Intervista a Camilo Guevara: “Se crediamo che un mondo migliore sia possibile e che dobbiamo realizzarlo, allora dobbiamo dare l’esempio, e finora è quello che Cuba ha fatto.”

“Provo un grande affetto per il Popolo russo
che era così ospitale, solidale e affettuoso nei confronti dei cubani.
La loro storia, la loro letteratura, la loro arte mi sono care.
Sento i loro fallimenti e le loro vittorie come se fossero i miei.
Ho imparato ad amarli come se fossero miei.”

Camilo Guevara

sss

José Martí disse, in un articolo scritto in esilio, che “la patria è l’umanità“. Il punto di vista di Camilo Guevara ci sembra un contributo importante alla costruzione o alla salvaguardia di questa patria, perché a lui è toccato semplicemente, oltre che essere il figlio del Che, essere un figlio comune di un popolo così speciale come quello cubano. È comune, perché molti su quest’isola continuano a camminare in questa direzione e, forse, questa è l’unica cosa che conta davvero.

di Oleg Yasinsky
Fonte:
Ucraina
09.09.2016
Traduzione e aggiunte: GFJ

Intervista a Camilo, di Oleg Yasinsky

"Alla NATO non interessa l'indipendenza dell'Ucraina o degli ucraini."

Camilo, hai ha vissuto e studiato in URSS, quali sono stati i momenti e le esperienze che ti hanno maggiormente segnata durante quel soggiorno?

Il primo incontro con Mosca è stato molto speciale, non l’ho mai dimenticato, nonostante la mia pessima memoria. Era anche il primo viaggio fuori dal mio Paese, ero un po’ euforico, anche se non credo che si notasse.

Ciò che sapevo fino a quel momento sull’Unione Sovietica era frutto di testimonianze di altri e di informazioni ottenute dai media, oltre a un po’ di letteratura sovietica e pre-sovietica, soprattutto russa, e a molti film e documentari. Ho avuto anche insegnanti russi quando studiavo al Camilitos. Tutto questo era come un riflesso, qualcosa di etereo. Non ero mai stato in Russia e avevo un’immagine molto edulcorata e irreale di questo grande Paese.

Sono arrivato a Mosca nel settembre dell’81, appena diciannovenne. Sapete cosa significa. Ero pieno di aspirazioni, alcune banali, altre più elevate. Quella notte era fresca, quasi fredda, e mentre respiravo l’aria di Mosca provavo una sensazione stranissima. Avevo un’idea precisa di come dovevano essere le cose, quelle che si possono toccare e vedere, ma non avevo ancora assaggiato gli odori, respirato l’aria, sentito le stagioni. L’arrivo del nostro gruppo non è stato affatto curioso. Piuttosto, siamo passati inosservati, senza tamburi né cimbali. Tuttavia per me è stato, come ho già detto, molto speciale.

In seguito ho vissuto momenti molto piacevoli che ricordo con calore. Esperienze che segnano molto. Un’infinità di cose che, se non le avessi vissute, oggi sarei sicuramente una persona diversa.

Provo un grande affetto per quelle persone che erano così ospitali, solidali e affettuose nei confronti dei cubani. La loro storia, la loro letteratura, la loro arte mi sono care. Sento i loro fallimenti e le loro vittorie come se fossero i miei. Ho imparato ad amarli come se fossero miei.

La restaurazione del capitalismo nei Paesi dell’ex Unione Sovietica è stata una sorpresa per la mia generazione. Non sapevamo che già all’inizio degli anni ’60 il Che aveva messo in guardia da questo rischio. Quello che è successo ti ha sorpreso?

Sì, perché le previsioni, per quanto fondate, dipendono dall’esito di un milione di fattori. Stiamo parlando di una grande nazione che ha sviluppato una rivoluzione autoctona ed epica contro ogni previsione. Che ha sconfitto le orde nazi-fasciste a costo del sacrificio del suo popolo, facendo un favore inestimabile all’umanità. I sovietici compirono imprese di vario genere e in innumerevoli campi. Sono uno di quelli che crede che nemmeno i critici o i nemici più obiettivi o viscerali dell’URSS si aspettassero una cosa del genere. Sono sempre stato convinto che non ci fosse forza capace di distruggere un’opera così grande. Ho sottovalutato la burocrazia politica, l’accumulo di errori e l’influenza capitalista sulla mentalità di alcuni leader.

Si è scatenata una valanga che stava accumulando energia da molto tempo. Il crescente discredito del progetto socialista sovietico e di un partito comunista letargico alimentò lo scetticismo prevalente e portò, di conseguenza, a un desiderio suicida. Penso, anche se non è di grande utilità, che in questo caso specifico alcune cose si sarebbero potute risolvere percorrendo una strada diversa. Tutto questo rimane una speculazione. Tuttavia, sono dell’opinione che poteva e doveva essere rinnovato, trasformato, ma senza cadere nel caos.

