L’inganno del progressismo

L’assassinio del socialismo per mano del progressismo (Foto: Hasel-Paris Álvarez)

Vale la pena dire che in mezzo a questa situazione complicata e difficile, Cuba è rimasta ferma, difendendo il suo processo rivoluzionario e riuscendo – lo dico senza alcuna retorica – ad essere un faro che irradiava luce per coloro che lottavano in tutta la regione, compresi i convertiti addomesticati in Europa che approfittavano spudoratamente della solidarietà dell’isola caraibica.

di Sergio Rodríguez Gelfenstein
Fonte: https://misionverdad.com/

Come negli anni ’70 e ’80, quando l’America Latina e i Caraibi lottavano per scrollarsi di dosso le dittature di sicurezza nazionale made in Washington, il movimento popolare della regione sta discutendo l’orientamento politico e ideologico delle lotte contro il neoliberismo e l’imperialismo. Bisogna dire che questo è molto più di un dibattito teorico.

Anche se ora la situazione è diversa, dato lo sviluppo dialettico degli eventi, ancora una volta le forze rivoluzionarie si scontrano con la ricerca di vie d’uscita riformiste dalla crisi. Questo pensiero è raggruppato sotto le idee di fare politica “nella misura del possibile” o la soddisfazione di aver portato al potere il “male minore”.

Entrambe nascondono l’incapacità dei settori politici più avanzati della società di superare le difficoltà che portano alla costruzione di un’alternativa popolare e rivoluzionaria. Nessuno può dire che questo è dovuto al fatto che il popolo abbia abbandonato la sua lotta per la democrazia, la pace e l’uguaglianza. È molto facile dare la colpa al popolo quando in realtà sono state alcune élite politiche che hanno paralizzato i processi. Negli ultimi anni nella regione, le organizzazioni di sinistra, una volta al governo, hanno privilegiato le alleanze con la borghesia e la destra, spostando i settori popolari a un ruolo marginale di “oggetto” delle misure del governo, quando in realtà la quota di potere ottenuta avrebbe dovuto essere utilizzata per trasformare il popolo in soggetti di cambiamento della società.

Nel caso del golpe contro Dilma Rousseff in Brasile, questa situazione era più che evidente. Dopo che la presidente ha preso le distanze dal movimento popolare, nessuno ha difeso il PT, il suo governo o essa stessa quando è stata estromessa.

Un elemento fondamentale che segna la differenza tra il secolo scorso e questo è che quelle lotte si sono svolte nel quadro della guerra fredda e del mondo bipolare in cui lo schema ideologico era quello che ordinava la politica e quindi le relazioni internazionali. Oggi sono emersi un gran numero di movimenti sociali che lottano per rivendicazioni settoriali, suggerendo che la necessità di una trasformazione radicale della struttura sociale che opprime ed esclude la maggioranza non è più rilevante.

A livello internazionale, la politica dei principi – tipica della guerra fredda – che derivava dall’orientamento ideologico dei governi, ha lasciato il posto all’interesse nazionale (che in alcuni casi è diventato una necessità di sopravvivenza) per definire l’azione internazionale di alcuni paesi.

Così, nella transizione dalle dittature ai sistemi neoliberali di democrazia rappresentativa, nella maggior parte dei quali la dottrina della sicurezza nazionale come strumento di dominio e controllo del potere da parte delle élite è ancora presente in larga misura – se non nella sua totalità – i settori riformisti sono emersi trionfanti. La persecuzione dei sindacati, della stampa libera, delle organizzazioni sociali e dei partiti politici è cominciata, con il presupposto della necessità di difendere lo status negoziato, accettato e stabilito che è diventato noto come “Stato di diritto”, anche se questo funziona solo per un settore della cittadinanza.

