Fidel: “Trotzkismo, strumento volgare dell’imperialismo”. Screditare il Che per screditare il movimento rivoluzionario

Trotskismo, dietro la maschera del socialismo

Estratto del discorso del Comandante in capo Fidel Castro alla chiusura della Prima Conferenza di Solidarietà dei Popoli dell’Africa, dell’Asia e dell’America: pronunciato il 15 gennaio 1966 al Teatro Chaplin, L’Avana, Cuba.

Fonte: Creandopueblo
Traduzione e aggiunte: GFJ

"Saranno gli anni a venire a parlare per noi, e saranno gli anni a venire ad avere la responsabilità di schiacciare i calunniatori; non questi (i trotzkisti), che sono noti agenti degli imperialisti, ma i confusi, gli intriganti, coloro che si lasciano intrigare e servono come strumenti di menzogna contro la nostra Rivoluzione."

Gli imperialisti yankee non solo hanno usato il blocco economico contro di noi, non solo hanno usato l’aggressione armata, non solo ci hanno minacciato mortalmente in alcune circostanze, non solo hanno perpetrato contro questo Paese ogni tipo di sabotaggio, fuga di spie, attacchi pirata, ma l’imperialismo yankee ha anche fatto ricorso ad armi più sottili contro il nostro Paese, come la propaganda e la calunnia. Inoltre, l‘imperialismo statunitense e i suoi agenti hanno cercato di distruggere il prestigio della Rivoluzione cubana anche al di fuori delle lotte rivoluzionarie di questo continente, cercando di screditare la Rivoluzione nei modi più vili e calunniosi. E hanno usato tutti i mezzi, hanno manipolato tutti i fatti, hanno usato tutte le armi.

Naturalmente, agli imperialisti interesserebbe una discussione concreta di questi problemi. A nessun irresponsabile, a nessun fantoccio, a nessun ciarlatano, importa di affermare qualsiasi irresponsabilità, qualsiasi calunnia. È risaputo che il nemico sarebbe interessato a sapere come questa parola chiamata solidarietà viene messa in pratica, non solo con i popoli rivoluzionari di questo continente, ma di tutto il mondo.

[...] Ho vissuto giorni magnifici e al tuo fianco ho sentito l’orgoglio di appartenere al nostro popolo nei giorni luminosi e tristi della crisi dei Caraibi. Poche volte uno statista ha brillato di una luce più alta che in quei giorni; mi inorgoglisce anche il pensiero di averti seguito senza esitazioni, identificandomi con la tua maniera di pensare e di vedere e di valutare i pericoli e i princìpi [...]. Dall’ultima lettera del Che a Fidel

Ma cosa è successo? C’è un fatto che prenderò come esempio per mostrare come funzionano l’imperialismo e i suoi agenti, ed è un fatto straordinariamente interessante. Mi riferisco alla campagna condotta dall’imperialismo statunitense e dai suoi agenti in relazione alla partenza del nostro compagno Ernesto Guevara.

Credo che questa sia una questione che deve essere “presa per le corna” per chiarire alcune cose.
Il compagno Ernesto Guevara – alcuni rivoluzionari in questo paese e alcuni rivoluzionari fuori da questo paese sanno quando è partito – cosa ha fatto in questo periodo e, naturalmente, gli imperialisti sarebbero molto interessati a sapere, con tutti i dettagli, dove si trova, cosa ha fatto, come lo sta facendo e, naturalmente, sembra che non lo sappiano e se lo sanno, lo dissimulano molto bene.

Ma naturalmente si tratta di cose che il tempo, quando le circostanze lo permetteranno, consentirà di chiarire. Ma noi rivoluzionari non abbiamo bisogno di questi chiarimenti; è il nemico che si serve di queste circostanze per cercare di intrigare, confondere e calunniare.
Il compagno Guevara si è unito a noi quando eravamo in esilio in Messico, e fin dal primo giorno ha sempre espresso chiaramente l’idea che, una volta terminata la lotta a Cuba, avrebbe avuto altri doveri da assolvere altrove, e noi gli abbiamo sempre dato la nostra parola che nessun interesse di Stato, nessun interesse nazionale, nessuna circostanza ci avrebbe imposto di chiedergli di rimanere nel nostro Paese, per ostacolare la realizzazione di quel desiderio o di quella vocazione. E abbiamo mantenuto pienamente e fedelmente la promessa fatta al compagno Guevara.