Il Che aveva avvertito che l’URSS stava già convivendo con il capitalismo. Soprattutto, cercò di mettere in guardia i rivoluzionari da questa situazione, perché vedeva che questo stato di cose avrebbe potuto annullare il tentativo di creare una società più giusta e umana. Comprendeva il danno che ciò avrebbe potuto arrecare alle forze progressiste di tutto il mondo. Dopo tutto, l’Unione Sovietica è stata a lungo il grande riferimento ideologico per molti.

Quali sono state, secondo te, le principali debolezze o contraddizioni del socialismo sovietico che ne hanno reso possibile il crollo? All’interno della sinistra post-sovietica la questione si riduce solitamente alla discussione tra trotskismo, stalinismo e critica di quest’ultimo, ma c’è qualcosa di più fondamentale?

Credo che sia comunque necessario fare un’analisi il più possibile scientifica. Vale a dire, spogliati di qualsiasi accenno di sentimentalismo o affinità ideologica per arrivare a un risultato più o meno preciso. Non chiedo che questo tema venga affrontato senza prospettive militanti o di classe, questo è impossibile, chiedo solo che venga visto come un’esperienza che deve essere messa a nudo, radiografata, auscultando ogni minima parte insignificante per scoprire le radici di ciò che è stato sbagliato o giusto, perché quell’esperienza è forse, in una versione migliorata, l’unico modo per salvarci come specie.

Di chi è la responsabilità? Semplice, a chi è convinto che il capitalismo sia una barbarie e che sia un momento storico da superare.

Molti pensavano che la soluzione fosse il socialismo, ma quale socialismo? Il socialismo che i bolscevichi hanno avviato con Lenin non è lo stesso di quello dei soviet con Stalin. O il socialismo vietnamita, cinese o cubano. Il socialismo si è adattato alle caratteristiche di ogni luogo, mostrando progressi folgoranti o sconfortanti battute d’arresto, per cui è possibile trovare una gamma molto ampia di opzioni, tanto che sarebbe legittimo chiedersi se alcune, o forse tutte, non siano mai diventate tali, ma un pallido riflesso di ciò che si potrebbe ottenere. Quindi si trova una gamma molto ampia di opzioni che probabilmente sono solo un formidabile sforzo che non è mai sbocciato del tutto. Vale a dire che ogni esperienza deve essere raffinata, senza timori. Dovremmo discernere ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, basandoci sull’umanesimo rivoluzionario e sui valori che ci rendono nobili. Abbiamo il dovere di trasformare le nuove esperienze in qualcosa di positivo al cento per cento, che è il modo in cui potrebbero funzionare e durare nel tempo.

Se tutto si riducesse a una semplice discussione tra trotskisti e stalinisti, trovare la soluzione sarebbe relativamente facile. Temo che la questione sia molto più complessa. Si tratta di risolvere un immenso accumulo di questioni economiche, psicosociali, politiche e di ogni tipo che minacciano il normale funzionamento di una nuova società che, come se non bastasse, nei suoi profusi tentativi di formazione non è mai riuscita a dormire su un materasso di petali, ma piuttosto di spine, assediata da una marea di difficoltà e urgenze molto difficili da risolvere. Ciononostante, c’è molto da essere orgogliosi delle esperienze in questione.

Nonostante le ovvie battute d’arresto, devo dirvi che non abbiamo assistito alla fine. Alcune esperienze sono state smantellate perché si allontanavano dall’essenza. Ma ci saranno nuove rivoluzioni. Alcuni ripetono gli errori, altri migliorano. E così, a poco a poco, arriveranno quelli veri. Credo sinceramente che le risposte possano essere trovate in modi diversi, perché ogni caso sarà particolare, anche se dovranno soddisfare alcuni parametri essenziali, come essere un’alternativa al capitalismo, avere uno spirito comunitario, essere profondamente umani, essere solidali, nobili e giusti, essere razionali, ecc.

L’ultradestra nazionalista ucraina, che ha preso il potere a Kiev, in molte pubblicazioni e nel suo discorso ufficiale ha assicurato che il Che era un ammiratore della guerriglia anticomunista dell’Esercito Insurrezionale Ucraino (UPA), aveva imparato da loro le tattiche, nella battaglia per Santa Clara era stato consigliato da loro e aveva persino invitato il loro leader Stepan Bandera a partecipare alla lotta contro Batista. Credo che sarebbe importante che commentassi questo aspetto.

È assolutamente improbabile e grossolano. Naturalmente non si tratta di un’affermazione ingenua. Si tratta di utilizzare il potere di convocazione del simbolo che rappresenta il Che a vantaggio della reazione. Purtroppo ci sono molti sempliciotti che sono pronti a credere a qualsiasi fesseria senza fermarsi un attimo a pensare. I reazionari lo sanno bene e ne approfittano.

