Intervista all’ambasciatore cubano in Russia: “Le sanzioni economiche e finanziarie come strumento di pressione non risolvono l’attuale crisi in Ucraina.”

Le sanzioni economiche e finanziarie come strumento di pressione non risolvono l’attuale crisi in Ucraina. Lo ha affermato in un’intervista a Izvestiya l’ambasciatore della Repubblica di Cuba in Russia, Julio Antonio Garmendia Peña. Garmendia Peña ha anche ricordato che i 240 tipi di nuove sanzioni imposte da Donald Trump contro il suo paese rimangono sotto l’amministrazione di Joe Biden, paralizzando lo sviluppo economico dell’isola. Inoltre, ha rivelato le prospettive di cooperazione economica tra Russia e Cuba, ha condiviso le sue aspettative che le carte (di credito, ndt) Mir inizieranno a funzionare sull’isola alla fine di quest’anno e che i voli diretti tra i paesi potrebbero essere parzialmente ripristinati entro l’inverno.

L'ambasciatore della Repubblica di Cuba in Russia, Julio Antonio Garmendia Peña


L’intervista

“La pace non può essere raggiunta accerchiando o mettendo alle strette i paesi.”

Il 4 aprile 1949 nasce la NATO con lo scopo di "difendere il mondo occidentale dalla minaccia rappresentata dall’Unione Sovietica e dai suoi Stati satellite". In risposta fu istituito nel 1955 il Patto di Varsavia. Di fatto durante gli anni della guerra fredda nessuna azione militare concreta venne intrapresa dai membri dell’Alleanza. Nel 1990 per superare l’opposizione sovietica alla riunificazione della Germania, il cancelliere tedesco Kohl assicurò a Gorbachev che “la NATO non si sarebbe allargata fino a includere l’attuale territorio della Germania dell’Est

— Il 2022 segna il 120° anniversario dell’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Russia e Cuba. Come caratterizzare lo stato attuale delle relazioni tra i nostri paesi? E in che modo gli eventi recenti nel mondo li hanno influenzati?

— La storia delle relazioni tra Russia e Cuba risale al 1902. Nel 1913 fu aperto il primo consolato cubano a San Pietroburgo. Dopo la rivoluzione cubana del 1959, le relazioni bilaterali si rafforzarono e si svilupparono in un partenariato strategico con l’allora Unione Sovietica.

Le relazioni tra i nostri paesi sono ormai un riferimento per il mondo intero, perché in essi i legami di amicizia tra i nostri popoli sono di fondamentale importanza. Nei momenti più difficili che Cuba ha attraversato ultimamente, siamo sempre stati sostenuti dal governo e dal popolo russo. La Federazione Russa svolge un ruolo chiave nella realizzazione di importanti progetti per lo sviluppo del nostro Paese in settori strategici come l’energia, i trasporti, il turismo o le biotecnologie. Durante l’ultimo colloquio telefonico dei nostri presidenti nel gennaio dello scorso anno, hanno confermato lo stretto rapporto di partenariato strategico tra i nostri paesi, il rifiuto generale della politica di sanzioni e blocchi, che mettono in pericolo la sicurezza e la stabilità delle relazioni internazionali.

– Il presidente cubano Miguel Diaz-Canel ha affermato che gli Stati Uniti e la NATO sono responsabili degli eventi che stanno avvenendo in Ucraina. Condividi questa opinione?

— Il 26 febbraio il governo cubano ha rilasciato una dichiarazione in relazione agli eventi in Ucraina, esprimendo la sua posizione a favore di una soluzione che garantisca sicurezza e sovranità a tutti, tenendo conto delle legittime preoccupazioni umanitarie.

È impossibile dare una valutazione obiettiva della situazione in Ucraina senza analizzare attentamente i fattori che l’hanno portata. La volontà degli Stati Uniti di continuare la graduale espansione della Nato ai confini della Russia ha portato a uno scenario dalle conseguenze imprevedibili e di vasta portata che si sarebbe potuto evitare. È stato un errore per decenni ignorare le legittime richieste della Federazione Russa di garanzie di sicurezza e presumere che Mosca sarebbe rimasta indifferente alla minaccia alla sua sicurezza nazionale.

