La democrazia rivoluzionaria di Cuba

La democrazia fa parte del patrimonio culturale mondiale di tutti i paesi. In nessun modo fa parte dell’ideologia borghese.

23.05.2018 – Berlino – Günter Buhlke
Quest’articolo è disponibile anche in: SpagnoloTedesco
Pressenza

La democrazia rivoluzionaria di Cuba

I lunghissimi tempi di attesa lasceranno il segno su Cuba fino a quando non sarà raggiunta l’autodeterminazione sovrana del popolo.

Dopo 400 anni di oppressione coloniale, unita a diminuzione delle risorse materiali e finanziarie, Cuba ottenne per la prima volta la sua indipendenza politica formale dalla Spagna nel 1898. Successivamente, dopo un periodo di intervento da parte degli Stati Uniti, il paese ottenne una limitata sovranità politica nel 1902. Fino al 1934, gli Stati Uniti si riservarono il diritto di intervento con l’”Emendamento Platt“. Qualcosa di questo periodo ancora esiste, nella forma della base militare di Guantanamo. Fino all’inizio del periodo rivoluzionario, nel 1959, una parte considerevole del processo di creazione di valore aggiunto cubano è confluita nei caveau di New York. Tutto ciò corrispondeva ad un’aspettativa redditizia che Colombo aveva già coltivato. Nel breve diario di bordo del suo primo viaggio di scoperta, egli scrisse 141 volte la parola oro (diario di bordo di Columbus, Reclamverlag Jun. Leipzig).

Nel 1959 Cuba iniziò a sviluppare il suo progetto storico, la società e l’economia, proponendo alternative autonome. Il popolo cubano avrebbe dovuto avere una sovranità totale.

All’inizio della rivoluzione, Fidel Castro e i suoi sostenitori sospettavano che la strada sarebbe stata difficile. Una riflessiva dichiarazione del CHE che è stata conservata dice: “Siamo realistici, chiediamo l’impossibile”. La realtà da cui partire era quella economica, ma soprattutto vi era il fatto che il vicino di casa e i suoi amici dell’UE esercitavano una pressione politica, economica e mediatica costante durata oltre 50 anni. Il boicottaggio e le sanzioni erano grandi ostacoli lungo la strada che avrebbe dovuto portare ad alternative sociali e senza crisi per il popolo cubano.

Nonostante tutti i disordini nelle relazioni economiche, finanziarie e commerciali, i leader del Partito comunista, i movimenti di massa, il parlamento e il governo hanno ottenuto risultati in materia di istruzione, salute, scienza, solidarietà, sport, cultura e altri campi, che hanno attirato l’attenzione di tutto il mondo. La fame e la disoccupazione sono proibite a Cuba. L’uguaglianza è progredita molto.

A Cuba gli elementi della democrazia si sono gradualmente e considerevolmente rafforzati negli anni dall’inizio della rivoluzione, nonostante l’incessante pressione dell’inerzia sia esterna che interna.

Una gara di modelli democratici

Nella storia del mondo ci sono stati e continuano ad esserci diversi modi di dirigere e amministrare uno Stato. Queste includono monarchie assolute, dittature di varie forme, democrazie borghesi con qualche variante o forme presidenziali. Queste ultime erano le preferite dagli Stati Uniti. La democrazia partecipativa prese forma nel 20° secolo.

La dirigenza del partito di Castro e gli scienziati sociali cubani hanno analizzato le democrazie borghesi e le preoccupazioni originali della democrazia in Grecia. La “Politeia” di Platone contiene ancora elementi adatti ai tempi moderni. Citazioni: “Si tratta della questione della vita buona o cattiva” e “la giustizia è il principio che lo Stato è responsabile di portare a compimento. “La voce delle persone (demos) non deve mancare nella discussione dei prossimi passi”.

Bisogna comprendere che la popolazione cubana viene consultata periodicamente dai poteri popolari di tutto il paese in una maratona di assemblee: come bisogna continuare nelle fasi successive, quali passi bisogna fare , quali sono le priorità. Il referendum include il dibattito sulla situazione nel paese, le risorse finanziarie necessarie per il cambiamento e le conseguenze che ne deriveranno. Il programma sociale finale sarà deciso nelle elezioni politiche. La sovranità cubana deciderà se accettare o respingere le elezioni. Gli incontri sono anche il luogo in cui viene verificata la competenza di ciascun delegato. L’elevato numero di partecipanti alle assemblee e alle elezioni popolari dimostra che la voce di Cuba sovrana ha un peso forte e duraturo.

Un confronto: nei paesi della cosiddetta comunità occidentale, le persone danno il loro voto dopo la tornata elettorale ai deputati. Più precisamente contano solo i voti ricevuti dal partito di maggioranza o dai partiti della coalizione. Ad esempio, fino alle prossime elezioni del 2021 il partito del vincitore, CDU, governerà la Germania con solo il 14% circa dei voti di coloro che hanno diritto al voto. Il calcolo del basso numero di rappresentanza tiene conto dei voti dei gruppi al di sotto del 5%, così come dei voti dei non votanti e di quelli delle parti che non partecipano alla coalizione. Un altro punto interrogativo: le questioni sono discusse nelle commissioni parlamentari sotto l’influenza di gruppi di pressione. Le decisioni sono sempre soggette alle maggioranze del Parlamento o all’obbligo del gruppo parlamentare. I fondi che i partiti ricevono da gruppi economici, banche e compagnie di assicurazione a fini elettorali non dovrebbero essere discussi qui.