Non si tratta di un fatto accidentale o isolato. Una volta mi hanno raccontato che a una manifestazione neofascista in Italia sono apparsi striscioni con l’immagine del Che. Ho pensato che fosse una cosa di sinistra per fronteggiare la manifestazione, così ho chiesto al mio interlocutore: “C’è stata una grande rissa, vero?” Mi ha spiegato che i fascisti avevano portato gli striscioni come parte della loro identità, della loro liturgia. Questo è in parte il risultato del costante tentativo di separare la storia e il pensiero del Che dalla sua immagine, che ha avuto una diffusione molto particolare e universale.

Questo tipo di manovra tattica è frequente. La confusione è uno strumento molto efficace per avvicinare le masse, che determinano il corso degli eventi, alla loro parte. Spesso sono senza scrupoli e rozzi, il fine giustifica i mezzi. Col passare del tempo, che raggiungano o meno i loro obiettivi, possono cinicamente chiarire che la menzogna era necessaria per un bene superiore. E questo bene comune e più grande finirà probabilmente schiavo nelle mani, come sempre, del piccolo gruppo di privilegiati.

Non sto criticando il sentimento genuino di qualcuno per la propria terra. È qualcosa che, in questa fase dello sviluppo della civiltà, è naturale. Noi cubani lo sappiamo bene. Abbiamo anche visto “patrioti” che, per affrontare il presunto male che perseguita la patria, si danno anima e corpo al primo che promette loro ville e castelli. E, se necessario, rinunciano anche alla patria.

Siamo sempre stati molto gelosi della nostra sovranità e indipendenza. Sono cose sacre per le quali molti cubani sono morti nel corso dei secoli. È questo che ci rende ciò che siamo oggi. Una figura di spicco del XIX secolo fu l’amato generale Mambí Antonio Maceo, noto come il Titano di Bronzo. Lo cito perché immagino che la sua forza d’animo e la sua saggezza possano essere utili agli ucraini, nonostante le grandi differenze che ci separano. Maceo disse, di fronte alla possibilità che gli Stati Uniti ci “aiutassero” nella lotta contro la Metropoli spagnola, contro la quale i cubani stavano combattendo in quel momento: “dobbiamo affidare tutto ai nostri sforzi, è meglio ascendere o cadere senza il loro aiuto che contrarre debiti di gratitudine con un vicino così potente”. Alla NATO non interessa l’indipendenza dell’Ucraina o degli ucraini. Aspettano perché hanno bisogno di quel luogo per la sua ricchezza e la sua posizione geografica, e se lo lasciano nelle loro mani, vedranno quanto sarà difficile tirarli fuori. Oppure se ne andranno quando lo lasceranno in uno stato così disastrato che sarà impossibile ricostruirlo a breve termine, il che porterebbe molti dispiaceri al popolo ucraino. Che imparino dall’Iraq, dalla Libia e dalla Siria.

Sono colpito e commosso dall’affetto che i cubani nutrono ancora per il nostro popolo, che per voi è ancora il popolo sovietico, nonostante il tradimento dei leader della Perestrojka. Come vedi gli ultimi eventi e l’attuale guerra in Ucraina? Come è stato possibile?

A volte provo una grande impotenza quando vedo come i sentimenti di una nazione vengono manipolati a beneficio degli imperi. È ovvio che la guerra in Ucraina è contro la Russia. Può essere molto sconvolgente per un patriota vederlo o per altri vederlo in questo modo, ma è la verità. Almeno, questo è il modo in cui lo percepisco io.

L’intera area che oggi può essere divisa da confini è stata la culla delle tre nazioni slave che, a suo tempo, si sono unite alle repubbliche sovietiche. Le loro relazioni risalgono a molto prima che formassero, a seconda dei casi, un impero o un Paese. Il loro sangue e le loro culture sono mescolati. Sono stati a lungo alleati, fratelli, piuttosto che nemici o avversari. A causa di questo e di altri fattori politici e storici, non riesco a capire come permettano a interessi stranieri di metterli l’uno contro l’altro.

C’è stato un momento post-sovietico in cui c’era un equilibrio fragile, ma pur sempre un equilibrio, tra forze che vedevano la soluzione dei loro problemi in angoli opposti del mondo. In un’operazione di svendita, l’Occidente – chiamiamolo così, anche se l’epiteto non è esatto – ha cospirato con i suoi accoliti regionali per cambiare lo stato delle cose e inscenare un colpo di Stato. Iniziarono subito a cercare di stroncare la possibile reazione con il terrore, con la propaganda nazionalista e razzista, con campagne di tipo fascista. Di conseguenza, il calderone è esploso e con esso le varie proposte delle popolazioni di questi territori contesi. È stata persino proclamata l’indipendenza di alcuni.

Il cosiddetto nazionalismo è un estremismo dannoso che alimenta le passioni più basse. Non è un caso che siano stati alleati dei tedeschi nella Seconda guerra mondiale, né che i loro discorsi e la loro propaganda siano così retrogradi. Non hanno nulla da apportare ai valori positivi universalmente riconosciuti.

