Noi, rivoluzionari cubani, dobbiamo assomigliare molto di più a coloro che si sono sacrificati per la Rivoluzione

Noi rivoluzionari abbiamo bisogno di una quota maggiore di analisi, che ci permetta di mettere le colpe al loro giusto posto, senza dimenticare che la tattica dei nostri nemici sarà sempre quella di batterci a tappeto per poi ritenerci responsabili di non portare i frutti.

di  
Fonte: Granma
Traduzione: GFJ

Nell'unità dei cubani si trova la maggior forza. Foto: Ismael Batista Ramírez

Supporre che noi rivoluzionari siamo contenti della situazione del paese, che ci siamo rassegnati e abbiamo perso i nostri sogni, è falso. Non ci siamo rassegnati alla penuria, non applaudiamo alle scarsezze, non ignoriamo gli scaffali vuoti o le lunghe code di cui anche noi facciamo parte. Desideriamo il benessere, il buon cibo, il mercato ben fornito, la dispensa piena; ma non spariamo al bersaglio con i nostri problemi, né rimaniamo sulla superficie congiunturale della crisi.

Sta a noi rivoluzionari andare più a fondo, scoprire la radice dei mali, capire che è necessario agire contro i mali che sono veramente nostri (i mali) per porvi fine, senza evitare la necessaria autocritica che è fondamentale, non ci nascondiamo dietro a denso paravento, per fare il gioco di chi è diventato abile a mettere tutti i mali nel sacco della propria inefficienza.

Noi rivoluzionari abbiamo bisogno di una quota maggiore di analisi, che ci permetta di mettere le colpe al loro giusto posto, senza dimenticare che la tattica dei nostri nemici sarà sempre quella di batterci a tappeto per poi ritenerci responsabili di non portare i frutti. Nell’istinto umano di trovare il colpevole, non è sempre facile scoprire i veri colpevoli.

Vilma Espín, emblema della donna rivoluzionaria cubana. A Cuba, la donna è protagonista, è la rivoluzione nella rivoluzione

Tocca a noi rivoluzionari proclamare che ci sarà un futuro migliore, con l’enorme difficoltà di farlo partendo da un presente burrascoso, che comprende le vessazioni imperiali della nostra Isola; e in questa difficile missione non possiamo permettere che le acque dello scoraggiamento affondino la nostra nave, affinché altri possano impadronirsi del nostro destino.

Noi rivoluzionari dobbiamo assomigliare molto di più a coloro che si sono sacrificati per la Rivoluzione che a coloro che si sono arresi nella lotta. Ci sono molte persone nella nostra storia che hanno superato momenti più complessi di quelli di oggi senza perdere la speranza e l’ottimismo.

Nessuno obbliga noi rivoluzionari ad essere rivoluzionari, e se abbiamo deciso di esserlo, dobbiamo capire che non è una convinzione ciclica o una nave che naviga solo con il vento in poppa. Se lo siamo davvero, allora deve essere sempre con lo stesso volto e con determinazione, pronti ad affrontare più di una tempesta.

 

Pubblicato in Attualità, Cuba

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346