HAITÍ: PER 200 ANNI, OGGETTO DELL’ODIO E DELLA RAPINA DELLE POTENZE

Le proteste popolari ad Haiti hanno 200 anni di ragioni che le giustificano (Foto: Héctor Retamal / AFP)

Un popolo dimenticato da tutti, anche dalle sinistre (a parte da Cuba)

di Sergio Rodríguez Gelfenstein
Fonte: Misión Verdad
Traduzione e aggiunte: GFJ

Port-au-Prince e altre città haitiane sono oggi lo scenario della più grande ribellione popolare degli ultimi decenni nella nazione haitiana a lungo sofferente.

I movimenti indipendentisti di Haiti cominciarono nel 1790 combinati con insurrezioni di schiavi e rivolte di mulatti che riecheggiavano la rivoluzione francese vittoriosa un anno prima nella metropoli. La persecuzione da parte delle monarchie europee della rivoluzione trionfante a Parigi fu replicata nelle colonie, territori ambiti dalle case regnanti del Vecchio Continente.

I patrioti haitiani che lottavano contro la schiavitù, l’esclusione e per l’indipendenza strinsero un’alleanza tattica con la Spagna per affrontare tutti i flagelli che limitano il loro presente e futuro. Toussaint Louverture si distinse come leader principale e divenne il padre dell’indipendenza di Haiti. Come luogotenente governatore quando l’indipendenza non era ancora stata raggiunta e Hispaniola (nome latino; in spagnolo: La Española; in haitiano creolo: Ispayola; in taíno: Ayiti, ndt) era divisa in due parti, sviluppò un programma economico graduale che fu contrastato dalle classi alte della società, vicine alla Francia e anche dal popolo che voleva la separazione definitiva dalla metropoli.

A livello internazionale, Louverture cercò appoggio negli Stati Uniti, una dimostrazione di autonomia che Napoleone non poteva accettare, inviando un esercito nel 1801 con la missione di imporre il controllo su Haiti e creare un grande impero francese in America che avrebbe unito la sua colonia nei Caraibi con la Louisiana confinante con il fiume Mississippi nel Nord America.

Toussaint fu costretto a capitolare davanti al potente esercito francese, ma il processo di indipendenza haitiana e di liberazione sociale non si fermò, l’insurrezione scoppiò con maggior forza sotto il comando di un nuovo leader, Jean Jacques Dessalines, che scatenò una guerra all’ultimo sangue contro i bianchi e i francesi fino al 1 gennaio 1804 quando fu dichiarata l’indipendenza. La Francia e tutte le potenze coloniali non hanno mai perdonato Haiti e hanno giurato di fargliela pagare cara per la sua audacia… fino ad oggi.

Oggi, il popolo haitiano lotta ancora una volta per i suoi diritti e contro la pretesa del presidente fantoccio posto dagli Stati Uniti di prolungare illegalmente l’esercizio del potere, sostenuto dalla forza e dalla repressione attuata dalle organizzazioni paramilitari create per reprimere l’insurrezione ribelle.

Anche se Dessalines proclamò il suo sostegno a Francisco de Miranda e alla lotta per l’indipendenza delle colonie del Sud America, la sua cattiva gestione del governo e il suo sfrenato godimento della dolcezza del potere lo portarono alla sconfitta e alla morte nel 1806; il paese fu allora diviso. Nel sud, Alexander Petión, che ricevette Simón Bolívar nel 1816 dandogli appoggio materiale, finanziario e morale, senza il quale sarebbe stato impossibile continuare la lotta di emancipazione nel continente con la velocità con cui il Liberatore la organizzò, assunse la direzione. Questo è un altro motivo per cui le potenze coloniali condannano Haiti in perpetuo.

L’arrivo del XX secolo ha portato l’emergere degli Stati Uniti come potenza imperiale globale. Così come la sconfitta del colonialismo spagnolo ha portato al controllo neocoloniale britannico, ora ha lasciato il posto agli Stati Uniti nella sua fase di sviluppo imperialista. Così, Washington ha assunto la “responsabilità” di far pagare ad Haiti la sua decisione di essere libera e sovrana un secolo prima. Il paese era già il più povero dell’emisfero occidentale ed è rimasto tale fino ad oggi.

Nel 1910, gli Stati Uniti iniziarono una serie di interventi di ogni tipo ad Haiti. Quell’anno, usando come argomento il corollario Roosevelt della Dottrina Monroe, il governo del presidente repubblicano William H. Taft inviò unità navali e un corpo di marines per fornire “protezione” a un gruppo di banchieri che sotto costrizione “comprarono” la Banca Nazionale di Haiti, gestendola da allora in poi come una filiale di Wall Street.

Pochi anni dopo, nel 1915, il presidente democratico Woodrow Wilson emulò il suo predecessore ordinando l’invasione di Haiti, mettendo il suo governo, l’esercito, le dogane e le finanze sotto l’amministrazione di Washington, trasformando il paese in un protettorato de facto o, visto in un altro modo, una colonia degli Stati Uniti, le cui forze armate rimasero nel paese per 18 anni fino al 1933, quando una costituzione elaborata dagli Stati Uniti fu imposta ad Haiti. Le truppe di occupazione hanno assassinato migliaia di cittadini durante gli anni di controllo della nazione caraibica.

François Duvalier e suo figlioJean-Claude (Baby Doc), due tiranni

L’instabilità sotto il controllo degli Stati Uniti continuò per quasi 25 anni fino al 1957, quando François Duvalier fu intronizzato al potere. Governò come presidente a vita, compiendo brutali massacri, persecuzioni, detenzioni, sparizioni e torture contro i leader dell’opposizione e la popolazione civile, tutto sotto gli occhi del governo degli Stati Uniti, che ha sempre appoggiato tali azioni. Quando Duvalier morì, gli succedette il figlio che continuò le “politiche” del padre fino a quando fu rovesciato nel 1986.