Rosa Luxemburg, credo ingiustamente, incolpò Lenin di aver creato il nazionalismo ucraino. È chiaro che sono arrivati a costituire un governo a seguito dell’indipendenza ottenuta dall’Ucraina, per espressa volontà dei rivoluzionari bolscevichi guidati da Lenin. Lei, voce influente, perché polacca, rivoluzionaria e intellettuale molto lucida (visse e fu assassinata in Germania), disse, in altre parole, che gli ucraini non avevano mai avuto uno Stato proprio e che non era necessario crearlo artificialmente. Sarebbe stato meglio approfittare delle circostanze per aggiungere questo territorio, che ospitava una nazione di etnia e identità slave, alla Russia, che, come sappiamo, stava vivendo una rivoluzione. Lenin non accettò l’idea perché una rivoluzione non può ignorare la volontà di un popolo, di una nazione. Se questo è accaduto, deve essere stato notoriamente democratico. E si noti che l’Ucraina era così importante per i rivoluzionari russi che Lenin sosteneva che le condizioni per fondare il socialismo non potevano essere create senza il bacino di Donetsk, e il ruolo strategico che l’intera Ucraina ha svolto nelle guerre contro la Russia è ben noto. Eppure hanno deciso di dargli l’indipendenza.

Al di là di ogni altra analisi, resta il fatto che oggi sono uno Stato a causa di quella circostanza, e non c’è il minimo segnale che i russi possano cambiarla o che siano interessati. Ciò di cui i russi hanno meno bisogno è la terra. Hanno bisogno di sicurezza, che può essere risolta con patti e buona volontà. Non capisco quindi come un vero patriota possa sostenere questo maldestro conflitto che, oltretutto, potrebbe avere conseguenze incalcolabili per tutta l’area. Non sarebbe più utile cercare di raggiungere accordi ragionevoli per calmare le acque? Sono certo che l’intera comunità internazionale, la comunità russa e gran parte della nazione ucraina lo accoglieranno con favore. Mi riferisco, sostanzialmente, ai popoli, poiché è noto l’interesse di alcune potenze e dei loro rappresentanti locali ad avvicinare la guerra ai confini della Russia.

Questi problemi non sono facilmente risolvibili. Richiede saggezza e pazienza. È necessario essere sani di mente. Ci vuole la volontà di abbracciare con le mani pulite, senza pugnali nascosti. Quando si scatenano le passioni più malsane, si commettono così tanti errori e crimini che poco importa chi avesse ragione o torto. Il danno sarà già fatto e le vittime principali saranno il popolo ucraino e russo. Non bisogna mai dimenticare una cosa che viene spesso detta ai bambini a Cuba: “chi spinge non colpisce se stesso”.

"Non dobbiamo dimenticare che l'obiettivo è il comunismo e non il socialismo. Quest'ultimo rappresenta una tappa da superare per raggiungere la tanto agognata vetta."

I media, che si auto-assumono il ruolo di occhi del mondo, da almeno un paio di decenni annunciano quasi quotidianamente l’imminente caduta del sistema cubano. Perché al socialismo cubano non è successa la stessa cosa che è successa ai “socialismi reali” europei, scomparsi dopo la caduta dell’URSS?

Non pretendo che la mia risposta sia la più corretta, ma intuisco che è perché la nostra giovane nazione ha un profondo desiderio di esistere come nazione. Il processo di colonizzazione ha dato origine a una nazione non omogenea dal punto di vista etnico e religioso. Tuttavia, è culturalmente omogenea, anche se è una cultura che accetta le influenze, senza dogmi che siano alla base di un unico modo di essere. È questo che dà maggior peso alla nostra identità. Questo include la lingua che, come sapete, è la stessa per tutti i cubani. Siamo un popolo unito nelle avversità. La nostra esistenza è minacciata perché il nostro secondo colonizzatore (gli Stati Uniti) non accetta l’idea dell’indipendenza e della sovranità di un Paese così vicino e piccolo che, per di più, lo ha affrontato con successo per troppo tempo. Questo ci fa stare sulla difensiva. E, quando ci rilassiamo, l’impero ci ricorda con qualsiasi atto, per quanto insignificante, che questo è fatale. D’altra parte, la nostra storia ci ha portato ad affrontare il dilemma se essere, nella migliore delle ipotesi, un protettorato o qualcosa di simile, soggetto ai capricci di qualche “grande” nazione, oppure essere una repubblica di uomini e donne liberi che hanno e difendono i propri interessi. La borghesia a Cuba esisteva. Alcuni hanno avuto successo anche nei termini in cui essi lo intendevano. Cioè, avevano proprietà, risorse finanziarie, ecc. ma non erano una borghesia con un progetto di nazione. I loro interessi erano strettamente legati a quelli di terzi, quasi sempre a quelli degli yankee che, essendo mille volte più potenti e anche il punto di riferimento ideologico, li relegavano in una sorta di succursale.

