La decolonizzazione e la rivoluzione socialista sono le vie da seguire

Perché l’occidente ama Mandela e odia Mugabe?

La decolonizzazione non è una metafora, è un rovesciamento dell’apparato statale coloniale con lo scopo di restituire la terra rubata ai colonizzati.

Fonte: Rainer Shea – USA

Fonte italiana

ANTICOLONIALISM

 

di Rainer Shea*

I liberali stanno cercando di usare il riformismo per deviare l’energia delle proteste di George Floyd da quello che dovrebbe essere l’obiettivo finale delle proteste: la decolonizzazione del continente che è stato falsamente chiamato “America”. Sostengono che la violenza contro i popoli colonizzati che il sistema coloniale ha radicato nelle forze dell’ordine sarà risolta “rifondando la polizia”, ​​qualunque cosa ciò significhi. Sostengono che gli Stati Uniti possono superare il razzismo, come se questo regime coloniale e il sistema capitalista che esso impone non siano legati al razzismo.

Deve esserci la decolonizzazione e, per essere decolonizzazione, deve consistere nel trasferimento completo delle terre rubate alle prime nazioni indigene. Un gruppo di manifestanti che recentemente occupa un piccolo pezzo di spazio a Seattle non è una decolonizzazione, come alcuni di sinistra hanno cercato di interpretare. Neanche gli sforzi per “decolonizzare” simbolicamente certi aspetti della società. La decolonizzazione non è una metafora, è un rovesciamento dell’apparato statale coloniale con lo scopo di restituire la terra rubata ai colonizzati.

The Roots of Karl Marx's Anti-Colonialism

Pertanto la decolonizzazione non sarà un processo pacifico, poiché i liberali senza dubbio affermeranno che lo è, mentre continua a crescere. Sarà un atto di guerra contro lo stato illegittimo dei coloni. Tale è stato il caso durante i movimenti di decolonizzazione in Africa, le cui nature inevitabilmente violente sono state riflesse da Frantz Fanon in The Wretched of the Earth :

“Il contadino affamato, al di fuori del sistema di classe, è il primo tra gli sfruttati a scoprire che solo la violenza paga. Per lui non c’è compromesso, non è possibile venire a patti; la colonizzazione e la decolonizzazione sono semplicemente una questione di forza relativa. L’uomo sfruttato vede che la sua liberazione implica l’uso di tutti i mezzi, e quello della forza prima di tutto. Quando nel 1956, dopo la capitolazione di Monsieur Guy Mollet ai coloni in Algeria, il Front de Libération Nationale, in un famoso volantino, affermò che il colonialismo allenta la presa solo quando il coltello è alla gola, nessun algerino ha trovato davvero neppure questi termini violenti. Il volantino esprimeva solo ciò che ogni algerino sentiva nel cuore: il colonialismo non è una macchina pensante, né un corpo dotato di facoltà di ragionamento. È la violenza nel suo stato naturale…”

Le domande da porre, quindi, non sono “come convincere l’America a sconfiggere la sua polizia?” o “come votare l’attuale leadership americana?” Sono “come superare la violenza dello stato dei coloni?” e “come verrà decolonizzato il continente dopo la caduta dello stato dei coloni?”

Quanto a come superare la violenza dello stato, la zona autonoma di Seattle recentemente creata ci ha insegnato una lezione su come farlo. La zona è stata istituita da attivisti armati, introducendo l’elemento di forza che è essenziale per contrastare la violenza dello stato. Il motivo per cui sarà probabilmente ripreso dallo stato è che i suoi difensori non hanno le risorse per trattenere permanentemente quella terra. I tentativi futuri di creare zone autonome sostenibili avranno maggiori probabilità di successo se utilizziamo questo momento per costruire le forze di difesa del nostro movimento; far addestrare i membri delle organizzazioni antirazziste è un metodo per aiutare in questo compito.

Il presidente socialista della Bolivia Evo Morales ha fatto lo stesso per il suo paese prima di essere espulso da un colpo di stato americano. I governi socialisti del Venezuela, del Nicaragua e di Cuba continuano a proteggere i loro popoli dalle forze dell’imperialismo.

La risposta alla domanda su come accadrà la decolonizzazione attraversa l’obiettivo di sconfiggere l’individualismo e lo sciovinismo sociale, che pervadono ampiamente l’attuale sinistraNon è sufficiente che un’organizzazione sia antirazzista, ma deve anche presentare una linea politica in grado di sconfiggere il regime capitalista e coloniale. I gruppi anarchici, che hanno guadagnato una presenza nel recente movimento di protesta, non rispondono a questa esigenza.

Questo perché l’anarchismo, al contrario del comunismo, non riconosce tutti i passi che dovranno essere fatti per smantellare il capitalismo. Come ha spiegato Lenin in  Stato e Rivoluzione (The State and Revolution), dopo che lo stato capitalista è stato rovesciato, i rivoluzionari dovranno creare uno stato per se stessi. Altrimenti i mezzi per costruire e difendere una società socialista non saranno disponibili. Le stesse realtà si applicano al compito di sostituire lo stato coloniale con una serie di stati che sono controllati dalle Prime Nazioni indigene; il governo sarà necessario per mantenere queste nazioni liberate difese dalla violenza reazionaria e imperialista.

