Miguel Díaz-Canel: “I BRICS romperanno l’egemonia imperiale degli Stati Uniti, del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale”. (+VIDEO: INTERVISTA COMPLETA)

Difendendo il multilateralismo, i BRICS […] stanno dando la possibilità di un ordine economico internazionale più equo“, afferma il presidente cubano Miguel Díaz-Canel Bermúdez nell'”Intervista” di RT. Egli sottolinea inoltre l’opportunità di sviluppare le relazioni tra Cuba e la Russia in diversi settori. Il presidente ritiene inoltre che l’integrazione latinoamericana sia necessaria come risposta alla Dottrina Monroe e ai tentativi di interferenza degli Stati Uniti.

Fonte:
Traduzione: GFJ
30 maggio 2023

VIDEO: Intervista esclusiva a Miguel Díaz-Canel: “I BRICS romperanno l’egemonia imperiale statunitense”. (Clicca qui o sull’immagine)

Il Presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha rilasciato un’intervista esclusiva a RT, in cui ha trattato la posizione del Paese nell’attuale contesto geopolitico, nonché il desiderio degli Stati Uniti di stabilire la propria egemonia nel mondo e la crescente aspirazione di molti Paesi al multipolarismo.

Approvazione della Legge sulla Comunicazione Sociale a Cuba

Cuba ha ora la sua legge sulla comunicazione sociale (leggi)

All’inizio della conversazione, il presidente ha commentato l’approvazione da parte dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare di Cuba della Legge sulla Comunicazione Sociale, che ha definito “storica“. “Direi che è una legge moderna perché riconosce tutti gli spazi che esistono oggi nel campo della comunicazione, stabilisce le interrelazioni in questi spazi, si concentra sul benessere del popolo, della popolazione, e anche sul contributo della comunicazione sociale come pilastro nella gestione del nostro governo“, ha detto.

Il presidente ha sottolineato che l’iniziativa legislativa viene approvata mentre Cuba, così come altri Paesi, “è totalmente attaccata nei media da campagne di odio, da campagne di calunnia, da campagne di discredito che sono orchestrate e orientate da centri di potere imperiali appoggiati dal governo degli Stati Uniti sulla base di piattaforme transnazionali“.

E l’altra cosa è che, internamente, in tutta la gestione della comunicazione, che la popolazione apprenda a comunicare, che ci sia una comunicazione più efficace, più diretta, più ampia, più democratica, più trasparente tra le istituzioni statali, le istituzioni pubbliche, tra i diversi attori economici e la popolazione in generale. La Legge fornisce anche un quadro di sostegno, di rafforzamento e di miglioramento della nostra società, come la partecipazione popolare in tutti gli ambiti. Pertanto, credo che sì, sia una legge storica e che ora dobbiamo sostenerla con la volontà di attuarla“, ha affermato.

Relazioni tra Cuba e la Russia

Díaz Canel a Mosca: momenti di omaggio, gratitudine e rincontro (leggi)

Interrogato sulle relazioni tra L’Avana e Mosca, Díaz-Canel le ha definite “eccellenti“, aggiungendo che “rispondono a legami storici di amicizia, a legami storici di fratellanza che sono stati forgiati fin dai tempi dell’Unione Sovietica, che hanno segnato molte pietre miliari nelle relazioni tra le nostre nazioni e i nostri popoli“. “Ha molto a che fare con quella storia, con quella base, ma ha anche molto a che fare con il proposito e la volontà che esiste da entrambe le parti, da entrambe le nazioni, di rafforzare le relazioni in mezzo all’incertezza di questo mondo complesso”, ha affermato, dichiarando di considerare il presidente russo Vladimir Putin “un amico sincero di Cuba, che lo ha dimostrato anche con i fatti“. Il leader cubano ha ringraziato Mosca per il suo contributo umanitario in campo alimentare e medico, sottolineando anche la cooperazione tra i due Paesi nei settori dell’economia, dell’energia, dei trasporti, dell’industria, della farmaceutica, tra gli altri.