Questo ha fatto riflettere i cubani illuminati, che hanno deciso di fare qualcosa che ci avrebbe portato a un porto sicuro, senza tradire gli ideali fondanti dei nostri antenati pro-indipendenza. Ecco perché i veri rivoluzionari (alcuni prima che Fidel nascesse) vedevano già nel socialismo e nella rivoluzione armata la strada coerente da seguire per dare un futuro alla nazione e rovesciare lo status quo dominante.

Questo spiega perché, quando l’URSS e il campo socialista in generale sono crollati, Cuba ha continuato a lottare per quegli ideali. Erano un punto di riferimento, ma non erano l’unico motivo per cui volevamo e vogliamo continuare a provarci. Le condizioni sono davvero difficili e possono peggiorare ma, anche se si verificasse la variante più pessimistica e non fossimo in grado di realizzarla, ciò non significa che altri non lo faranno in futuro. Anche se i nemici del socialismo non lo accettano, è impossibile fermare il cambiamento. Il capitalismo non può attenuare le sue contraddizioni per sempre e più il balzo viene rimandato, più sarà difficile ristabilire l’equilibrio e più l’esistenza dell’umanità sarà minacciata.

Il socialismo come esperienza pratica è un neonato. Sarebbe poco comune se avesse un successo completo fin dall’inizio. L’intera storia dell’umanità ci dice che le cose non funzionano così. Per raggiungere la conoscenza, bisogna sperimentare, e questo ammette implicitamente l’errore e la successiva sperimentazione, finché non si raggiunge l’obiettivo. E quando l’obiettivo sarà raggiunto, ci saranno nuove sfide che dovranno essere risolte.

Al di là delle enormi conquiste e dei numerosi problemi irrisolti, quali sono secondo te i principali rischi e le sfide che il popolo cubano deve affrontare in questo momento?

Il primo è sostenere e sviluppare con successo il progetto nazionale di cui ho parlato prima, cosa estremamente difficile perché le condizioni non sono favorevoli. Ciò implica la sussistenza come nazione, che, a mio avviso, può essere raggiunta solo attraverso un progetto economico, politico e sociale, alternativo al capitalismo, come dettato dalla nostra storia.

A ciò si aggiungono le rinnovate relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti, che rappresentano una sfida senza precedenti per entrambi. È la prima volta che, come Paese indipendente, abbiamo rapporti di questo tipo con loro. Sono stati abbastanza franchi nell’ammettere che non hanno cambiato i loro obiettivi nei confronti di Cuba rivoluzionaria. Si stanno solo evolvendo, provando nuovi metodi per raggiungere il fine desiderato, che è quello di cancellarci. Non mi è chiaro cosa ci abbia “spinto” a fare questo passo. Suppongo che sia per dimostrare la nostra disponibilità al dialogo. È stato fatto uno sforzo a livello mondiale per far cambiare la loro posizione intollerante. Nell’atto sono stati isolati e, con una manovra politica che non è vano definire intelligente, hanno presentato una controproposta. Il fatto che abbiamo accettato la sfida deve quindi avere un certo peso politico e, naturalmente, economico. In ogni caso, mi sembra che cercare di costruire un rapporto costruttivo, rispettoso e reciprocamente vantaggioso tra pari, che è in definitiva il fine logico di tutto ciò, sarà un’impresa, se mai si riuscirà a ottenere qualcosa di significativo.

Da parte nostra ci sono molte richieste legittime che non sono molto disposti a soddisfare, e poiché sono un impero cercano anche di farci richieste di natura assurda, per equilibrare la bilancia. Quindi al momento ci troviamo in una sorta di limbo che non so come si risolverà. Ho fiducia nei nostri diplomatici e nel nostro governo, che in circostanze avverse hanno ottenuto trionfi molto importanti. Spero che questa volta sia lo stesso, nonostante i miei dubbi.

Un altro compito urgente è quello di contribuire a rafforzare l’alleanza e l’integrazione latinoamericana dei Caraibi. La situazione è ancora più complicata, perché ci sono forze potenti che fanno di tutto per seminare discordia nel nostro continente. Poiché la correlazione delle forze è mutevole e la strada intrapresa da una nazione o da un’altra dipende talvolta dalla volontà di forze esterne all’insieme delle forze progressiste, l’alleanza integrazionista è talvolta indebolita.

L’impero ha alleati di classe e ideologici in America Latina e nei Caraibi e sta rimettendo all’ordine del giorno, come priorità, quello che ha considerato il suo cortile di casa da quando è emerso come nazione e per questo sta usando tutti i tipi di risorse. Ora con ancora più forza, perché intendono sviluppare il blocco del Pacifico, uno stratagemma che permetterebbe loro di assicurarsi un grande mercato e alleati a scapito della Cina e di altri concorrenti o nemici giurati. Con lo stimolo che questo potenziale progetto rappresenta, stanno deliziando i loro accoliti nella zona e lanciano promesse nell’aria che più di un ingenuo ascolta con attenzione.

