Donne cubane, protagoniste della Rivoluzione e per il Socialismo

Ci sono molti motivi per celebrare la donna a Cuba: seguendo l’esempio di tante donne che hanno combattuto per il loro Paese e per l’affermazione dei loro diritti. Foto: Archivio

«La paura delle donne per la violenza degli uomini
è lo specchio della paura degli uomini
per le donne senza paura»
Eduardo Galeano
www

Il popolo cubano è orgoglioso delle azioni delle sue donne. Sono la continuazione della stirpe delle Mariane, di Celia, Vilma, Haydee, Melba, Lydia, Clodomira e molte altre che hanno dedicato la loro vita a servire la patria.

Varie autrici e autori cubani
Traduzioni e compilazione: G. Federico Jauch
26 dicembre 2023

L’emancipazione della donna si realizzerà solo con il socialismo. A Cuba si sta avverando

Nella Cuba socialista le donne rappresentano il 53,22% dei deputati dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (ANPP) e il 48,4% dei membri del Consiglio di Stato. Il 60,5% dei diplomati dell’istruzione superiore sono donne e il 67,2% dei tecnici e professionisti a livello nazionale sono donne. Le donne rappresentano il 60,5% dei laureati dell’istruzione superiore e il 67,2% dei tecnici e professionisti a livello nazionale.

Rappresentano il 49% della forza lavoro nel settore statale civile; il 48,6% dei dirigenti; l’81,9% dei professori, degli insegnanti e degli scienziati; l’80% dei procuratori, dei presidenti dei tribunali provinciali, dei giudici professionisti e della forza lavoro nei settori della sanità e dell’istruzione.

Sei decenni di lotta a favore dell’uguaglianza dei diritti e dell’autonomia delle donne cubane parlano della forza delle donne in una nazione in cui ogni giorno la leadership delle donne cubane diventa più essenziale per affrontare il blocco economico, finanziario e commerciale, le costanti campagne sovversive e le pandemie.

La Federazione delle Donne Cubane (FMC)


Da oltre sei decenni, la Federazione delle Donne Cubane (FMC) è impegnata nella difesa dell’uguaglianza e dell’emancipazione delle donne cubane.

Le donne sono state indispensabili in ogni periodo della storia cubana, ma senza dubbio il loro ruolo è cresciuto ed è diventato più visibile dopo il 1959, quando la Rivoluzione ha aperto la strada all’uguaglianza e alle pari opportunità.

È impossibile parlare della FMC senza menzionare la persona che prese l’iniziativa di crearla il 23 agosto 1960. Vilma Espín Guillois propose a Fidel la creazione di un’organizzazione per promuovere la partecipazione delle donne al processo rivoluzionario.

L’FMC riunisce le donne di età superiore ai 14 anni, si dedica alla promozione del lavoro integrale con la famiglia ed è incaricata di promuovere programmi e azioni che stimolino il loro sviluppo attraverso un lavoro educativo in collaborazione con organizzazioni e associazioni cubane.

Uno dei suoi obiettivi è promuovere politiche e programmi volti a raggiungere il pieno esercizio dell’uguaglianza a tutti i livelli della società, e attualmente conta più di quattro milioni di membri.

Il seme gettato nel 1960, con la leadership indiscussa di Fidel e Vilma, ha dato grandi frutti. Hanno conquistato spazi importanti nella vita economica, sociale, politica e culturale del Paese; non è possibile citare una conquista in questa nazione che non porti l’impronta di una donna.

La sfida per questa organizzazione è quella di stare al passo con le nuove generazioni e allo stesso tempo continuare l’impegno che ha assunto nei confronti della Rivoluzione e del Socialismo.

L’omaggio che facciamo è alla dedizione, al coraggio e alla consacrazione di coloro che definiscono il loro valore in tutto ciò che fanno e che, senza perdere la loro tenerezza, hanno saputo tenere alta ogni conquista delle donne cubane.

