La magia di un’amicizia irreversibile. Inaugurato a Mosca il monumento a Fidel Castro (+Video e Foto)

Inaugurazione del monumento a Fidel in Russia.
Il comandante in capo Fidel Castro Ruz continua a essere un motivo di vicinanza tra i popoli di Cuba e della Russia. Foto: Estudios Revolución

I presidenti di Cuba e della Russia hanno inaugurato un monumento al Comandante in capo Fidel Castro Ruz nell’omonima piazza di Mosca.

Fonte: Granma
22 novembre 2022

Il simbolismo rappresentato dall'immagine del Comandante in capo che guarda in avanti, vestito in tenuta da combattimento, è stato travolgente. Foto: Estudios Revolución

MOSCA, Federazione Russa – Molti sentimenti, molti fili della storia si sono uniti quando, dopo le tre di martedì pomeriggio, nel quartiere di Sokol, è stato inaugurato un monumento al Comandante in Capo, Fidel Castro Ruz, in una cerimonia in cui i dignitari Miguel Díaz-Canel Bermúdez e Vladimir Putin si sono riuniti e hanno condiviso le loro idee.

Nel bel mezzo di un inverno con temperature di quasi dieci gradi sotto zero, questi reporter hanno commentato che la civiltà russa è molto grande per aver sollevato tutta la sua forza e la sua maestosità nonostante un clima così difficile. E l’altra riflessione aveva a che fare con la magia operata da Fidel, la magia che si sente ancora in molte parti del mondo, di seminare robusti semi di amicizia.

Il simbolismo dell’immagine di un Comandante in Capo che guarda avanti in tenuta da combattimento è stato travolgente. A questo si è aggiunto il dettaglio di quattro giovani russi, squisitamente in uniforme, che con delicatezza e tranquillità hanno deposto due offerte floreali, fatte di rose molto rosse, alla base del monumento.

Ai rispettivi microfoni c’erano i due leader. È stato inevitabile pensare ai bellissimi sentimenti che uniscono le due nazioni, così lontane geograficamente, eppure così reciprocamente legate l’una all’altra. Si deve necessariamente considerare come siano puniti da una forza avversa comune, e come entrambi assumano lo stesso atteggiamento: tenere la testa alta e stare fermi, come una palma sana sotto il sole, o come un pino che resiste all’inverno più rigido.

Siamo qui riuniti nella piazza intitolata a Fidel Castro“, ha detto Putin, “per inaugurare un monumento a questa eccezionale personalità pubblica e politica, il fondatore del moderno Stato cubano“.

È stato commovente sentire dallo statista che “Fidel Castro ha dedicato tutta la sua vita alla lotta per il trionfo delle idee di bene, pace, giustizia, libertà per i popoli oppressi, per una vita dignitosa per la gente comune, per l’uguaglianza sociale“. Ha detto che “lui (il Comandante in capo) è giustamente considerato uno dei leader più brillanti e carismatici del XX secolo“; lo ha definito come una personalità leggendaria, come il simbolo di un’intera epoca.

Vladimir Putin ha mostrato la sua inequivocabile ammirazione per il leader storico della Rivoluzione cubana: ha usato per lui parole bellissime, come romanticismo, risoluzione, coraggio. Ha persino ricordato “una famosa canzone sovietica: “Cuba, amore mio”“, per sottolineare l’affetto che l’isola ispira al Paese eurasiatico. E ha continuato con magnifiche definizioni, come quella secondo cui Fidel possedeva una potente energia e volontà che “attraeva e continua ad attrarre come una calamita“.

Il Presidente della Federazione Russa ha raccontato ai cittadini del suo Paese e ai cubani presenti all’evento di aver avuto la fortuna di incontrare Fidel più volte, di aver avuto lunghi colloqui con l’eccezionale combattente – l’ultimo nel luglio 2014. Di questa vicinanza ha detto di essere rimasto “colpito dalla sua conoscenza enciclopedica, dalla sua profonda visione del mondo degli eventi, dalla sua mente acuta e dalle sue valutazioni precise“, e dalla sua profonda amicizia con la nazione eurasiatica, che ha visitato per la prima volta nel 1963 e in cui si è recato “in qualsiasi momento: in estate, in inverno, con o senza neve“.

