Intervista a Gerardo Hernández, eroe della Repubblica di Cuba e Coordinatore Nazionale dei Comitati per la Difesa della Rivoluzione

“Il mio unico progetto è quello di continuare a servire il popolo cubano ovunque lo si ritenga necessario.”

di Denis Rogatyuk (*)
Fonte:
Traduzione e aggiunte: GFJ
15 febbraio 2023

GERARDO HERNÁNDEZ NORDELO,Coordinatore nazionale dei Comitati per la difesa della rivoluzione (CDR). Membro del Comitato centrale del Partito e del Consiglio di Stato della Repubblica di Cuba.

L’intervista

Denis Rogatyuk: Oggi abbiamo il grande onore di essere con Gerardo Hernández, leader dei “cinque eroi” cubani e ora coordinatore nazionale dei Comitati per la difesa della rivoluzione (CDR). È un uomo conosciuto come colui che ha rischiato la vita per perseguire la giustizia e la sicurezza per il futuro del suo Paese. Ha trascorso 16 anni, tre mesi e quattro giorni in prigione, solo per il reato di aver tentato di prevenire attacchi terroristici contro Cuba.

Vorrei iniziare l’intervista con il tema dei Comitati in difesa della rivoluzione. Può raccontarci brevemente la storia di questi gruppi?

Gerardo Hernandez: Beh, nel 1959 la Rivoluzione ha trionfato. E da quella vittoria iniziarono i piani degli Stati Uniti per sconfiggerla. Finanziarono organizzazioni, gruppi, bande armate nelle montagne e nelle città. La CIA cercò di organizzare sabotaggi che colpissero il popolo. Nel 1960, Fidel visitò le Nazioni Unite e al suo ritorno il popolo lo aspettava nell’ex palazzo presidenziale della Rivoluzione.

E lui, da un balcone di quel palazzo, di fronte a una folla di 1 milione di persone. E Fidel spiegava nel discorso le sue impressioni sulla visita a New York. È stato un viaggio davvero memorabile per gli eventi che sono accaduti lì. Nel bel mezzo del discorso, furono esplosi alcuni petardi, con l’intenzione di creare il panico. Al contrario, i presenti hanno iniziato a cantare l’inno nazionale. E allora Fidel ha detto: “Stanno giocando con il popolo e non sanno cosa significhi giocare con il popolo. Faremo in modo che questa città scopra chi sono i nemici della Rivoluzione. In ogni isolato, in ogni quartiere, in modo che non possano farci queste cose e creeremo un’organizzazione di massa“.

Questo discorso del 28 settembre 1960 segnò l’inizio dell’organizzazione. Infatti, qualche mese fa mi trovavo a Pinar del Río e parlavo con un uomo già ottantenne che mi ha detto: “Ero presente a quel discorso, quel giorno ad ascoltare Fidel e sono partito da lì per la mia provincia, Pinar del Río e ho fondato a Pinar del Río il primo CDR, il primo Comitato per la Difesa della Rivoluzione”.

Da lì cominciarono a sorgere in tutti i quartieri del Paese.

Denis Rogatyuk: Quindi era autonomo.

Gerardo Hernandez: Esattamente. I vicini sceglievano chi volevano che fosse il loro rappresentante, il loro presidente del CDR. In tutta la storia rivoluzionaria di Cuba non c’è un evento a cui i Comitati per la Difesa della Rivoluzione non abbiano partecipato, perché i CDR hanno avuto molto a che fare con la campagna di alfabetizzazione, con la partecipazione alle campagne di vaccinazione per sradicare le malattie e con la recente lotta contro la COVID-19.

Abbiamo un ruolo molto importante. È un’organizzazione che è stata anche pesantemente attaccata dai nemici della Rivoluzione. Come tutti quegli elementi, gli oppositori della rivoluzione sostengono che i CDR spiano gli altri vicini, ecc. Ma i fatti sono che i CDR si impegnano nella sorveglianza rivoluzionaria, con l’autodifesa degli abitanti del nostro quartiere, ma ha anche una componente sociale molto alta.

Ad esempio, svolgiamo un ruolo importante nel reinserimento delle persone che hanno scontato una pena in carcere. Li seguiamo quando vengono rilasciati e si integrano nella società, nel loro quartiere, con attenzione alle loro famiglie. Attraverso i CDR identifichiamo le persone che hanno bisogno di aiuto, di ricevere cibo e medicine.

I CDR sono presenti in ogni isolato, in ogni quartiere, e ci sono altre iniziative che ci hanno caratterizzato negli anni, come le donazioni di sangue, l’organizzazione del territorio, la raccolta di materie prime per aiutare l’economia.