Ovviamente, se il compagno Guevara doveva lasciare il Paese, era logico che lo facesse clandestinamente, era logico che si muovesse clandestinamente, è logico che non avrebbe dovuto convocare i giornalisti, è logico che non avrebbe dovuto tenere conferenze stampa, è logico che, dati i compiti che si era prefissato, avrebbe dovuto farlo nel modo in cui lo ha fatto. Eppure, quanto gli imperialisti hanno cercato di approfittare di queste circostanze e cosa hanno fatto!

Per questo ho portato dei documenti. Non vi spaventate pensando che leggerò tutti i testi che ho qui, mi limiterò a solo quello che tutti i giornali imperialisti e borghesi hanno scritto sul caso del Comandante Guevara, quello che hanno scritto i giornali degli Stati Uniti, le loro riviste, le loro agenzie di stampa, i giornali borghesi dell’America Latina e del mondo intero. E vediamo chi sono stati i principali portavoce della campagna imperialista di intrighi e calunnie contro Cuba in relazione al caso del compagno Guevara. Innanzitutto, alcuni elementi che sono stati costantemente utilizzati negli ultimi decenni contro il movimento rivoluzionario. E se mi concedete un po’ di tempo, cercherò un’informazione molto interessante tra le tante.

Se un tempo il trotzkismo rappresentava una posizione errata, ma pur sempre una posizione nel campo delle idee politiche, negli anni successivi il trotzkismo è diventato un volgare strumento dell'imperialismo e della reazione.

Ah! L’ho trovata. Si tratta di un cablogramma dell’UPI, datato 6 dicembre 1965, che dice: “Ernesto Guevara è stato assassinato dal primo ministro cubano Fidel Castro per ordine dell’URSS“, ha dichiarato Felipe Albuaguante, capo dei trotzkisti messicani, a El Universal. Afferma inoltre che il Che fu liquidato per aver insistito nel “mettere Cuba sulla linea cinese“. Questo, naturalmente, era in sintonia con una campagna che gli elementi trotzkisti iniziarono a scatenare contemporaneamente ovunque.

Così, il 22 ottobre, sul settimanale Marcha, viene pubblicato un articolo in cui un noto teorico del trotzkismo, Adolfo Guil, afferma che il Che ha lasciato Cuba a causa di divergenze con Fidel sul conflitto sino-sovietico e che il Che non è riuscito a imporre la sua visione alla leadership. Dice che il Che, in modo confuso, propugnava l’estensione della rivoluzione al resto dell’America Latina, in opposizione alla linea sovietica. Guil afferma che la leadership cubana era divisa tra un’ala conservatrice, che comprendeva i vecchi leader del PSP, i sostenitori del Che e Fidel e la sua squadra in una posizione conciliante e centrista. Dice che il Che ha lasciato Cuba perché non aveva i mezzi per esprimersi e che Fidel aveva paura di affrontare le masse per spiegare il caso del Che. Lo stesso teorico del trotzkismo, il 31 ottobre 1965, in qualità di giornalista del quotidiano italiano Nuovo Mondo, scrisse un articolo in cui descriveva la dirigenza cubana come filosovietica e accusava Fidel di non aver spiegato politicamente al popolo quanto era accaduto al Che. Afferma che il Comandante Guevara è stato sconfitto dal PSP e dalla squadra castrista; critica il Che per non aver intrapreso la lotta per imporre le sue tesi alle masse e conclude che lo Stato cubano, paralizzato dalla sua stessa politica, non ha sostenuto apertamente la rivoluzione dominicana. Ne parlerò più diffusamente in seguito.

Nel numero di ottobre 1965, il giornale trotzkista spagnolo Batalla dichiara che il mistero sul caso Che Guevara deve essere chiarito. Si legge che gli amici del Che presumono che la lettera letta da Castro sia un falso e ci si chiede se la leadership cubana sia orientata alla sottomissione alla burocrazia del Cremlino.

Nello stesso periodo, l’organo ufficiale trotzkista argentino pubblica un articolo in cui sostiene che il Che è morto o imprigionato a Cuba. Si legge che “entrò in conflitto con Fidel Castro per il funzionamento dei sindacati e l’organizzazione delle milizie“. Aggiunge che “il Che si opponeva all’integrazione del CC con i favoriti di Castro, in particolare gli ufficiali dell’esercito, seguaci della destra di Mosca.”

Ma uno degli scritti più sporchi, ripugnanti e indecenti è quello scritto dal leader dell’Ufficio politico latinoamericano della Quarta Internazionale sul giornale italiano Lotta Operaia. Di questo articolo, lungo, tra l’altro, leggerò solo tre paragrafi.

