Nicolas Maduro: “Negli Stati Uniti governa un clan razzista che odia il mondo”

“Negli Stati Uniti, un clan di supremazia razzista domina su di noi, ci odia, ci sottovaluta, e odia e sottovaluta il mondo intero. Guardate il trattamento che stanno dando alla carovana del Centro America che si dirige verso gli Stati Uniti, puntando i fucili, minacciando di morte con disprezzo razziale”, a dichiararlo è il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro. Lo riporta Hispan Tv.

21/11/2018
Immagine correlata
Da metà ottobre, molti migranti hanno lasciato l’Honduras, il Guatemala, il Salvador e il Nicaragua per gli Stati Uniti, in fuga dalla povertà, dalla violenza delle bande e dall’instabilità politica. In questa situazione, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha optato per la mano dura, ordinando di schierare le truppe al confine con il Messico contro i migranti. Nonostante il rafforzamento della presenza militare sul confine statunitense, la carovana dei migranti si avvicina sempre più al confine messicano con gli Stati Uniti.

In un’altra parte delle sue dichiarazioni, Maduro ha evidenziato la resistenza della nazione venezuelana agli sforzi di Washington per rovesciare il suo governo. “Non riescono a capire come dopo tutto quello che hanno provato a fare contro di noi, compreso il tentativo di assassinarmi, il tempo passa ma il popolo del Venezuela sono in piedi, in marcia verso il futuro”, sostiene il Presidente.

Secondo Maduro, Caracas sta sconfiggendo i “potenti imperi” con l’unione morale e civile-militare. “Vogliono affliggere il nostro continente con la miseria in nome della libertà. Dobbiamo riscrivere la storia in tutte le università (…), dobbiamo decolonizzarla e raccontare la vera storia della ribellione, il coraggio di un popolo che ha combattuto 500 anni per la sua dignità. (…) Ci sono diffamazioni permanenti dell’impero americano. Vincere questa battaglia è l’obbligo di tutti noi “, dice Maduro.

Secondo un articolo del quotidiano americano, The Washington Post, citando dichiarazioni di alti funzionari governativi statunitensi e email trapelate, ha rivelato lunedì che l’amministrazione statunitense si sta valutando di includere il Venezuela nella lista riservata ai paesi che hanno “sostenuto atti di terrorismo internazionale in ripetute occasioni” e che, conseguentemente, comporta sanzioni severe, principalmente di natura economica.

Pubblicato in Attualità, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Eventi

Cada 17 contra el Bloqueo de los Yankis

17.12.2018

CUBA auf der Rosa-Luxemburg-Konferenz

12.01.2019
in Mercure-Hotel MOA, Berlin-Moabit

Fiesta de Solidaridad con CUBA

27.07.2019
in Stadtpark Lichtenberg (Parkaue), Berlin

Sfilata 1° Maggio 2016. La Habana

Archivi

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)