Israele, caput mundi

Perché non confrontare e contrapporre ciò di cui l’esercito russo è stato accusato in Ucraina con ciò che Israele ha fatto a Gaza? 

di Philip Giraldi (*)
Adattamento di GFJ dell’articolo tratto da: The Unz Review • An Alternative Media Selection

  • Ci sono sanzioni contro Israele per l’omicidio e la distruzione di donne e bambini palestinesi innocenti?
  • Ci sono sanzioni contro gli Stati Uniti per aver ucciso e distrutto vite di donne e bambini innocenti in Iraq, Siria, Afghanistan, Cuba, Venezuela, Vietnam e persino rubato i loro diamanti, denaro e oro?
  • Ci sono state sanzioni contro gli Stati Uniti e la Francia per l’uccisione di Muammar Gheddafi e la distruzione della Libia?”

La Russia, ovviamente, è stata oggetto di sanzioni e boicottaggi e persino di furti ufficiali del denaro che aveva nelle banche statunitensi ed europee. Ha anche dovuto fare i conti con il supporto militare fornito dalla NATO al regime di Volodymyr Zelensky in Ucraina. Il mese scorso al Senato degli Stati Uniti è passato all’unanimità una ridicola risoluzione non vincolante che dichiara la Russia uno “stato sponsor del terrorismo”, il che, se approvato dalla Casa Bianca, porterebbe inevitabilmente a ulteriori sanzioni e a un aumento degli aiuti a Zelensky e ai suoi compari corrotti in un tentativo apertamente dichiarato di indebolire la Russia e abbattere Putin. Significherebbe anche che una futura relazione diplomatica funzionale tra Mosca e Washington diventerebbe impossibile.

L’Occidente appoggia la resistenza militare ucraina contro la Russia ma non appoggia il diritto dei palestinesi a difendersi quando sono attaccati da Israele, come è accaduto i 5 di Agosto, quando un attacco non provocato ha ucciso, tra le altre vittime, 17 bambini palestinesi.

Il punto su un doppio standard è particolarmente rilevante in quanto l’Ucraina, che afferma di sopportare un brutale assalto russo pieno di crimini di guerra, ha apertamente approvato i bombardamenti israeliani e l’uccisione di palestinesi disarmati. Due settimane fa, l’ambasciatore ucraino in Israele Yevgen Korniychuk ha espresso il suo pieno sostegno a Tel Aviv, dicendo: “Come ucraino il cui paese è sotto un attacco molto brutale da parte del suo vicino, provo grande simpatia per il popolo israeliano. Gli attacchi a donne e bambini sono riprovevoli. Il terrorismo e gli attacchi maligni contro i civili sono la realtà quotidiana di israeliani e ucraini e questa spaventosa minaccia deve essere fermata immediatamente”.

Il commento strano e manifestamente falso di Korniychuk prende la realtà e la capovolge. Tuttavia, a dire il vero, il recente sanguinoso assalto di Israele a Gaza non ha guadagnato molto favore da parte di un pubblico globale che si è stancato della belligeranza dello stato ebraico e dell’ondata egoistica di disinformazione. Diverse organizzazioni per i diritti umani e persino alcune chiese hanno risposto dichiarando che Israele è uno “stato di apartheid”. Alcuni critici degli israeliani sono stati anche lieti di osservare che gli elettori ordinari del Partito Democratico degli Stati Uniti, in particolare, si sono allontanati dal sostegno istintivo di Israele che oggi considerano razzista e antidemocratico. Anche un numero considerevole di giovani ebrei, molti dei quali hanno protestato contro il ricorso automatico di Israele agli spari ed ai bombardamenti contro i palestinesi, hanno rotto con i propri padri sulla questione del “legittimo diritto di Israele a difendersi”.

Foto: Fidel riceve Jasser Arafat durante la sua visita a Cuba nel novembre 1974. Foto: Liborio Noval
Dal 1973 Cuba e Israele non hanno avuto relazioni diplomatiche. Israele mantiene una Sezione Interessi presso l'ambasciata canadese a L'Avana

Israele sembra vincere la sua guerra contro i palestinesi (e non dimentichiamo gli iraniani) dove conta di più, tra i mediatori di potere, sia negli Stati Uniti che altrove. Testimone per esempio la reazione del governo degli Stati Uniti all’uccisione degli abitanti di Gaza. Il presidente Joe Biden ha dichiarato che Israele ha il “diritto di difendersi”, la linea standard è ripetuta anche dal presidente della Camera dei rappresentanti Nancy Pelosi. Trentaquattro membri del Congresso nel frattempo hanno firmato una lettera invitando le Nazioni Unite a sciogliere una Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite (COI) in Israele a seguito delle recenti controverse osservazioni di uno dei membri della commissione. Il COI è stato istituito per indagare su possibili crimini di guerra israeliani e crimini contro l’umanità nei territori occupati ea Gaza.

