USA-Cuba: Biden sotto pressione. Nuova vittoria della Rivoluzione cubana di fronte all’arroganza imperiale

Biden ha impiegato 16 mesi per annullare queste poche misure che, insieme ad altre duecento azioni aggressive, Trump ha attuato per distruggere la Rivoluzione.

di
Fonte: 
Al Mayadeen en español 
T
raduzione e aggiunte: GFJ

Diversi media statunitensi hanno annunciato che l’amministrazione di Joe Biden attuerà una serie di misure che invertiranno le decisioni anticubane stabilite dal presidente Donald Trump.

Tra questi si accenna al ripristino dei voli dagli Stati Uniti verso alcune città dell’isola, oltre a L’Avana; alla riattivazione del programma di ricongiungimento familiare, fermo dal 2016; al riavvio dei servizi consolari a L’Avana; alla ripresa dei viaggi di gruppi di americani per scambi culturali ed educativi, tra gli altri; all’eliminazione dei limiti alle rimesse imposti da Trump.

Biden ha impiegato 16 mesi per annullare queste poche misure che, insieme ad altre duecento azioni aggressive, Trump ha attuato per distruggere la Rivoluzione.

Perché Biden ci ha messo così tanto a prendere queste decisioni? Perché proprio ora?

Sebbene il leader democratico avesse promesso durante la sua campagna elettorale che sarebbe tornato alle politiche di Obama, ha mantenuto la tattica della massima pressione contro Cuba, il cui carattere criminale e genocida è stato mostrato più chiaramente durante la pandemia. I cubani non dimenticheranno che Biden ci ha bloccato fino all’ossigeno nei momenti più tesi della lotta contro il COVID-19.

Le misure annunciate sono positive anche se insufficienti, in quanto non smantellano altre misure più complesse e dannose come l’ingiusta inclusione di Cuba nella lista dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo e il blocco economico, commerciale e finanziario mantenuto da Washington.

Perché Biden ci ha messo così tanto a prendere queste decisioni? Perché proprio ora?

Gli effetti delle misure adottate da Trump e mantenute da Biden hanno avuto un impatto negativo sulla vita quotidiana dei cubani. A ciò si aggiungono gli effetti economici globali della pandemia e i costi che Cuba dovrà sostenere per affrontare la malattia in queste condizioni.

Gli specialisti di Washington e Langley (= CIA. Tecnicamente, si potrebbe dire che la sede della CIA si trova sia a Langley che a McLean, in Virginia, ma “Langley” è in realtà il nome del quartiere di McLean in cui risiede la CIA, ndt) ritenevano che fosse arrivata l’opportunità che aspettavano da più di 60 anni. Erano convinti che la Rivoluzione non avrebbe resistito. Ma anche in questo caso il piano, che prevedeva azioni tipiche dei “colpi di Stato morbidi“, fu un fallimento. La Rivoluzione e il popolo diedero una dimostrazione di consenso e unità che spiazzò il governo statunitense.

Il vertice e la carota

Un vertice con parte delle Americhe

I cambiamenti geopolitici globali, nel quadro del confronto USA-NATO con la Russia, hanno accentuato il declino egemonico degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, l’America Latina e i Caraibi sono immersi in un processo di riconfigurazione politica che potrebbe portare a nuovi sforzi di integrazione al di fuori del panamericanismo rappresentato dalla screditata OSA (Organizzazione degli Stati Americani).

A peggiorare le cose, Biden osserva con sorpresa la vittoria del Venezuela di fronte all'”accerchiamento diplomatico” da parte dei compari regionali e non ha altra scelta che mettersi a ruminare con dignità imperiale la caricatura di Juan Guaidó.

Le recenti prese di posizione di diversi Paesi contro l’intenzione di Washington di escludere Cuba, Venezuela e Nicaragua dal Vertice delle Americhe in programma a giugno a Los Angeles costituiscono un’ulteriore pressione su Biden, il cui consenso interno continua a diminuire.