L’eroismo delle donne cubane

Nel capitalismo, che si basa sulla diseguaglianza tra le classi non potrà che osservarsi una diseguaglianza tra l’uomo e la donna: nell’economia, nei diritti, ecc… Ma sempre in una prospettiva di classe. Cioè, la donna nel capitalismo è, come ci diceva Lenin, doppiamente oppressa: per essere donna e per essere operaia. Urge dunque buttare il capitalismo e il patriarcato nella discarica della storia.

Le donne a Cuba hanno una lunga storia di eroismo e altruismo. Furono presenti nella manigua redentrice e in altre campagne per l’emancipazione della patria di fronte al colonialismo e ai governi della pseudo-repubblica, servili agli interessi stranieri.

Allo stesso modo, la donna cubana fu presente nelle battaglie nella Sierra Maestra e nella clandestinità fino al trionfo della Rivoluzione nel 1959, e da quel momento conquistò un posto ai vertici della società contribuendo con i suoi sforzi e la sua saggezza al consolidamento del processo di trasformazioni politiche, economiche e sociali che si sono realizzate da allora.

La dignità della donna sull’isola è uno dei risultati più significativi di questi oltre 60 anni. Le donne non sono più concepite solo come oggetti di piacere e casalinghe, ma sono diventate pienamente e attivamente coinvolte in programmi educativi e culturali, in lavori socialmente utili e nel contribuire allo sviluppo del Paese, senza trascurare la loro essenza materna come laboratorio naturale, che plasma anche la vita.

Oggi un numero considerevole di loro occupa responsabilità ed esercita professioni importanti come medici, architette, ingegneri, artiste, scienziate, laureate in scienze giuridiche, storia, giornalismo e in decine di altre discipline del sapere.

Esse costituiscono inoltre una parte decisiva del settore imprenditoriale, fanno parte del Parlamento cubano e svolgono un ruolo trascendentale nella costruzione del modello di sviluppo della più grande delle Antille.

E in un contesto così complesso e difficile come quello attuale sull’isola e nel mondo (a causa della crisi globale, delle guerre e come conseguenza della COVID-19), le donne cubane stanno crescendo di statura e sfidando uno dei più brutali crimini contro l’umanità che la comunità internazionale abbia conosciuto tra il XX e il XXI secolo, con una durata record; Il blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti, ferocemente inasprito anche in tempi di pandemia con più di 240 misure coercitive, accompagnato da campagne mediatiche di disinformazione e pratiche sovversive senza precedenti con l’obiettivo di smantellare e distruggere la Rivoluzione.

Nonostante le colossali sfide che il Paese deve affrontare, la carenza di prodotti, medicinali e altri beni, le donne di Cuba, che sono state addestrate al sacrificio e agli assedi esterni, non cessano nei loro sforzi per ottenere un futuro migliore per le loro famiglie e i loro compatrioti. Generano iniziative, innovazioni, partecipano a progetti di ricerca in diverse branche del sapere, che hanno reso possibile avere nuovi trattamenti, vaccini e farmaci contro le malattie e le pandemie che affliggono il mondo.

Allo stesso modo, sono attive in nuove forme di gestione, lavorando in gruppi imprenditoriali, nello Stato, come lavoratrici autonome, in cooperative, nelle PMI, nelle Unità di Produzione Agricola di Base e in altre strutture che sono in aumento in tutto il territorio nazionale.

Le troviamo anche in decine di azioni di solidarietà, come collaboratrici che forniscono servizi in aree colpite da fenomeni naturali, incidenti o altri flagelli che richiedono sostegno, non solo nel loro Paese, ma anche in altre nazioni che lo richiedono.

L’eroismo delle donne cubane non conosce limiti, sono altruiste e sempre pronte ad aiutare i più bisognosi, non offrono quello che hanno da parte, ma condividono quello che hanno, e in questi anni difficili questo è stato ancora più evidente. Insieme alle loro famiglie e ai loro vicini, sono più unite che mai nell’affrontare ogni arduo compito, facendosi carico della complessità quotidiana di trovare cibo, medicine o altri oggetti importanti.

