Venezuela. Smontate punto per punto le fake news della relazione Bachelet sulle presunte violazioni dei diritti umani

È diventata pratica abituale la politicizzazione e strumentalizzazione dei diritti umani come scusa, da parte degli Stati Uniti, per invadere territori e violare la sovranità.
L’umanità sta ancora aspettando la prova delle armi di distruzione di massa in Iraq, una menzogna che è servita a giustificare l’invasione di quel paese da parte degli Stati Uniti nel 2003, causando la morte di oltre un milione di persone.

Risultati immagini per bachelet pinera

È diventata pratica abituale la politicizzazione e strumentalizzazione dei diritti umani come scusa, da parte degli Stati Uniti, per invadere territori e violare la sovranità. Nel frattempo, il Sistema delle Nazioni Unite, con discorsi ambigui, senza prendere posizione e senza nessun rispetto per il diritto internazionale, si è allineato al potere imperiale e agli interessi dei grandi capitali. Si è prestato alla politica della guerra. In modo vergognoso e ignominioso si è unito alla menzogna e alla manipolazione. In una parola è stato un complice.

L’umanità sta ancora aspettando la prova delle armi di distruzione di massa in Iraq, una menzogna che è servita a giustificare l’invasione di quel paese da parte degli Stati Uniti nel 2003, causando la morte di oltre un milione di persone.
Come l’umanità è ancora in attesa di prove riguardo alle dichiarazioni del Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Navy Pally, che il 25 febbraio 2011 ha presentato una relazione che ha aperto le porte all’invasione militare in Libia sotto l’apparenza di un intervento umanitario.

Irresponsabilmente l’Alto Commissario Pally ha dichiarato: “Anche se i rapporti sono ancora irregolari e difficili da verificare, una cosa è dolorosamente chiara: in violazione sfacciata e continua del diritto internazionale, la repressione in Libia delle manifestazioni pacifiche si sta aggravando in modo allarmante con omicidi di massa, arresti arbitrari, detenzione e torture di manifestanti. Secondo alcune fonti, migliaia di persone possono [sic] essere stati uccisi o feriti (…) Secondo diversi rapporti, combattenti stranieri, anche assassini continuano ad essere portati nel paese e dotati dal governo di armi leggere e di piccolo calibro per reprimere le proteste.”

Senza prove in mano, al contrario consapevoli della non verifica e dell’irregolarità delle informazioni, le parole di Navy Pally hanno dato origine alla Risoluzione A / HRC / RES / S-15/1 del 3 marzo 2011, che afferma: “il Consiglio dei diritti umani esprime profonda preoccupazione per la situazione in Libia, e condanna fermamente le recenti violazioni gravi e sistematiche dei diritti umani commesse in quel paese, compresi gli attacchi armati indiscriminati contro i civili, esecuzioni extragiudiziali, arresti arbitrari e detenzione e tortura di manifestanti pacifici, che in alcuni casi possono anche costituire crimini contro l’umanità”.

Ci chiediamo: a che livello si sono controllati i rapporti? Sono state uccise e ferite migliaia di persone? Quanti esattamente? Si sono verificate notizie relative a esecuzioni extragiudiziali, arresti arbitrari e casi di tortura? Dove sono le prove di un’accusa così seria che ha portato a una guerra che persiste ancora e che ha fatto a pezzi la Libia?

Eppure il Consiglio dei diritti umani, violando la sovranità della Libia ha inviato “con urgenza una commissione d’inchiesta internazionale indipendente, che sarà nominato dal Presidente del Consiglio, per indagare su tutte le presunte violazioni delle norme internazionali sui diritti umani nella Jamahiriya araba libica”.

Le parole di Pally e la Risoluzione A / HRC / RES / S-15/1 del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite hanno dato il via alla Risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del marzo 2011, in cui hanno dichiarato una zona di esclusione in Libia e con essa l’invasione militare da parte della NATO. Nel frattempo, all’interno del paese africano, un governo parallelo, chiamato Consiglio nazionale di transizione, è stato istituito dai partiti politici opposti all’allora presidente Gheddafi.

L’alta commissaria Michelle Bachelet, nello stesso stile della precedente presidente Navy Pally, ha appena presentato la relazione sulla situazione dei diritti umani in Venezuela. Piena di imprecisioni, informazioni non verificate o verificabili, errori, omissioni e false dichiarazioni, la relazione in questione manca del rigore e della serietà che richiede la redazione di tali documenti, le cui implicazioni mettono a rischio la pace, non solo del Venezuela, ma di tutta l’America.

Non ci occuperemo in queste righe di sottolineare la parzialità del rapporto presentato dalla Bachelet, nel quale si riferiscono informazioni provenienti solo da partiti politici dell’opposizione che eludono i dati ufficiali e le relazioni di organizzazioni come Fundalatin. A questo proposito c’è già stato molto inchiostro versato. Molto meno si è notata la mancanza di rigore metodologico nella raccolta, elaborazione e analisi delle informazioni. Su questo è stato già scritto.

