Cuba allerta sui pericoli per l’umanità derivanti dalle manovre degli Stati Uniti all’ONU e vota NO al progetto di risoluzione che approva la sospensione dei diritti della Federazione Russa come membro del Consiglio dei Diritti Umani.

Foto: Illustrazione presa da La pupila insomne

In mezzo alle forti pressioni degli Stati Uniti sugli stati membri delle Nazioni Unite, è stata approvata una risoluzione nell’Assemblea Generale per sospendere la Russia dal Consiglio dei Diritti Umani.

Il documento è stato adottato con 93 paesi a favore, 24 contro e 58 astensioni. Diverse delegazioni hanno denunciato che il testo non era stato precedentemente discusso con gli stati membri, riferisce Prensa Latina.

Tra i paesi dell’America Latina, Cuba, Bolivia e Nicaragua hanno votato contro la decisione, mentre Brasile, El Salvador e Messico si sono astenuti. Il Venezuela non ha votato. Il resto dei paesi della regione ha appoggiato la decisione. La Cina, così come l’Iran, l’Algeria, l’Etiopia e il Kazakistan, sono pure tra i paesi che non hanno sostenuto la sospensione.

Secondo Russia Today, la mossa segue le accuse dei media contro l’esercito russo di aver ucciso dei civili nella città di Bucha, che Mosca ha ripetutamente respinto come una “montatura” dell’Ucraina.

Il Consiglio dei Diritti Umani è un organo intergovernativo all’interno del sistema delle Nazioni Unite, composto da 47 stati e responsabile della promozione e protezione dei diritti umani in tutto il mondo.

L’Assemblea Generale ha il diritto di sospendere l’appartenenza di un paese se “commette violazioni gravi e sistematiche dei diritti umani”. L’unica volta che l’ha fatto è stato nel 2011, quando si stava discutendo l’adesione della Libia, in risposta alle “violenze del governo di Muammar Gheddafi”.

Il Consiglio dei diritti umani è stato criticato in diverse occasioni per essere un organismo infarcito di ipocrisia e doppi standard.


Pedro Luis Pedroso C
@PedroPedrosoC
Representante gubernamental de CubaCuba acaba de votar en contra del proyecto de resolución q aprobó la suspensión de los derechos de la Federación de Rusia como mbro del Consejo de DDHH. Cuba alertó s/los peligros q impone el uso de tal mecanismo de suspensión, sin paralelo en ningún otro órgano de las Nac Unidas
ImmagineImmagine


La posizione di Cuba

Riguardo alla decisione dell’Assemblea Generale dell’ONU di sospendere i diritti della Federazione Russa come membro del Consiglio dei Diritti Umani, Cuba ha avvertito dei pericoli per l’umanità posti dalle manovre degli Stati Uniti, riferisce il sito web del Ministero degli Esteri cubano.

"Questa Assemblea sarà mai in grado di approvare una risoluzione che sospenda l'appartenenza degli Stati Uniti al Consiglio dei Diritti Umani? Sappiamo tutti che questo non è successo e non succederà, nonostante le sue flagranti e massicce violazioni dei diritti umani". Pedro Luis Pedroso Cuesta,rappresentante permanente di Cuba alle Nazioni Unite 

Il rappresentante permanente di Cuba alle Nazioni Unite, Pedro Luis Pedroso Cuesta, ha elencato le ragioni per cui Cuba ha votato contro il progetto di risoluzione A/ES-11/L.4, e ha denunciato che esso creerebbe un ulteriore pericoloso precedente, soprattutto per il Sud.

Il diplomatico ha avvertito che “questo meccanismo di sospensione, che non ha paralleli in nessun altro organismo delle Nazioni Unite, può essere facilmente usato in modo selettivo”. Oggi è la Russia, ma domani potrebbe essere uno qualsiasi dei nostri paesi, in particolare le nazioni del Sud che non si piegano agli interessi del dominio e che difendono fermamente la loro indipendenza“.

Ha aggiunto che la nazione caraibica si è sempre opposta alla clausola di sospensione dell’adesione, “a causa del grave rischio che possa essere usata da alcuni paesi che favoriscono i doppi standard, la selettività e la politicizzazione delle questioni dei diritti umani“.

L’uso della clausola di sospensione dell’appartenenza al Consiglio non favorirà in alcun modo la ricerca di una soluzione pacifica, negoziata e duratura al conflitto in Ucraina, e tanto meno aiuterà a promuovere il clima di cooperazione, dialogo e comprensione che dovrebbe prevalere quando si affronta la questione dei diritti umani“, ha sottolineato.

Ha anche affermato che “Cuba ha sempre sostenuto e lavorato per un Consiglio dei Diritti Umani capace di affrontare le complesse sfide della comunità internazionale in questo campo, dalle quali nessun paese è esente“.

L’isola ha sempre difeso l’obiettività, l’imparzialità e la trasparenza nel lavoro di questo organismo, affinché le sue procedure e i suoi meccanismi funzionino sulla base di informazioni veritiere e verificate“, ha sottolineato.

Pedroso ha ricordato che non è una coincidenza che i promotori più entusiasti della clausola di sospensione, quando si stava negoziando la costruzione del nuovo Consiglio dei Diritti Umani, erano nazioni sviluppate con una provata tendenza ad accusare i paesi del Sud che non si conformano ai loro presunti modelli di democrazia.

L’ambasciatore si è chiesto se “questa Assemblea sarà mai in grado di approvare una risoluzione che sospenda l’appartenenza degli Stati Uniti al Consiglio dei Diritti Umani? Sappiamo tutti che questo non è successo e non succederà, nonostante le sue flagranti e massicce violazioni dei diritti umani“, ha concluso.


Cancillería de Cuba

@CubaMINREX
Organización gubernamental de Cuba
#Cuba advierte sobre los peligros para la humanidad de las maniobras estadounidenses en Naciones Unidas cubaminrex.cu/es/cuba-advier
Immagine
Miguel Díaz-Canel Bermúdez e altri 6


Leggi anche:

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)