In larga misura, questo è stato reso possibile dall’addomesticamento di leader un tempo popolari, di sinistra e rivoluzionari che hanno ceduto al fascino della socialdemocrazia europea e della democrazia cristiana, che li ha trasformati in arieti per la distruzione di tutto ciò che sapeva di rivoluzione e socialismo. Nella seconda metà degli anni ’80, Washington si rallegrò del lavoro svolto da questi partiti europei e accolse con favore la possibilità di allontanarsi dalle dittature già screditate per far posto a opzioni catastrofiche che avrebbero mantenuto intatti i suoi interessi. In questo senso, ha accolto con favore le transizioni e le ha persino sostenute con fervore, placando la possibilità di soluzioni popolari alla crisi della democrazia che ha travolto la maggior parte della regione.

Vale la pena dire che in mezzo a questa situazione complicata e difficile, Cuba è rimasta ferma, difendendo il suo processo rivoluzionario e riuscendo – lo dico senza alcuna retorica – ad essere un faro che irradiava luce per coloro che lottavano in tutta la regione, compresi i convertiti addomesticati in Europa che approfittavano spudoratamente della solidarietà dell’isola caraibica.

L’istituzione di governi neoliberali ha esacerbato i conflitti nella società, poiché il capitalismo non era in grado di risolvere i bisogni più elementari dei cittadini. Il “caracazo” del 1989 in Venezuela e la rivolta zapatista del 1994 in Messico – due paesi che non erano sotto la pressione dello stivale militare al governo – furono chiare espressioni del fatto che il neoliberismo non poteva essere associato solo al dominio diretto delle forze armate al potere, ma anche all’intero quadro giuridico e politico della società capitalista.

Fu in queste condizioni che Hugo Chávez emerse come espressione del popolo e dei settori militari stufi di essere usati per la repressione e il mantenimento dell’ordine delle élite. La vittoria elettorale del 1998 è stata la molla che ha fatto esplodere un sentimento e una volontà di trasformazione che la storia ha fatto coincidere nelle leadership di politici che in diversi paesi, come ha detto Cristina Kirchner, “assomigliano di più al loro popolo”.

Gli evidenti successi in materia sociale che questi governi ottennero in misura maggiore o minore, e che insieme permisero alla regione di avanzare verso processi integrazionisti che ne assicurarono la presenza e la preminenza nel mondo del XXI secolo, suscitarono ancora una volta la preoccupazione della Casa Bianca, la quale, mobilitando le oligarchie regionali, le istituzioni mercenarie non rimosse, i media transnazionali della disinformazione e le menti subordinate della destra, riuscì a fermare temporaneamente il processo iniziato negli ultimi anni del secolo scorso. Questa volta non è stato necessario ricorrere alle forze armate, è bastato mettere al lavoro i media e il “sistema giudiziario” mentre si esacerbavano i conflitti interni tra i settori popolari per mettere fine a tutto ciò che era stato raggiunto nei primi cinque anni di questo secolo.

Ma l’influenza neoliberale che è tornata al potere con Macri, Áñez, Bolsonaro, Lenin Moreno, Piñera e altri personaggi simili non è stata solida, poiché sono sostenuti dall’avallo e dal sostegno degli Stati Uniti a livello internazionale e dall’appoggio dato dalla gestione dei media per costruire false verità da un lato, oltre al peso dei militari e della polizia che agiscono come gendarmi, dall’altro. Il ritorno al momento del flusso è stato molto più breve del periodo tra la caduta in combattimento di Allende nel 1973 e la vittoria elettorale di Chávez nel 1998, grazie all’apprendimento del popolo, alla sua consapevolezza e alla sua superiore (anche se ancora insufficiente) capacità organizzativa.

Espressioni di questo negli ultimi anni sono state la vittoria elettorale di Andrés Manuel López Obrador in Messico, il ritorno dei peronisti al governo in Argentina e del MAS in Bolivia, le vittorie di candidati progressisti in Perù, Honduras e Santa Lucia, la sconfitta del neofascismo in Cile, nello stesso momento in cui Barbados si liberava dalla subordinazione post-coloniale della Gran Bretagna, diventando una repubblica e nominando Sandra Mason come suo primo presidente. Nella stessa logica, si potrebbe aggiungere che Lula in Brasile e Petro in Colombia, candidati dell’opposizione progressista, sono in testa ai sondaggi per le elezioni che si terranno quest’anno in entrambi i paesi.