Allo stesso tempo, vedo la necessità di rafforzare le relazioni politiche ed economiche con il resto del mondo. Dal punto di vista politico, vedo che dobbiamo svolgere un ruolo attivo in tutti i forum internazionali, difendendo le cause più giuste e lodevoli. Dobbiamo mantenere e aumentare il più possibile il nostro sostegno a tutti quei Paesi che nessun altro aiuta e dove si trovano i nostri medici, insegnanti e tecnici, perché dobbiamo difendere il principio umanista di fare del bene soprattutto a chi ha più bisogno. Ma non come atto politico, bensì come atto di dedizione, di sacrificio per gli altri, comprendendo che così facendo si cresce e si migliora. Se crediamo che un mondo migliore sia possibile e che dobbiamo realizzarlo, allora dobbiamo dare l’esempio, e finora è quello che abbiamo fatto.

Considerando la storia come un processo di apprendimento costante, quali cambiamenti sono necessari a Cuba oggi per difendere la sua opzione socialista?

Non so se esistano ricette o verità assolute a questo proposito. I cambiamenti da apportare devono essere studiati caso per caso con grande attenzione e, allo stesso tempo, con coraggio e senza preconcetti. Le varie proposte da fare devono essere lucide e chiare. La saggezza e la volontà del popolo devono essere tenute in considerazione, così come quella dei nostri tecnici e professionisti del settore.

Prendere decisioni in questo senso comporta un’enorme responsabilità. È molto delicato e pericoloso se le cose non vengono fatte in modo razionale e con molta prudenza. Per questo ammiro chi, consapevole di ciò, prende decisioni assumendo il peso delle critiche e delle conseguenze.

A prescindere da questo, mi piacerebbe vedere una più intensa esplorazione in una direzione in cui all’impresa socialista e comunitaria vengano date opportunità reali, spogliate di tecnicismi obsoleti. Non si può pensare di cambiare qualcosa lasciandola imprigionata in un abito troppo stretto, in meccanismi obsoleti e, allo stesso tempo, mettendola in “competizione” con un’azienda privata a cui si lasciano le mani libere di fare e disfare a proprio piacimento. Si può affermare che l’equilibrio sarà sicuramente a favore del settore privato, a scapito di un potenziale che l’azienda pubblica non sarà in grado di dimostrare. Vorrei che si sperimentasse senza paura, coinvolgendo le persone senza dare false speranze. Che le persone siano consapevoli di poter commettere degli errori e, in tal caso, che abbiamo la possibilità di riprendere le cose dall’inizio per riprovare in altri modi, senza mai abbandonare i nostri sogni e le nostre speranze.

A volte, puntare su ciò che si suppone sicuro, come dare una possibilità ai rapporti di produzione capitalistici, può significare un passo indietro irreversibile che crea le basi per diventare, ancora una volta, una sorta di colonia yankee. Vedo un grande pericolo in questo. L’altro è che si rinvii progetto nazionale cubano, di cui abbiamo tanto bisogno, come una proposta in più per il mondo.

Qui in America Latina stiamo vivendo un momento di grande difficoltà per i cosiddetti governi progressisti. Comprendendo che si tratta di realtà e situazioni molto diverse, qual è secondo te il problema più urgente che la sinistra regionale dovrebbe risolvere?

Senza un progetto alternativo, senza una piattaforma rivoluzionaria, cosa puoi proporre? Sempre la stessa cosa. È essenziale, prima di tutto, avere questo progetto alternativo. Nel caso in cui lo si abbia, è essenziale farne un’analisi critica per scoprirne le debolezze o le incongruenze, al fine di trasformarlo in qualcosa di veramente rivoluzionario. Una volta messo in moto, è necessario correggere costantemente il tiro, perché non esiste un’impresa umana perfetta.

Le buone opere si possono trovare in molti luoghi, ma un progetto ben pensato ed equilibrato è molto difficile da trovare al giorno d’oggi. È necessario dargli continuità, renderlo efficiente, equo, razionale, un ideale. È chiaro che è relativamente facile parlare delle proprie o altrui mancanze. Ciò che è difficile è elaborare un piano d’azione per superarli.

Un’altra difficoltà, direi, che la sinistra mondiale, deve affrontare è la questione dell’unità. Non per niente Marx lanciò lo slogan “Proletari di tutti i Paesi del mondo, unitevi”. Nella storia, tutti gli imperi hanno seguito la massima “divide et impera”. La disunità corrode il potenziale che deriva dal fatto che lo sfruttamento e l’oppressione stanno diventando sempre più globali, creando in ogni istante sempre più nuove vittime, al posto di diminuire i privilegiati.

Uno dei risultati più impressionanti della rivoluzione cubana è stato il raggiungimento dell’unità del nostro popolo. La mancanza di unità è stato il tallone d’Achille di tutti i movimenti rivoluzionari, compresi quelli del XIX secolo, che hanno preceduto la rivoluzione del 1959, guidata da Fidel, e il movimento del 26 luglio. Prima mi ha chiesto quali sono le cause che hanno reso possibile la nostra sopravvivenza di fronte alla scomparsa del campo socialista. Ebbene, una causa importante che ho dimenticato di sottolineare è questa: la nostra unità come popolo.