Ma c’è la consapevolezza dei danni causati alla popolazione dall’assedio economico imperiale che, nonostante il rifiuto universale della maggioranza, non è destinato ad essere rimosso per il momento. Pertanto, le forze produttive dell’isola sono orientate alla sostenibilità alimentare e all’aumento della produzione agricola, zootecnica e industriale, elementi essenziali per il soddisfacimento del paniere alimentare di base, che anche se insufficiente è sovvenzionato dallo Stato, attraverso una distribuzione il più possibile equa e attraverso il tradizionale libretto di approvvigionamento.

Il popolo cubano è orgoglioso delle azioni delle sue donne. Sono la continuazione della stirpe delle Mariane, di Celia, Vilma, Haydee, Melba, Lydia, Clodomira e molte altre che hanno dedicato la loro vita a servire la patria.

La Rivoluzione è stata costruita per le donne

L'emancipazione delle donne non sarebbe stata possibile senza il socialismo. Anche se il cammino percorso verso la piena parità per le donne cubane non è stato breve, ci sono ancora sfide legate alle manifestazioni di discriminazione e violenza di genere, così come ai comportamenti sessisti, che confermano la necessità di un Programma nazionale per il progresso delle donne.

Negli anni Cinquanta le donne cubane erano, nel migliore dei casi, oggetti decorativi. La società assumeva un atteggiamento e un comportamento di arroganza e superiorità degli uomini rispetto alle donne, che erano confinate principalmente nella sfera domestica. Quelle che ottenevano un lavoro – dato che non potevano candidarsi per molti lavori considerati “maschili” – erano per legge pagate molto meno degli uomini, anche se svolgevano mansioni simili.

Il patriarcato si esprimeva con altrettanta durezza in modi visibili e invisibili. Alla luce del sole si manifestavano insulti, urla, minacce, stupri e persino omicidi. Nella zona invisibile, le donne erano oppresse dal disprezzo, dal ricatto emotivo, dal linguaggio sessista, dall’umorismo sessista, dalla pubblicità sessista – con donne poco vestite per incoraggiare il consumo di un prodotto – e da una serie di fatti e azioni che sottovalutavano le donne. Le donne costituivano la maggioranza dell’alta percentuale di popolazione analfabeta e il loro ruolo nella vita politica dell’isola era molto limitato.

Per questo motivo, e per la loro vocazione alla giustizia, l’amore per Cuba e la fiducia nel futuro, molte si unirono alla lotta insurrezionale guidata da Fidel contro la dittatura di Batista, e difesero dalle colline e dalla clandestinità il progetto sociale che promuoveva il riconoscimento della dimensione di classe, razza e genere. Sono state, con il trionfo della Rivoluzione del 1° gennaio 1959, le principali beneficiarie.

Nella Cuba che iniziò a ricostruirsi dopo il 1959, “si tenne conto – come spiegava la dottoressa Isabel Moya, recentemente scomparsa, in La Jiribilladella necessità di politiche specifiche e di forme organizzative che permettessero la rivendicazione degli interessi particolari delle donne; del necessario protagonismo femminile nella propria liberazione articolata con i cambiamenti sociali generali; della consapevolezza della necessità di profonde trasformazioni nelle relazioni e nei ruoli all’interno della casa“.

Queste erano le priorità immediate del governo rivoluzionario, ed erano chiare fin dal 1962, quando il Comandante in Capo dichiarò che intendeva “creare una società diversa, organizzare un mondo migliore per tutti gli esseri umani; le donne hanno un interesse molto grande in questo sforzo, perché, tra l’altro, le donne sono un settore che nel mondo capitalista in cui vivevamo era discriminato. Nel mondo che stiamo costruendo, tutte le vestigia della discriminazione contro le donne devono scomparire.”

Un anno prima, nel 1961, era stata lanciata a Cuba una grande campagna di alfabetizzazione, che aveva permesso a tutti i settori della società, in particolare alle donne, soprattutto alle donne di colore, di beneficiare di questo progresso sociale che apriva la strada all’uguaglianza.

