’Aula Magna dell’Università Centrale del Venezuela)

8. “Anche nel periodo speciale, sotto il blocco, l’ostilità e le minacce dell’impero più potente che sia mai esistito, il nostro popolo progetta e costruisce la società più giusta e umana che sia mai stata conosciuta. Ne siamo pienamente consapevoli”. (Discorso all’evento centrale per il 40° anniversario dell’Unione dei Giovani Comunisti, 4 aprile 2002)

9. “La prima cosa che noi leader della Rivoluzione Cubana abbiamo imparato da Martí è stata quella di credere e agire in nome di un’organizzazione fondata per portare a termine una rivoluzione…. Nessun altro paese piccolo e bloccato come il nostro  – “basato sull’ambizione, la vanità, l’inganno o l’abuso di autorità” – avrebbe potuto resistere così a lungo a un potere come quello del suo vicino. Affermare questo è un insulto all’intelligenza del nostro eroico popolo”. (Testo: La cinica politica dell’impero pubblicato il 25 maggio 2008)

10. “L’ONU non può esistere senza la presenza dei popoli che hanno chiesto la fine del blocco. Questa istituzione, nata quando la stragrande maggioranza di noi non era nemmeno indipendente, a cosa serve senza di noi? Che diritto abbiamo, se non possiamo nemmeno chiedere la fine del blocco imposto a un piccolo paese? In un modo o nell’altro ci hanno subordinati agli interessi degli Stati Uniti e della NATO, un’organizzazione militare guerrafondaia che ogni anno spende più di un miliardo di dollari in guerre e armi, il che sarebbe più che sufficiente per portare l’essenziale a tutti i popoli del mondo. (Testo: L’Insurrezione all’ONU (SECONDA E ULTIMA PARTE) pubblicata il 1° novembre 2010)

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Cultura, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)