Essenze di donna nel teatro cubano

Queste poche righe non vanno oltre la pretesa di delineare a grandi linee il modo in cui è stata ridefinita la presenza delle donne nel teatro, insieme all’interesse delle donne cubane a inserirsi in altri compiti sociali e a raggiungere livelli di istruzione più elevati.

Norah Hamze Guilart
Fonte:
Traduzione: GFJ

La storia racconta che le donne occupavano un posto di rilievo tra le tribù Taino dei Caraibi. Avevano il diritto di riunirsi separatamente e, quando arrivarono gli spagnoli, parlamentarono con gli uomini da pari a pari. Esse svolgevano anche un ruolo importante nelle cerimonie religiose. Si dice anche che le donne taino assunsero posizioni di leader, il che stabilisce la più antica preminenza culturale delle donne nella storia delle nostre arti.[1]

Affrontare le essenze delle donne cubane contemporanee richiede un rapporto obbligato con i nostri predecessori, perché è paradossale il posto occupato dalle donne aborigene e quello delle nostre donne, secoli dopo, sottoposte a discriminazioni che non hanno permesso loro di svolgere attività in cui potessero svilupparsi culturalmente o fornire servizi utili alla società. Tuttavia, questa stessa donna portava con sé uno spirito che l’ha spinta a rompere gli schemi convenzionali per essere un’efficace ausiliaria dei patrioti nella giungla, a dimostrazione del loro coraggio nelle lotte insurrezionali nel corso della nostra storia fino ad affermarsi oggi. Queste essenze che le definiscono si manifestano in qualche modo nel teatro cubano del XXI secolo, in conformità con le trasformazioni sociali.

"I palcoscenici cubani si sono nutriti di protagonismo femminile e le drammaturghe incentrano le loro proposte e approcci inedite sui conflitti esistenziali". Foto: Tratte da Pixabay

Quando parlo di donne cubane e teatro, non accentro questa manifestazione su personaggi e attrici – che sono state a lungo il fulcro dell’attività teatrale femminile – ma la estendo a tutto il diapason che le coinvolge. È indiscutibile che le donne cubane si siano mosse in modo diverso a partire dagli anni Sessanta, grazie alle opportunità offerte dalla società e, successivamente, per la convinzione acquisita dei propri diritti, per le azioni puntuali volte al loro sviluppo, per le opzioni professionali, nonché per le dinamiche di scambio globale e di promozione delle lotte per la loro emancipazione e per la conquista di uno spazio dignitoso accanto agli uomini.

Tutto ciò è rispecchiato nel teatro, tra gli altri aspetti, dall’approccio a temi che riguardano gli acuti conflitti sociali, la posizione subalterna delle donne, la comprensione del loro ruolo nella famiglia cubana e la contraddizione di essere condizionati dai pregiudizi e dal machismo imperante. Non possiamo separare gli anni Sessanta dagli eventi sociali, politici e culturali, né dal loro impatto sulla vita nazionale con contraddizioni a livello dell’individuo e della società nel suo complesso, come risultato di nuove prospettive sulla vita quotidiana e sulla creazione artistica, come substrato di base per il processo di rinnovamento sociale. Questa impronta ha fornito l’impulso necessario, avviato in passato dai movimenti femministi come corrente di mobilitazione delle idee di emancipazione femminile, dagli atti compiuti da eroine di spicco delle nostre campagne di indipendenza e dalle azioni promosse dalla Federazione delle Donne Cubane fin dalla sua creazione, con l’obiettivo di collocare le donne in uno spazio di uguaglianza e intraprendere la lotta per i loro diritti.

In questo sforzo, vale la pena sottolineare il nuovo sguardo tempestivo sulla condizione femminile da parte di gruppi di ricerca di istituzioni, come la Casa de las Américas, la Facoltà di Lettere dell’Università dell’Avana e, successivamente, la creazione dei Centri Nazionali di Educazione Sessuale e Studi Femminili, con ricerche e compiti finalizzati al riconoscimento plurale delle identità e al confronto con la violenza fisica e psicologica contro le donne.