La pace non può essere raggiunta accerchiando o mettendo alle strette i paesi. La storia riterrà il governo degli Stati Uniti responsabile delle conseguenze di una dottrina militare offensiva oltre i confini della NATO che minaccia la pace, la sicurezza internazionale e la stabilità. Anche le sanzioni economiche, commerciali e finanziarie come strumento di pressione su qualsiasi Paese non aiutano a risolvere l’attuale crisi, ma aggravano ulteriormente la situazione economica internazionale, che è già sopravvissuta a questi due difficili anni di pandemia.

Cuba sostiene fermamente e costantemente il diritto internazionale e siamo impegnati nella Carta delle Nazioni Unite, a causa del nostro status di piccolo paese sotto assedio da oltre 63 anni. Viviamo sotto costante minaccia e abbiamo già subito il terrorismo, l’aggressione militare, un brutale blocco economico, commerciale, diplomatico e finanziario, che è aumentato senza precedenti negli ultimi tempi.

L’Avana auspica una soluzione diplomatica costruttiva e realistica al conflitto. E allo stesso tempo, teniamo conto delle legittime richieste della Russia di garanzie di sicurezza e, a questo proposito, accogliamo con favore gli sforzi compiuti dal governo russo.

– Quest’estate a Los Angeles si è svolto il Summit delle Americhe, al quale Cuba non è stata invitata. Allo stesso tempo, Washington sta cercando di fare alcuni passi verso L’Avana allentando le sanzioni. Come valutare lo stato delle relazioni cubano-americane oggi? Joe Biden è riuscito a migliorare i rapporti con l’Avana dopo la partenza di Donald Trump?

– Il pretesto utilizzato dagli organizzatori di questo vertice, che hanno deciso di escludere Cuba, Venezuela e Nicaragua per non essere abbastanza “democratici”, per così dire, ha portato a un completo fiasco. La solidarietà e la fratellanza dei popoli dell’America Latina e dei Caraibi hanno prevalso e hanno dimostrato ancora una volta che Cuba non è sola di fronte alle minacce imperiali.

Il nostro Paese è abituato alle accuse e alle minacce infondate degli Stati Uniti. La reazione dei popoli e dei governi della nostra regione ha mostrato che l’era dell’assoluta egemonia statunitense sul continente è un ricordo del passato (a causa della decisione degli Stati Uniti di non invitare al vertice Cuba, Nicaragua e Venezuela, alcuni paesi in la regione, compreso il Messico, hanno boicottato l’evento. — Izvestia).

Negli ultimi anni, c’è stato un graduale e sistematico aumento dell’aggressività della politica americana nei confronti del nostro popolo e di tutti gli stati sovrani che mantengono o cercano di stabilire relazioni economiche, commerciali e finanziarie con Cuba. Gli oltre 240 tipi di sanzioni entrati in vigore durante l’era di Donald Trump e che continuano sotto Joe Biden, oltre a quelli già  esistenti, illustrano la particolare perniciosità di questa politica.

Queste azioni unilaterali, senza giustificazione morale e legale, hanno un impatto negativo su tutti i settori della società cubana, poiché aggravano le difficoltà che il paese deve affrontare nell’impegnarsi nel commercio internazionale e nelle transazioni finanziarie. L’attuale amministrazione statunitense ha apportato solo alcune modifiche estetiche, ma il blocco rimane in pieno vigore.

Allo stesso tempo, Cuba, a sua volta, ha sempre espresso la sua disponibilità a condurre un dialogo con Washington su un piano di parità, senza alcuna condizione e interferenza, ma sulla base del rispetto reciproco.

“Nel 2021 il fatturato commerciale tra Russia e Cuba è aumentato del 93%”

Durante il Forum economico internazionale di San Pietroburgo il vicepresidente del governo della Federazione Russa, Yuri Borisov, e il vice primo ministro di Cuba, Ricardo Cabrisas, hanno ratificato i piani per continuare la collaborazione bilaterale.

– I problemi economici di Cuba si sono intensificati in relazione alla situazione in Ucraina? L’isola sta subendo gli effetti di una crisi alimentare?

“ Il contesto internazionale resta difficile e gli impatti economici e sociali della pandemia si stanno aggravando. A questi si aggiunge l’escalation dei conflitti regionali, che possono minacciare l’ordine mondiale internazionale, la sicurezza e influenzare direttamente l’economia globale.