Ora abbiamo appena concluso un processo elettorale e i CDR svolgono un ruolo importante nella preparazione dei registri elettorali e in altre fasi del processo. Organizziamo gli elettori che vivono in ogni luogo, quelli che arrivano per votare, le persone che sono decedute, quelle che sono nate in un altro Paese e quelle che hanno spostato la residenza. Inoltre, incoraggiamo le persone ad andare a votare. Spieghiamo l’importanza delle elezioni, ci occupiamo dei seggi elettorali, delle informazioni che vengono messe nei luoghi, insomma, è un’organizzazione che ha a che fare praticamente con tutti gli aspetti della vita a Cuba.

Denis Rogatyuk: Può spiegare in modo un po’ più dettagliato quale ruolo hanno avuto i CDR in periodi particolarmente difficili della storia cubana, come il periodo speciale degli anni ’90?

Gerardo Hernandez: I CDR hanno fatto parte di ogni capitolo della Rivoluzione. Qualche mese fa, in occasione dell’anniversario dell’organizzazione, un medico internazionalista ci ha fatto visita qui.

Ora, durante il Periodo Speciale, anche noi abbiamo svolto il nostro ruolo, perché gli occhi della rivoluzione in un quartiere sono proprio i CDR. E se ci sono persone che hanno bisogno di maggiore aiuto a causa della loro vulnerabilità dovuta alle particolarità di una famiglia, sono i vicini che danno una mano quando c’è un fenomeno atmosferico, quando si tratta di mobilitare i CDR insieme alla Federazione delle Donne Cubane.

Il Periodo Speciale, che è stato attuato allora ed è stato ripreso negli ultimi anni, è una campagna che chiamiamo “Coltiva un pezzettino“, che consiste nel motivare le persone a coltivare un pezzo di terra, un patio, un giardino e persino i tetti delle case.

Conoscete la difficoltà che c’è con la questione del cibo e ci sono molte persone che si sono unite a questo movimento e coltivano in piccoli appezzamenti sui tetti degli edifici delle case, luoghi che in un certo momento non appartenevano a nessuno, o erano un terreno abbandonato o una discarica, o vettori di ratti, ecc. Così i vicini si sono riuniti, li hanno ripuliti e li hanno trasformati in terreni coltivabili.

È un programma che è stato deriso dai nemici della Rivoluzione, perché, ovviamente, è sconveniente a loro. È un esercizio che, oltre a produrre cibo in quanto tale, che è già una buona cosa, porta anche unità, coesione tra i vicini. Ci sono vicini che in molti luoghi si conoscevano a malapena e che, grazie a un’iniziativa di questo tipo, hanno accettato di ripulire insieme questo luogo e di trasformarlo in uno spazio pubblico.

Ebbene, questo porta già a una funzione sociale, a un’unione, a una solidarietà tra vicini, che ovviamente i nemici della Rivoluzione non vogliono e per questo hanno criticato il nostro programma. Ma è un programma che ha fatto progredire la produzione alimentare e ci sono anche luoghi in cui sono già stati fatti progressi su scala maggiore, perché i residenti non solo producono, ma si scambiano tra loro, donano alle scuole, donano alle “case dei nonni” e ai ricoveri. Hanno anche iniziato a liofilizzare il cibo per dare valore aggiunto ai prodotti che coltivano.

Ci sono progetti in tutto il Paese in cui sono stati fatti molti progressi.

Denis Rogatyuk: Ho già sentito parlare di questo programma, ma non sapevo che fosse un progetto del CDR.
Vorrei parlare delle minacce che Cuba ha dovuto affrontare negli ultimi anni da parte dell’intelligence statunitense e dei suoi alleati. Abbiamo visto i suoi metodi evolversi dall’uso del terrorismo e della violenza fisica negli anni ’60, ’70, ’80 e ’90 fino alla guerra psicologica e all’uso di tattiche progettate per privare lentamente la rivoluzione del suo sostegno popolare.
Tuttavia, i risultati rimangono gli stessi. La Rivoluzione cubana resiste. Quali sono le ragioni principali di questa resistenza?

Gerardo Hernandez: Come ben sai, abbiamo fatto una rivoluzione sotto il naso dell’impero e loro non ce l’hanno mai perdonato. Una piccola isola, che era praticamente un loro protettorato, dove l’economia era nelle mani delle grandi aziende statunitensi, ha fatto la rivoluzione cercando di dimostrare che un sistema diverso è possibile, che un mondo migliore è possibile. Il fatto che l’abbiamo fatto ad appena 90 miglia dalle loro coste è una ragione sufficiente perché non ci perdonino. Già prima del trionfo, gli Stati Uniti stavano analizzando i modi per impedire a Fidel e ai suoi compagni di salire al potere e da allora hanno cercato in tutti i modi di distruggere la Rivoluzione.