Voglio dirti una cosa molto chiara, non preoccuparti delle pressioni americane su Israele. Noi, il popolo ebraico, controlliamo l’America e gli americani lo sanno”. Ariel Sharon, primo ministro israeliano a Shimon Peres, 2011

In Gran Bretagna, i due contendenti alla carica di Primo Ministro in sostituzione del caduto in disgrazia Boris Johnson, Liz Truss, il ministro degli Esteri, e Rishi Sunak, il cancelliere, si vantavano delle loro credenziali filo-israeliane proprio nel fine settimana in cui Israele stava uccidendo più di cinquanta palestinesi, inclusi 17 bambini, ferendone decine di altri. Truss e Sunak hanno giocato alla grande la carta Israele, con Truss che ha affermato che “Il Regno Unito dovrebbe stare fianco a fianco con Israele, ora e nel futuro. Come Primo Ministro, sarei in prima linea in questa missione”. Truss ha anche accennato al fatto che avrebbe seguito l’esempio di Donald Trump nel trasferire l’ambasciata britannica a Gerusalemme e ha sostenuto un accordo di libero scambio tra il Regno Unito e Israele, che andrebbe principalmente a vantaggio degli israeliani.

Nel 2001, il primo ministro israeliano Ariel Sharon  ammonì con rabbia il suo collega Shimon Peres, che sosteneva che Israele dovrebbe ascoltare le richieste degli Stati Uniti per un cessate il fuoco, dicendo: “Voglio dirti una cosa molto chiara, non preoccuparti delle pressioni americane su Israele. Noi, il popolo ebraico, controlliamo l’America e gli americani lo sanno”. Ora sembra che Stati Uniti, Canada e Gran Bretagna, insieme ad altri stati anglofoni come Australia e Nuova Zelanda, stiano cavalcando sullo stesso cavallo quando si tratta di sacrificare reali interessi nazionali per assecondare una nazione straniera che può essere giustamente considerata come criminale di guerra abituale e manifestamente razzista.

Dovrebbe anche essere un dato di fatto che gli americani stanno iniziando a mobilitarsi contro la manipolazione del loro governo da parte di agenti insidiosi non registrati di un governo straniero, ma presumibilmente si dovrà aspettare. Per il momento, Israele e la sua quinta colonna hanno nella loro morsa di ferro elementi chiave sia nel governo che nello spazio pubblico. Potrebbe essere necessaria qualcosa come una rivoluzione per allentarlo.

(*) Philip Giraldi è un editorialista, commentatore e consulente di sicurezza americano. È Direttore Esecutivo del Council for the National Interest, ruolo che ricopre dal 2010. In precedenza è stato impiegato come agente dell’intelligence per la CIA, prima di passare alla consulenza privata.

Leggi anche:

Dipendente ebrea di Google si dimette e denuncia: “i colleghi palestinesi vengono messi a tacere”

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Eventi

CUBA braucht unsere solidarische Unterstützung!

27.09.2022 - 31.12.2022

Inspiration Che

08.10.2022
in Breitschträff, Bern

Welche Medien für den Frieden? Quels médias pour la paix ?

15.10.2022 - 16.10.2022
in Genossenschaft Kreuz, Solothurn

Cada 17 - jeden 17. des Monats gegen die kriminelle US-Blockade...

17.10.2022 - 31.12.2022

Le Soleil de CUBA

17.10.2022 - 31.12.2022

Make the US blockade of Cuba unenforceable - Macht die US-Blockade Kubas undurchsetzbar

17.10.2022 - 31.12.2022

VIAGGIO a CUBA! - Viaje a CUBA!

17.11.2022 - 05.12.2022

Coronavirus en Cuba

30.11.2022 - 31.12.2022
in Cuba, Cuba

25 y Más Uniendo Pueblos - AMISTUR CUBA

30.12.2022 - 31.12.2022

CALENDARIO 2022 - Latinoamerica y el Caribe

31.12.2022

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)