CHE DIFFERENZA C'È TRA UN ANARCHICO E UN... - I Maestri del Socialismo | Facebook

Questo svantaggio dell’anarchismo nell’aiutare la causa anticoloniale,  è che l’anarchismo non cerca di costruire uno stato, incarna un difetto più grande nell’anarchismo: che è basato nell’individualismo. L’individualismo, come ha spiegato Fanon, è un ostacolo al movimento verso la decolonizzazione. Ha scritto che nello sviluppo politico di qualcuno che sta seriamente lottando per la liberazione nazionale, “l’individualismo è il primo a scomparire”, e che:

“L’intellettuale nativo aveva imparato dai suoi padroni che l’individuo doveva esprimersi pienamente. La borghesia colonialista aveva martellato nella mente del nativo l’idea di una società di individui in cui ogni persona si rinchiude nella propria soggettività e la cui unica ricchezza è il pensiero individuale. Ora il nativo che ha l’opportunità di tornare al popolo durante la lotta per la libertà scoprirà la falsità di questa teoria. Le stesse forme di organizzazione della lotta gli suggeriranno un vocabolario diverso. Fratello, sorella, amica – queste sono parole fuorilegge dalla borghesia colonialista, perché per loro mio fratello è la mia borsa, il mio amico fa parte del mio piano per andare avanti.”

Nonostante i numerosi vantaggi del comunismo rispetto all’anarchismo nel modo in cui può essere usato per aiutare la causa anticoloniale, è importante che i comunisti, in particolare i comunisti bianchi, riconoscano che dopo la decolonizzazione, il socialismo non sarà istituito in tutte le Prime Nazioni in un modello monolitico o senso uniforme. Nessuna autorità centrale potrà dettare i sistemi economici di queste Prime Nazioni, dipenderà da loro decidere dove si svilupperanno successivamente.

Avendo chiarito questa sfumatura sul modo in cui il socialismo si collegherà alla decolonizzazione del continente, devo anche menzionare l’importante ruolo che il socialismo avrà senza dubbio nella liberazione delle Prime Nazioni dagli interessi coloniali. I paesi dell’Africa e dell’America Latina potrebbero essersi ufficialmente liberati da tempo dai paesi imperialisti, ma l’imperialismo e il colonialismo continuano a dominare la stragrande maggioranza di questi paesi. In particolare, l’imperialismo e il neo-colonialismo; le società americane ed europee continuano a sfruttare questi paesi in modo neo-coloniale, mentre Washington impone ancora chi può guidare la maggior parte di questi paesi. In questo modo, non si sono veramente liberati dalla morsa del colonizzatore. Ma il socialismo può correggere questa situazione.

Quando i socialisti hanno preso il potere in questi paesi africani e latinoamericani decolonizzati, il neocolonialismo è stato bloccato al loro interno. Il presidente comunista dello Zimbabwe, Robert Mugabe, ha impedito al FMI e alle altre forze neo-coloniali di prendere il controllo dell’economia del suo paese. Il leader socialista libico Muammar Gheddafi ha notevolmente aumentato le condizioni di vita del suo paese prima che la NATO lo espellesse in una guerra di cambio di regime per aver sfidato gli imperialisti. Il presidente socialista della Bolivia Evo Morales ha fatto lo stesso per il suo paese prima di essere espulso da un colpo di stato americano. I governi socialisti del Venezuela, del Nicaragua e di Cuba continuano a proteggere i loro popoli dalle forze dell’imperialismo.

CSC news: Angola Honours Fidel Castro's Internationalism and Anti-Colonialism

Se le Prime Nazioni riprenderanno la loro terra, le multinazionali e i resti della rete di cambiamento del regime imperialista proveranno a ottenere una diversa forma di controllo su di esse. Quindi il socialismo si dimostrerà uno strumento utile per completare il processo anticoloniale, poiché è stato dimostrato che si trova in altri luoghi. È a causa di questa relazione altamente benefica che il socialismo ha con l’anti-colonialismo il suo nesso. Fanon stesso era un comunista e scrisse sulle nazioni socialiste sui modi che implicavano una alleanza con loro nella loro lotta, condivisa contro l’imperialismo; questa citazione da The Wretched of the Earthne è un esempio:

La liberazione dell’Africa e la crescita della coscienza tra l’umanità hanno permesso alle popolazioni dell’America Latina di rompere con la vecchia giostra delle dittature in cui ogni regime successivo assomigliava esattamente a quello precedente. Castro prese il potere a Cuba e lo diede al popolo. Questa eresia è sentita come una piaga nazionale dagli Yankees.”

Date tutte queste lezioni dalla storia e dalla valutazione delle attuali condizioni materiali, i compiti di qualcuno che vuole aiutare a raggiungere la decolonizzazione nel continente ora chiamato “America” ​​sono chiari: lavorare per il trasferimento di terra alle popolazioni indigene, sostenere la causa del socialismo (in particolare il marxismo-leninismo) e contrastare gli argomenti di coloro che cercano di distorcere queste lezioni.

*Rainer Shea, è un giovanissimo studente californiano autore di un blog con una certa audience. Quello che stupisce di Rainer è la conoscenza della storia e dei percorsi relativi al socialismo –tentativi, successi e insuccessi- di cui riempie il suo blog. Membro del Peace and Freedom Party è un attivista noto in California

 

Pubblicato in Attualità, Cultura, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

Archivi

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)