Vale la pena dire – e voglio ribadire – che tutto questo è stato reso possibile dalla resistenza alla dominazione imperiale dei popoli di Cuba, Nicaragua e Venezuela. Se questi paesi fossero caduti, la valanga imperiale avrebbe travolto senza pietà l’America Latina e i Caraibi. Questo mi ricorda José Martí quando il 18 maggio 1895, alla vigilia della battaglia che lo portò alla morte, in una lettera a Manuel Mercado scrisse: “Sono già in pericolo ogni giorno di dare la vita per il mio paese, e per il mio dovere – poiché lo capisco e ho la forza di compierlo – di impedire in tempo, con l’indipendenza di Cuba, che gli Stati Uniti si diffondano nelle Indie occidentali e cadano, con quella forza, sulle nostre terre d’America“. Più di 125 anni dopo, la situazione è la stessa, anche se ora Cuba non è sola.

Ma la destra e soprattutto gli Stati Uniti hanno anche imparato, anche loro fanno calcoli e giocano le loro carte. Così, stanno lavorando per dividere e separare la sinistra al fine di facilitare il loro compito, che a livello strategico è volto a impedire che l’America Latina e i Caraibi formino un blocco di potere mondiale.

In questo senso, un nuovo pericolo è in agguato per i popoli della regione. Come nel secolo scorso, l’obiettivo è mediare la lotta dei popoli affinché i loro successi non vadano al di là di cambiamenti cosmetici che permettano alle élite di continuare a detenere il potere, mentre certi settori ammantati di un discorso di sinistra possono continuare a fare politica “nella misura del possibile”.

Questo è chiaro dall’articolo scritto da Andrés Oppenheimer, un portavoce dell’estrema destra statunitense, pubblicato nel Nuevo Herald di Miami il 25 dicembre, intitolato “Gabriel Boric guiderà una nuova sinistra latinoamericana? L’autore cita Heraldo Muñoz, l’ineffabile ministro degli Esteri del governo di Michelle Bachelet – che l’autore colloca nelle vicinanze di Boric – il quale avrebbe dichiarato che Boricsi è riferito al regime venezuelano come a una dittatura ed è stato critico nei confronti della frode elettorale in Nicaragua“, aggiungendo che: “Ha convinzioni abbastanza forti in termini di democrazia e diritti umani“. Ecco, gli Stati Uniti e la destra cilena hanno certificato il ruolo che avrà il nuovo presidente cileno, non solo a livello interno, ma anche internazionale.

L’articolo continua: “Boric dovrà mostrare indipendenza dal partito comunista. I suoi critici lo hanno dipinto come un giovane inesperto che sarà controllato dal partito comunista. Boric perderebbe molti dei suoi elettori più moderati se si rivelasse una marionetta di un partito della sinistra giurassica“.

Solo il Socialismo può salvarci. Una lezione magistrale da Cuba per l’America Latina (e non solo)

Il discorso volto a creare una “nuova sinistra” lontana da Cuba, Nicaragua e Venezuela sta prendendo piede, anche nei settori “progressisti” della regione. Da autori di orientamento “socialista” come il cileno Roberto Pizarro a intellettuali come il brasiliano Emir Sader, la cui integrità intellettuale è fuori dubbio, hanno scritto articoli in cui si affrettano a vedere una sinistra latinoamericana staccata da Cuba, Nicaragua e Venezuela.

