La Cina condanna la nuova aggressione diplomatica degli Stati Uniti contro Cuba

L’inclusione di Cuba nella lista redatta unilateralmente dagli Stati Uniti è stata immediatamente respinta da diversi Paesi.

12 gennaio 2021
Traduzione: GFJ
La inclusión de Cuba en la lista elaborada de manera unilateral por EE.UU. fue rechazada, de inmediato, por parte de varios países.L'inclusione di Cuba nella lista redatta unilateralmente dagli Stati Uniti è stata immediatamente respinta da diversi Paesi. | Foto: Twitter: Bruno Rodríguez

L’inclusione di Cuba in una lista preparata dal governo degli Stati Uniti è “fermamente” respinta dalla Cina.

La Cina si oppone alle pressioni politiche su Cuba da parte degli Stati Uniti con il pretesto della lotta al terrorismo, secondo le dichiarazioni del portavoce del Ministero degli Affari Esteri del Paese asiatico, Zhao Lijian.

In questo modo, la Cina ha mostrato la sua posizione rispetto alla più recente decisione degli Stati Uniti nei confronti di Cuba, quando il giorno prima il Dipartimento di Stato ha nuovamente dichiarato l’Avana come “Paese sponsor del terrorismo”, in una lista preparata dalla Casa Bianca.

Interrogato da un giornalista durante la sua consueta apparizione sulla stampa, Zhao ha detto: “La Cina ha sempre sostenuto che la comunità internazionale dovrebbe lavorare insieme per combattere il terrorismo, ma si oppone fortemente alla repressione politica e alle sanzioni economiche degli Stati Uniti contro Cuba in nome dell’antiterrorismo.

Il portavoce è andato oltre e ha detto che “crediamo che gli Stati Uniti debbano sviluppare con Cuba normali relazioni da Stato a Stato sulla base dell’uguaglianza e del rispetto reciproco”, perché, secondo Zhao, “questo è nell’interesse fondamentale dei due Paesi e dei loro popoli, e porta anche al mantenimento della pace e della stabilità in America Latina”.

Gli Stati Uniti hanno una lista di di Stati “sponsor del terrorismo”, creata da Ronald Reagan negli anni ’80, senza un mandato o un riconoscimento da parte della comunità internazionale, e ne includono ed escludono, come ritengono opportuno, i Paesi che considerano ostili.

Cuba, che ha sempre rifiutato l’esistenza anche della lista, vi è stata inclusa nel 1982 e vi è rimasta fino al 2015, quando il presidente Barack Obama l’ha ritirata nel quadro di una strategia di avvicinamento all’Avana.

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha spiegato che Cuba è soggetta a misure coercitive unilaterali che penalizzano le persone e i paesi che si impegnano nel commercio con l’Avana, limitano gli aiuti esteri degli Stati Uniti, proibiscono le esportazioni e le vendite della difesa e impongono controlli sulle esportazioni.

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)