“Necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d’America contro Cuba” (+VIDEO)

Il blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro Cuba risponde a un quadro politico e amministrativo punitivo di natura dinamica che, per la sua dispersione, estensione e complessità, dovrebbe essere meglio conosciuto. Queste caratteristiche richiedono un monitoraggio sistematico delle norme giuridiche e della loro applicazione pratica, a causa dell’impatto che hanno sulla vita del popolo cubano. Queste misure coercitive unilaterali devono cessare a causa della loro natura illegittima e genocida, del loro alto costo economico e del rifiuto pubblico che suscitano.

Tratto da https://cubaminrex.cu/
Traduzione e aggiunte al testo: GFJ

Il blocco è una violazione di massa, flagrante e sistematica dei diritti umani di tutti i cubani. Con un atto di spietata crudeltà, gli Stati Uniti hanno applicato in questo periodo, con precisione chirurgica, misure volte a colpire i settori più sensibili della società cubana e a creare disperazione tra la popolazione.

Durante questa fase, il blocco economico, commerciale e finanziario contro Cuba è rimasto l’asse centrale della politica statunitense nei confronti dell’isola ed è stato intensificato in modo opportunistico e a livelli senza precedenti, nel contesto della pandemia COVID-19.

Disattendendo le proprie promesse elettorali, l’amministrazione democratica ha lasciato intatte le oltre 240 misure coercitive unilaterali aggiuntive applicate contro Cuba dal suo predecessore, Donald Trump.

L’inasprimento di questa politica e lo strangolamento economico contro Cuba nel bel mezzo della pandemia sono stati accompagnati da un aumento dell’aggressione politica, mediatica e comunicativa, nonché da un incremento senza precedenti delle operazioni di disinformazione, finanziate copiosamente con fondi federali del bilancio statunitense, parte dei quali sono dichiarati pubblicamente e ammontano a decine di milioni di dollari all’anno. Questo si aggiunge ai fondi occulti che sostengono le campagne.

Questo comportamento, in palese violazione del principio di non ingerenza negli affari interni degli Stati, è volto a creare un’opposizione politica, anche a costo di generare disordine e instabilità, fratturando l’ordine costituzionale, il consenso sociale, incoraggiando l’immigrazione irregolare e intaccando le condizioni di pace e sicurezza in cui vive il popolo cubano.

Il governo statunitense ha cercato di approfittare delle dure condizioni economiche e sociali generate dalla pandemia e ha fatto ricorso a menzogne, calunnie, manipolazione dei dati e ai più disparati metodi di guerra non convenzionale, con l’obiettivo di forzare il cambiamento politico a Cuba.

Questa situazione è aggravata dalla continua inclusione di Cuba nelle liste unilaterali e illegittime pubblicate dal Dipartimento di Stato di Paesi che sono presunti sponsor del terrorismo e nazioni che “non collaborano pienamente” con gli sforzi antiterroristici degli Stati Uniti, il che rafforza l’impatto dissuasivo e intimidatorio del blocco e della sua componente extraterritoriale.

Nella fase analizzata, l’incessante persecuzione del governo statunitense contro le transazioni finanziarie che coinvolgono Cuba ha colpito praticamente tutti i settori dell’economia. Questo assedio ha portato a chiusure e/o violazioni di contratti, perdita di relazioni con entità finanziarie che solitamente lavoravano con entità cubane, indebitamento, ritardi nell’invio e nella ricezione di fondi e merci, oltre ad altre difficoltà.

A causa del suo scopo dichiarato e del quadro politico, legale e amministrativo su cui si basa, il blocco si qualifica come un atto di genocidio, in virtù della Convenzione del 1948 sulla prevenzione del crimine di genocidio.

Il governo degli Stati Uniti ha dichiarato che il blocco contro Cuba “è una delle sanzioni più complete imposte dagli Stati Uniti a qualsiasi Paese[1]. La realtà indiscutibile è che questo blocco è il sistema più completo, complesso e prolungato di misure coercitive unilaterali mai imposto contro un Paese nella storia.