Inizia dicendo:

Un aspetto dell’acutizzarsi della crisi mondiale della burocrazia è l’espulsione di Guevara. Guevara è stato espulso ora, non otto mesi fa, la discussione con Guevara è durata otto mesi e non sono stati mesi che hanno passato a bere caffè, hanno combattuto duramente e forse ci sono stati dei morti, forse ci sono state discussioni con colpi di pistola. Non possiamo dire se Guevara sia stato ucciso o meno, ma è lecito supporre che sia stato ucciso.

Perché Guevara non è apparso? Non lo hanno presentato all’Avana per paura delle conseguenze, della reazione della popolazione, ma alla fine nascondendolo producono lo stesso effetto. La popolazione dice: perché Guevara non esce, non appare.

Non c’è alcuna accusa politica, esistono solo elogi politici nei suoi confronti. Perché Guevara non è stato mostrato, perché non ha parlato? Come è possibile che uno dei fondatori dello Stato operaio cubano, che fino a poco tempo fa girava il mondo in nome dello Stato operaio, all’improvviso dica: mi sono stufato della Rivoluzione cubana, vado a fare la rivoluzione da un’altra parte? D’altra parte, non dicono dove sia andato e non si fa vedere. Se non c’è disaccordo, perché non si presenta? Tutto il popolo cubano capisce che c’è una lotta enorme e che questa lotta non è finita.

Guevara non era e non è solo. Se stanno prendendo queste misure contro Guevara, è perché c’è una grande tendenza, una tendenza molto grande, che sta dalla sua parte. E oltre a una tendenza molto grande, c’è un’enorme preoccupazione da parte del popolo.

Poco tempo fa, il governo cubano ha emesso un decreto piuttosto severo: è necessario restituire tutte le armi allo Stato. All’epoca la questione era poco chiara, ora è chiaro lo scopo di questa risoluzione: era contro la tendenza di Guevara. Hanno paura di una rivolta.”

Un altro paragrafo:

Perché Guevara è stato messo a tacere? La Quarta Internazionale deve condurre una campagna pubblica in questo senso, esigendo la comparsa di Guevara, il diritto di Guevara di difendersi e di argomentare, di fare appelli alle masse, di non fidarsi delle misure prese dal governo cubano, perché sono misure burocratiche e forse di assassini. Hanno eliminato Guevara mettendo a tacere la sua lotta, hanno messo a tacere Guevara. Anche se la sua posizione non era coerente dal punto di vista rivoluzionario, perché tendeva ad armonizzare le sue posizioni con la tendenza rivoluzionaria“.

E più avanti dice:

Questo dimostra non il potere di Guevara o di un gruppo guevarista a Cuba, ma la maturità delle condizioni nel resto degli Stati operai perché queste posizioni diano frutti in breve tempo. La burocrazia non si lascia ingannare da manovre e misure di questo tipo. L’eliminazione di Guevara significa per la burocrazia il tentativo di liquidare una base di possibile raggruppamento delle tendenze rivoluzionarie che continuano lo sviluppo della rivoluzione mondiale. Questa è la base per la liquidazione di Guevara e non solo per il pericolo che rappresenta per Cuba, ma anche perché include il resto della rivoluzione latinoamericana.

A fianco di Cuba c’è il Guatemala, a fianco di Cuba c’è il Guatemala con il programma della rivoluzione socialista e, nonostante la sua forza e i discorsi del suo massimo leader, Fidel Castro, non è stato in grado di impedire al Movimento “13 novembre” di trasformarsi in un movimento rivoluzionario e di lottare direttamente per il socialismo“.

Non è assolutamente un caso, tutt’altro, che questo signore, dirigente della Quarta Internazionale, citi qui con molto orgoglio il caso del Guatemala e del Movimento “13 novembre”, perché proprio nei confronti di questo Movimento l’imperialismo yankee ha usato una delle tattiche più subdole per liquidare un movimento rivoluzionario, che gli filtravano gli agenti della Quarta Internazionale che – attraverso l’ignoranza, l’ignoranza politica del principale leader di questo Movimento – gli facevano adottare nientemeno che quella cosa screditata, quella cosa antistorica, quella cosa fraudolenta che emana da elementi così dimostrabilmente al servizio dell’imperialismo yankee, che è il programma della Quarta Internazionale.