Questi metodi si sono adattati nel tempo. Se leggete e cercate il famoso memorandum di Lester Malory, esso spiega passo dopo passo che il governo di Castro è molto popolare e che bisogna fare tutto il possibile per colpire proprio la sua immagine. Afferma che le viti economiche devono essere strette in modo che il popolo sia privato delle sue necessità, in modo che la gente scenda in strada, in modo che la gente incolpi il governo. Quando si legge il memorandum sembra che sia stato scritto oggi ed è il copione che hanno seguito con l’imposizione del blocco, con tutte le aggressioni e le campagne mediatiche contro Cuba.

Ora è un mondo diverso. Un tempo si doveva finanziare una radio chiamata Radio Martí o Televisión Martí e non so quante altre stazioni che costavano molto denaro per cercare di penetrare nelle menti del popolo cubano, e questo era molto più facile da combattere.

Ma ora siamo nell’era di Internet. Ora chiunque può ricevere qualsiasi tipo di informazione sul proprio telefono. Quindi hanno adattato i loro attacchi contro Cuba alle nuove tecnologie. E questa è una grande sfida. I nostri ragazzi, i giovani, gli studenti, io per esempio, non visitiamo mai nessun sito controrivoluzionario. Tuttavia, non appena entro in Facebook iniziano a spuntare le raccomandazioni di pagine controrivoluzionarie. Eppure Facebook non mi suggerisce mai un sito rivoluzionario. Ad esempio, non mi raccomanda mai El Ciudadano.

Molte campagne mediatiche sono state dirette a leader d’opinione a Cuba – artisti, atleti, personaggi noti, per attirarli e aggiungerli a questa campagna?

C’è un detto che recita “la scimmia danza per denaro” e c’è chi fa di tutto per denaro. Tuttavia, abbiamo artisti che un giorno lodano il presidente Miguel Diaz-Canel, ma tre mesi dopo dicono che Cuba è una dittatura. Com’è possibile che in tre mesi si cambi idea? Persone che fino ad oggi non hanno mai avuto un problema politico non si sono mai lamentate di un problema politico. Ma una volta arrivati negli Stati Uniti si rendono conto che per avere successo o aspirare al successo bisogna definirsi in questo modo e parlare contro la Rivoluzione.

Denis Rogatyuk: Ma Gerardo, in questo preciso momento, quali sono le campagne e le operazioni più importanti che il governo degli Stati Uniti e la CIA stanno portando avanti contro la Rivoluzione cubana?

Gerardo Hernandez: Beh, sarebbe difficile dirlo, perché contro Cuba è stato scagliato di tutto e senza tregua. Potrei citare alcune delle più assurde e offensive. Per esempio, sapete che l’amministrazione Trump ha reinserito Cuba nella lista dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo. Per molti anni Cuba è rimasta in quella lista con pretesti completamente assurdi che sono andati variando fino a diventare sempre più illogici e assurdi.

Ma durante l’amministrazione Obama è stato compiuto un atto di giustizia e Cuba è stata rimossa da quella lista, che è anche una lista priva di qualsiasi credibilità. Nemmeno i funzionari statunitensi credono in quella lista per quel che riguarda Cuba, perché sanno che si tratta di una lista usata per scopi politici.

Ma da quando Cuba è stata aggiunta di nuovo, questo comporta tutta una serie di misure economiche e finanziarie contro i Paesi che fanno affari con Cuba, come le banche. Queste ultime, a loro volta, non possono continuare a offrire servizi a Cuba perché la legge degli Stati Uniti dice che qualsiasi organizzazione finanziaria che collabori, che agisca in un certo modo con un Paese che sostiene il terrorismo, verrebbe immediatamente sanzionata.

In altre parole, la questione va ben oltre l’inserimento in una lista. È tutto ciò che comporta che vi è un progetto per continuare a soffocare Cuba economicamente e finanziariamente. Questa è una delle tante campagne, giusto? Naturalmente, l’uso della questione dell’immigrazione per scopi politici, come ho già detto. Cioè, si afferma che Cuba è cattiva:

Guarda come parla la gente, guarda come fa canottaggio, guarda come si butta in mare rischiando la vita“. Perché non guardate il Rio Grande o quello che succede nel deserto dell’Arizona? Chi arriva negli Stati Uniti in fuga dal capitalismo viene poi cacciato e deportato.

