Il pericolo verde. Cosa pensano i Verdi tedeschi di Cuba e Venezuela? (+VIDEO)


In Occidente, nell’UE e anche in Germania, c’è una censura sempre più severa, una riduzione della libertà di stampa, ampie restrizioni dei diritti fondamentali, una deriva a destra verso il totalitarismo e la de-democratizzazione, con un simultaneo desiderio d’inasprire i conflitti di politica estera e sostituire la diplomazia con la retorica di guerra e la forza militare. I Verdi hanno giocato un ruolo significativo in questo sviluppo. La loro stessa storia è un esempio eccezionale di questo scivolamento verso destra.

di Gert Ewen Ungar

Fonte:
Traduzione e aggiunte: G. Federico Jauch

Fonte: www.globallookpress.com © Leonhard Simon / www.imago-images.de

Neocoloniale, aggressivo e conflittuale – Il manifesto elettorale di politica estera del Partito Verde di Germania

I Verdi si sono posizionati. Non solo con Annalena Baerbock come candidata a cancelliera, ma anche con la bozza di programma per le elezioni del Bundestag. È particolarmente importante prendere nota delle posizioni di politica estera. Sempre più verso la destra liberista.

Alla fine di marzo, il comitato esecutivo federale del partito dei Verdi ha presentato la sua bozza di programma per le elezioni federali. Di particolare interesse sono le parti in cui i Verdi si posizionano in termini di politica estera. Qui si può leggere l’atteggiamento di base ormai completamente neoconservatore della politica estera dei Verdi. Il tono soft-soap può difficilmente nascondere la loro posizione nell’ambito della politica internazionale: La politica verde è neo-imperiale, neo-coloniale, aggressiva e conflittuale. In tutti gli ambiti politici, i Verdi rivendicano una superiorità alla quale il mondo deve conformarsi. È un cammino pericoloso quello che hanno preso i Verdi.

Di fatto, alla politica verde manca di un elemento fondamentale e riflessivo che le consentirebbe di essere un vero interlocutore di potere nell’arena internazionale e diplomatica. Manca una visione e una comprensione dei processi storici, degli sviluppi in altri paesi e culture. Manca, questo può sorprendere, una visione della diversità e della varietà del mondo.

La tesi alla base di tutte le questioni di politica internazionale è tanto semplice quanto prestabilita e quindi in definitiva reazionaria: Noi siamo i buoni. Noi siamo l’esempio per il mondo. Da questa semplice tesi deriva il tono missionario e la volontà di modellare il mondo secondo il modello tedesco e occidentale. Qui si mostra la volontà di forzare il mondo in forma occidentale. Così come è con noi, così deve essere ovunque.

La bozza di programma delle sezioni dedicate alla politica estera trasmette lo spirito di un passato oscuro. È radicata in un senso di superiorità e svaluta altri paesi, culture e regioni, specialmente quando esse rifiutano di accettare la leadership transatlantica. La bozza di programma rimane acritica nei confronti dell’alleanza transatlantica e dell’UE – anche se è proprio qui che gli sviluppi stanno prendendo un corso particolarmente problematico.

In Occidente, nell’UE e anche in Germania, c’è una censura sempre più severa, una riduzione della libertà di stampa, ampie restrizioni dei diritti fondamentali, una deriva a destra verso il totalitarismo e la de-democratizzazione, con un simultaneo desiderio d’inasprire i conflitti di politica estera e sostituire la diplomazia con la retorica di guerra e la forza militare. I Verdi hanno giocato un ruolo significativo in questo sviluppo. La loro stessa storia è un esempio eccezionale di questo scivolamento verso destra.

Nella bozza di programma dei Verdi, questa svolta verso il neoconservatorismo può essere individuata in alcuni punti chiave. I punti sull’Europa e la politica internazionale in particolare lo dimostrano chiaramente.

