Dopo aver ridotto al massimo la povertà estrema con Dilma Rousseff, il Brasile golpista e fascista batte il record di miserabili

Programma Bolsonaro/Guedes: Più Brasile – Meno Popolo

Un sondaggio mostra che il 12,8% dei brasiliani oggi vive in miseria e che il numero più basso di miserabili è stato raggiunto alla fine del governo dell’ex presidente Dilma Rousseff – l’escalation è iniziata dopo il colpo di stato

Traduzione: GFJ
Jair Bolsonaro com Paulo Guedes, aplicativo do auxílio emergêncial e fachada da Caixa EconômicaNella foto: Jair Bolsonaro con Paulo Guedes, ministro dell’Economia; richiesta di aiuto di emergenza; facciata Caixa Econômica (Foto: Reuters | Agência Senado)

247 – Dopo il successo degli sforzi dell’ex presidente Dilma Rousseff per ridurre la povertà estrema in Brasile, facendo sì che il Brasile raggiungesse il più basso numero di miserabili della sua storia, questo tasso è salito alle stelle a partire dalla preparazione del colpo di stato del 2016 e anche con il disastro economico dei governi Temer e Bolsonaro. Oggi, il 12,8% dei brasiliani sono miserabili, un numero sensibilmente più alto rispetto a dieci anni fa. Con Dilma, l’indice era sceso al 9,2% alla fine del 2014. Da allora è iniziato il sabotaggio golpista che è culminato in Jair Bolsonaro.

Senza DILMA, senza PT, 4 anni di disastro sociale, economico e istituzionale

“Con la fine degli aiuti di emergenza a dicembre, il 2021 è iniziato con un salto nel tasso di povertà estrema in Brasile. Il paese ha più persone in povertà oggi che prima della pandemia e rispetto all’inizio dello scorso decennio, nel 2011. Questo gennaio, il 12,8% dei brasiliani ha iniziato a vivere con meno di 246 reais al mese (8,20 R$ al giorno, circa 1,5 USD), una linea di povertà estrema calcolata da FGV Social sulla base dei dati dei sondaggi nazionali a campione sulle famiglie (Pnads). In totale, secondo la proiezione di FGV Social, quasi 27 milioni di persone sono in questa condizione all’inizio di quest’anno – più della popolazione dell’Australia”, sottolinea un rapporto di Folha de S. Paulo.

La ragione principale è la fine degli aiuti di emergenza, che sono erano stati approvati solo dopo le pressioni dei partiti di opposizione al Congresso. “Questo è un aumento significativo rispetto alla seconda metà del 2020, quando il pagamento di aiuti di emergenza a circa 55 milioni di brasiliani in agosto aveva ridotto la povertà estrema al 4,5% (9,4 milioni di persone) – il livello più basso della serie storica. Il tasso all’inizio di questo decennio (2021) è superiore a quello dell’inizio del precedente (12,4%) e a quello del 2019 (11%)”, sottolinea il testo.

 

Pubblicato in Attualità, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346