Nel modello democratico cubano, il ruolo principale del deputato è quello di servire la Comunità. Ha un dovere nei confronti dell’elettore, non solo della sua coscienza. In determinate condizioni legali può essere licenziato. A Cuba c’è una legge contro le lobby. Il parlamentare è pienamente al servizio della procedura legislativa. Non riceve alcuna diaria per il suo lavoro. Vengono rimborsate le spese materiali. Il lavoro parlamentare, a Cuba, non è un’istituzione che copre il costo della vita. Questo è coperto dal lavoro professionale.

Oltre all’attività legislativa, i deputati sono responsabili della conferma degli organi del Parlamento. Tra questi, il Consiglio di Stato è il principale organo di lavoro. Questo dirige i lavori parlamentari durante la legislatura e riferisce all’assemblea plenaria. Tra i suoi membri ci sono i leader del Partito Comunista (PCC), l’Organizzazione delle donne (FMC), il sindacato (CTC), gli studenti e altri giovani (UJC e José Martí) e i Comitati Rivoluzionari (CDR). La legittimità degli organi del parlamento e del governo a Cuba è ampiamente proporzionata.

Cosa ci si può aspettare nei prossimi mesi?

Dopo la sua elezione, il nuovo presidente Miguel Díaz-Canel ha assunto una posizione complicata, sia in politica interna che estera.

 

Donald Trump rafforzerà piuttosto quella che è la posizione storica degli Stati Uniti. Ciò è evidenziato nei suoi precedenti decreti e negli annunci bellicosi del ministro degli Esteri Tillerson, prima e durante il suo viaggio in America Latina nel primo trimestre del 2018, che derivano da dottrine già esistenti (Monroe, Truman e diverse dottrine sulla sicurezza). L’obiettivo è di mantenere la forza degli Stati Uniti, per questo le loro richieste di “cambio di regime” a Cuba e in Venezuela. Trump può contare sul supporto fondamentale delle forze politiche dell’UE e della NATO. Si può presumere che i tentativi di destabilizzare l’uso dei mass media e di Internet continueranno. Gli Stati Uniti e i suoi amici hanno l’esperienza necessaria in questo.

Cuba continuerà la sua politica di autodeterminazione e di sviluppo rivoluzionario alternativo. Continuerà a cercare il dialogo. La democrazia partecipativa si modificherà a seconda della pressione esterna. Lo stato di diritto sarà rafforzato. È auspicabile che l’annunciato progetto di revisione della Costituzione continui a promuovere la trasformazione dell’egoismo verso un senso di comunità e che dia spazio sufficiente alla logica sociale e naturalista della società.

L’annuncio di Diaz-Canel di adattare la Costituzione di Cuba alle condizioni di crescita mostra la direzione intrapresa. I cambiamenti in ampi settori della società affermano il potere politico del nuovo gruppo dirigente cubano. L’attuale Costituzione del 24.2.1976 offre ai cittadini una buona sicurezza legale. Ad esempio, l’Art. 42 contiene norme molto estese in materia di diritti e doveri in nove importanti settori della vita. I valori sociali della piena uguaglianza (articolo 41) e della libertà di coscienza (articolo 54) sono già sanciti dettagliatamente nell’attuale Costituzione.

La democrazia è una costruzione complicata e rischiosa della società. Una democrazia che di tanto in tanto si adatta alle nuove condizioni ha buone possibilità di ottenere il sostegno e l’accettazione popolare. D’altra parte, la democrazia vive della volontà partecipativa della popolazione. Questa interazione rafforza la democrazia. Impedisce alla popolazione di rientrare nella categoria di puro strumento dell’establishment, come si vede dalla stanchezza elettorale delle democrazie occidentali.

La democrazia fa parte del patrimonio culturale mondiale di tutti i paesi. In nessun modo fa parte dell’ideologia borghese.

 

Traduzione dallo spagnolo di Mariapaola Boselli

Pubblicato in Cuba, Cultura

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Eventi

SOIRE FESTIVE CUBAINE

24.08.2018
in Les Tuileries, Grandson

Gartenfest der PdA

02.09.2018
in Restaurant Torstübli, Basel

UZ-Pressefest mit "CASA CUBA"

07.09.2018 - 09.09.2018
in Revierpark Wischlingen, Dortmund

Cada 17 del mes: Protestas contra el Bloqueo criminal de los Yankis

17.09.2018 - 17.12.2018

POR LA VIDA - Für das Leben

25.09.2018
in Lever du Soleil, Basel

Sfilata 1° Maggio 2016. La Habana

Archivi

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)