FIRMATE LA PETIZIONE “UNBLOCK CUBA” (NO AL BOCCO CONTRO CUBA!)

ORGANIZZAZIONI CHE SOSTENGONO LA PETIZIONE:

ASSOCIAZIONE SVIZZERA-CUBA (VSC/ASC)  

mediCuba-Suisse

ALBA Suiza

medico international schweiz

Schweizerische Friedensbewegung – (Member of WorldPeaceCouncil)

Gesellschaft Schweiz-Palästina GSP

Zentralamerika Sekretariat ZAS (Zürich/Schweiz)

SOLIFONDS

FIRMA LA PETIZIONE!

https://act.campax.org/petitions/unblock-cuba-2

Chiediamo che la Confederazione Svizzera, in quanto proprietaria di PostFinance, adotti le misure necessarie per garantire che tutti i cittadini, le organizzazioni e le aziende possano effettuare bonifici bancari a Cuba senza ostacoli dovuti al blocco di Cuba da parte degli Stati Uniti.

Chiediamo l’immediata ripresa dei trasferimenti di denaro a Cuba da parte di PostFinance e di banche svizzere come UBS, Credit Suisse, Banca Migros, Raiffeisen, Banca Cler, le BANCHE CANTONALI ecc.

Invitiamo il Parlamento svizzero a condannare il blocco statunitense di Cuba e la partecipazione attiva delle banche svizzere a questa politica ingiusta ed illegale.

Al Consiglio federale ci rivolgiamo richiedendo di:

Assicurare che i compiti della rappresentanza diplomatica di Cuba in Svizzera siano garantiti conformemente alla “Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche”.

che la Svizzera non solo voti all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a favore della revoca del blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro Cuba, che esiste dal 1962, ma che la voglia sostenere attivamente anche in politica estera.

Perché è così importante?

La popolazione cubana ha sofferto molto di questo blocco totale per decenni, ma ha resistito fino ad oggi – nonostante gli enormi danni economici e le molte difficoltà nella vita quotidiana.

Il governo Trump ha continuamente inasprito il blocco con l’obiettivo di un “cambiamento di regime”, che è contrario al diritto internazionale e soprattutto ostacola l’approvvigionamento di cibo, medicinali, energia e infrastrutture per la popolazione.

La relazione annuale presentata alle Nazioni Unite sugli effetti del blocco statunitense su Cuba nel 2017 indica che il danno cumulativo dal 1962 ammonta a circa 933,7 miliardi di dollari USA (USD). Nelle assemblee generali delle Nazioni Unite, praticamente tutti gli Stati, ad eccezione degli Stati Uniti e di Israele, condannano ogni anno questo blocco criminale.

Scrive Idriss Jazairy, relatore speciale delle Nazioni Unite sulle sanzioni statunitensi contro Cuba e il Venezuela: L’imposizione di sanzioni per scopi politici viola i diritti umani e le norme di condotta internazionale. Potrebbero scatenare “disastri umanitari causati dall’uomo di proporzioni senza precedenti”.

Gli economisti americani Mark Weisbrot e Jeffrey Sachs del Washington Centre for Economic and Policy Research (CEPR) sottolineano in un rapporto delle Nazioni Unite che questi blocchi causano principalmente vittime civili, comprese le morti.

Il boicottaggio di Cuba da parte del governo americano – in realtà più di una guerra non dichiarata ma brutale tramite mezzi economici – va ben oltre il territorio statunitense: ad esempio, le aziende europee o di altri paesi che hanno relazioni commerciali con Cuba, che sia per fornire petrolio, cibo, macchinari o attrezzature tecniche o semplicemente per effettuare transazioni finanziarie, sono regolarmente puniti con multe orrende. Ma i governi – compreso il Consiglio federale – tacciono, perché non è opportuno che insultino il signor Trump.

Anche le banche svizzere partecipano a questo “gioco” opportunistico, piegandosi alle pressioni del governo degli Stati Uniti ed entrando a far parte di questa guerra USA!

Più affari e profitti negli Stati Uniti che professare principi etici e rispettare il diritto internazionale!

Ora l’istituto finanziario PostFinance, filiale del gruppo Posta (controllata al 100% dalla Confederazione Svizzera), uno degli ultimi a mantenere il flusso dei pagamenti, ha smesso di trasferire denaro a Cuba. Un disastro per molte ONG che realizzano progetti di aiuto vitale a Cuba, per le PMI svizzere che si sono assunte il rischio di investire e lavorare sull’isola, per molte persone che sostengono finanziariamente le loro famiglie a Cuba, per i pensionati che hanno deciso di trascorrere il loro pensionamento sull’isola, o semplicemente per amici e simpatizzanti che trasferiscono denaro a persone o progetti per scopi umanitari o di solidarietà.

Questo boicottaggio di Cuba è un crimine umanitario!

Chiediamo l’immediata revoca di questo boicottaggio illegittimo, contrario al diritto internazionale e ai crimini di guerra, ai responsabili delle istituzioni finanziarie e bancarie e al Consiglio federale!

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale, Svizzera

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Eventi

2019. CONGRESOS Y EVENTOS EN CUBA

01.01.2019 - 31.12.2019
in República de Cuba, Cuba

PETITION UNBLOCK CUBA!

16.10.2019 - 30.11.2019

Cada 17 del mes - jeden 17. des Monats - chaque 17 du mois

17.11.2019 - 17.12.2019

Sfilata 1° Maggio 2016. La Habana

Archivi

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)