Né ci concentreremo nel segnalare le contraddizioni sostenute dall’Alto Commissario per dire che in Venezuela i diritti umani non sono garantiti, né come il Consiglio dei diritti umani in abbia adottato la revisione periodica universale presentata dal paese, mentre le stesse Nazioni Unite attraverso L’UNDP hanno appena valutato il Venezuela con un alto indice di sviluppo umano.

Non vogliamo confessarene la nostra delusione per il fatto che la Bachelet non ha espresso un forte rifiuto davanti alle minacce di intervento militare da parte degli Stati Uniti, o perché non ha sollecitato l’immediata cessazione del blocco economico, commerciale e finanziario contro il popolo venezuelano, o perché non ha denunciato odio e violenza da parte dei partiti politici dell’opposizione che hanno compiutoazioni fasciste fino al punto di bruciare vivi gli esseri umani.

Tanto meno esprimiamo il nostro stupore perché non si sia ripudiato il tentativo di assassinio contro il presidente Nicolas Maduro nel mese di agosto 2018, né il colpo di stato nel mese di aprile 2019, o il tentativo di invasione, al confine con la Colombia, il 23 febbraio di quest’anno, o quello di usurpare la carica di Presidente della Repubblica da parte del sedicente sutoproclamato presidente ad interim Juan Guaidó e la sua intenzione di formare un governo parallelo, o ancora ci chiediamo perchè non ha fatto riferimento a sabotare l’impianto elettrico che ha lasciato senza servizio al popolo venezuelano. Forse sono eventi così ovvi e famigerati che non ha ritenuto di includerli nel rapporto.

Nemmeno vogliamo parlare della nostra sorpresa per il fatto che l’Alto Commissario non ha citato la relazione del dottor Alfred De Zayas, osservatore indipendente delle Nazioni Unite, relatore ordine democratico ed equo, che dopo aver visitato il Venezuela nel 2017 ha presentato una relazione in cui nel dettaglio si pone la necessità di condannare la guerra economica, misure coercitive unilaterali e l’attacco sulla moneta, come determinanti di ciò che, nelle cause economiche e sociali si verifica nel paese.

Ci fermeremo invece a chiedere all’Alto Commissario la presentazione delle prove e delle precisioni di ognuna delle gravi accuse che egli fa nella sua relazione. Prova che, per rispetto, si meritano i venezuelani e l’umanità intera.

La Bachelet conclude che “… ci sono fondati motivi per ritenere che gravi violazioni dei diritti economici e sociali, inclusi i diritti al cibo e alla salute, siano state commesse in Venezuela. Il governo ha rifiutato di riconoscere l’entità della crisi fino a poco tempo fa e non ha adottato le misure appropriate. Con l’aggravarsi della crisi economica, le autorità hanno iniziato a utilizzare i programmi sociali in modo discriminatorio, per ragioni politiche e come strumento di controllo sociale”.

Vi chiediamo di specificare quali sono i “motivi ragionevoli” che vi portano a “credere” che i diritti economici e sociali siano violati. Con quali prove la relazione sostiene che non sono state prese misure appropriate? E come dimostra la presunta discriminazione nella concessione di programmi sociali? Ad esempio, come si può affermare che ci sia discriminazione per ragioni politiche nella distribuzione della Clap, il contenitore di alimenti che sarebbe stato dato solo ai sostenitori del governo Vuol dire che 6 milioni di famiglie che ricevono la scatola sono chavisti?

O ritiene la Bachelet che 18 milioni di persone inserite nella Patria Platform sono anche loro tutti i chavisti e quindi il 100% degli anziani che ricevono la loro pensione attraverso questo sistema comune, anche con la rivoluzione bolivariana e i 6 milioni di famiglie che ricevono il bonus “case della Patria” e ancora le 700.000 donne incinte che ricevono il bonus di nascita umanizzata e allattamento al seno? Ricordiamo che in Venezuela ci sono 30 milioni di persone.

Nel suo rapporto la Bachelet ha anche concluso che “Per oltre un decennio, il Venezuela ha adottato e implementato una serie di leggi, politiche e pratiche che hanno limitato lo spazio democratico, indebolito le istituzioni pubbliche e minato l’indipendenza del potere.

Dove sono le prove di un’accusa così grave? È importante specificare a quali leggi e politiche si riferiscono e dimostrare come lo spazio democratico sia stato limitato in un paese in cui dal 2013 sono state indette sette elezioni con la partecipazione di tutti i pattiti politici e il riconoscimento del trionfo dell’opposizione da parte del governo.

E ‘importante spiegare il motivo per cui si afferma che si è limitato lo spazio democratico in un paese che ha visto aumentare le manifestazioni contro il governo ha in numero e intensità a partire dal 2014, come riconosce il report affermando che “ci sono state 9787 manifestazioni nel 2017, 12715 nel 2018 e 9715 tra l’1 gennaio e il 31 maggio 2019. ”

Oppure l’Alto Commissario fa riferimento alle pratiche dei partiti di opposizione che sono stati caratterizzati da una minore democraticità, come ad esempio il tentato colpo di stato del 30 aprile 2019 o la richiesta di astensione elettorale nelle elezioni presidenziali del 20 maggio 2018 o il tentativo di omicidio recentemente interrotto dalle forze di sicurezza dello stato?
Se è a questo atteggiamento antidemocratico dell’opposizione a cui ci si sta riferendo, vale la pena specificarlo nel rapporto.