1959: anno di fondazione di un'epopea culturale. Foto (archivio): Fidel Castro parla con Alicia Alonso e altri membri del Balletto Nazionale di Cuba, dopo la presentazione del balletto Giselle, avvenuta nel Teatro della Centrale dei Lavoratori di Cuba, dove è stato offerto un omaggio nazionale alla grande ballerina.

Per quanto riguarda il teatro, storicamente le attrici hanno brillato per eccellenza e creatività. Tuttavia, nonostante i cambiamenti proposti, pochissime inizialmente si sono impegnate in altri compiti legati alla regia teatrale, alla drammaturgia, alla progettazione e a specializzazioni come la produzione, la gestione amministrativa su larga scala, gli aspetti tecnologici e i lavori allora considerati più appannaggio degli uomini. A livello di coscienza sociale prevalevano ancora i convenzionalismi che, con il passare del tempo e altre imprese, hanno trasformato il panorama dell’emancipazione femminile, della consapevolezza e delle richieste individuali e collettive, in accordo con i processi socio-culturali ed educativi e con lo scambio più aperto tra i Paesi. Ciò ha avuto un’influenza favorevole su temi, personaggi, risorse stilistiche, evoluzione del pensiero, messa al bando dei legami, liberazione e pluralità professionale nel teatro dagli ultimi decenni del XX secolo a Cuba fino ai giorni nostri.

“Il personaggio femminile interagisce con i processi sociali”

I nomi di grandi attrici, registe, drammaturghe, ricercatrici, designer, insegnanti e specialiste del teatro cubano, così come di opere memorabili con personaggi paradigmatici della nostra storiografia teatrale e di donne che hanno assunto con successo ruoli di gestione amministrativa, produttrici, truccatrici e tecniche in generale, ingrosserebbero un elenco che meriterebbe una menzione dettagliata dei loro interventi. Queste poche righe non vanno oltre la pretesa di delineare a grandi linee il modo in cui è stata ridefinita la presenza delle donne nel teatro, insieme all’interesse delle donne cubane a inserirsi in altri compiti sociali e a raggiungere livelli di istruzione più elevati. Le donne si inseriscono nella vita culturale con originalità e con una posizione critica e trasformatrice, con idee e aspirazioni in accordo con ciò che il nostro sistema sociale propone, nella stessa maniera in cui il personaggio femminile interagisce con i processi sociali.

La pluralità di collettivi promossa negli anni Novanta ha alimentato la pratica teatrale delle donne, che hanno assunto molte sfide per mettere alla prova il proprio potenziale. La formazione accademica nelle scuole d’arte è stata un fattore determinante nella pratica teatrale contemporanea. Il palcoscenico cubano è stato arricchito dal protagonismo femminile e le donne drammaturghe incentrano le loro proposte su approcci inediti ai conflitti esistenziali. Nuovi volti si affacciano sulla scena pubblica con talento e capacità di esplorare altri percorsi creativi basati sugli strumenti acquisiti, sulla conoscenza del proprio ambiente e delle proprie radici, protetti dall’essenza di quelle eroine della vita e del teatro che le hanno precedute e sulla cui forza si fondano le donne della scena teatrale contemporanea.

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Eventi

CUBA braucht unsere solidarische Unterstützung!

27.09.2022 - 31.12.2022

Inspiration Che

08.10.2022
in Breitschträff, Bern

Welche Medien für den Frieden? Quels médias pour la paix ?

15.10.2022 - 16.10.2022
in Genossenschaft Kreuz, Solothurn

Cada 17 - jeden 17. des Monats gegen die kriminelle US-Blockade...

17.10.2022 - 31.12.2022

Le Soleil de CUBA

17.10.2022 - 31.12.2022

Make the US blockade of Cuba unenforceable - Macht die US-Blockade Kubas undurchsetzbar

17.10.2022 - 31.12.2022

VIAGGIO a CUBA! - Viaje a CUBA!

17.11.2022 - 05.12.2022

Coronavirus en Cuba

30.11.2022 - 31.12.2022
in Cuba, Cuba

25 y Más Uniendo Pueblos - AMISTUR CUBA

30.12.2022 - 31.12.2022

CALENDARIO 2022 - Latinoamerica y el Caribe

31.12.2022

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)