Alcuni paesi commentano il blocco degli Stati Uniti contro Cuba.

La Risoluzione intitolata “Necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d’America contro Cuba” sarà votata nel maggio 2021, per la ventinovesima volta in seno all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite; questa volta è stato posticipato a causa dell’impatto di COVID-19 su scala globale.

Angola:

La Repubblica d’Angola ritiene che il blocco imposto a Cuba costituisca una violazione del diritto internazionale e della Carta, in particolare per quanto riguarda: a) l’uguaglianza sovrana degli Stati; b) non intervento e non interferenza nei loro affari interni; c) libertà di commercio internazionale, che è anche sancita in numerosi strumenti giuridici internazionali; e d) il mantenimento del blocco nella situazione attuale, soprattutto con lo scoppio della pandemia del coronavirus (COVID-19), che lo rende ancora più disumano e costituisce una flagrante violazione dei diritti umani, poiché priva un Paese e la sua popolazione delle risorse essenziali per combattere questa pandemia.

Per tutti questi motivi, la Repubblica d’Angola, ancora una volta, rifiuta totalmente l’imposizione di leggi extraterritoriali e tutte le forme di misure unilaterali e coercitive che impediscono il pieno godimento dei diritti umani universali, compreso il diritto allo sviluppo.

Canada:

Il Canada è profondamente deluso dalla decisione degli Stati Uniti di attuare il Titolo III del Cuban Liberty and Democratic Solidarity Act (Liberty Act), comunemente noto come Helms-Burton Act. Il blocco ha un impatto negativo sulle condizioni di vita del popolo cubano, così come sui canadesi che svolgono attività commerciali e di investimento legittime a e con Cuba.

Cina:

La Cina esorta gli Stati Uniti a revocare completamente e il prima possibile il blocco contro Cuba e a sviluppare normali relazioni interstatali con questo paese coerenti con gli scopi ei principi della Carta e con le norme fondamentali che regolano le relazioni internazionali. Ciò è in linea con gli interessi comuni degli Stati Uniti e di Cuba e dei popoli di questi due paesi e favorirà la pace e la stabilità in tutta la regione.

Russia:

Il blocco anti-cubano ha causato danni significativi all’economia dell’isola e ha reso difficile per le autorità cubane attuare una grande trasformazione . È un pesante fardello, prima di tutto per la popolazione cubana, poiché il blocco limita l’esercizio dei legittimi diritti dei cittadini cubani a una vita dignitosa e alla piena sicurezza sociale, tra l’altro nei settori della salute e della sicurezza. formazione scolastica.

Venezuela:

Il governo bolivariano deplora la deriva retrograda che ha mostrato il governo del presidente Donald Trump, affermando in varie occasioni la sua intenzione di riaffermare le interferenze e le interferenze negli affari interni della Repubblica di Cuba come elementi delle sue politiche nei confronti del paese gemello. Per il Venezuela è dannoso sviluppare ed eseguire politiche statali basate su accuse tendenziose senza alcun supporto.

Una tale politica di confronto, promossa e applicata da decenni, ha influito sul benessere della nazione sorella dell’America Latina e dei Caraibi, che ha visto i diritti umani dei suoi cittadini violati a causa degli effetti delle suddette misure illegali. A questo proposito, il governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela esorta gli Stati Uniti d’America a conformarsi immediatamente alle risoluzioni dell’Assemblea Generale 47/19, 48/16, 49/9, 50/10, 51/17, 52/10, 53/4, 54/21, 55/20, 56/9, 57/11, 58/7, 59/11, 60/12, 61/11, 62/3, 63/7, 64 / 6, 65/6, 66/6, 67/4, 68/8, 69/5, 70/5, 71/5, 72/4, 73/8 e 74/7, le cui approvazioni hanno segnato pietre miliari storiche nelle votazioni a favore delle Nazioni Unite.

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)