Fidel è Cuba, Cuba è Fidel

 

Nonostante le grandi sfide e minacce che la Rivoluzione deve affrontare oggi, il nostro paese è ancora in piedi, facendo passi solidi verso il perfezionamento del nostro modello di sviluppo socialista. C’è Raúl, c’è Díaz-Canel, il nostro Partito Comunista di Cuba, i nostri lavoratori, le nostre donne, la nostra gioventù, i nostri pionieri, le nostre organizzazioni politiche e di massa, la nostra società civile ampia, attiva e diversificata, c’è l’eroico popolo di Cuba, resistendo, combattendo, creando e superando. Mentre quella continuità creativa e rinnovatrice è presente, Fidel sarà lì per sempre.

di Elier Ramírez Cañedo – Cubadebate
Traduzione de l’AntiDiplomatico
25.11.2019

Fidel è Cuba, Cuba è Fidel

Il destino voleva, come per avvisarci che si trattava di un nuovo viaggio verso altri orizzonti di lotta e di epopea rivoluzionaria, dare un grande simbolismo alla data della morte del Comandante, avvenuta il 25 novembre 2016, esattamente 60 anni dopo che il leader della rivoluzione cubana, sfidando l’impossibile, si lancerà in mare da Tuxpan sullo yacht Granma con i suoi compagni, determinati a liberare o dare la vita la propria patria.

Da quando ha iniziato le sue lotte all’Università dell’Avana fino al suo ultimo respiro, Fidel si è caratterizzato per dire quel che pensava e per fare ciò che diceva. L’8 gennaio 1959, il Comandante aveva sottolineato nel suo discorso storico pronunciato presso l’accampamento della Columbia:

“So anche che non vedremo mai più una folla simile nelle nostre vite, tranne in un’altra occasione – quando sono sicuro che la folla tornerà a riunirsi di nuovo – ed è il giorno in cui moriremo, perché noi, quando dovranno portarci nella tomba, quel giorno, tante persone si riuniranno come oggi, perché non deluderemo mai il nostro popolo!”.

E Fidel non ha mai deluso il suo popolo, e quelle folle si sono riunite di nuovo – moltiplicate per milioni – in tutta Cuba per salutare e onorare il loro leader. Prima di morire, Fidel espresse la sua ultima volontà, non voleva strade o monumenti che portavano il suo nome, una lezione di vita ed espressione della qualità più straordinaria che un rivoluzionario può portare: la semplicità, dove risiede la vera grandezza.

Mesi prima, il 19 aprile, il Comandante aveva fatto il suo ultimo intervento pubblico al 7° Congresso del Partito, parole che ancora oggi ci scuotono mentre le leggiamo o le ascoltiamo. Era una specie di addio, per nulla triste, ma pieno di spirito di vittoria:

“Presto compirò 90 anni, non avrei mai pensato a una simile idea e non è mai stato il risultato di uno sforzo; È stato un capriccio del destino. Presto sarò come tutti gli altri. Per tutti noi arriva il suo turno, ma le idee dei comunisti cubani rimarranno la prova che su questo pianeta, se si lavora con fervore e dignità, i prodotti materiali e culturali di cui gli esseri umani hanno bisogno possono essere prodotti e dobbiamo combattere incessantemente per ottenerli. Dobbiamo trasmettere ai nostri fratelli in America Latina e nel mondo che il popolo cubano vincerà.

Forse sono le ultime volte che parlo in questa stanza. Ho votato a favore di tutti i candidati presentati al Congresso e apprezzo l’invito e l’onore di ascoltarmi. Mi congratulo con tutti voi e, innanzitutto, con il collega Raúl Castro per il suo magnifico sforzo.

Continueremo a marciare e perfezioneremo ciò che dovremmo migliorare, con lealtà e forza unita, come Martí, Maceo e Gómez, in una marcia inarrestabile”.

Questo fu Fidel fino agli ultimi minuti della sua vita, un instancabile combattente nel pensiero e nell’azione, disposto a dare la sua intera esistenza alla causa degli umili di questo mondo, all’emancipazione umana da tutte le possibili dominazioni e discriminazioni. Martiano fino al midollo, ha assimilitato il marxismo e il leninismo da quella profonda radice cubana e li ha arricchiti con una pratica politica originale e antidogmatica.

Era uno statista politico di livello mondiale, ma anche dotato di una sensibilità umana traboccante. “La rivoluzione deve essere trattata e trattare gli altri come esseri umani, ci ha detto nel suo concetto di rivoluzione”, e lui stesso ha praticato quel principio per tutta la vita con i cittadini, i suoi collaboratori e qualsiasi persona che gli si è avvicinata. Ha sempre valutato l’unicità di ogni essere umano, con i suoi difetti e le sue virtù, ma valorizzando sempre quest’ultimo in funzione della Rivoluzione.

