Il Partito Comunista di Cuba esprime condoglianze per la morte di Marco Hausiku, vice segretario generale della SWAPO

Il membro dell’Ufficio Politico del Partito Comunista di Cuba e Segretario di Organizzazione e Politica dei Quadri, Roberto Morales Ojeda, a nome del PCC, ha trasmesso venerdì le più sentite condoglianze in occasione della morte del compagno Marco Hausiku

Fonte: PCC
Traduzione e aggiunte: GFJ

Foto: Namibian.com

Al momento della sua morte, Marco Hausiku era rettore della Scuola del Partito, vice segretario generale e membro dell’Ufficio Politico del Partito SWAPO.

Il membro dell’Ufficio Politico del Partito Comunista di Cuba e Segretario di Organizzazione e Politica dei Quadri, Roberto Morales Ojeda, a nome del PCC, ha trasmesso venerdì le più sentite condoglianze in occasione della morte del compagno Marco Hausiku, vice segretario generale della SWAPO, instancabile combattente per l’indipendenza della Namibia e grande amico di Cuba.

In una lettera inviata al segretario generale della SWAPO Sophia Shaningwa, Morales Ojeada ha chiesto di estendere il suo messaggio alla famiglia e agli amici per la grande perdita.

Che l’appoggio del partito e del popolo cubano raggiunga il fraterno popolo namibiano“, sottolinea il messaggio del Partito Comunista di Cuba.

Al momento della sua morte, Marco Hausiku era rettore della Scuola del Partito, vice segretario generale e membro dell’Ufficio Politico del Partito SWAPO.

Marco Hausiku ha ricoperto un’importante carriera politica e professionale. Tra il 1989 e il 1990 è stato membro dell’Assemblea costituente della Namibia, dal 1990 al 2004 ha ricoperto tre diversi portafogli sotto l’ex presidente Sam Nujoma. Nel 2004 è stato nominato ministro degli affari esteri e della cooperazione. Dal 2010 al 2015 è stato vice primo ministro della Namibia.

La SWAPO

 Sam Nujoma e Fidel Castro

Fonte: https://www.ecured.cu/

SWAPO è l’acronimo di South-West African People’s Organization, un partito politico fondato nel 1960 e che nel 1966 divenne un’organizzazione militare per opporsi all’occupazione illegale della Namibia da parte del Sudafrica e per combattere contro l’Apartheid e per l’indipendenza della Namibia.

Usando lo slogan “Una Namibia, una nazione“, la SWAPO si oppose con veemenza alle politiche di segregazione razziale imposte dal Sudafrica (Apartheid) e alla creazione dei cosiddetti Bantustan. Quando nel 1990, dopo il ritiro del Sudafrica, la Namibia divenne finalmente uno stato indipendente, la SWAPO divenne il partito politico dominante, con il suo leader Sam Nujoma che vinse le prime elezioni e divenne il primo presidente del paese.

La South West African People’s Organisation fu fondata nel 1960 come partito politico per opporsi all’occupazione illegale della Namibia da parte del Sudafrica e per lottare contro l’apartheid e per l’indipendenza della Namibia, e nel 1966 divenne un’organizzazione militare.

A causa delle caratteristiche ostili della geografia namibiana – con pochissime fonti d’acqua – la SWAPO non fu in grado di strutturare una base operativa per un movimento di guerriglia nel proprio paese e dovette agire contro l’occupazione sudafricana da basi all’estero, prima in Zambia e poi, dopo l’indipendenza dal Portogallo, in Angola.

In Angola, ha creato numerosi campi di guerriglia con l’appoggio logistico e la consulenza delle truppe angolane e cubane. Grazie a questo sostegno, la SWAPO divenne una forza disciplinata, ben equipaggiata e con una elevata morale di combattente. Tuttavia, il dominio sudafricano dell’aria nell’Angola meridionale li sottoponeva a frequenti incursioni razziste di aerei o ad attacchi di commando come quello avvenuto il 4 maggio 1978 e sfociato nel massacro di Cassinga.

Quando nel 1990, dopo il ritiro del Sudafrica, la Namibia divenne finalmente uno stato indipendente, la SWAPO divenne il partito politico dominante, con il suo leader Sam Nujoma che vinse le prime elezioni e divenne il primo presidente del paese. Vinse di nuovo nelle elezioni del 2005, con Hifikepunye Pohamba che ottenne il 75% dei voti dell’elettorato.

 

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

ATTUALE

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)