Come è successo tutto questo? Yong Sosa era senza dubbio un ufficiale patriottico; Yong Sosa era a capo del movimento di un gruppo di ufficiali dell’asse dell’esercito – alla cui frantumazione, tra l’altro, parteciparono i mercenari che poi invasero Girón – e attraverso un signore che era un commerciante, che si occupava della parte politica del movimento, la Quarta Internazionale riuscì a far sì che questo leader, ignaro dei problemi profondi dell’Unione Sovietica, si mettesse a capo del movimento, ignaro dei problemi profondi della politica e della storia del pensiero rivoluzionario, ha permesso che questo agente del trotskismo – sul quale non abbiamo il minimo dubbio che sia un agente dell’imperialismo – si occupasse della redazione di un giornale in cui il programma della Quarta Internazionale era copiato “da cima a fondo“.

La Quarta Internazionale ha commesso un vero e proprio crimine contro il movimento rivoluzionario, con il fine di isolarlo dal resto del popolo, isolandolo dalle masse, infettandolo con le follie, il discredito e quella cosa disgustosa e nauseante che oggi è il campo della politica, il trotzkismo.

Infatti, se un tempo il trotzkismo rappresentava una posizione errata, ma pur sempre una posizione nel campo delle idee politiche, negli anni successivi il trotzkismo è diventato un volgare strumento dell’imperialismo e della reazione.

Quindi questi signori pensano che, ad esempio, per quanto riguarda il Vietnam del Sud, dove un ampio fronte rivoluzionario ha unito la stragrande maggioranza della popolazione, diversi settori della popolazione, unendoli strettamente intorno al movimento di liberazione nella lotta contro l’imperialismo, per i trotzkisti questo è assurdo, questo è controrivoluzionario, e questi signori hanno l’audacia, questo è qualcosa di insolito di fronte ai fatti e alle realtà della storia e del movimento rivoluzionario, di esprimersi in questo modo.

Fortunatamente, il movimento rivoluzionario in Guatemala si salvò. E si salvò grazie alla lucidità di uno degli ufficiali che, insieme a Sosa, avevano dato vita al movimento rivoluzionario e che, resosi conto della follia, della stupidità, si staccò dal Movimento “13 novembre” e, insieme ad altri settori progressisti e rivoluzionari, organizzò le Forze Armate Ribelli del Guatemala. E quel giovane ufficiale che ha avuto una visione così chiara della situazione è colui che ha rappresentato il movimento rivoluzionario del Guatemala in questa Conferenza, il comandante Turcios.

Il Comandante Turcios ha il merito non solo di essere stato uno dei portabandiera della lotta armata per la liberazione del suo popolo oppresso, ma anche di aver salvato il movimento rivoluzionario guatemalteco da uno dei più sottili e perfidi stratagemmi dell’imperialismo yankee e di aver innalzato le bandiere rivoluzionarie del Guatemala e del suo movimento antimperialista, salvandolo dalle mani sporche di questi mercenari al servizio dell’imperialismo yankee.

E vorremmo sperare che Yong Sosa, delle cui intenzioni patriottiche all’inizio della lotta nessuno dubita, e della cui onestà nessuno dubita – anche se abbiamo ragioni molto serie per dubitare del suo atteggiamento come leader rivoluzionario del Guatemala, ma questa volta sotto un’altra regia, sotto un’altra guida che ha dimostrato, in momenti come questi, chiarezza di visione e l’atteggiamento di un leader rivoluzionario.

Questa posizione dei trotzkisti è la stessa adottata da tutti i giornali e le agenzie pubblicitarie dell’imperialismo yankee, la stessa in relazione al caso del compagno Ernesto Guevara; tutta la stampa imperialista degli Stati Uniti, le sue agenzie via cavo, la stampa dei controrivoluzionari cubani, la stampa borghese in tutto il continente e nel resto del mondo. Cioè, questa campagna di calunnie e intrighi contro la Cuba rivoluzionaria in relazione al caso del compagno Guevara ha fatto sì che tutti i settori reazionari imperialisti e borghesi, tutti i calunniatori e tutti gli intriganti contro la Rivoluzione cubana coincidessero in modo esatto.

Perché è innegabile che solo la reazione e l’imperialismo possono essere interessati a screditare la Rivoluzione cubana, a distruggere la fiducia dei movimenti rivoluzionari nella Rivoluzione cubana, a distruggere la fiducia dei popoli dell’America Latina nella Rivoluzione cubana, a distruggere la loro fede.
Ed è per questo che non ha esitato a usare le armi più sporche e indecenti.

Lo stesso signor Guil, che di tanto in tanto si fa notare tra gli intellettuali americani nella rivista statunitense Monthly Review, ha avuto la scelleratezza di scrivere il seguente paragrafo, che vale la pena analizzare, in relazione alla crisi di Santo Domingo:

Un punto culminante di questa crisi deve essere stata la Rivoluzione dominicana, dove lo Stato operaio cubano era paralizzato dalla sua stessa politica, non sostenendo apertamente la Rivoluzione, mentre a Cuba c’era una tremenda pressione interna per una politica di sostegno attivo. Se la crisi era ben precedente a Santo Domingo, Santo Domingo ha indubbiamente fatto precipitare la Rivoluzione“.