Se tutta la sinistra, lasciamo perdere il simbolo di ciascuno di noi, si unisse per un secondo, allo status quo resterebbe solo quel secondo di vita.

 "Sono un ottimista, e per questo credo che le rivoluzioni più genuine, nate da un'esigenza reale della gente, siano quelle che si trovano nelle migliori condizioni per sopravvivere. Quella cubana è una di queste."

Tra tanta sinistra rinnovata e pentita, che ha smesso da tempo di essere tale, e quella intrappolata nel dogmatismo di ieri, le nuove generazioni cercano nuove strade. Quali sono, secondo te, le principali differenze tra il socialismo di questo secolo e quello del Novecento?

La sfida fondamentale è che devono essere veritieri. Se osserviamo da vicino i modi di produzione dissimili che si sono succeduti nella storia dell’umanità, vedremo che sono nati uno dentro l’altro. Il socialismo dovrebbe infrangere questa regola. È il ponte stesso. Si tratta di un periodo di transizione per raggiungere un fine che presumiamo essere il comunismo. Qualcosa che non è mai stato raggiunto, anche se qualcuno potrebbe pensare di averlo sperimentato a un certo punto perché ce n’era abbastanza per tutti, distribuito con una certa equità. Ma il comunismo è molto di più di una corretta distribuzione della ricchezza, una società senza crisi e senza classi in perenne lotta all’ultimo sangue. Il comunismo implicherà un modo diverso di vivere e di essere, alimentando una società in cui prevalgano la morale e l’etica guidate da una solidarietà totalizzante tra gli esseri, in cui la norma sia agire guidati da principi e valori veramente umani, in cui il lavoro non rappresenti il peso della sussistenza, ma il godimento spirituale. Senza queste qualità, cosa sarebbe la nuova società? Non dobbiamo dimenticare che l’obiettivo è il comunismo e non il socialismo. Quest’ultimo rappresenta una tappa da superare per raggiungere la tanto agognata vetta.

Nessuno ha detto che questo cade come manna dal cielo. Per raggiungerlo è necessario lottare e lavorare sodo. I potenti non soffrono di crisi di coscienza. Non cambiano gli ordini da loro stabiliti perché i bambini muoiono di miseria. Dormono tranquillamente. Sono il frutto e la conseguenza dei rapporti di produzione che li creano, ed è la loro natura di classe che dice loro come agire. Sono più o meno spietati a seconda del livello di resistenza, se sono messi alle strette, se sono più o meno maturi come classe. Ciò significa che cessano di essere una classe in sé, per diventare una classe per sé, quella che detiene il potere e cerca di perpetuarsi nella soggettività ideologica. Hanno i loro filosofi dell’oppressione, subordinano l’apparato statale e i governi alla soppressione di tutto ciò che è contrario e avverso a loro. Tuttavia, hanno una grande debolezza: a differenza di noi, non possono vivere senza il loro nemico di classe, perché è il vero sostegno della loro esistenza. Senza plusvalore non c’è capitalismo. Pertanto, bisogna strappare loro il potere, distruggere le loro forme di sostentamento economico (plusvalore) e ideologico, distruggere i loro eserciti, i meccanismi che generano l’ordine stabilito, ecc.

Si ritiene che in alcuni casi ciò possa essere raggiunto in relativa pace, ma credo che, man mano che le rivoluzioni si radicalizzano, maturano e intraprendono azioni efficaci per smantellare il sistema precedente, diventa chiaro che le convulsioni e i capricci di un uomo morente possono essere letali. O la classe che rappresenti vince o c’è, subito o lentamente, la restaurazione dell’oppressore deposto, con tutto ciò che ne consegue. Questa è la fase della reazione più violenta.

Un’ultima cosa a questo proposito: tutte o quasi le rivoluzioni autentiche hanno avuto un periodo di fioritura, dopo aver superato grandi ostacoli, che ci hanno fatto pensare che tutto sarebbe andato nella stessa direzione, e poi hanno dovuto sperimentare realtà, dovute a cause interne o esterne o entrambe, che le hanno obbligate a cambiare rotta. Sono un ottimista, e per questo credo che le rivoluzioni più genuine, nate da un’esigenza reale della gente, siano quelle che si trovano nelle migliori condizioni per sopravvivere. Quella cubana è una di queste.

Per me la cosa più rivoluzionaria nel pensiero del Che è la sua idea di uomo nuovo. Sento che se non si sogna e non si costruisce questo uomo nuovo: coerente, solidale, senza paure o doppi standard, libero dalle meschinità che il sistema capitalista ci inculca ogni giorno, nessun cambiamento economico ha senso. Forse il fallimento del modello sovietico ne è la prova più evidente. Da dove pensi che nasca o si costruisca questo uomo nuovo?