Messico, Argentina, Honduras, Bolivia, Cile e il gruppo CARICOM degli Stati caraibici hanno espresso il loro disaccordo con le esclusioni e hanno chiesto un vertice con tutti loro. Lo stesso presidente azteco, Andrés Manuel López Obrador (AMLO), è stato una delle voci più critiche della politica di Biden nei confronti di Cuba.

L’appoggio a Cuba di un numero significativo di governi della regione e dei popoli del continente conferma il prestigio che la Rivoluzione cubana conserva nell’arena internazionale e soprattutto nella regione. Questo, insieme alle vittorie di Cuba contro il COVID, la guerra economica e i piani sovversivi, deve aver influenzato la decisione di Biden di rivedere la politica di Cuba.

Soprattutto, è una nuova vittoria della Rivoluzione cubana di fronte all’arroganza imperiale e una disperata carota lanciata dall’attuale presidente degli Stati Uniti per evitare che il suo vertice affondi.

In un paio di occasioni e con il presidente cubano al suo fianco, López Obrador ha inviato agli Stati Uniti un messaggio: è tempo di una nuova relazione tra le Americhe.

A parte questa interessante proposta, Cuba ha ribadito la volontà di mantenere un rapporto civile con l’aggressivo vicino, il che la porta a leggere le misure di Biden in chiave positiva, pur insistendo sulla loro insufficienza. Ciononostante, all’Avana è chiaro che l’impero non intende rinunciare ai suoi sforzi per distruggere il socialismo cubano.


Vedi anche su www.cuba-si.ch/it:

Il presidente messicano non parteciperà al Vertice delle Americhe per “protesta” contro la decisione USA di escludere Cuba, Venezuela e Nicaragua

Anche il presidente della Bolivia non parteciperà al Vertice delle Americhe se non saranno invitati tutti i Paesi del continente.

Blocco contro Cuba. Biden come Trump, forse peggio

Ripudio totale alle parole di Joe Biden

Biden, 100 giorni da Trump su Cuba

Messaggio di Solidarietà al Presidente Putin per le offese rivoltegli dal Presidente Biden

Il piano di Biden. La politica estera USA si radicalizza invece di cercare la distensione. Anche con Cuba

Le prime parole del governo Biden sul Venezuela: una musica già abbondantemente ascoltata e che ha portato il Venezuela ad essere colpito da sanzioni draconiane e illegali.

Biden: illusioni di cambiamento e nulla più (+VIDEO)

Con Biden ci saranno più “rivoluzioni colorate” in America Latina

Joe Biden è il 46mo presidente Usa. Il mondo è in grave pericolo (+ 2 VIDEO)

USA: Biden presidente. Nessun motivo per festeggiare

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Eventi

Coronavirus en Cuba

30.03.2022 - 31.12.2022
in Cuba, Cuba

Recaudación de fondos Spendensammlung Récolte de fonds Raccolta fondi

17.05.2022 - 26.07.2022

Le Soleil de CUBA

01.07.2022 - 31.08.2022

Cada 17 - jeden 17. des Monats gegen die kriminelle US-Blockade...

17.07.2022 - 31.12.2022

21. UZ-Pressefest 2022 – Ein großes Fest des Friedens und der Solidarität

27.08.2022 - 28.08.2022
in Rosa-Luxemburg-Platz vor der Volksbühne, Berlin

25 y Más Uniendo Pueblos - AMISTUR CUBA

30.12.2022 - 31.12.2022

CALENDARIO 2022 - Latinoamerica y el Caribe

31.12.2022

L’IDEOLOGIA DELLA RIVOLUZIONE CUBANA

31.12.2022
in República de Cuba, Cuba

Riflessioni sul pensiero di Fidel Castro (+VIDEO)

31.12.2022
in Cuba e il Mondo, Cuba

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)