Cuba: sessantadue anni di Rivoluzione alle porte degli Stati Uniti

Sessantadue anni di Rivoluzione alle porte degli Stati Uniti, completati il 1° gennaio, imprimono una trascendenza universale alla lotta eroica del popolo cubano.

Di: Angel Guerra Cabrera
Fonte:
Traduzione: GFJ
8 gennaio 2021

In quel ciclo storico, la capacità del popolo cubano e dei suoi dirigenti di issare le bandiere della libertà, dell'indipendenza e della sovranità è stata pienamente dimostrata. Foto: Archivio.

Sessantadue anni di Rivoluzione alle porte degli Stati Uniti, completati il 1° gennaio, imprimono una trascendenza universale alla lotta eroica del popolo cubano.

Ancora più meritoria è l’impresa quando negli ultimi quattro anni Cuba è stata sottoposta dal governo di Donald Trump a una brutale intensificazione del blocco, che ha trasformato quasi ogni atto della vita quotidiana in un atto stoico. Va detto e non dimenticato: durante la pandemia e la crisi economica che ha causato, Trump ha fatto tutto il possibile per portare Cuba all’asfissia.

L'alfabetizzazione e il movimento educativo che l'ha seguita sono stati di proporzioni gigantesche, e hanno avuto un ruolo fondamentale nella promozione della rivoluzione educativa, culturale e scientifica in atto da 62 anni.

Sessantadue anni. Durante questo ciclo storico, la capacità del popolo cubano e dei suoi dirigenti di issare le bandiere della libertà, dell’indipendenza, della sovranità, dell’unità e dell’integrazione della Nostra America, della democrazia, del socialismo e della solidarietà, di fronte all’ostilità feroce e implacabile dell’impero, è stata pienamente dimostrata. Anche dopo il crollo dell’URSS, nel difficile Periodo Speciale, come ha ricordato Raúl Castro, quando siamo rimasti soli in mezzo all’Occidente, a 90 miglia dagli Stati Uniti.

La chiave della vittoria nei primi sei decenni della Rivoluzione è stata la stretta unità del popolo intorno alla sua avanguardia e alla leadership di Fidel Castro. Questo fu evidente fin dal giorno del trionfo, quando la schiacciante vittoria dell’esercito ribelle si consolidò con il grande sciopero generale rivoluzionario del 1° gennaio 1959. Oggi l’unità del popolo e del Partito comunista rimane essenziale.

Molto presto sono iniziate misure radicali di trasformazione rivoluzionaria e subito sono iniziate le aggressioni di Washington, che non tollera l’indipendenza e la sovranità dei Popoli. Ancor meno quando si tratta dell’America Latina e dei Caraibi, che considera il proprio cortile e dove si pratica la dottrina Monroe.

Il ruolo di Fidel Castro è stato decisivo. Egli ha avuto l’eccezionale merito di concepire una nuova modalità del soggetto rivoluzionario, adattata alla realtà di Cuba e, in generale, dei Paesi dipendenti. Senza questa concezione e l’uso creativo di tutte le forme di lotta, compresa la marina come elemento fondamentale, il trionfo rivoluzionario non sarebbe stato possibile.

Un altro straordinario merito di Fidel e del suo popolo è stato quello di dimostrare che in questa regione del mondo è stato possibile realizzare trasformazioni rivoluzionarie che potevano essere socialiste, difese e convertite in una nuova cultura politica. La prova è stata Playa Girón, dove i combattenti andavano a combattere e morire per il socialismo e dove gli Stati Uniti hanno subito la prima grande sconfitta militare in America Latina che ha messo fine all’impunità a cui erano abituati nella regione.

Da quel momento in poi, i popoli latinoamericani e caraibici furono un po’ più indipendenti. La rivoluzione fu in grado di condurre contemporaneamente la campagna di alfabetizzazione nazionale e, in perfetta sincronia, altri grandi movimenti di massa, come le riforme agrarie, l’organizzazione e il funzionamento -senza pezzi di ricambio- dell’industria socialista e la creazione di un grande esercito popolare capace di sconfiggere il nemico imperialista.

L’alfabetizzazione e il movimento educativo che l’ha seguita sono stati di proporzioni gigantesche, e hanno avuto un ruolo fondamentale nella promozione della rivoluzione educativa, culturale e scientifica in atto da 62 anni.

Un magnifico esempio è quello della medicina. Qualche anno dopo il 1959 il Paese ha perso la metà dei medici. Da qui, però, è scaturita la formazione accelerata – su iniziativa di Castro – di decine di migliaia di medici e infermieri e l’istituzione di un sistema sanitario pubblico nazionale gratuito, costituito da istituzioni che si sono rapidamente guadagnate l’apprezzamento della popolazione. Inoltre, dal 1963, con l’invio della prima brigata medica in Algeria, è iniziata la cooperazione medica internazionale, soprattutto in quello che allora si chiamava il Terzo Mondo.

La lungimiranza di Fidel ha unito alla formazione dei medici il lavoro scientifico, espresso nella creazione di un sistema integrato con centri di ricerca che hanno svolto un ruolo importante nel fornire salute alla popolazione e nel creare farmaci innovativi nel bel mezzo del blocco.

Inoltre, insieme al personale sanitario, hanno svolto un ruolo fondamentale nella lotta contro il COVID-19 a Cuba, con lo sviluppo di una serie di protocolli clinici di successo che hanno permesso di ottenere il 15% di pazienti guariti in più rispetto al resto del pianeta.

In mezzo all’egoismo e alla mancanza di solidarietà che ha caratterizzato le potenze occidentali durante la pandemia, Cuba ha inviato migliaia di medici in 29 paesi per combattere il coronavirus. Ciò ha stimolato l’emergere di un grande movimento internazionale per assegnare il premio Nobel per la pace alle brigate mediche cubane Henry Reeve.

(Tratto da La Jornada)

 

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346