La Mezzaluna Rossa Araba Siriana chiede la revoca del blocco per far avanzare i soccorsi

Abbiamo bisogno di macchinari pesanti, ambulanze e veicoli antincendio per poter continuare le operazioni di soccorso e di rimozione delle macerie, e per questo è necessario che le sanzioni contro la Siria vengano revocate al più presto”, ha dichiarato il capo della Mezzaluna Rossa Araba Siriana, Khaled Haboubati.
Il governo ha stanziato 126 rifugi ad Aleppo, 23 a Latakia, cinque ad Hama, tre a Homs e tre a Tartous per aiutare le persone colpite.

Fonte:
Traduzione e aggiunte: GFJ
07/02/2023

La Mezzaluna Rossa Araba Siriana chiede la revoca del blocco per far avanzare i soccorsi

Damasco, 7 feb. (SANA) Il direttore della Mezzaluna Rossa Araba Siriana, Khaled Haboubati, ha chiesto in una conferenza stampa la revoca del blocco e delle sanzioni economiche imposte alla Siria per far fronte alle conseguenze del devastante terremoto.

Contro tutti i blocchi, contro le guerre di aggressione. Guerra alla Siria. 20 fatti per demolire 10 anni di menzogne (leggi)

Abbiamo bisogno di macchinari pesanti, ambulanze e veicoli antincendio per poter continuare le operazioni di soccorso e di rimozione delle macerie, e per questo è necessario che le sanzioni contro la Siria vengano revocate al più presto“, ha dichiarato.

Secondo Haboubati, il numero delle vittime potrebbe aumentare e diversi edifici sono ancora a rischio di crollo.
Le conseguenze del terremoto sono disastrose e i nostri volontari sono pronti, ma mancano le attrezzature“, ha detto.

Ha rivelato che il governo ha stanziato 126 rifugi ad Aleppo, 23 a Latakia, 5 ad Hama, 3 a Homs e 3 a Tartous per aiutare le persone colpite.

Il capo della SARC ha denunciato che le sanzioni economiche stanno peggiorando la situazione umanitaria, osservando che alcuni Paesi hanno inviato aiuti, ma il disastro è enorme e c’è bisogno dell’aiuto di tutti.

fm/ed

Pubblicato in Attualità, Blocco, Internazionale

ATTUALE

ARCHIVI