Sono stato imprigionato con persone provenienti da diversi Paesi dell’America Latina che sono state detenute per essere ri-entrate nel Paese. Sono stati catturati, deportati e poi ripresi mentre rientravano nel Paese, e sono stati automaticamente condannati a dieci anni di carcere. Inoltre, in molti casi si tratta di persone che sono entrate negli Stati Uniti molto giovani, sono cresciute nel Paese, parlano a malapena lo spagnolo, hanno cresciuto le loro famiglie nel Paese, hanno i loro figli, le loro mogli, e non hanno nessuno, diciamo in Messico o in El Salvador.

Tutta la loro famiglia è negli Stati Uniti e un giorno, dopo 20 o 30 anni, hanno commesso un crimine o una violazione del codice della strada, si sono resi conto che era illegale e sono stati separati dalle loro mogli, dai loro figli e mandati nel paese dove non conoscono nessuno e in molti casi non conoscono nemmeno la lingua.

Così quella persona non ha altra alternativa che attraversare il deserto ed entrare, rischiando dieci anni di prigione. Nel caso dei cubani è il contrario. Se sei cubano o se sei un medico cubano, un professionista, puoi andare in un consolato di qualsiasi altro Paese e dire “sono cubano, voglio approfittare della Legge di Aggiustamento Cubano” e loro ti guideranno per avere tutto l’aiuto del mondo.

Il furto di cervelli è progettato per privare Cuba dei medici di tutto il mondo, per rubare le menti più brillanti di Cuba e usarle con l’obiettivo di dire “no, guardate, guardate come sta male Cuba, come la gente si butta in mare, come la gente se ne va”. In questo caso, la politica dell’immigrazione viene usata come arma di propaganda contro Cuba e le campagne sono molte a partire dallo sfruttamento del nostro medico, “i medici cubani sono schiavi che vengono spediti in altri Paesi”.

Si fanno persino pressioni sui governi, sulle amministrazioni di quei Paesi affinché non accettino medici cubani. Riuscite a immaginare un livello di ossessione più assurdo e criminale che fare pressione sul governo di un Paese affinché non accolga i medici cubani che stanno per salvare vite umane? È qualcosa di veramente inconcepibile. E questa è solo una delle tante campagne, perché si tratta di un intero apparato di propaganda con milioni di dollari dedicati a travisare la realtà di Cuba e ad aumentare i problemi di Cuba.

Denis Rogatyuk: Il caso più recente è quello del Messico, dove i membri del Congresso degli Stati Uniti hanno fatto (inutilmente, ndt) pressione sul governo messicano, ma ci sono molti altri governi di Paesi che hanno dovuto dire di no ai medici cubani, anche se ne avevano davvero bisogno.
Gerardo, come vedi la leadership del Presidente Miguel Díaz-Canel? Qual è stato il suo ruolo in questa fase della rivoluzione cubana rispetto alla leadership di Fidel e Raúl?

Gerardo Hernandez: A mio parere, non come leader dei CDR, ho una straordinaria ammirazione per lui perché ha avuto un ruolo molto difficile, che è quello che si dice popolarmente, di occupare i panni dei leader storici della Rivoluzione.

Noi, per più di mezzo secolo, abbiamo vissuto ammirando Raúl e Fidel perché erano i padri di questa rivoluzione. E nel caso di Díaz Canel, è la prima volta che il Paese è guidato da un figlio della Rivoluzione, non da un padre della Rivoluzione. Questo è di per sé tremendamente difficile.

Ora, se a questo si aggiunge il fatto che l’imperialismo ha scommesso per molti anni su quel momento, da quando è arrivato il cambio generazionale, ha cercato con tutti i mezzi di uccidere Fidel, di uccidere Raúl, di assassinare i leader storici della rivoluzione e di accelerare la caduta della rivoluzione, sbarazzandosi di quei leader, ma si è reso conto che non poteva farlo. E non per mancanza di tentativi, perché esiste persino un documentario intitolato “635 modi per uccidere Castro“, che sono i tentativi di assassinio registrati, ma che non sono riusciti a portare a termine. Si punta sulla soluzione biologica: “Quando i leader scompaiono, la rivoluzione, la nuova generazione, non sarà in grado di proseguire con quella bandiera“.

È arrivato il momento per noi. È noto come si sono svolti i fatti ed è toccato al nostro attuale presidente, primo segretario del Partito, Miguel Díaz-Canel, continuare con quella bandiera. Ma oltre a questo, nonostante l’intensificarsi del blocco, che pure fa parte del piano, ha subito tutta una serie di eventi nefasti, fenomeni naturali, pandemie, inflazione.

