Studiosi di tutto il mondo salutano il successo del marxismo in Cina

Quasi 300 studiosi marxisti di tutto il mondo hanno partecipato al terzo Congresso Mondiale sul Marxismo questo fine settimana all’Università di Pechino, che avuto un ruolo nella storia della filosofia marxista in Cina.

da http://t.m.china.org.cn/
Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Con il centenario del Partito Comunista Cinese (CPC) che cade quest’anno, gli studiosi del congresso hanno convenuto che la Cina è senza dubbio uno dei maggiori praticanti di successo del marxismo oggi nel mondo.

“Come teoria scientifica, il marxismo rivela le leggi oggettive dello sviluppo della società umana e risponde scientificamente alla domanda su dove è diretta la società umana”, ha detto Li Yi, vice presidente della Scuola del Partito del Comitato Centrale del PCC (Accademia cinese di governo).

“Dopo più di 170 anni, il marxismo è ancora oggi di grande attualità e rimane l’apice dello sviluppo del pensiero e della conoscenza umana”, ha detto Jiang Hui dell’Accademia cinese delle scienze sociali (CASS).

Egli ha sostenuto che il socialismo con caratteristiche cinesi nella nuova era è diventato la bandiera principale del socialismo nel XXI secolo e il pilastro dello sviluppo socialista.

Durante i due giorni dell’evento, oltre 60 studiosi internazionali provenienti da più di 20 paesi e regioni, tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia, Giappone, India e Cuba, hanno fatto presentazioni in collegamento video in vari forum tematici, dialoghi di alto livello e seminari speciali. Questi hanno trattato argomenti come “La diffusione del marxismo in Cina”, “L’esperienza cinese della modernizzazione” e “Il PCC e il ringiovanimento della nazione cinese”.

Nell’ultimo secolo, la natura scientifica e la verità del marxismo sono state pienamente testate in Cina. Le conquiste della Cina hanno attirato l’attenzione del mondo, e i suoi ricchi risultati teorici e l’esperienza pratica nell’adattare il marxismo alle condizioni della Cina sono diventati l’obiettivo degli studiosi partecipanti.

“Sotto la guida del PCC, la Cina ha intrapreso il cammino del socialismo e ha raggiunto grandi risultati. Penso che la Cina abbia trovato un nuovo modello di sviluppo e ne abbia beneficiato”, ha detto Alexander Buzgalin, economista e professore all’Università Statale di Mosca.

Attraverso la riforma continua, la Cina ha migliorato la vita delle persone, ha promosso uno sviluppo sociale ed economico più efficiente e ha fissato l’obiettivo di realizzare una società moderatamente prospera, ha detto Khubiev Kaisyn Azretovich, professore di economia politica all’Università Statale di Mosca.

“Penso che i comunisti cinesi abbiano lungimiranza e visione”, ha detto Andrea Catone, caporedattore della rivista comunista italiana Marx Ventuno. “Fanno un piano che è orientato al futuro e prende in considerazione lo sviluppo di tutto il popolo e il benessere comune dell’umanità”.

Tenendo presente le varie crisi che il mondo sta affrontando, ci si chiede se il marxismo può guidare l’umanità verso un futuro migliore. In particolare il percorso intrapreso dalla Cina può fornire più possibilità per lo sviluppo della civiltà umana? I partecipanti hanno condiviso i loro approfondimenti

Secondo Jiang il socialismo con caratteristiche cinesi nella nuova era ha aperto un percorso di modernizzazione senza precedenti nella storia umana e ha fornito una nuova opzione per i paesi in via di sviluppo nel perseguire la modernizzazione. La costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità è la soluzione cinese alle crisi globali ed è una grande innovazione del marxismo nel XXI secolo, ha detto.

“Anche se oggi ci troviamo di fronte a molti nuovi problemi, i principi fondamentali del marxismo, come il materialismo storico e la posizione del popolo, hanno un valore immutabile”, ha detto Tao Wenzhao, vice decano della Scuola di Studi sul Marxismo alla Renmin University of China.

“Il marxismo può ancora giocare un ruolo molto importante negli affari internazionali, economici e politici contemporanei”, ha detto Huan Qingzhi, professore della Scuola di Studi sul Marxismo all’Università di Pechino.

In particolare la risposta a crisi globali come il COVID-19 ed il cambiamento climatico non può dipendere interamente dalla cooperazione internazionale in materia di governance ambientale o politiche pubbliche, ma deve anche definire un nuovo panorama economico e politico internazionale, ha affermato. “In questo senso, la teoria marxista può fornire importanti punti di riferimento e di orientamento”.

Nel frattempo, Buzgalin ha sottolineato l’importanza dei giovani. “Abbiamo anche bisogno di far crescere una nuova generazione di marxisti”, ha detto.

Penso che la Cina possa essere il centro dell’educazione marxista mondiale e sostenere non solo gli studenti in Cina, ma anche la creazione di centri marxisti in tutto il mondo”, ha detto l’economista.

Pubblicato in Attualità, Cultura, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

ATTUALE

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)