RICARDO ALARCÓN HA DENUNCIATO IL TRATTAMENTO CRUDELE INFLITTO AI CINQUE E AI LORO FAMILIARI


LOURDES PÉREZ NAVARRO


Il presidente dell’Assemblea Nazionale del Poder Popular, Ricardo Alarcón de Quesada, ha ribadito la domanda di libertà immediata per i Cinque patrioti cubani reclusi ingiustamente negli Stati Uniti, inaugurando il Vº Incontro Internazionale sulla Protezione giuridica dei Diritti della Famiglia e dei Minori, che si sta svolgendo nel Palazzo delle Convenzioni della capitale.

Alarcón ha ricordato ai 150 delegati di una decina di paesi che il 9 agosto scorso la Corte d’Appello dell’11 Circuito di Atlanta ha annullato le condanne dei Cinque e che tre mesi prima il Gruppo di Lavoro sulle Detenzioni arbitrarie della Commissione dei Diritti umani della ONU di Ginevra aveva stabilito che la reclusione di Fernando, Ramón, René, Gerardo e Antonio viola la convenzione internazionale dei diritti civili e politici.


Di recente, ha ricordato Alarcón, è stato approvato che la decisione sia riconsiderata e questo è legittimo, come il reclamo di Cuba che chiede che i Cinque aspettino in libertà la realizzazione di tutti gli atti giudiziari a proposito dei quali non esistono termini stabiliti.


“Non esistono ragioni per mantenerli reclusi!” ha dichiarato Alarcón, aggiungendo: “Che cosa stiamo aspettando? Che passino i mesi e i 12 magistrati ratifichino – come tutti speriamo che avverrà – la sentenza dei tre loro colleghi, solida, unanime e dimostrativa di tutti gli allegati della difesa”?


Cinque famiglie cubane sono separate dal settembre del 1998 quando le autorità degli USA arrestarono i Cinque che stavano svolgendo l’importante missione di cercare informazioni sui piani terroristi che stavano organizzando contro Cuba i gruppi terroristi che operano a Miami.


Alarcón ha chiesto che si ponga fine alle torture e al trattamento crudele inflitto ai Cinque e alle loro famiglie alle quali sono negate persino le comunicazioni.


“Il governo degli USA deve dare finalmente il visto a Olga Salnueva e ad Adriana Pérez per poter visitare i loro mariti che non vedono da cinque e da sette anni!”


Nella prima giornata dell’incontro auspicato dalla Procura Generale della Repubblica di Cuba e dell’Istituto di Sviluppo e Investigazioni sul Diritto, Alarcón ha denunciato che la piccola Ivette, figlia di René e di Olga, non ha mai potuto vedere il padre negli ultimi cinque anni e l’ultima volta che lo ha visto non aveva nemmeno due anni e la visita avvenne in condizioni difficili, dietro a un vetro e con René ammanettato.


Questa è una chiara violazione dei diritti del bambino e della famiglia e anche delle norme per il trattamento dovuto ai reclusi.


Gli esperti che partecipano a questo incontro analizzeranno in varie sessioni di lavoro la situazione attuale dell’infanzia nel mondo, schiacciata da flagelli come la miseria, la mancanza d’educazione, lo sfruttamento nel lavoro e l’impatto dei bambini nelle dette “guerre preventive” sferrate dagli Stati Unti con il pretesto di combattere il terrorismo.


16 Novembre 2005



» http://www.granma.cu/italiano/2005/noviembre
Pubblicato in I Cinque cubani

ARCHIVI