Miguel Díaz Canel: “Tutto il nostro amore e la nostra amicizia per la Siria”

Il bilancio delle vittime in Siria supera le 9.000 persone, più di 8.000 sono gravemente ferite e più di cinque milioni di siriani non hanno un posto dove ripararsi e hanno bisogno di aiuti.

Martedì mattina, il Presidente cubano ha firmato il libro delle condoglianze aperto presso l’Ambasciata siriana all’Avana, in occasione del devastante terremoto del 6 febbraio.

di  
Fonte:Granma
Traduzione e aggiunte: GFJ
14 febbraio 2023

Foto: tratta da Twitter del Presidente Miguel Díaz-Canel Bermúdez.

Tutto il nostro amore e la nostra amicizia per la Siria“, ha assicurato il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, all’ambasciatore siriano a Cuba, dottor Ghassan Obeid, dopo aver firmato, martedì mattina, il libro di condoglianze aperto presso l’ambasciata all’Avana, in occasione del devastante terremoto avvenuto il 6 febbraio.

A nome del popolo e del governo cubano, esprimo le nostre più sentite condoglianze al popolo e al governo della nazione sorella della Siria. Estendiamo le nostre condoglianze alle famiglie e ai parenti delle vittime dell’intenso terremoto che ha colpito il Paese, causando la perdita di numerose vite, feriti e ingenti danni materiali“, ha scritto il capo di Stato cubano.

Con affetto e simpatia, il presidente Díaz-Canel ha affermato che in “un momento così difficile come questo, il popolo siriano e le sue autorità hanno la piena solidarietà di Cuba“.

Ratifichiamo la nostra volontà di aiutare modestamente, in qualsiasi modo possibile, a superare questo tragico momento che la Siria sta attraversando“, ha sottolineato il presidente, che era accompagnato nella sede diplomatica dal ministro degli Esteri, Bruno Rodríguez Parrilla.

Cuba-Siria: un amore reciproco. Foto: bambini siriani esprimono il loro amore per Cuba

Da parte sua, l’ambasciatore siriano all’Avana ha ringraziato il leader cubano “per essere qui con noi, è un gesto di solidarietà, di fratellanza, che apprezziamo molto“.

A poco più di una settimana dai tragici eventi, secondo le dichiarazioni rilasciate dal dottor Ghassan Obeid all’ufficio stampa della Presidenza, il bilancio delle vittime in Siria supera le 9.000 persone, più di 8.000 sono gravemente ferite e più di cinque milioni di siriani non hanno un posto dove ripararsi e hanno bisogno di aiuti.

Nelle sue parole, ha riconosciuto la comunità internazionale per gli aiuti inviati al suo Paese e ha ringraziato Cuba e diverse nazioni dell’America Latina per il loro sostegno fin dall’inizio.

Le sanzioni criminali e illegali imposte dagli Stati Uniti al suo popolo, ha denunciato, hanno impedito che arrivassero più rapidamente medicinali e attrezzature per aiutarlo a far fronte alla situazione causata dal devastante terremoto.

Si tratta di sanzioni, ha detto, che anche Cuba ha subito per diversi decenni e che devono essere revocate, poiché non permettono “ai popoli di svilupparsi e vivere in pace, in dignità, all’interno dei loro territori“.

Grazie a tutti, grazie a Cuba per essere al fianco della Siria in questi tempi difficili“, ha detto.


Articoli correlati:

APPELLO ALLE DONAZIONI PER AIUTARE LE VITTIME DEL TERREMOTO IN SIRIA E CONTRO IL BLOCCO ILLEGALE

La Mezzaluna Rossa Araba Siriana chiede la revoca del blocco per far avanzare i soccorsi

Terremoto in Medio Oriente. L’Occidente corre in soccorso della Turchia, lasciando la Siria al suo destino (+VIDEO)

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346