Cubana a Mariupol: “Non potevo credere che gli ucraini avessero paura degli stessi ucraini”. (+2 VIDEO)

 Gabriela Gómez, una cubana che viveva a Mariupol, ora rifugiata in Russia

Tra le persone colpite dalla presenza dell’esercito ucraino nelle zone residenziali di Mariupol ci sono anche alcuni stranieri. Tra questi, anche una cubana, Gabriela Gomez, che ora è al sicuro in Russia. Il battaglione nazionalista Azov ha preso il controllo degli ultimi tre piani dell’edificio in cui viveva e li ha minacciati se se ne fossero andati, poi ha portato via tutte le loro proprietà.

Fonte:
Traduzione e aggiunte: GFJ


"Quando i soldati russi hanno aperto la porta della mia casa, pensavo che ci avrebbero sparato, invece ci hanno portati in salvo e ci hanno trattati bene. Ho capito che tutto quello che ci raccontavano gli ucraini erano menzogne. Menzogne". Gabriela, una cubana a Mariupol

Tra le persone colpite dalla presenza dell’esercito ucraino nelle zone residenziali di Mariupol ci sono gli stranieri. Questo è il caso di Gabriela, una cubana che si era trasferita in città qualche anno fa, e aspirava ad avere una vita tranquilla, ma invece ha vissuto un incubo quando i soldati ucraini hanno usato la sua casa come una trincea. Ora Gabriela è salva, e dice che non può credere che “gli ucraini avevano paura degli ucraini stessi”.

Gabriela Gómez, una giovane donna cubana che si era trasferita a Mariupol qualche anno fa e aspirava a una vita tranquilla, dice di aver vissuto un incubo quando i soldati ucraini hanno usato la sua casa come una trincea.

Ho vissuto un incubo dal quale non avrei mai immaginato di poter uscire. Oggi ricordo solo l’orrore che potevo sentire a Mariupol“, ha detto Gabriela Gómez, che ora è al sicuro dopo essere stato evacuata in Russia.

Gabriela Gómez con il suo compagno di vita Igor Ivanovich

La giovane donna è arrivata in Ucraina nel 2019. In precedenza, ha lavorato per la compagnia di crociere MSC, dove ha incontrato il suo compagno, Igor Ivanovich, che le ha chiesto di sposarlo, si sono sposati e sono andati a vivere a Mariupol.

Quando ha sentito al telegiornale dell’operazione militare in Ucraina, Gabriela ha pensato che all’inizio del conflitto le autorità ucraine li avrebbero protetti, ma questo non è successo.

Al contrario, il battaglione nazionalista Azov ha preso il controllo degli ultimi tre piani dell’edificio dove viveva e li ha minacciati di non andarsene.

Non potevo credere che gli ucraini avessero paura degli ucraini stessi, non sapevo cosa fosse l’esercito di Azov, non sapevo cosa fosse la DNR  (Repubblica Popolare di Doneck, ndt), hanno dovuto spiegarmelo“, ha detto, e ha dettagliato che una volta che l’edificio è stato preso, tutti i loro beni sono stati portati via: “Non avevamo più niente. Il 1° marzo, gli ucraini hanno tolto l’elettricità e poi l’hanno rimessa alle 10:00 di sera, e il 2 marzo l’hanno tolta per sempre

Gabriela dice che non osava più uscire in strada. “Ho smesso di andare nell’edificio dove cucinavo e i miei vicini sono venuti a casa mia per vedermi perché pensavano che mi fosse successo qualcosa“, ha detto.

Aspettavo che l’Ucraina mi aiutasse e ho continuato ad aspettare fino a quando l’edificio è bruciato, ci hanno lasciato senza comunicazione; in una guerra, se si suppone che ci si preoccupi del proprio popolo, come si può lasciarlo isolato e senza comunicazione?“, ha aggiunto tra le lacrime.

I cittadini di Mariupol donano fiori ai soldati russi

Nel mezzo della situazione tesa, la giovane cubana si rese conto che era l’esercito russo ad aiutare la popolazione, mentre osservava che gli ucraini avevano distrutto quella che era stata la sua città.

Alla fine abbiamo aperto la porta, perché la parte da dove dovevamo uscire era in fiamme e abbiamo capito che i soldati russi non ci avrebbero sparato“, ha detto.

I russi dissero loro dove potevano essere al sicuro, così corsero in una cantina e vi si rifugiarono. Giorni dopo furono evacuati dalla zona e portati in Russia.

Dal momento in cui mi sono trovata in Russia mi sono sentita tranquilla, perché volevo davvero andarmene da lì, non volevo più sentire un ‘samaliot’, come dicono loro, non volevo più sentire una bomba, non volevo sentire una pistola.

Una volta al sicuro, la sua prima chiamata fu a sua madre a Cuba, che era disperata di non avere sue notizie. “Era in preda all’isteria, non me l’ha detto, ma poi quando ho parlato con la mia famiglia, mi hanno riferito ‘tua mamma non voleva più saperne di mangiare, aveva problemi a dormire’. Piuttosto difficile per ogni madre che ha una figlia in pericolo“.

Ora, la coppia vuole rimanere in Russia. “In Russia mi sento a casa. Mi chiedono spesso: perché non vuoi vivere in Spagna o altrove? Non mi sento a casa lì“, ha risposto Ivanovich.

Guarda i servizi (VIDEO):

1. Cubana a Mariúpol

https://www.youtube.com/watch?v=zshqMLnxFXs&t=3s

2. Una giovane cubana racconta l’incubo che ha vissuto a Mariúpol

https://www.youtube.com/watch?v=h4rj4I2tWd8


Leggi anche:

Una residente di Mariúpol racconta come il carro armato del battaglione Azov ha preso di mira i civili sopravvissuti a un incendio

Pubblicato il 26 Apr 2022 12:21 GMT

La donna ha raccontato che alla fine di marzo la sua casa è stata data alle fiamme dai nazionalisti e il giorno dopo è finita sotto il fuoco dei carri armati.

Una residente della città ucraina di Mariupol, il cui nome non è stato fornito, ha detto a RT come le aree residenziali della città sono state prese di mira dai combattenti del battaglione Azov. La donna ha detto che alla fine di marzo la sua casa è stata incendiata dai nazionalisti e il giorno dopo è stata colpita da un carro armato.

Il carro armato sparava così pesantemente che era insopportabile. Quando la nostra casa ha preso fuoco, siamo corsi fuori“, ha detto la donna, che ha continuato a descrivere come i combattenti hanno reagito alla comparsa tra “fumo e fiamme” di circa 40 persone nascoste nel seminterrato.

Il video dell’intervista alla donna è stato bloccato dalla censura occidentale

C’era un carro armato che stava puntando il suo fucile su di noi. E gli uomini hanno detto: ‘Avanti, spara. Cosa stai a guardare‘”, ha ricordato la donna. “Poi ha spostato il cannone dall’altra parte“, ha detto.

Pochi giorni fa, sono state rese pubbliche delle immagini aeree (guarda le immagini) catturate da un drone, mostrando al mondo la distruzione subita da Mariupol. Le sue zone residenziali, così come le aree vicino all’impianto metallurgico Azovstal, dove i combattenti di Azov, insieme ai mercenari, sono ancora bloccati, sono state praticamente spazzate via.

I residenti della città accusano i nazionalisti ucraini (guarda) di usare i civili come scudi umani e di far esplodere gli edifici. Denunciano anche i bombardamenti delle forze ucraine. Tuttavia, nonostante la terribile situazione della città, molti residenti si rifiutano di andarsene, sostenendo che è la loro casa e il luogo dove sono nati.

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346