In questa crisi, l’accesso a costose importazioni di cibo e carburante peggiora la situazione dell’Avana, già aggravata dal blocco statunitense in corso. Ciò crea seri problemi alla pubblica amministrazione e allo sviluppo del nostro modello economico e sociale.

Il blocco è il principale ostacolo allo sviluppo economico e sociale di Cuba. Gli Stati Uniti sono responsabili dei danni alla sicurezza alimentare della più grande delle Antille. Solo tra aprile 2019 e marzo 2020, l’ammontare dei danni alimentari è stato di oltre 428 milioni di dollari e dall’inizio della pandemia questa cifra è aumentata.

Lo scorso maggio il parlamento cubano ha approvato una legge sulla sovranità alimentare e la sicurezza alimentare, che entrerà presto in vigore. Presta particolare attenzione alla tutela del diritto all’alimentazione delle persone in situazioni di vulnerabilità. Promuove inoltre la mobilitazione sostenibile delle risorse locali e l’uso dell’economia circolare all’interno e all’esterno delle comunità, nonché forme di investimento estero nella produzione alimentare che stimolino le esportazioni e riducano le importazioni.

Il mondo sta attraversando una crisi energetica. In che modo l’aumento dei prezzi dell’energia influisce su Cuba? E come si possono caratterizzare le relazioni cubano-russe in quest’area?

– La crisi energetica mondiale colpisce senza dubbio Cuba, poiché il nostro Paese è fortemente dipendente dalle importazioni di combustibili, materiali e beni strumentali a prezzi di mercato elevati. La situazione è aggravata dal continuo blocco degli Stati Uniti.

Al momento, la Federazione Russa, in qualità di partner strategico, partecipa attivamente ai progetti prioritari di sviluppo del nostro Paese, inseriti nel Piano nazionale per lo sviluppo economico e sociale fino al 2030. Compreso nel settore energetico. I nostri paesi si stanno scambiando esperienze sullo sviluppo di progetti su cui lavorano insieme da molto tempo. Si tratta del progetto di Zarubezhneft JSC per aumentare la produzione nelle campagne di Boca de Jaruco nel nord di Cuba. Sono inoltre in corso contatti per la realizzazione di quattro unità termoelettriche da 200 MW: tre a Santa Cruz del Norte e una a Mariel.

– Cuba è stata uno degli ospiti chiave del Forum economico internazionale di San Pietroburgo, svoltosi nel giugno di quest’anno. Sei riuscito a delineare le modalità di cooperazione tra i nostri paesi in ambito economico? Qual è il fatturato commerciale reciproco tra i paesi?

— Naturalmente il Forum economico internazionale di San Pietroburgo è riconosciuto come un evento unico nel mondo dell’economia e degli affari. La delegazione cubana presente all’evento era guidata dal Vice Presidente del Consiglio dei Ministri di Cuba, Ricardo Cabrisas Ruiz. Il suo programma di lavoro prevedeva, oltre alla partecipazione agli eventi ufficiali del Forum, incontri con le autorità russe ei capi delle aziende che partecipano ai nostri progetti congiunti. Si è discusso di progetti concreti nel campo dell’energia, dei trasporti, della modernizzazione industriale, che dovrebbero diventare simboli delle nostre relazioni.

Gli scambi commerciali tra i nostri paesi mostrano un andamento positivo, anche se vi sono margini di miglioramento. Dal 2016, la Federazione Russa continua ad essere tra i primi 10 partner commerciali di Cuba. Dobbiamo continuare a lavorare insieme ai fini dello scambio commerciale reciproco. È nel nostro interesse promuovere ed espandere la presenza di prodotti cubani tradizionali e non sul mercato russo, nonché incoraggiare l’esportazione di servizi medici, prodotti farmaceutici e biotecnologie, con particolare attenzione alle regioni russe.

Numerosi sono gli strumenti che contribuiscono allo sviluppo della cooperazione commerciale, economica, scientifica e tecnica tra L’Avana e Mosca: le commissioni intergovernative per il commercio, la cooperazione economica e scientifica e tecnica, il Business Council Russia-Cuba, nonché numerosi accordi conclusi dal nostro paesi a tutti i livelli.