Questo signore ha la scelleratezza di accusare la Rivoluzione cubana di non aver sostenuto attivamente la Rivoluzione dominicana. E mentre gli imperialisti accusavano Cuba; mentre gli imperialisti cercavano di giustificare il loro intervento dicendo che elementi di sinistra e comunisti, formati a Cuba, erano lì alla testa della rivolta; mentre l’imperialismo accusava Cuba e presentava la Rivoluzione dominicana non come un problema interno, ma come un problema esterno, questo signore accusa la Rivoluzione di non aver dato un sostegno attivo.

E cosa si intende per sostegno attivo? Si voleva forse che Cuba, di cui si conoscono le armi e le risorse, potesse e dovesse impedire lo sbarco delle truppe americane a Santo Domingo? Cuba ha armi per difendersi e in un rapporto infinitamente inferiore agli imperialisti, armi difensive. E questi signori sono così miserabili, così spudorati, che cercano di attribuire a Cuba la responsabilità di non aver impedito… Perché cos’altro significa il sostegno attivo? Perché tutto ciò che Cuba avrebbe potuto fare in quelle circostanze, tutto ciò che Cuba avrebbe potuto e dovuto fare, lo ha fatto. E chiedere a Cuba di impedire lo sbarco è come chiedere alla Cambogia, nel Sud-Est asiatico, di impedire il bombardamento del Vietnam del Nord e l’occupazione del Vietnam del Sud da parte dei marines yankee.

Purtroppo, le forze di Cuba sono limitate. Ma nella misura di queste forze, e nel modo migliore possibile e risoluto, nonché nei modi più appropriati alle circostanze, essa presta e presterà alla Rivoluzione il suo massimo sostegno.

Coloro che credono che questo Paese tema gli imperialisti, coloro che credono – con spirito di superiorità o con insolenti manie di superiorità nei confronti di chiunque – che questo Paese tema gli imperialisti, farebbero bene a sperimentare per un’ora qui, in questo Paese, quando si è verificata la Crisi d’Ottobre e quando per la prima volta un piccolo popolo come questo è stato minacciato da una imponente raffica di missili nucleari sul suo territorio, l’atteggiamento di questo popolo e l’atteggiamento del governo rivoluzionario.

Si scrivono molte fandonie e assurdità e, soprattutto, le scrivono gli irresponsabili, quando certi documenti non possono essere portati alla luce. Ma un giorno l’umanità saprà e un giorno l’umanità conoscerà tutti i fatti. Sarà quel giorno, quando i miserabili si accorgeranno che nessun compagno Guevara è stato assassinato, quando si saprà anche qual era la posizione di Cuba in quei giorni difficili e qual era la serenità di questo popolo. Quando lo si capirà, non ci sarà nessuno, per quanto insolente, per quanto provocatore, che oserà mettere in discussione il sentimento di solidarietà di questo popolo e il coraggio di questo popolo.

È difficile per gli USA capire che la dignità di Cuba non si negozia

Coraggio che è dimostrato dal loro comportamento, dalla loro capacità di essere in grado di fare la differenza. Nonostante si tratti di un Paese a solo novanta miglia dalla metropoli imperialista, il movimento rivoluzionario sta crescendo e i pericoli diventeranno enormi man mano che il movimento rivoluzionario crescerà. Un movimento rivoluzionario che cresce soprattutto sulla base dell’esempio della Rivoluzione cubana; un movimento rivoluzionario che cresce, che diventa più grande, grazie all’esempio di Cuba, alle vittorie di Cuba, alla posizione di Cuba di fronte al nemico.

E dobbiamo tenere presente che quando questo Paese sfida questo pericolo, non è un Paese che ha milioni di uomini in armi, non è un Paese che ha armi termonucleari, perché qui i nostri razzi sono morali; e il numero di milioni non è infinito, il numero di uomini non è infinito, bensì la dignità e il decoro di questo popolo.

E saranno gli anni a venire a parlare per noi, e saranno gli anni a venire ad avere la responsabilità di schiacciare i calunniatori; non questi, che sono noti agenti degli imperialisti, ma i confusi, gli intriganti, coloro che si lasciano intrigare e servono come strumenti di menzogna contro la nostra Rivoluzione.

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)