Sapeva essere etico anche con l’avversario sin dalle sue lotte nella Sierra Maestra. Perchè Fidel non concepiva la politica senza etica. Dieci amministrazioni statunitensi hanno provato di tutto per sconfiggerlo, persino eliminarlo fisicamente e tutto è finito nel fallimento più clamoroso.

Sognavano la soluzione biologica e ciò che ottennero fu un Fidel moltiplicato in milioni, un Fidel fatto popolo. Si è sempre fidato dei giovani come garanzia della continuità della Rivoluzione e gli ha assegnato grandi compiti.Il suo pensiero antimperialista, anticolonialista, antirazzista, internazionalista e ambientalista sarà per sempre la bandiera delle lotte presenti e future dei movimenti e delle forze progressiste e di sinistra nel mondo. Non solo la storia lo ha assolto, ha aperto le porte in modo che al suo passaggio potesse lasciare una costellazione di idee, fatti e realizzazioni concrete che già costituiscono riferimenti ineludibili e permanenti per i rivoluzionari di tutto il mondo.

Fidel restituì orgoglio e dignità ai cubani, guidando non solo una rivoluzione che garantiva una più equa distribuzione della ricchezza, capace in pochi anni di produrre una profonda rivoluzione culturale che raggiunse il livello del senso comune dei cittadini. Mise Cuba sulla mappa del mondo e allo stesso tempo con la sua guida contribuì a modificare la geografia di altre importanti regioni del mondo a favore dell’indipendenza e delle idee progressiste. Indubbiamente, uno dei più grandi lasciti di Fidel, è di essere riuscito a tessere con pazienza e saggezza l’unità delle forze rivoluzionarie, prima e dopo il trionfo, da cui nacque il nostro glorioso Partito Comunista di Cuba.

Fidel si ribellò e praticò l’eresia contro l’imperialismo statunitense, ma anche contro l’impossibile, i dogmi, le verità stabilite e il disfattismo. Irradiava fiducia e ottimismo nella vittoria. Più difficili erano le circostanze, più feroce era la sua volontà di combattere. Sapeva come trasformare il contrario in vittoria e l’impossibile in infinita possibilità. Il senso dell’onore, il patriottismo e l’adesione ai principi erano per lui una questione di vita o di morte. Ha concepito il socialismo come la scienza dell’esempio personale. Sapeva come affrontare ogni situazione con flessibilità tattica, ma senza perdere la road map verso la destinazione strategica. Ha gestito tutti i problemi e le situazioni tenendo conto anche dei minimi dettagli. Era, senza dubbio, un maestro nell’arte di fare politica.

El Comandante, el Jefe, El Caballo, Caguairán, così noi ci riferiamo a a chi non ha concepito la sconfitta mentre c’era la possibilità di combattere, che ci ha insegnato a resistere, ma soprattutto ci ha insegnato a vincere.

Tutto questo e molto altro ci ha lasciato Fidel, da qui possiamo spiegare perché oggi è quasi impossibile parlare di Cuba senza parlare di Fidel, quanto sia impossibile trovare una sfera della vita interna e la proiezione internazionale della Mayor de las Antillas, dove non c’è traccia di Fidel. Fidel è Cuba, Cuba è Fidel, e lo sentiamo soprattutto quando viaggiamo in altri paesi e vediamo cosa rappresenta l’esempio di questa isola ribelle e chi fu il suo timoniere per più di cinquant’anni. Come il più fedele dei cubani, il generale dell’esercito, Raúl Castro, ha espresso dal 1959:

“Fidel è dovunque si lavora, Fidel è spiritualmente ovunque la Rivoluzione avanza. Fidel è ovunque un intrigo venga distrutto, ovunque un cubano stia lavorando onestamente, ovunque un cubano, sia quel che sia, stia facendo del bene, ovunque un cubano, qualunque esso sia, difenda la Rivoluzione, lì Fidel sarà lì”.

Nonostante le grandi sfide e minacce che la Rivoluzione deve affrontare oggi, il nostro paese è ancora in piedi, facendo passi solidi verso il perfezionamento del nostro modello di sviluppo socialista. C’è Raúl, c’è Díaz-Canel, il nostro Partito Comunista di Cuba, i nostri lavoratori, le nostre donne, la nostra gioventù, i nostri pionieri, le nostre organizzazioni politiche e di massa, la nostra società civile ampia, attiva e diversificata, c’è l’eroico popolo di Cuba, resistendo, combattendo, creando e superando. Mentre quella continuità creativa e rinnovatrice è presente, Fidel sarà lì per sempre.

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Eventi

2019. CONGRESOS Y EVENTOS EN CUBA

01.01.2019 - 31.12.2019
in República de Cuba, Cuba

PETITION UNBLOCK CUBA!

16.10.2019 - 14.12.2019

Cada 17 del mes - jeden 17. des Monats - chaque 17 du mois

17.11.2019 - 17.12.2020

Sfilata 1° Maggio 2016. La Habana

Archivi

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)