Manifesto elettorale dei Verdi: Niente più Nord Stream 2, Euro digitale e tanta "neutralità climatica" (leggi)

 

Riforma del Consiglio di Sicurezza dell’ONU – elusione del diritto di veto

Tra l’altro, i Verdi hanno in mente di riformare le Nazioni Unite. Il diritto di veto dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite deve essere aggirato in futuro. Tutto in nome della “protezione dei diritti umani”, naturalmente. Se il Consiglio di Sicurezza è “incapace di agire” a causa del veto dei singoli membri, secondo il linguaggio dei Verdi, dovrebbe essere possibile bypassare il Consiglio di Sicurezza in caso di gravi violazioni dei diritti umani.

Che questa proposta venga dai Verdi, tra tutti i partiti, è irritante. Infatti l’intervento in nome della “responsabilità di proteggere” è stato l’argomento centrale usato dal primo ministro degli esteri verde, Joschka Fischer, per condurre la Germania nella prima guerra dopo il 1945, in violazione del diritto internazionale. Fischer, così come il suo collega ministeriale Scharping della SPD, avevano mentito all’epoca. Non vi fu nessun genocidio in Jugoslavia. Ma dall’accusa di genocidio hanno tratto “la necessità di proteggere” e quindi il diritto all’intervento militare. Con questa bugia, la presunta missione umanitaria divenne una semplice invasione di un altro paese europeo.

I Verdi non hanno imparato nulla da questo, perché la responsabilità di proteggere continua ad essere strumentalizzata. Che si tratti della Siria, della Cina, di Cuba o di un altro posto nel mondo che non rientra nella sfera d’influenza transatlantica, è sempre la responsabilità di proteggere che viene usata come giustificazione per la volontà di intraprendere azioni aggressive – anche se i fatti sono discutibili nel migliore dei casi. Al contrario, i Verdi chiudono un occhio sulle massicce violazioni dei diritti umani nell’area NATO e sui crimini commessi dai paesi membri della NATO.

In attesa di essere scelta come cancelliera, la Bärbock già si scaglia contro Putin e il "regime" russo 

Per quanto riguarda le proposte di riforma dei Verdi per il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, esse mirano in definitiva ad espandere il potere dei paesi della NATO. I paesi della NATO dominano già il Consiglio di Sicurezza. Dei cinque aventi il diritto di veto, tre sono nella NATO: Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. Quando i Verdi in particolare, e con loro i media tedeschi, parlano di un blocco nel Consiglio di Sicurezza, non si riferiscono al rifiuto degli stati della NATO di accettare una risoluzione comune di Russia e Cina. Ciò che si intende è il veto della Russia o della Cina su una proposta fatta dagli stati della NATO.

Secondo i Verdi, dovrebbe essere possibile aggirare questo veto in futuro. La decisione di intervenire verrebbe poi presa a maggioranza qualificata dall’Assemblea Generale. Lì, tuttavia, l’alleanza occidentale ha un’ampia influenza diplomatica. La richiesta dei Verdi serve semplicemente a minare l’equilibrio di potere esistente e favorisce unilateralmente  l’alleanza militare occidentale. Spalancherebbe invece le porte all’aggressione occidentale della Cina e della Russia, in nome dell’apparente “difesa dei diritti umani”. Con la loro richiesta, i Verdi omettono anche il fatto che il diritto di veto ha corretto numerose decisioni sbagliate dell’alleanza occidentale e, in molti casi, ha protetto il mondo dall’escalation.

Questo è precisamente lo scopo del veto: impedire l’escalation militare. La costrizione a parlarsi non è precisamente un fallimento del Consiglio di Sicurezza che è “incapace di agire”. I Verdi considerano superata questa costrizione al dialogo e la ricerca globale di un compromesso praticabile. Questo desiderio di abbandonare la ricerca di compromessi e soluzioni diplomatiche rappresenterebbe senza dubbio un grave passo indietro nella cooperazione internazionale.

Annalena Baerbock, presidente dei Verdi e possibile futura Cancelliera della Germania, ha ottimi contatti con Soros e Schwab

Le due potenze di veto Russia e Cina percorrono la bozza del programma come un filo rosso. Esse sono la sfida consolidata, il grande confronto, la superficie di attrito della politica estera verde. I Verdi sono pronti a fornire al continente europeo il luogo di questo confronto.

I Verdi vogliono che l’Europa diventi la sede economica e strategica del confronto geopolitico. E questo per un mero sentimento di superiorità morale, a cui i fatti non corrispondono più da tempo, e con tutte le conseguenze negative per i cittadini della Germania, dell’UE e dell’Europa.