La Bachelet continua: “Tutto ciò ha permesso al governo di commettere numerose violazioni dei diritti umani. Migliaia di persone, soprattutto giovani, sono state uccise in presunti scontri con le forze statali negli ultimi anni. Vi sono ragionevoli motivi per ritenere che molte di queste morti costituiscano esecuzioni extragiudiziali perpetrate dalle forze di sicurezza, in particolare dalla FAES. Queste violazioni richiedono ulteriori indagini per determinare la responsabilità statale appropriata e la responsabilità penale individuale. ”

Molte questioni sorgono a questo riguardo, specialmente quando il governo è accusato di aver commesso “numerose” violazioni dei diritti umani. Le precisazioni sono indispensabili in questa sezione, così come gli elementi probatori.

L’Alto Commissario afferma che le autorità hanno attaccato le persone, migliaia delle quali sono state uccise negli scontri con le forze di stato e che queste morti sono esecuzioni extragiudiziali.

Presenti le prove, signora Bachelet.
Pubblichi la lista con i nomi delle migliaia di persone che sono state “uccise” dalle forze dello Stato. Si tratta di accuse molto delicate che non dovrebbero essere sollevate in termini vaghi in una relazione di questo livello.

Ma in aggiunta, sorge la domanda sul perché emetta un giudizio a priori e accusi il governo quando riconosce simultaneamente che le indagini sono necessarie per determinare le responsabilità. Sembra contraddittorio e quindi irresponsabile.

Dice Bachelet: “La deviazione delle risorse, la corruzione e la mancanza di manutenzione nelle infrastrutture pubbliche e investimenti insufficienti, hanno portato a violazioni del diritto ad un adeguato standard di vita, tra gli altri, a causa del deterioramento dei servizi di base come il trasporto pubblico e l’accesso all’elettricità, all’acqua e al gas naturale “.

Dichiarate le prove, signora Bachelet, che la diversione delle risorse, la corruzione e la mancanza di manutenzione sono le cause della violazione del diritto a un tenore di vita adeguato.

Non neghiamo affatto che ci sia corruzione in Venezuela, ma dimostri che è questa e non la guerra economica, la causa della iperinflazione in atto dal 2023 il blocco finanziario e il sabotaggio dei servizi pubblico, il che spiega il suo “deterioramento”.
. Come medico, dovresti sapere che le morti non sono stimate attraverso i sondaggi, sono fatti. Inoltre, approfitta e dimostra che la causa della mancanza e della disponibilità di farmaci è dovuta al fallimento del governo e non al blocco finanziario e all’embargo commerciale che hanno ostacolato l’importazione di medicinali e forniture mediche chirurgiche, oltre a forniture per la loro produzione.

L’Alto commissario insiste sul fatto che: “Il numero di persone che sono state costrette a lasciare il Venezuela è aumentato drasticamente dal 2018, raggiungendo oltre 4 milioni entro il 6 giugno 2019. La Colombia ospita il maggior numero di persone, seguita da Perù, Cile, Argentina, Ecuador e Brasile. ”

La signora Bachelet dimostri che ci sono più di 4 milioni di persone che hanno lasciato il Venezuela. Prevediamo che sarà difficile se non vuole contraddire le stesse cifre delle Nazioni Unite, che indicano che in Colombia, Perù, Cile, Argentina e Brasile il tasso di migrazione netta è negativo, cioè in quei paesi ci sono più persone uscite rispetto a quelle che sono entrate. Pertanto, dimostrino dove sono questi supposti più di 4 milioni di venezuelani?

Per la pace del Venezuela e quella dell’America, per il rispetto di tutta l’umanità, è appropriato un atteggiamento serio e responsabile. È bello dire la verità.
In attesa della consegna delle prove. Cordiali saluti.

Pasqualina Curcio

 

Pubblicato in Attualità, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Eventi

2019. CONGRESOS Y EVENTOS EN CUBA

01.01.2019 - 31.12.2019
in República de Cuba, Cuba

Cada 17 del mes - jeden 17. des Monats - chaque 17 du mois

17.09.2019 - 17.12.2019

70 Jahre Schweizerische Friedensbewegung

21.09.2019
in Schmiedenhof, Basel

Venezuela: Gegenwart & Zukunft

28.09.2019
in Volkshaus, Zürich

500 Jahres Havanna - Junge kubanische Kunst

19.10.2019 - 09.11.2019
in arte cuba gallery, Entlebuch

Fotoausstellung zu Kuba

22.10.2019 - 15.11.2019
in Restaurant Hirscheneck, Basel

Encuentro Antiimperialista de Solidaridad por la Democracia y contra el Neoliberalismo - La Habana CUBA

01.11.2019 - 03.11.2019

Sfilata 1° Maggio 2016. La Habana

Archivi

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)