Allo stesso tempo, furono creati circoli infantili per dare alle madri cubane accesso alla formazione, al lavoro e alla partecipazione alla vita economica del Paese, e fu sviluppato un arsenale costituzionale e legislativo per promuovere i diritti delle donne e l’uguaglianza per tutti.

L’emancipazione femminile non sarebbe stata possibile senza il socialismo e la nascita della Federazione delle Donne Cubane costituita ufficialmente il 23 agosto 1960 sotto la guida di Vilma Espín, come espressione del particolare trattamento, all’interno del generale, che veniva riservato alle questioni femminili.

Più di 60 anni dopo, le norme giuridiche esistenti continuano a permettere alle donne di prosperare e realizzarsi, e ora svolgono un ruolo essenziale nella vita politica, economica, sociale e culturale del Paese, come è evidente dai dati.

Miguel Díaz-Canel presiede la consegna delle Decorazioni alle donne che si sono distinte. Durante l'evento politico-culturale, tenutosi nella Sala del Protocollo di El Laguito, cinque federate hanno ricevuto l'Orden Mariana Grajales - la massima onorificenza conferita dall'organizzazione -, 18 hanno ricevuto l'Orden Ana Betancourt e sette hanno ricevuto l'onorificenza 23 de Agosto. L'Avana, 15 agosto 2023

Tuttavia, esistono ancora ostacoli all’emancipazione femminile.

«La Rivoluzione cubana deve essere riconosciuta per il suo enorme lavoro per l’emancipazione delle donne, ma non possiamo essere soddisfatti. Dobbiamo vedere cosa abbiamo ottenuto e come stiamo passando a una fase superiore, ma senza dubbio nel pensiero di Fidel, nelle azioni dello stesso Raúl, nei contributi di Vilma, c’è stata una forte proiezione di emancipazione. Non c’è società perfettibile, se non include donne emancipate.» ha sintetizzato recentemente in un suo intervento il presidente Miguel Diaz-Canel.

Fidel e il suo impegno per l’emancipazione femminile


Il 25 novembre è un giorno singolare per i cubani, perché all’improvviso il nostro invincibile Comandante in Capo Fidel Castro Ruz è partito per l’immortalità, le fondamenta di un’isola che non poteva concepire un futuro senza la presenza del suo leader sono state scosse, ma tale è stata la sua audacia che ci ha preparato anche a quel momento, la sua luce e il suo pensiero guidando il cammino sicuro della Rivoluzione.

Può sembrare una coincidenza, ma il 25 novembre è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, e fu proprio Fidel a dare priorità al riconoscimento delle donne cubane nel suo programma rivoluzionario, pensiero che non tardò a concretizzare con la fondazione della Federazione delle donne cubane nel 1960.

Nel suo primo discorso al popolo a Santiago de Cuba, il 1° gennaio 1959, Fidel dedicò un passaggio importante sugli svantaggi delle donne cubane e affermò: “Le donne sono un settore del nostro Paese che ha bisogno di essere riscattato, perché sono vittime di discriminazioni sul posto di lavoro e in molti altri aspetti della vita“.

E ora, lavorare, organizzare e attivare lo spirito creativo, l’entusiasmo delle donne cubane, affinché le donne cubane, in questa fase rivoluzionaria, facciano sparire ogni minimo residuo di discriminazione; e le donne cubane, per le loro virtù e i loro meriti, abbiano il posto che corrisponde loro nella storia della patria.” Riferimento al testo originale: Discorso pronunciato il 23 agosto 1960 in occasione della fondazione della FMC.

Ma ora, in questa fase attuale della Rivoluzione, le donne hanno un compito fondamentale, una battaglia storica da portare avanti (…) La lotta per l’uguaglianza delle donne! La lotta per la piena integrazione delle donne cubane nella società!“. Riferimento al testo originale: Discorso pronunciato alla cerimonia di chiusura del II Congresso della Federazione delle Donne Cubane, Teatro Lázaro Peña, 29 novembre 1974.

vedi anche:

Fidel e la Donna (+VIDEO e FOTO)


La donna in www.cuba-si.ch/it:


L’emancipazione della donna si realizzerà solo con il socialismo. A Cuba si sta avverando