Tutto questo è estremamente pericoloso e fuori dalla realtà. Sia la Russia che la Cina, nonostante tutta la propaganda contro di loro, non rappresentano una minaccia. Le offerte di cooperazione sono innumerevoli, la volontà di pacificare il continente eurasiatico è evidente. Piuttosto, la più grande minaccia ai diritti umani non viene né dalla Russia né dalla Cina, ma dall’Occidente – spesso con la partecipazione tedesca e l’approvazione dei Verdi. Uccisioni extra-legali tramite droni, guerre illegali, internamento senza giusto processo, aumento della censura, interferenza negli affari interni di altri stati e sanzioni che colpiscono direttamente i cittadini – la lista dei misfatti occidentali potrebbe continuare. Attualmente non c’è uno straccio di base fattuale per il dito moralistico puntato dai Verdi in direzione della Russia e della Cina.

Il progetto di programma lo dice chiaramente: i Verdi credono di essere in una competizione tra sistemi. Se i Verdi saranno in grado di attuare la loro pretesa di dominio in politica estera, dovremo tutti sopportare le conseguenze del rifiuto della cooperazione internazionale.

Fermare il Nord Stream 2

L’alleanza transatlantica rimane indiscussa. I Verdi vogliono fermare la costruzione del Nord Stream 2. Lo considerano dannoso dal punto di vista energetico e geopolitico e fanno riferimento all’Ucraina. Qui la dissonanza cognitiva dei Verdi diventa particolarmente chiara, perché il capitolo sulla Russia è introdotto con la frase che la Russia si è trasformata sempre più in uno stato autoritario, che mina anche la democrazia e la stabilità nell’UE. Non viene fornita alcuna prova a sostegno di questa tesi. Allo stesso tempo, si esprime solidarietà con l’Ucraina, che è soggetta a una severa censura e si sta trasformando sempre più in uno stato autoritario. In linea con la sua unilateralità, il progetto di programma chiede il mantenimento e l’inasprimento delle sanzioni contro la Russia.

"Nordstream 2. LA DOPPIA MORALE DEI VERDI: urla contro la Russia, tace nei confronti degli USA". Immagine: Facebook

I Verdi sono pronti a intensificare attivamente i conflitti sul suolo europeo. Per quanto riguarda la Russia, la bozza di programma si impegna anche esplicitamente nella pratica di interferire negli affari interni di altri paesi, si impegna nella politica del cambio di regime.

Simile al loro atteggiamento verso l’ONU, l’atteggiamento dei Verdi verso l’Unione Europea è ingenuo. Da un lato, si cerca l’allargamento. L’Albania e la Macedonia settentrionale saranno ammesse come membri. Allo stesso tempo, l’integrazione deve essere approfondita. Il prestito diretto dell’UE deve essere perpetuato, il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) deve essere trasformato in un fondo monetario.

In particolare, la trasformazione del MES in un Fondo Monetario Europeo sembra intelligente a prima vista, ma dato lo status di ente privato del MES, non è certamente una buona idea. L’obiettivo reale di superare la competizione tra gli stati nazionali difficilmente può essere raggiunto con questo strumento.

Il punto centrale sarebbe quello di realizzare finalmente la democratizzazione dell’UE che è stata promessa per decenni. Ma è proprio su questo punto che la bozza di programma non va oltre qualche frase vuota. Tuttavia, le cose diventano molto concrete quando si parla di euro. I Verdi vogliono fare dell’euro la moneta di riserva. Il sogno dei Verdi è di usare l’euro come moneta di riserva per trasmettere i valori europei. Questo significa fare dell’euro un mezzo di pressione politica. Numerosi paesi sono in procinto di staccarsi dal dollaro perché gli Stati Uniti sfruttano la loro posizione e abusano dell’accesso al dollaro come moneta di riserva per far passare obiettivi politici. L’annuncio che l’euro sarà strumentalizzato in modo simile sarà ascoltato e la moneta sarà evitata proprio per questa ragione, tra le tante. Questo sogno è, se posso dirlo, megalomane.