Il leader russo ha affermato che “l’amicizia russo-cubana lasciata in eredità da Fidel Castro è la ricchezza comune dei nostri popoli“. Ha sottolineato: “Insieme continueremo a rafforzare la nostra alleanza, difendendo i valori di libertà, uguaglianza e giustizia.”

Foto: Alejandro Azcuy

Ha hatto seguito il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica di Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, che ha ricordato l’onore dipartecipare all’inaugurazione del monumento al leader storico della Rivoluzione Cubana, il Comandante in Capo Fidel Castro Ruz“.

La figura di Fidel, ha sottolineato il Presidente cubano, “è intimamente legata all’amicizia che da oltre 60 anni si è creata tra i nostri due popoli e governi“. È stato allora che il Capo dello Stato, attraverso vari esempi, ha alluso alla grandezza del popolo russo. E ha sviluppato questa idea descrivendo l’ammirazione che il Comandante in Capo provava per quella nazione che sapeva portare gli esseri umani nel cosmo, che aveva dimostrato un’immensa capacità di sacrificio di fronte alle forze fasciste.

Cari amici, compagni, vorrei ricordare con profonda gratitudine“, ha detto il Presidente, “le belle parole scritte dal Presidente Vladimir Putin a nome del popolo russo per la morte di Fidel sei anni fa. E questo è stato il momento di tirare fuori ciò che Putin ha detto in quelle tristi ore: Fidel Castro era un amico sincero su cui la Russia poteva contare, e ha dato un enorme contributo alla formazione e allo sviluppo delle relazioni russo-cubane, alla stretta cooperazione strategica in tutti i campi.”

I legami tra Russia e Cuba sono indistruttibili. Fidel ha gettato le basi, Raúl le ha sviluppate e noi daremo loro continuità“, ha detto il leader del Paese caraibico; e in quelle parole c’era la forza di una lunghissima fratellanza, di un’armonia che è già irreversibile.

La Russia sa che può continuare a contare su Cuba“, ha detto Díaz-Canel, e alcuni sentimenti, come la fratellanza, sono stati percepiti più intensamente del freddo di Mosca.

Tutto si è trasformato in un un brivido quando, in una terra così lontana da Cuba, eppure così cara a Cuba, si udì la Marcia del 26 luglio.

La storia è emersa con la sua abbagliante trascendenza: Fidel è stato l’artefice della vicinanza tra due nazioni, e lo ha fatto in modo tale che l’affetto e il rispetto reciproci non si sono affievoliti, come se quei lunghi colloqui fossero ancora in corso, sia in una notte di neve che in una mattina di sole cocente.

VIDEO: Il monumento a Fidel Castro a Mosca simboleggia l’eredità dello storico leader della rivoluzione cubana

Vedi qui tutte le foto della cerimonia


Articolo correlato:

Cuba – Russia. A Mosca, sulla ‘Piazza Fidel Castro’, verrà edificato un monumento in onore del Comandante (+FOTO)

 

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Eventi

¡CUBA necesita nuestro apoyo solidario! CUBA braucht unsere solidarische Unterstützung!

01.01.2023 - 31.12.2023

Feria del Libro

09.02.2023 - 19.02.2023
in Parque Histórico Militar San Carlos de la Cabaña, Habana

Cada 17 - chaque 17 - jeden 17. contra US-Blockade...

17.02.2023 - 31.12.2023

Make the US blockade of Cuba unenforceable - Macht die US-Blockade Kubas undurchsetzbar

17.02.2023 - 17.12.2023

Viaggio a Cuba: dal 27 aprile al 15 maggio 2023

25.04.2023 - 15.05.2023
in Viaggio a Cuba, L'Avana e Province

Coronavirus en Cuba

01.12.2023 - 31.12.2023
in Cuba, Cuba

L’IDEOLOGIA DELLA RIVOLUZIONE CUBANA

31.12.2023
in República de Cuba, Cuba

Riflessioni sul pensiero di Fidel Castro (+VIDEO)

31.12.2023
in Cuba e il Mondo, Cuba

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

ATTUALE

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)