Direi che, in sintesi, si tratta di un rapporto di amicizia, di un rapporto in termini politici strategici, di un rapporto basato su un sentimento di rispetto, di amicizia, di coincidenza su questioni politiche e anche con un potenziale di partecipazione congiunta, reciproca, con vantaggi per entrambe le parti nelle relazioni economico-commerciali e finanziarie, perché ci sono anche progetti che hanno a che fare con le finanze che vengono sviluppati congiuntamente. Direi che c’è un momento di rinnovamento nelle nostre relazioni e siamo molto grati per il sostegno della Federazione Russa“, ha dichiarato.

Il capo di Stato ha anche sottolineato che Cuba condanna e rifiuta “l’espansione della NATO verso i confini della Russia“, così come “tutte le misure e le sanzioni che sono state applicate come metodo di coercizione contro la Federazione Russa“.

Rispondendo a coloro che criticano i legami tra la Russia e Cuba, il presidente ha affermato che “un potente vicino ci blocca e stringe sempre più il suo blocco, stringe le viti su di noi e cerca e continua a cercare di incantarci con canti di sirene“. Nel frattempo, “stanno arrivando amici da altri luoghi, da altre latitudini, che ci sostengono davvero con azioni concrete e in condizioni che non intaccano la nostra sovranità“. “Penso che sia anche perché, nell’ambito del conflitto europeo nel mondo, i media hanno costruito una campagna diffamatoria contro la Federazione Russa, contro i valori del popolo russo“, ha detto.

Aspirazione al multipolarismo e ruolo dei BRICS

Più vicini a un mondo multipolare (LEGGI) 

Díaz-Canel ha dichiarato che le relazioni internazionali si basano oggi sulla politica aggressiva degli Stati Uniti, che “costruiscono costantemente muri, applicano sanzioni coercitive, ricatti, aggressioni, calunnie“. “D’altra parte, dal punto di vista economico, questa politica egemonica si manifesta nel controllo totale dell’economia mondiale da parte del governo statunitense e di organizzazioni come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale. Tutto ciò crea un’enorme incertezza sul modo in cui i problemi che affliggono il mondo possono essere risolti“, ha affermato, sottolineando che “prevale un ordine economico internazionale totalmente ingiusto e antidemocratico”.

Il presidente ha parlato anche del blocco composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica (BRICS).

I BRICS rappresentano “un’importante alternativa per l’integrazione economica e commerciale, soprattutto per i Paesi con economie emergenti, i Paesi più poveri, i Paesi del cosiddetto Terzo Mondo, i Paesi del Sud”.

Díaz-Canel ha sottolineato che i BRICS, “soprattutto, difendono il multipolarismo, il multilateralismo nelle relazioni”. “E credo che in questo caso dobbiamo anche riconoscere il ruolo, e Cuba riconosce l’importante ruolo di leadership svolto dalla Russia nel garantire che il mondo si muova verso il multilateralismo. Difendendo il multilateralismo, i BRICS si oppongono ai concetti della Guerra Fredda, offrono la possibilità di un ordine economico internazionale più giusto, più equo, che favorisca tutto. Promuovono relazioni più cooperative tra i Paesi nelle relazioni economiche e commerciali e, inoltre, con tutta questa visione, favoriscono relazioni che fanno durare la pace e che garantiscono la sicurezza internazionale“, ha affermato.

Gradualmente si arriverà alla costruzione di un ordine economico internazionale più equo, più cooperativo, più inclusivo, più democratico, e alla fine tutto questo si tradurrà anche in più pace, più sicurezza internazionale e più possibilità per tutti.

Díaz Canel ha affermato che, con queste proposte dei BRICS, si può progredire “a poco a poco verso la costruzione di un ordine economico internazionale più equo, più cooperativo, più inclusivo e più democratico, e alla fine tutto questo si tradurrà anche in una maggiore pace e sicurezza internazionale e in maggiori possibilità per tutto“, sostenendo che aiuterà anche a rompere “l’egemonia” degli Stati Uniti, del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale, oltre a “favorire lo sviluppo di nuove forme di relazioni economico-commerciali“. “E credo che Cuba sia uno dei Paesi che ha bisogno di essere integrato in tutti questi modi di concepire l’economia in modo diverso e di poter partecipare a questo tipo di relazioni economico-finanziarie“, ha sottolineato.