VIDEO

Ciò che i Verdi hanno scritto nella loro bozza di programma è da un lato assolutamente ingenuo, e dall’altro assolutamente pericoloso in mezzo a questa ingenuità. Coloro che votano per i Verdi votano per l’incoscienza in politica estera, per il confronto, per fare del continente europeo la sede di conflitti geopolitici, per la guerra. Tutto questo è chiaro dalla bozza del programma. È, come scritto all’inizio, portato dallo spirito neo-imperiale, neo-conservatore e da una convinzione intransigente della propria superiorità. Niente di buono viene dai Verdi per l’Europa  …e per il Mondo.

Cosa pensano i Verdi tedeschi di Cuba e Venezuela?

Negli ultimi giorni le critiche più feroci ad Annalena Baerbock, candidata dei Verdi alle prossime elezioni federali del 26 settembre e nuova indiscussa stella politica del mainstream tedesco, sono arrivate da Oskar Lafontaine. Lafontaine è stato negli anni Ottanta e Novanta una figura di primo piano dell’SPD.

Lafontaine: "Baerbock sostiene le guerre che violano i principi di diritto internazionale."
Fin dai tempi del bombardamento di Belgrado, i Verdi hanno dimostrato di essere il vero partito della guerra in Germania, per non dire che sono essenzialmente manovrati da Washington.

Già nel primo post del 20 aprile Lafontaine ci va giù pesantissimo. Fin dai tempi del bombardamento di Belgrado, i Verdi hanno dimostrato di essere il vero partito della guerra in Germania, per non dire che sono essenzialmente manovrati da Washington. L’idea che la Baerbock, fautrice di una politica di sanzioni e di pressione costante contro Putin e favorevole al riarmo della Germania, possa un giorno rappresentare la Germania in mezzo a un ipotetico conflitto tra Russia e Ucraina, è un qualcosa che non rende affatto tranquillo Lafontaine. Inoltre, pur senza infierire fino alle estreme conseguenze, Lafontaine fa proprie le critiche già rivolte alla candidata verde da Jens Berger: un prodotto di marketing costruito a tavolino dai media, inesperta e del tutto impreparata a svolgere la funzione di cancelliera.

Ero insieme ad Heinrich Böll, Petra Kelly e Gert Bastian alla marcia di protesta a Mutlangen contro il Pershing II. La coalizione rosso-verde con Schröder e Fischer nacque essenzialmente per mia iniziativa: Schröder voleva una grande coalizione [un’allenza tra SPD e CDU, lasciando fuori i Verdi ndr]. Mi sono pentito di quella decisione. Non solo per l’Agenda 2010, ma anche per la partecipazione della Germania alla guerra internazionale illegale in Jugoslavia, che è stata attuata in larga parte da Joschka Fischer e dai Verdi. Da allora, i Verdi si sono trasformati da partito della pace in partito della guerra. La Fondazione Heinrich Böll dovrebbe cambiare nome e chiamarsi “Fondazione Generale von Clausewitz”.
Un esponente di spicco di questo bellicismo del partito verde è la nuova “candidata a cancelliera” Annalena Baerbock. Appoggia guerre illegali, è favorevole al riarmo, alla fornitura di armi, all’accerchiamento della Russia da parte degli Stati Uniti e, naturalmente, è contraria al NordStream 2. Jens Berger ha raccolto una collezione di sue citazioni sulla pagina odierna del blog NachDenkenSeiten.
L’idea che i Verdi, controllati dagli Stati Uniti, abbiamo scelto Annalena Baerbock come candidata alla cancelleria nel mezzo di una crisi al confine russo-ucraino che si fa ogni giorno più grave, mi fa semplicemente orrore. Ma c’è di più: in economia sarebbe impensabile che a capo di, supponiamo, Volkswagen, Daimler o BASF arrivasse qualcuno che non ha mai amministrato una piccola azienda, non è mai stato capo reparto o membro del consiglio di amministrazione di un’azienda di medie dimensioni. I Verdi e molti dei loro sostenitori tra le file dei giornalisti ritengono ovviamente come Annalena Baerbock che lavorare per un gruppo parlamentare verde e tirare su due figli ti renda sufficientemente qualificato per diventare cancelliere della più grande economia d’Europa.
Mi tornano in mente le parole di 
Wilhelm Busch: “Se uno, che a fatica è riuscito ad arrampicarsi su un albero, crede di essere già diventato un uccello, si sbaglia di grosso”.
 