Il fatturato commerciale tra i nostri Paesi lo scorso anno ha risentito della pandemia e del rafforzamento del blocco nordamericano. Tuttavia, nel 2021 la Russia si è affermata come uno dei nostri principali partner commerciali, classificandosi al quinto posto nel mondo e al secondo in Europa. Rispetto al 2020, il fatturato commerciale è aumentato del 93% a fronte di un aumento delle importazioni e di una diminuzione delle esportazioni. Le prospettive di lavoro congiunto sono enormi, per il quale dobbiamo migliorare l’efficienza della cooperazione economica e mantenere la stabilità delle nostre relazioni commerciali.

“Per Cuba è importante ripristinare il turismo russo. Le carte Mir funzioneranno a Cuba entro la fine di quest’anno

Nel 2014 è stato creato l’NSPK, acronimo di “Natsionalnaja sistema platjozhnykh kart”, ossia Sistema nazionale delle carte di pagamento: l’operatore di carte “Mir”. È stato creato proprio in caso di futura disconnessione delle carte dei sistemi di pagamento internazionali basati negli Stati Uniti. Secondo l’NSPK, nell’estate del 2021 oltre il 50% dei russi aveva almeno una carta Mir. Entro la fine del terzo trimestre del 2021, Mir copriva il 25,2% dei pagamenti nel Paese, e il totale delle carte emesse era di 112 milioni. Oltre che in Russia si possono utilizzare le carte di pagamento nazionali “Mir”anche all’estero, nei Paesi in cui sono accettate. Ci sono attualmente dieci Paesi che le accettano: Turchia, Vietnam, Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Uzbekistan, Ossezia del Sud, Abcasia. Il prossimo sarà Cuba

– Attualmente, l’espansione dei BRICS è ampiamente discussa. L’Argentina e l’Iran hanno persino chiesto di aderire al trattato. Cosa ne pensi di questa tendenza? Cuba sta pensando di entrare a far parte dei BRICS in futuro?

— Come sai, i BRICS sono paesi con economie in via di sviluppo e un grande potenziale. Tutti loro sono ricchi di risorse naturali e il loro prodotto interno lordo (PIL) è cresciuto in modo significativo negli ultimi anni. I cinque paesi membri rappresentano il 42% della popolazione mondiale e oltre il 16% del commercio mondiale e il loro PIL totale è del 24%. Il loro peso nel sistema globale è significativo, e quindi la tendenza all’espansione dei BRICS dà speranza per il raggiungimento di un mondo multipolare. Cuba mantiene relazioni commerciali con i paesi associati, sottolineando l’importanza della cooperazione con la Russia e la Cina in vari settori dell’economia.

– Come stanno entrando in circolazione le trattative per l’introduzione della carta Mir (Мир in cirillico, ndt)? Quando potranno utilizzarlo i turisti russi sull’isola?

– Dall’anno scorso Cuba, insieme al Sistema Nazionale di Carte di Pagamento, ha lavorato all’introduzione del sistema di pagamento Mir nel paese. La prima fase dei lavori, la cui finalità è l’interconnessione dei sistemi di pagamento dei due Paesi, è in fase di completamento. In questa fase l’attenzione principale è stata rivolta all’utilizzo delle carte Mir negli sportelli automatici di tutto il Paese.

Per Cuba, questo è un altro modo per espandere il sistema bancario e finanziario ad altri mercati. Vediamo un grande potenziale in questo, poiché faciliterà notevolmente le transazioni finanziarie tra i nostri paesi e il soggiorno di migliaia di ospiti russi sull’isola. Si prevede che entro la fine di quest’anno “Mir” possa essere utilizzato sul territorio di Cuba.

– Quando possono riprendere i voli diretti con la Russia?

“Su questo tema, continuiamo a lavorare insieme per trovare una soluzione il prima possibile. È molto probabile che entro l’autunno avremo più chiarezza e in inverno i voli verranno parzialmente ripresi. Sappiamo che i russi vogliono davvero andare in vacanza a Cuba e i cubani li aspettano con tutta la loro ospitalità. La Russia è stato praticamente l’unico Paese che ha mantenuto il flusso di turisti durante i mesi della pandemia. Oggi è molto importante per Cuba e la sua economia ripristinare il turismo russo.

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)