La regione latinoamericana è chiamata a integrarsi sempre di più“.

Díaz-Canel: Cuba può essere un ponte tra gli Stati membri dell’Unione Economica Euroasiatica (UEE) e l’America Latina (leggi)

Allo stesso modo, Miguel Díaz-Canel ritiene che “la regione latinoamericana è chiamata a integrarsi sempre di più“. “Credo che questo sia un debito che tutti i latinoamericani hanno, perché dall’indipendenza delle nostre nazioni nel 1800, tutti gli eroi latinoamericani […]: Bolívar, Martí, San Martín, O’Higgins, tutti loro, Benito Juárez, hanno chiesto l’integrazione latinoamericana, la necessità di un’unica America“, ha detto.

E lo dobbiamo ancora, credo che che ci stiamo muovendo verso l’integrazione, ma abbiamo ancora molte cose da fare e soprattutto da rendere concreti i progetti e le idee e gli scopi“, ha aggiunto il presidente.

I “colpi di stato morbidi” degli Stati Uniti in America Latina


Le rivoluzioni colorate (Parte I)
Le rivoluzioni colorate (Parte II) +VIDEO
Le rivoluzioni colorate (Parte III) +VIDEO

Inoltre, durante l’intervista, il presidente cubano ha ricordato che “nella storia dell’America Latina c’è sempre stata […] un’enorme capacità del governo degli Stati Uniti di adattarsi alle circostanze e di promuovere sempre i propri interessi e cercare di vincere per i propri interessi nella realtà“. “Negli ultimi tempi, ogni volta che esce un governo democratico che rappresenta il popolo, guidato da leader di sinistra, che si muove da sinistra, che sviluppa programmi di governo che non si sottomettono agli interessi degli Stati Uniti, gli Stati Uniti fanno di tutto per rovesciarli. E negli ultimi tempi non hanno usato i colpi di Stato, diciamo così, quelli con aggressioni e interventi militari che conosciamo da un’altra epoca, dagli anni ’60, ’70 e ’80“, ha detto.

Tuttavia, Washington sta ricorrendo a “colpi morbidi“, oltre a utilizzare la guerra non convenzionale e lo strumento della “giudiziarizzazione della politica“. Ha indicato che sta usando “una persecuzione crudele e basata su una costruzione di bugie, calunnie, eventi falsi su questi leader della sinistra, sulla loro famiglia, sui loro amici, su tutto il loro ambiente in modo brutale“.

La Cina è una grande preoccupazione per gli Stati Uniti“.

Cuba riafferma il suo sostegno incondizionato al principio “Una sola Cina” (leggi)

Il presidente si è anche espresso sulla posizione degli Stati Uniti nei confronti della Cina e ha indicato che questo Paese “è una grande preoccupazione per gli Stati Uniti, così come lo è la Russia anche per il ruolo rilevante che stanno svolgendo a livello politico internazionale, perché sono potenze che difendono un altro ordine economico internazionale, difendono il multilateralismo, difendono la pace, difendono il rispetto tra le nazioni e, non da ultimo, per lo sviluppo del potenziale economico-finanziario della Cina“.

Se inoltre attuano con forza strategie di annientamento mediatico nei confronti di quei Paesi, allora scatenano anche l’aggressione e verso quei Paesi costruiscono modi per diffamare, per screditare, e uno di questi esempi è la questione di Taiwan“, ha affermato. Díaz-Canel ha sottolineato che il governo cinese è stato riconosciuto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite come legittimo rappresentante del popolo cinese, quindi “tutto ciò che sta accadendo in relazione a Taiwan è un’interferenza negli affari interni della Repubblica Popolare Cinese“. “Cuba condanna l’interferenza negli affari interni della Cina, Cuba condanna e vede con preoccupazione l’aggressiva presenza militare degli Stati Uniti e dei suoi alleati nello Stretto di Taiwan, cercando di creare un punto di conflitto nella regione. Cuba difende in modo assoluto, coerente e irreversibile il diritto della Cina alla riunificazione e il diritto di difendere il concetto di una sola Cina. Pertanto, qualsiasi altra cosa che agisca contro questo concetto la consideriamo un’interferenza negli affari interni della Cina“, ha dichiarato.

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346