Sembrava che Haiti potesse iniziare il suo incontro con la democrazia e con essa il progresso e lo sviluppo. Nel giugno 1988, si tennero le elezioni in cui Leslie Manigat trionfò e divenne il primo presidente eletto in più di 30 anni. Tuttavia, fu presto rovesciato inaugurando un periodo di governi militari brevi e instabili fino al 1991 quando fu eletto Jean Bertrand Aristide, anch’egli rovesciato ma reintegrato al potere grazie alla pressione internazionale, ma nel 2004, quando il paese stava commemorando il bicentenario della sua indipendenza, gli Stati Uniti organizzarono un colpo di stato per rovesciare Aristide, precipitando Haiti in una crisi di proporzioni gigantesche.

I manifestanti sostengono il presidente haitiano Jean Bertrand Aristide, cacciato due volte dagli Stati Uniti (Foto: Archivio)

Aristide fu rapito dalle forze armate statunitensi e violentemente rimosso dal paese nello stesso modo in cui il presidente dell’Honduras Manuel Zelaya sarebbe stato qualche anno dopo. L’evento ha prodotto forti incidenti che hanno portato a una violenza diffusa.

Il Sudafrica, destinazione finale di Aristide, ha chiesto una commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sul rovesciamento di Aristide, ma questa richiesta non è mai stata ascoltata. In cambio, l’ONU ha creato una forza di occupazione militare sotto il dubbio nome di “Missione di stabilizzazione delle Nazioni Unite”. Come sappiamo, non è stata in grado di compiere la sua missione, né di stabilizzare il paese. Al contrario, gli Stati Uniti, che hanno causato il problema, difficilmente potrebbero essere i promotori della soluzione, usando il loro diritto di veto nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU per impedire qualsiasi decisione che punti a un esito favorevole per Haiti, gestendo a piacimento il contingente militare subordinato ai loro interessi.

Il contingente ONU si è trasformato in una nuova piaga per Haiti. Già nel 2005 hanno prodotto un terribile massacro nella città di Soleil causando decine di morti tra cui donne e bambini. A questo si aggiungono i continui stupri di donne indifese della popolazione povera e la loro incapacità di affrontare le calamità di un paese che avrebbero dovuto stabilizzare.

Questa forza d’occupazione che è arrivata ad avere quasi 11 mila membri tra militari, polizia e dipendenti pubblici e che è stata sotto il comando delle forze armate di 20 paesi, tra cui 9 dell’America Latina, è una vergogna per l’ONU ed è diventata una nuova piaga che ha devastato il paese.

Nel gennaio 2010, c’è stato un enorme terremoto che ha devastato l’intero paese, causando più di 300.000 morti, 350.000 feriti, 1,5 milioni di senza tetto e la distruzione quasi totale delle fragili infrastrutture del paese. Anche se arrivarono aiuti internazionali che permisero di alleviare in qualche misura la monumentale crisi umanitaria generata, furono insufficienti, servendo solo come argomento per un nuovo intervento statunitense con 20.000 marines, la cui mentalità imperiale non aiutò molto a spegnere l’angoscia di un popolo indifeso.

Al contrario, la crisi è stata usata da persone senza scrupoli per trarre profitto dalla sofferenza del popolo haitiano. Il caso più lampante e ripugnante è quello dell’ex presidente Bill Clinton, che ha usato la sua fondazione per sviluppare un piano di emergenza e di ricostruzione che ha ricevuto miliardi di dollari, deviando illegalmente parte di quegli aiuti e intascandone una percentuale.

La fondazione dei Clinton serve per corrompere tiranni e dittatori

Per Haiti, la Fondazione Clinton ha ricevuto molto più denaro di quello che ha inviato al paese come aiuto umanitario, come aveva già fatto in Mozambico, Papua Nuova Guinea, e con l’uragano Katrina a New Orleans, rubando enormi quantità di risorse, utilizzando i suoi contatti a Washington per evitare di essere controllato o essere soggetto al controllo dell’uso dei giganteschi aiuti ricevuti. Un’altra espressione della sporca morale imperiale e della punizione a cui il paese caraibico continua ad essere sottoposto.

Oggi, il popolo haitiano lotta ancora una volta per i suoi diritti e contro la pretesa del presidente fantoccio posto dagli Stati Uniti di prolungare illegalmente l’esercizio del potere, sostenuto dalla forza e dalla repressione attuata dalle organizzazioni paramilitari create per reprimere l’insurrezione ribelle.

Per il Venezuela, la solidarietà con Haiti è un debito eterno. Non sappiamo quanto tempo avrebbe impiegato l’esercito repubblicano per raggiungere la libertà e quante altre vite sarebbero state perse se Bolívar non avesse ricevuto l’aiuto solidale e disinteressato del presidente Petión. La nostra indipendenza e la nostra emancipazione – così come quella delle altre cinque nazioni che Bolívar liberò – sono inestricabilmente legate ad Haiti.

In questo senso, tutto quello che facciamo è troppo poco. Haiti non ha bisogno dell’esercito; ha bisogno dell’aiuto allo sviluppo e, in questo frangente che sta vivendo oggi, dell’appoggio morale e della solidarietà per sconfiggere il satrapo che governa sotto i dettami di Washington.


Leggi anche:

Haiti contro il neocolonialismo

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)