Cuba. Per un femminismo liberatore, emancipatore e socialista

Una donna rinata. Cubana e dignitosa

La Rivoluzione Femminista Cubana raccontata da un’ex guerrigliera

Costituzioni con anima di donna

La grandezza della donna cubana (nonostante la meschinità del patriarcato)

VIDEO: La donna cubana, protagonista del Partito e della Rivoluzione

La donna cubana non delude mai. Di Mariela Pérez Valenzuela, direttrice editoriale di Prensa Latina (+ 2 VIDEO)

Donna a Cuba: la lotta continua

Cuba: donne con più potere

Donne cubane: donne in rivoluzione (+VIDEO)

Cuba assicura il progresso delle donne nella società

Le donne cubane, ovvero l’altra metà della Rivoluzione


Donna cubana con la luce esemplare di Vilma Espín (+FOTO e VIDEO)

Vilma, ovvero l’orizzonte costante della donna emancipata. Cuba, festeggiando il 60° anniversario della FMC (+VIDEO)

IL GIORNALISMO COME FESTA. Dedicato a Marta Rojas, giornalista cubana (+VIDEO)

Donne a Cuba. Mariana, la Madre di Cuba (+ VIDEO)

Cuba 26 Luglio 1953: le donne del Moncada

Il Festival Internazionale del Nuovo Cinema Latino Americano ha un nuovo direttore. Anzi, una nuova Direttrice


Foto e storie di prostituzione nella Cuba prerivoluzionaria: le case di Marina. E poi arrivò Fidel! (+altre FOTO)

La donna come oggetto sessuale nella musica cubana, un tema in discussione nel dibattito nazionale. La denuncia della FMC (Federazione delle Donne Cubane)

16 giorni per riflettere sull’attivismo contro la violenza sulle donne. Un percorso da Cuba

Perché un “Programma Nazionale per l’Avanzamento delle donne a Cuba”?

Le 25 verità ignorate da Yoani Sánchez sul ruolo della donna a Cuba

Essenze di donna nel teatro cubano

“Mujeres en Diplomacia. Pioneras”. Presentazione di un libro sulle donne nella diplomazia cubana (+VIDEO)

Astensione e uteri inventati contro il femminismo cubano


8 Marzo, Giornata Internazionale delle Donne: Cuba celebra la data con orgoglio per tutto ciò che è stato raggiunto

8 Marzo. Contro il patriarcato. Per un futuro socialista con anima di donna

“LA GIORNATA DELLA DONNA” (1913). Di Aleksandra Kollontaj

‘Giornata internazionale della donna’. Nadezhda K. Krupskaya: Sull’etica comunista

La giornata internazionale della donna: gli esempi positivi di Cuba e Venezuela

8 MARZO. Festa della Donna. Auguri!

Un 8 marzo sotto il tallone di ferro dell’imperialismo Usa e Ue

Otto donne sovietiche che hanno superato tutti (anche gli uomini) nel loro settore

Vietnam, 20 ottobre: Giornata della Donna


Donne africane contro il dominio coloniale

Monika Ertl, la donna che vendicò il Che

Khaldia Abubakra: “Non è accettabile chiedere ai palestinesi di rinunciare alla lotta armata. Tutti i popoli del mondo, che ci piaccia o no, sono stati liberati attraverso la lotta armata.”

In ricordo di Marielle Franco, donna, madre, nera, lesbica, socialista. Perché la sua lotta è quella di ognuna e ognuno di noi.

La giornalista e filosofa russa Darya Dugina, fondatrice della “Fondazione Fidel Castro”, uccisa in un vile attentato terroristico


L’imperialismo contro l’emancipazione delle donne

Contro le calunnie e la diffamazione dell’Impero. Le socialiste e femministe latinoamericane rifiutano la campagna mediatica contro Cuba

Socialismo femminista, il principale contributo di Chávez alla rivoluzione mondiale

La rivista MUJERES (DONNE)): Quasi sei decenni

Il blocco degli USA è la forma più lesiva di violenza contro le donne cubane

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346