L’invenzione sonora della Casa Bianca

Se esistessero delle prove, nessuno può dubitare che sarebbero apparse nei rapporti, realizzati sia negli Stati Uniti che in Canada da specialisti di quei paesi. 

 

diFonte:
Traduzione: GFJ

La favola della cosiddetta sindrome dell’Avana o degli attacchi sonici è iniziata quattro anni fa, e sembra ancora figlia della prolifica immaginazione di Agatha Christie. Bisognava inventare una storia per farla scricchiolare come un vecchio cedro; di più, per far fallire il processo di normalizzazione delle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti. Ed è andato davvero alla deriva.

Hanno parlato di rumori enigmatici, di diplomatici dell’ambasciata degli Stati Uniti nella capitale cubana con sordità parziale, vertigini, confusione mentale e altri sintomi, apparentemente causati da suoni misteriosi, provenienti da non si sa dove, che avrebbero poi descritto come “attacchi acustici”.

Questa trama, che trasudava sospetti e dubbi da tutte le parti, è apparsa sulla stampa nell’agosto 2017. Il mese seguente, un folto gruppo di funzionari prese le valigie e salì le scale dell’aereo diretto negli Stati Uniti. All’Avana è rimasto solo il numero minimo di personale.

Tre mesi fa, Donald Trump aveva cancellato con un tratto di penna la politica verso Cuba iniziata dal suo predecessore Barack Obama. Con lui il paese caraibico aveva ottenuto 22 strumenti bilaterali in aree di interesse comune; a questo si deve aggiungere la riapertura delle ambasciate delle due nazioni nelle rispettive capitali.

Ma è arrivato il magnate Trump e ha avvertito: con me è un’altra storia. E così, il 16 giugno 2017, ha firmato un memorandum presidenziale a Miami, dove si è riunito il pensiero più conservatore della Florida. Questa rubrica ha segnato un’inversione di marcia nella politica degli Stati Uniti verso l’Isola più grande delle Antille.

Mentre la speculazione statunitense e la manipolazione politica andavano di pari passo sui presunti attacchi acustici contro i suoi funzionari all’Avana, Cuba ha creato un gruppo multidisciplinare per indagare su questa storia stravagante.

Perché l’amministrazione di Donald Trump ha negato agli esperti cubani l’accesso ai diplomatici americani che presentavano sintomi, e la possibilità di studiare i dati delle cartelle cliniche delle presunte vittime, aggredite da un’arma sonica o a microonde, secondo le versioni del Dipartimento di Stato?

Dopo quattro anni, non è stata identificata una sola prova dell’esistenza di un effettivo agente fisico dietro gli attacchi sonici, un’affermazione condivisa dagli scienziati statunitensi.

Se tali prove esistessero, nessuno può dubitare che sarebbero apparse nei rapporti, realizzati sia negli Stati Uniti che in Canada da specialisti di quei paesi.

Da un lato, Cuba ha documentato la sua volontà e ha fatto di tutto per chiarire i presunti attacchi sonici; dall’altro, il governo degli Stati Uniti ha fabbricato la favola, che ha portato all’applicazione di 242 misure in soli quattro anni, una cifra senza precedenti negli annali della politica estera del paese nordamericano. Pertanto, non credo che il detective Hercule Poirot, figlio della fertile mente di Agatha Christie, avrebbe avuto molti problemi a determinare il vero colpevole e le ragioni di questa invenzione sonora, made in Casa Bianca.

(Tratto da Escambray)

 

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)