PCC. Il miglior erede della forza eroica dell’unità cubana

Il Partito Comunista di Cuba (PCC) è un’organizzazione strutturata sulla base del concetto madre della difesa della sovranità nazionale e del mantenimento dei principi e degli obiettivi per i quali sono state concepite le lotte d’indipendenza dal 1868.

di Julio Martínez Molina
Fonte: PCC
Traduzione e aggiunte: G. Federico Jauch
Fidel e Raúl incarnano, come nessun altro, le aspirazioni e le tradizioni redentrici e unitarie del Partito Comunista di Cuba nella tenace resistenza all'imperialismo statunitense. Foto: Mario Ferrer

Il Partito Comunista di Cuba (PCC) è un’organizzazione strutturata sulla base del concetto madre della difesa della sovranità nazionale e del mantenimento dei principi nonché degli obiettivi per i quali sono state concepite le lotte d’indipendenza dal 1868 in poi.

La sua creazione e il suo sviluppo corrispondono a un’idea cardinale del sentimento patriottico cubano, le cui chiarificazioni risalirebbero addirittura alle prime proiezioni di unità anticoloniale e antimperialista, delineate poi, con chiarezza meridiana, nel Partito Rivoluzionario Cubano (PRC).

Fondato nel 1892 da José Martí, tale appoggio ideologico alla coesione di un popolo intorno all’idea nodale di indipendenza, basata sugli obiettivi di emancipazione e sovranità, come concetti non negoziabili dell’essere nazionale, dimostrò, per la prima volta, l’importanza per la nostra rivoluzione storica (quella iniziata a Yara nell’ottobre 1868, e continuata a Las Coloradas nel 1956 e trionfante il 1° gennaio 1959) dell’unità delle sue forze in un unico Partito.

Questa idea è stata avallata al 7° Congresso del PCC dal suo primo segretario Raúl Castro, quando ha dichiarato che c’è e ci sarà un solo partito a Cuba.

Non c’è da meravigliarsi che, molto prima, l’Apostolo abbia affermato nelle Nostre Idee, primo articolo di Patria, che lo sforzo collettivo consiste nell'”essere invincibili attraverso l’unità e impedire che il nemico ci sconfigga di nuovo a causa del nostro disordine“.

Se il PRC ha rappresentato un fronte unito aperto nella lotta contro l’oppressione spagnola sulla base della compattazione delle nostre forze, il Partito Comunista di Cuba, quello di Fidel e Raul, è stato, dalla sua nascita e fino ad oggi, erede di quella posizione nella lotta contro qualsiasi intenzione di metterci sotto tutela straniera, basata sulla coscienza collettiva di un concetto di sopravvivenza avallato dalla vocazione condivisa di un popolo che difende la causa.

Se il PRC di Marti funzionava come un partito delle masse popolari cubane, e proiettava la sua prestazione storica e la sua ideologia in termini di interessi del nostro popolo, allo stesso modo il PCC della Rivoluzione Cubana è l’insegna rappresentativa di una nazione.

Carlos Baliño, stretto collaboratore di Martí, fondò il 16 agosto 1925 il primo Partito Comunista di Cuba, che è l’identità politica del primo segmento del XX secolo, il cui status di punto di riferimento è rafforzato dalla comparsa delle radiose figure di Julio Antonio Mella e Rubén Martínez Villena.

La missione principale di quei fondatori, dopo la creazione del primo Partito Comunista di Cuba, fu di affiliarlo alla Terza Internazionale, creata da Lenin sei anni prima. Oltre a un programma di rivendicazioni per operai e contadini, proposero di lavorare attivamente nei sindacati, di organizzare i contadini e di lottare per i diritti delle donne e dei giovani. Venne data grande importanza all’educazione di partito e al rafforzamento ideologico della stampa operaia, così come a tutto ciò che riguarda il miglioramento delle condizioni di lavoro.

Tuttavia, l’unità di tutti gli uomini e le donne impegnati per l’indipendenza e la giustizia sociale, strutturati in un nuovo tipo di organizzazione, si rivelò uno sforzo troncato, su scala collettiva, durante il periodo neocoloniale. Il torrente rivoluzionario della Generazione del Centenario non era più in grado di spianare il cammino verso la vittoria superando le barriere che fino ad allora avevano limitato l’unità delle forze progressiste del tempo.

Dopo il trionfo militare della guerriglia della Sierra Maestra nella lotta contro l’esercito del generale Fulgencio Batista (che aveva messo fuori legge, dopo il suo colpo di stato del 1952, il Partito Socialista Popolare, successore dagli anni 40 del primo Partito Comunista di Cuba), l’ideologia etica di quel corpo armato, la coerenza della lotta frontale scatenata sulle montagne e la portata morale del suo leader Fidel Castro contribuirono al consolidamento dell’unità delle dissimili forze di opposizione, l’ideario etico di quel corpo armato, la coerenza della lotta frontale scatenata sulle montagne e la portata morale del suo leader Fidel Castro contribuirono al consolidamento dell’unità delle forze dissimili che si opponevano alla dittatura di Batista.

Questa materializzazione si basava sulla necessità di serrare i ranghi contro l’incessante ostilità dell’imperialismo statunitense fin dalla vittoria e sulla decisione di unire tutti i rivoluzionari sul percorso inevitabile della costruzione del socialismo.