Prima e dopo la nostra epoca, compreso Cristo nella selezione, hanno brillato molti uomini e donne che si sono distinti nel loro tempo per virtù eccezionali che li hanno differenziati dagli altri e li hanno resi un esempio da seguire. Alla fine furono annunciatori di tempi nuovi, di nuovi valori, di atteggiamenti più umani e speranzosi, che i loro contemporanei avrebbero voluto vedere più diffusi. È naturale che la proliferazione meccanica delle loro virtù nella società sia stata ritenuta una possibile soluzione ai mali della società.

D’altra parte, questi paradigmi sono stati una testimonianza eccezionale del fatto che è possibile diventare diversi, anche quando le condizioni non erano ideali. La volontà dell’essere umano di affrontare l’ambiente era presente. Forse questi modelli di vita ne sono stati la genesi, ma il concetto di uomo nuovo che il Che ha utilizzato ha un’origine più attuale e scientifica. Molti rivoluzionari, compresi i classici del marxismo, hanno dato un peso specifico all’opera trasformatrice dell’essere nella società. È stata vista come un dialogo fluido e intenso tra l’individuo e il tutto, poiché la società non è un’entelechia concettuale. È l’insieme delle volontà che convivono in una comunità, e in una socialista il riscontro dovrebbe essere più armonioso.

Anche i soviet hanno dato spazio al sogno di un uomo nuovo nelle prime fasi della rivoluzione, ma era legato alle matasse dello stalinismo. Almeno questo è quanto sostengono alcuni. Quello che capisco, senza esserne del tutto sicuro, è che fino al Che nessuno aveva accumulato l’idea, né era stato così coerente con essa a livello teorico e pratico, tanto che non solo sognava quello che è più o meno ovvio per chi ha fiducia nel miglioramento umano e capisce che non possiamo rimanere bloccati in quello che siamo oggi, ma cercava di costruire per esso un habitat, una società e un’economia che fossero in grado di riprodurlo. Ha anche agito consapevolmente nel plasmare la soggettività di quell’individuo e la sua educazione. Purtroppo non ebbe il tempo di approfondire e sviluppare ulteriormente l’idea.

Questo concetto di “uomo nuovo” ha senso solo in una società socialista o comunista. C’è una dipendenza insormontabile che li costringe a una simbiosi. La società li “costringerebbe” ad agire secondo una coscienza coltivata e consapevole dei bisogni. Le possibilità diventerebbero più ampie, poiché la società si svilupperebbe come risultato, allo stesso tempo, dell’azione dell’individuo. Per Che, tutta questa azione, senza un’etica umanista e solidale, rimarrebbe incompiuta, non sarebbe una concezione felice, e lo sottolineava. Ovviamente, con il consolidamento della società comunista, molte di queste richieste sarebbero diventate superflue, poiché l’armonia risultante avrebbe dato vita “automaticamente” all’uomo nuovo.

Vale a dire, da un lato, una società giusta, armoniosa e umana e, dall’altro, l’individuo, centro e frutto di questa società, con la capacità di migliorarsi e di correggere ciò che è sbagliato e contraddittorio. È qualcosa che potrebbe sembrare molto utopico o teorico, eppure lui e altri compagni hanno cercato di costruirlo. Oggi ci sono ancora barlumi di quell’uomo nuovo, un riflesso vigoroso dell’azione della rivoluzione nello spirito dell’individuo. Lo si vede, per citare solo un esempio, nei tanti medici che vanno in missione internazionalista in zone remote del continente africano, dell’America Latina o di qualsiasi altra parte del mondo, che rischiano ogni giorno la propria vita per salvare quella degli altri.

"Siamo un'istituzione che vuole fare la sua parte nella trasformazione del mondo verso un mondo migliore. Se questo ci rende affini e partner nella lotta dei movimenti e delle organizzazioni sociali, è un privilegio e siamo pronti a condividere con loro questo patrimonio arricchente."

Quali sono i possibili punti di incontro e di contributo reciproco tra il Centro Studi Che Guevara di Cuba e i movimenti e le organizzazioni sociali di altri Paesi?

Siamo un centro studi modesto che ha legami con molte entità nel Paese e nel mondo, che non cerca di fare più di quanto può. Ci sforziamo di contribuire con i frutti del nostro lavoro all’approfondimento dello studio e alla diffusione del pensiero e dell’opera del Che, affinché sia conosciuto in tutta la sua estensione e grandezza. Svolgiamo un lavoro accademico che affrontiamo con obiettività e rigore scientifico. Facciamo parte del progetto UNESCO “Memoria del mondo”, quindi la nostra collezione è un patrimonio di riconosciuta importanza che può essere utile a molti. In breve, siamo un’istituzione che vuole fare la sua parte nella trasformazione del mondo verso un mondo migliore. Se questo ci rende affini e partner nella lotta dei movimenti e delle organizzazioni sociali, è un privilegio e siamo pronti a condividere con loro questo patrimonio arricchente.

 

 

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura, Internazionale, Svizzera

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)