L’emergere del “progressismo” come idea di liberazione, anche se non è nuovo, ha recentemente guadagnato slancio. L’Internazionale Progressista, promossa da settori dell'”imperialismo di sinistra” negli Stati Uniti che vogliono che il loro paese ritorni sulla via della “democrazia” e della giustizia sociale, per rendere l’impero più efficiente nella sua intenzione di soggiogare il mondo, ha raccolto il testimone di questa corrente.

Non bisogna dimenticare che l’idea di progresso è emersa dalla possibilità conferita alla trasformazione graduale della società. In realtà, il progresso deve portare alla liberazione totale degli esseri umani dalle forze che li opprimono. Finché questo non è l’obiettivo, è un concetto vuoto e fuorviante. L’Internazionale Progressista ha avuto la sua controparte in America Latina e nei Caraibi nel “Gruppo di Puebla“, nel quale, sebbene partecipino importanti e onorevoli leader politici della regione, genera dubbi perché è guidato da un mercenario cileno di dubbia reputazione che ha fatto del “progressismo” un business e che ha anche strette amicizie con i massimi dirigenti del chavismo e con l’ex presidente Mauricio Macri. Sospettosamente, in nessuna delle due istanze partecipano cubani, venezuelani o nicaraguensi.

Ancora una volta, la disputa ideologica sul cammino da seguire per l’America Latina e i Caraibi è nuovamente sul tavolo. Ci accontentiamo del “male minore” o siamo capaci di costruire una forza politica e sociale che porti i profondi cambiamenti di cui la società ha bisogno? Invece di accontentarci di ciò che si può fare “nella misura del possibile”, dobbiamo lavorare per trasformare l’impossibile in realtà. Come ho detto in un articolo precedente citando un amico, il “male minore” deve essere contrapposto al “bene maggiore”.

Questo significa che i nostri sforzi devono essere mirati a giocare sul nostro campo, non su quello che il nemico ci impone. In un momento in cui molti non vogliono prendere posizione e la politica si definisce come centro-destra, centro-sinistra o centro, è responsabilità dei settori più avanzati della società costruire il nuovo scenario di lotta, come è successo nelle strade del Cile e della Colombia.

Il futuro liberatore dei popoli non sta nel progressismo. È e continuerà ad essere nella rivoluzione.

Il futuro liberatore dei popoli non sta nel progressismo. È e continuerà ad essere nella rivoluzione. Capisco che sulla strada della vittoria si debbano fare alleanze tattiche per unire le forze, ma esse avranno questo carattere solo se sono assunte dall’egemonia e dal potere. Qualsiasi alleanza costruita sulla base della debolezza o della subordinazione porta a subordinare gli interessi del popolo a quelli di altri settori o gruppi minoritari.

Si spera che coloro che assumono queste posizioni di mediazione capiscano la differenza tra i concetti di strategia e tattica e li applichino correttamente, senza dimenticare che sbagliare nella loro applicazione porta a dolorosi errori di dimensioni impensabili per il movimento popolare.

Pubblicato in Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Eventi

Coronavirus en Cuba

30.03.2022 - 31.12.2022
in Cuba, Cuba

Recaudación de fondos Spendensammlung Récolte de fonds Raccolta fondi

17.05.2022 - 26.07.2022

Le Soleil de CUBA

01.07.2022 - 31.08.2022

Cada 17 - jeden 17. des Monats gegen die kriminelle US-Blockade...

17.07.2022 - 31.12.2022

21. UZ-Pressefest 2022 – Ein großes Fest des Friedens und der Solidarität

27.08.2022 - 28.08.2022
in Rosa-Luxemburg-Platz vor der Volksbühne, Berlin

25 y Más Uniendo Pueblos - AMISTUR CUBA

30.12.2022 - 31.12.2022

CALENDARIO 2022 - Latinoamerica y el Caribe

31.12.2022

L’IDEOLOGIA DELLA RIVOLUZIONE CUBANA

31.12.2022
in República de Cuba, Cuba

Riflessioni sul pensiero di Fidel Castro (+VIDEO)

31.12.2022
in Cuba e il Mondo, Cuba

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)