Oskar Lafontaine
Nel post del 26 aprile Lafontaine affonda ulteriormente il coltello nella piaga, evidenziando come il presunto ambientalismo della Baerbock e la sua posizione sull’ingresso dell’Ucraina nella NATO rispondano essenzialmente agli interessi di Washington. Se ha così tanto a cuore l’ambiente, perché la Baerbock non dice nulla sull’importazione di gas da fracking dagli USA, mentre ogni giorno chiede a gran voce di porre fine al progetto NordStream 2? E, più ancora, che significa che l’Ucraina è un paese sovrano e può scegliere se aderire o meno alla NATO? E se Cuba accettasse di ospitare missili russi puntati contro gli USA o se il Venezuela decidesse di far stazionare truppe cinesi sul proprio territorio in cambio di aiuti economici? Non sono anche loro paesi sovrani? Che cosa direbbero i suoi amichetti americani?
Il mio post su Annalena Baerbock ha ricevuto molti consensi, ma ha anche suscitato forti critiche. I critici sembrano essersi particolarmente indignati per il fatto che io abbia definito Annalena Baerbock una bellicista.

Non mi sono affatto sbagliato. La “candidata a cancelliera” verde chiede oggi di intensificare la pressione su Mosca, di usare il pugno duro con la Cina e di mettere fine al sostegno del gasdotto NordStream 2. Forse ancora non sa che l’obiettivo principale degli Stati Uniti da un secolo a questa parte è “impedire un’alleanza tra Germania e Russia”, come ha detto il consigliere per la sicurezza statunitense George Friedman:” È una banale constatazione che per gli Stati Uniti sarebbe un problema se la tecnologia tedesca e le materie prime russe si unissero”.
Dovrebbe sapere, però, che l’industria automobilistica tedesca e i suoi dipendenti lo scorso anno erano ben felici che i cinesi acquistassero tante auto tedesche (in futuro ci saranno sempre più auto elettriche). I manager che ora strizzano l’occhio ai Verdi hanno chiaro in mente che cosa significherebbe per le loro aziende il pugno duro che la Baerbock chiede contro la Cina? Aggiungiamo, per amore di completezza, che lei chiede anche il dialogo.
Non c’è niente di verde nel chiedere la fine del NordStream 2. Sarebbe molto più verde, se mai, chiedere di interrompere le forniture alla Germania e all’Europa del gas da fracking degli USA, che è notevolmente più inquinante per l’ambiente. Ma su questo devo ancora sentire una parola.
È pericoloso, però, che alla richiesta del governo ucraino di aderire alla NATO non venga in mente di meglio ad Annalena Baerbock che la solita formula propagandistica di chi desidera accerchiare la Russia: “Gli stati sovrani possono decidere da soli sulle loro alleanze”. Dunque, non avrebbe niente in contrario se un domani l’Avana stringesse un patto di assistenza militare con la Russia e a Cuba stazionassero missili e truppe russe, giusto? Lo stesso vale per il Venezuela, che da anni viene bullizzato dall’imperialismo statunitense. Secondo gli studi degli economisti statunitensi Weisbrot e Sachs, più di 40.000 persone sono morte lì tra il 2017 e il 2018 solo a causa delle sanzioni americane. Il Venezuela potrebbe concludere un patto di assistenza con la più potente Cina, con il risultato che truppe e missili cinesi stazionerebbero sul suolo venezuelano. Che cosa ne penserebbero i suoi amici americani?
Ancora di più mi interesserebbe sapere che cosa hanno da dire Annalena Baerbock e i suoi sostenitori sulla mia “conclusione ingenua” riguardo agli Stati sovrani di Cuba e Venezuela. Vogliamo scommettere che non riceverò alcuna risposta?

Leggi anche:

Il North Stream 2: l’incubo della Casa Bianca

La guerra fredda verde

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale, Svizzera

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)