Le Organizzazioni Rivoluzionarie Integrate (ORI), il Partito Unito della Rivoluzione Socialista di Cuba (PURSC) e, infine, il Partito Comunista di Cuba (PCC), come espressione politica concentrata del diapason di cause incentrate su un simile prisma di redenzione patriottica, costituirono gli esponenti catalizzanti di un autentico processo unitario.

3 ottobre 1965. Presentazione del Comitato Centrale.
Nel presentare al popolo i membri del Comitato Centrale, Fidel ha sottolineato che "non c'è episodio eroico nella storia della nostra patria negli ultimi anni che non sia rappresentato lì".

Costituito il suo Comitato Centrale il 3 ottobre 1965, il Partito Comunista di Cuba è, come si si legge nell’articolo 5 del Capitolo 1 della Costituzione della Repubblica di Cuba approvata nel 1976, “Il Partito Comunista di Cuba, unico, martiano, fidelista, marxista e leninista, avanguardia organizzata della nazione cubana, basato sul suo carattere democratico e sul legame permanente con il popolo, è la forza politica dirigente più alta della società e dello Stato. Organizza e orienta gli sforzi comuni nella costruzione del socialismo e dell’avanzata verso la società comunista. Lavora per preservare e per rafforzare l’unità patriottica dei cubani e per sviluppare valori etici, morali e civici.” E così è stato ratificato nella nuova Magna Carta proclamata il 10 aprile 2019, come risultato del referendum costituzionale del 24 febbraio dello stesso anno.

La formazione degli organi dirigenti del Partito, risultato di un processo in cui i suoi legami con le masse sono stati migliorati e approfonditi, ha accresciuto il suo prestigio e la sua autorità tra il popolo e rafforzato il suo ruolo d’avanguardia.

Questo si rifletteva nei nuovi progressi economici, sociali e culturali, nei passi compiuti verso adeguati modelli di governo locale, nei successi nella lotta contro i nemici esterni e interni, e anche nello sviluppo quantitativo della stessa struttura politica, che nel 1970 raddoppiò i suoi membri rispetto al 1965 (con più di 100.000 iscritti), e superò i 204.000 un decennio dopo.

Fu proprio nel vortice di quella pietra miliare storica, che si celebrò il Primo Congresso del Partito Comunista di Cuba, tenutosi come culmine di un processo assembleare a livello di nuclei, comitati municipali e provinciali, compresa l’elezione dei delegati alla riunione politica della famiglia comunista cubana.

Il Proclama del Comandante in Capo al Popolo di Cuba, il 31 luglio 2006, e l’inizio dell’aggiornamento del modello economico confermano che il processo rivoluzionario e il sistema politico cubano si avviano verso una nuova tappa del suo sviluppo, nella quale il PCC è chiamato a rafforzare il suo ruolo centrale.

Un mese prima del Proclama, durante la cerimonia per il 45° anniversario dell’Esercito Occidentale, Raúl ha sottolineato: “…solo il Partito Comunista, come istituzione che riunisce l’avanguardia rivoluzionaria e garanzia sicura dell’unità dei cubani in tutti i tempi, può essere il degno erede della fiducia riposta dal popolo nel suo leader“.

Durante il discorso del compagno José Ramón Machado Ventura, secondo segretario del Comitato Centrale del Partito e  vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, alla cerimonia del 50° anniversario della creazione del Comitato Centrale del Partito e della fondazione del giornale Granma, espresse:
Questo è un partito d’avanguardia, che esige da ognuno dei suoi militanti di pensare con la propria testa e di esprimersi liberamente negli organi del partito e di agire uniti; che educa e impara nel suo contatto permanente con il popolo lavoratore; che ha come stile di lavoro quello di conoscere in ogni momento le difficoltà, i criteri e le proposte delle masse; che ha educato diverse generazioni di cubani; che ha guidato con fermezza e intelligenza la resistenza del popolo; che ha come ideologia gli insegnamenti di Marx, Engels e Lenin, la dottrina di Martí e le idee creative e l’esempio di Fidel e Raúl. […]Un solo partito, come predicava Martí. Perché di fronte ai sogni dell’imperialismo di frammentare la nostra società, di dividerla in mille pezzi, il nostro principale scudo è l’unità. Ed è il Partito, l’avanguardia organizzata del popolo, che assicura, insieme al popolo, la continuità storica della Rivoluzione.

PCC. Il miglior erede della forza eroica dell'unità cubana

Noi militanti accompagniamo il Partito non solo attraverso il nostro lavoro quotidiano e il suo perfezionamento, ma anche affrontando le manifestazioni negative che possono far impallidire l’opera per la quale tanto sangue e fatica sono stati versati fin dalla stessa Guerra dei Dieci Anni, combattuta dai Mambises, continuata poi nella Guerra Necessaria, sia a vocazione unitaria che a carattere anticoloniale e antimperialista.

Il Partito, da quando era ancora un prototipo, solo custodito nel calore dell’idea, è stato e continua ad essere oggi, insieme al nostro popolo, al quale deve la sua esistenza, il miglior versificatore dell’eroica poesia dell’unità cubana. Lo dimostra anche la sua opera in questo territorio, ogni giorno, molte volte, anche nella nobile grandezza dell’anonimato.

Intorno ai suoi obiettivi e alla sua direzione, noi militanti cubani dobbiamo continuare, giorno per giorno, il cammino di lotta segnato dai nostri predecessori, come unica via possibile verso la sovranità e la dignità della nazione e il benessere e la tranquillità di questo popolo.

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)