Condanna ferma e assoluta della qualifica fraudolenta di Cuba come Stato sponsor del terrorismo

Il Ministero degli Affari Esteri condanna nel modo più forte e assoluto la qualifica fraudolenta di Cuba come Stato sponsor del terrorismo, annunciata dal governo degli Stati Uniti in un atto cinico e ipocrita.

Fonte:
L’Avana, 11 gennaio 2021
Traduzione: GFJ

 

Il Ministero degli Affari Esteri condanna nel modo più forte e assoluto la qualifica fraudolenta di Cuba come Stato sponsor del terrorismo, annunciata dal governo degli Stati Uniti in un atto cinico e ipocrita.

Da mesi si specula sulla possibilità di includere Cuba nella lista unilaterale del Dipartimento di Stato che classifica i paesi, senza alcun mandato o legittimità, privi di una vera motivazione, in riferimento al terrorismo e alle sue conseguenze, e come strumento di diffamazione per applicare misure economiche coercitive contro le nazioni che resistono a piegarsi ai capricci dell’imperialismo degli Stati Uniti.

L’annuncio del segretario di Stato Michael Pompeo è un arrogante atto di un governo screditato, disonesto e moralmente fallito. È noto, senza dubbio, che la vera motivazione di questa azione è di imporre ulteriori ostacoli a qualsiasi prospettiva di ripresa nelle relazioni bilaterali tra Cuba e gli Stati Uniti.

Che Cuba non è uno Stato patrocinatore del terrorismo è una verità riconosciuta da tutti. La politica ufficiale e ben nota e la condotta impeccabile del nostro Paese sono la prova inconfutabile del  rifiuto del terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni, in particolare del terrorismo di Stato, da parte di chiunque, contro chiunque e ovunque  esso sia commesso.

Cuba è uno Stato vittima del terrorismo e la nostra popolazione ha sofferto in carne ed ossa, al prezzo di 3.478 morti e 2.099 disabili, a causa di atti commessi dal governo degli Stati Uniti o perpetrati e sponsorizzati dal territorio degli Stati Uniti con l’avallo La politica ufficiale e ben nota e la condotta impeccabile del nostro Paese è il rifiuto del terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni, in particolare del terrorismo di Stato, da parte di chiunque, contro chiunque e ovunque sia commesso.

Cuba è uno Stato vittima del terrorismo e la nostra popolazione ha sofferto in carne ed ossa, al prezzo di 3.478 morti e 2.099 disabili, a causa di atti commessi dal governo degli Stati Uniti o perpetrati e sponsorizzati dal territorio degli Stati Uniti con l’avallo delle autorità ufficiali. Noi cubani rifiutiamo con disprezzo qualsiasi manovra volta a manipolare una questione così delicata, per rozzi fini di opportunismo politico.

L’Avana, 11 gennaio 2021

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale, Svizzera

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)