Quindi, è una persona che ho avuto modo di conoscere da vicino e per la quale nutro una grande ammirazione come persona, una grande ammirazione come rivoluzionario e non ho dubbi che il Paese andrà avanti.

Denis Rogatyuk: Tu mi sembri uno dei leader politici cubani più noti e riconosciuti nel Paese, ma anche nel mondo esterno con la campagna dei “Cinque cubani“. C’è la possibilità che un giorno anche tu guidi la Rivoluzione di questo Paese?

Gerardo Hernandez: Sarò sincero. Noi Cinque ci siamo sempre chiesti: “E cosa vuoi fare quando torni a Cuba, cosa farai?” In una delle prime interviste che mi hanno fatto quando sono arrivato qui mi hanno posto la stessa domanda . Il mio desiderio era di andare in pensione, di stare a casa, con i miei figli, con i miei animali e le mie piante, che è ciò con cui occuperei il mio tempo libero, e ci sono anche amici che mi dicono “ma guarda tutto quello che hai passato, Gerardo“. Come alunni di Fidel, sappiamo che i rivoluzionari non vanno mai in pensione e che, come diceva Martí, il vero uomo, non si chiede da quale parte sia meglio vivere, ma da quale parte stia il proprio dovere.

E così mi hanno chiesto cosa voglio fare? La mia risposta è stata che non ho preferenze se non quella di servire la rivoluzione e dove posso essere utile. Per questo motivo, quando mi hanno chiesto di essere vicerettore dell’Istituto Superiore di Relazioni Internazionali, ho accettato. In seguito mi hanno chiesto di dirigere i CDR, ho accettato anche in questo caso perché si trattava di un compito e di un dovere, ma in realtà i CDR sono un compito piuttosto difficile, piuttosto faticoso. La mia immaginazione viene meno quando si pensa a quanto sia difficile guidare un Paese. Perché vedo costantemente il mio Presidente con tutti i problemi che ha, nel guidare un Paese bloccato e quindi direi di no; non mi sono mai immaginato con questa responsabilità che richiede grande preparazione.

Siamo stati imprigionati per 16 anni e di conseguenza c’è una mancanza di preparazione. Chiunque occupi quella posizione deve essere una persona come il nostro presidente, di qui, e con un curriculum da leader, che parte dal livello più basso per raggiungere quello più alto.

Uno come lui, che è stato ministro, che è stato il primo segretario provinciale, non è lì perché qualcuno ha pensato che dovesse essere lì, ma per la sua carriera e per l’eccellente svolgimento delle sue responsabilità e quindi, ancora una volta, non mi immagino in una posizione come questa, perché non ho quel percorso, quella preparazione che è richiesta. Anche quando mi accingo a proporre in un CDR, penso di non essere pronto perché non conosco sufficientemente questa realtà, non ho la traiettoria di leadership di questa organizzazione, mi affido molto a persone che ce l’hanno, come i colleghi che hanno dedicato tutta la loro vita a lavorare nell’organizzazione.

 

GERARDO HERNÁNDEZ NORDELO

(Fonte: )

Cariche: Coordinador Nacional de los Comités de Defensa de la Revolución

Livello d’istruzione: Superior

Data di nascita: 1965-06-04

Membro del Consejo de Estado

Organizzazioni a cui appartiene: CDR, CTC, PCC

Provincia: La Habana

Municipio: Cerro

https://www.facebook.com/profile.php?id=100004127826675

https://twitter.com/GHNordelo5

http://www.cdr.cu/

GERARDO HERNÁNDEZ NORDELO è laureato in Relazioni politiche internazionali. Ha prestato servizio in missione internazionalista in Angola. Dalla metà degli anni ’90 ha svolto missioni di prevenzione di azioni terroristiche contro Cuba. È stato condannato a due ergastoli più 15 anni. In seguito a un accordo tra Cuba e gli Stati Uniti, è stato rilasciato. Eroe della Repubblica di Cuba. Ex vice-rettore dell’Estensione Universitaria dell’Istituto Superiore di Relazioni Internazionali “Raúl Roa García” e attualmente coordinatore nazionale dei Comitati per la Difesa della Rivoluzione (CDR). Membro del Comitato centrale del Partito e del Consiglio di Stato della Repubblica di Cuba.

 

(*) DENIS ROGATYUK
(Fonte: )

DENIS ROGATYUK è uno scrittore, giornalista e ricercatore freelance russo-australiano. I suoi articoli, le sue interviste e le sue analisi sono state pubblicate da diversi media in tutto il mondo, tra cui Jacobin, Le Vent Se Léve, Sputnik, Green Left Weekly, Links International Journal, Alborada e altri.

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, I Cinque cubani, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346