Il blocco è il principale freno allo sviluppo di Cuba. Ostacola l’attuazione del Piano nazionale di sviluppo economico e sociale fino al 2030 (PNDES) e tutti gli sforzi dello Stato cubano per raggiungere gli obiettivi e i traguardi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Ai prezzi attuali, i danni accumulati in sei decenni di questa politica ammontano a 150.410,8 milioni di dollari. Tenendo conto del deprezzamento del dollaro rispetto al valore dell’oro sul mercato internazionale, il blocco ha causato danni quantificabili in oltre 1.326.432 milioni di dollari.

Solo nei primi sette mesi del 2021, il blocco ha causato a Cuba perdite dell’ordine di 2.557,5 miliardi di dollari. Ciò rappresenta una perdita media di oltre 365 milioni di dollari al mese e di oltre 12 milioni di dollari al giorno.

Le cause della relativa diminuzione dell’ammontare dei danni causati dal blocco tra gennaio e luglio 2021, rispetto a quelli registrati nella fase precedente, includono la chiusura totale delle frontiere a seguito della COVID-19, che ha impedito completamente lo svolgimento del turismo in questo periodo; nonché le tensioni finanziarie affrontate dal Paese a causa della necessità di stanziare ingenti risorse aggiuntive e impreviste per combattere la pandemia, che hanno portato a una notevole contrazione delle attività commerciali estere di Cuba nel periodo analizzato.

Tuttavia, non si può ignorare l’effetto cumulativo del blocco e delle sue conseguenze, che hanno generato una situazione di penuria nel Paese. Le carenze e le difficoltà di approvvigionamento di alimenti, medicinali e fattori di produzione per lo sviluppo dei processi economici e produttivi sono fenomeni spesso non quantificabili, ma che hanno un impatto innegabile sulla vita quotidiana del popolo cubano.

Le limitazioni che Cuba incontra nell’acquisizione di valuta estera per importare e investire sono anch’esse incalcolabili e costituiscono un enorme ostacolo a qualsiasi iniziativa che il Paese intraprenda per soddisfare i bisogni accumulati della popolazione.

Tre decenni dopo la prima risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite contro il blocco, il governo degli Stati Uniti persiste nell’ignorare i numerosi pronunciamenti di quel forum internazionale che chiedono la fine incondizionata della sua politica unilaterale e criminale di blocco economico, commerciale e finanziario contro Cuba.

Non è legale né etico che il governo di una nazione potente sottoponga una piccola nazione a un’incessante guerra economica per imporle un sistema politico diverso. È inaccettabile privare un intero popolo del diritto alla pace, allo sviluppo, al benessere e al progresso umano.

 

Vedi il Rapporto completo del Minrex (español):

Rapporto di Cuba ai sensi della risoluzione 75/289 dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite intitolata "Necessità di porre fine all'embargo economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d'America contro Cuba".

Informe de Cuba sobre el bloqueo 2022

 

 

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Eventi

¡CUBA necesita nuestro apoyo solidario! CUBA braucht unsere solidarische Unterstützung!

27.09.2022 - 31.12.2022

DRITTEN WELTKRIEG STOPPEN! Internationale Rosa-Luxemburg-Konferenz

30.11.2022 - 14.01.2023

Le Soleil de CUBA

02.12.2022 - 31.12.2022

Cada 17 - chaque 17 - jeden 17. contra US-Blockade...

17.12.2022 - 31.12.2022

Make the US blockade of Cuba unenforceable - Macht die US-Blockade Kubas undurchsetzbar

17.12.2022 - 31.12.2022

Coronavirus en Cuba

31.12.2022
in Cuba, Cuba

L’IDEOLOGIA DELLA RIVOLUZIONE CUBANA

31.12.2022
in República de Cuba, Cuba

Riflessioni sul pensiero di Fidel Castro (+VIDEO)

31.12.2022
in Cuba e il Mondo, Cuba

Feria del Libro

09.02.2023 - 19.02.2023
in Parque Histórico Militar San Carlos de la Cabaña, Habana

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)