EVO MORALES COSTRETTO ALLA RINUNCIA. SI IMPONE IL GOLPE, SI IMPONE LA BARBARIE IN BOLIVIA

Il presidente boliviano Evo Morales è stato costretto a dimettersi dopo che alti ufficiali dell’esercito e capi di polizia lo hanno  costretto a farlo dopo settimane di disordini fomentati dalla destra fascista contro la sua vittoria netta alle elezioni del 20 ottobre.

ALBA LATINA
11.11.2019

Risultati immagini per evo morales

Bisogna ricordare che Evo Morales ha infatti ottenuto ben 600mila voti in più rispetto al suo rivale più vicino Carlos Mesa. In discussione era solo un eventuale ballottaggio. Mettere in discussione la legittimità delle elezioni faceva parte del copione preparato dalla destra fascista e golpista incapace di scalzare dal potere Evo Morales sul terreno democratico.

“Ho deciso di dimettermi dalla mia posizione in modo che Carlos Mesa e Luis Camacho smettano di abusare e danneggiare migliaia di fratelli… Ho l’obbligo di cercare la pace e fa molto male il confronto tra i boliviani, per questo motivo, quindi invierò la mia lettera di dimissioni all’Assemblea Plurinazionale della Bolivia”, ha dichiarato l’ex presidente della Bolivia in un comunicato stampa.

Parimenti il vicepresidente boliviano Alvaro Garcia Linera ha dichiarato di dimettersi dalla sua posizione. I due leader hanno dichiarato che avrebbero consegnato le loro lettere di dimissioni all’Assemblea Nazionale.

Risultati immagini per evo morales

Dal momento che sia il presidente che il vicepresidente si sono dimessi, la presidente del Senato, Adriana Salvatierra del partito MAS avrebbe dovuto assumere l’incarico, ma in seguito ha rassegnato anch’ella le dimissioni.

A questo punto, per completare il golpe, Jeanine Áñez, la seconda vicepresidente del Senato, di opposizione, ha annunciato che assumerà la presidenza della Bolivia.

Morales e Garcia Linera si trovano a Chimore nel dipartimento centrale di Cochabamba per lavorare con il popolo.

Intanto in Bolivia sono in corso violenti assalti contro militanti e leader del Movimento al Socialismo (MAS), intimidazioni nei confronti di giornalisti, incendi di residenze, come quella del governatore di Oruro, e tradimento di alleati politici e membri della polizia nazionale.

"Ritorneremo e saremo milioni come disse Tupac Amaru II", ha dichiarato Morales.

Pubblicato in Attualità

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Eventi

2019. CONGRESOS Y EVENTOS EN CUBA

01.01.2019 - 31.12.2019
in República de Cuba, Cuba

PETITION UNBLOCK CUBA!

16.10.2019 - 14.12.2019

Cada 17 del mes - jeden 17. des Monats - chaque 17 du mois

17.11.2019 - 17.12.2020

Sfilata 1° Maggio 2016. La Habana

Archivi

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)