Le relazioni Cuba-Russia viste da un esperto russo

Una limousine ZIL di costruzione sovietica prodotta negli anni ’60 e ’70 sulla Piazza della Rivoluzione all’Avana

Nell’attuale turbolenza geopolitica, non sono molti i Paesi che continuano a mantenere una posizione univoca e amichevole nei confronti della Russia. Ma tra i vecchi amici, la Repubblica di Cuba mantiene una rotta chiara.

di Leonid Savin
Fonte:
Luglio 2023
Traduzione: Costantino Ceoldo
Aggiunte: GFJ

Russia-Cuba: un nuovo inizio

Nell’attuale turbolenza geopolitica, non sono molti i Paesi che continuano a mantenere una posizione univoca e amichevole nei confronti della Russia. Anche tra i suoi vicini ci sono Stati i cui leader preferiscono tacere o sfruttare la situazione per migliorare la propria posizione. Ma tra i vecchi amici, la Repubblica di Cuba mantiene una rotta chiara. All’ONU, Cuba vota sempre a favore della Russia (o contro le risoluzioni anti-russe spinte dall’Occidente collettivo). Il presidente cubano Miguel Diaz-Canel ha espresso un certo sostegno all’operazione militare speciale di Mosca e ha condannato i Paesi della NATO. I media cubani, soprattutto quelli con diffusione internazionale, come Prensa Latina e TeleSuR, hanno coperto adeguatamente gli eventi nei nuovi territori, il corso delle ostilità in Ucraina e la posizione della Russia.

Anche le relazioni commerciali, economiche e umanitarie stanno raggiungendo un nuovo livello. Una delegazione russa si è recata a Cuba a metà maggio per una riunione periodica della commissione intergovernativa per il commercio, la cooperazione economica, scientifica e tecnica. I documenti firmati includono memorandum e accordi volti a sviluppare la cooperazione bilaterale nel settore delle costruzioni, la cooperazione nell’ambito del sistema comune di preferenze tariffarie dell’Unione Economica Eurasiatica, il rafforzamento della sicurezza energetica di Cuba, l’espansione delle forniture reciproche di prodotti agricoli di origine vegetale, ecc.

No al Blocco

Una delegazione cubana di alto livello, guidata dal primo ministro Manuel Marrero Cruz, ha visitato la Russia a giugno. Sono proseguiti i negoziati per l’ampliamento della cooperazione e sono stati firmati ulteriori accordi. Marrero Cruz ha incontrato il Presidente russo Vladimir Putin e i relatori di entrambe le Camere dell’Assemblea federale Valentina Matvienko e Vyacheslav Volodin. Si è discusso non solo dell’interazione bilaterale, ma anche della posizione nei confronti di un comune antagonista geopolitico: gli Stati Uniti. Durante l’incontro con l’ospite cubano, Vladimir Putin ha assicurato che “la parte russa, da parte sua, farà tutto il possibile per aiutare Cuba a superare le sanzioni illegali dell’Occidente”. Marrero Cruz è stato inoltre direttamente coinvolto nel vertice dell’Unione Economica Eurasiatica a Sochi e ha partecipato al Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Naturalmente, questa impennata delle relazioni bilaterali non può non preoccupare l’Occidente. Il quotidiano francese Le Figaro ha scritto che “come ai tempi della Guerra Fredda, quando i cittadini sovietici guidavano le limousine Chayka sul lungomare dell’Avana, la russificazione di Cuba è in pieno svolgimento. Uomini d’affari, turisti e politici russi stanno tornando”. Gli Stati Uniti, invece, stanno cercando di manipolare l’opinione pubblica cubana attraverso i loro proxy di propaganda concentrati a Miami.

Attraverso questi media portatili e i blogger, nello spazio informativo cubano vengono lanciate idee di ogni tipo: che i russi prenderanno il controllo dell’economia cubana, che i missili nucleari saranno presto di nuovo dispiegati sull’isola, che i militari russi stanno arrivando a Cuba travestiti da diplomatici, che la base radar di Lourdes funzionerà di nuovo, che i cubani perderanno il lavoro, ecc.

Cuba rimane impegnata nell'eliminazione delle armi nucleari e nell'attuazione delle disposizioni del Trattato di Tlatelolco.

In primo luogo, non ha senso piazzare armi nucleari direttamente sul territorio cubano, esponendolo a un ipotetico attacco di rappresaglia. Con la moderna tecnologia ipersonica di cui dispone la Russia, un attacco sottomarino dal Golfo del Messico o dall’Atlantico potrebbe colpire il territorio statunitense. Inoltre, Cuba è parte del Trattato di Tlatelolco sullo status di assenza di nucleare in America Latina e nei Caraibi, avendovi aderito nel 1995.

Anche se i cubani hanno rilevato problemi con la sua attuazione, citando le politiche aggressive degli Stati Uniti, la continua occupazione della Baia di Guantanámo e il passaggio nella regione di navi e sottomarini statunitensi con armi nucleari a bordo. Per quanto riguarda Lourdes, quella stazione semplicemente non esiste più. Non ci sono né infrastrutture né attrezzature. L’edificio dell’ex base militare ospita un istituto di istruzione, l’Università di Tecnologia dell’Informazione. Naturalmente, le speculazioni su questo argomento continueranno.

Recentemente c’è stato un altro lancio da parte dei media statunitensi, anche se questa volta non è stata la Russia ma la Cina ad essere accusata di aver creato il nuovo centro di intelligence. Tuttavia, nessuno ha negato la possibilità di un rafforzamento della cooperazione militare e tecnica tra Russia e Cuba. Si tratta di un processo naturale e, data la vicinanza degli Stati Uniti all’Isola della Libertà, l’esperienza e le tecnologie militari convenzionali della Russia potrebbero essere utili e vitali per L’Avana. Inoltre, la cooperazione tra le agenzie di sicurezza e le forze dell’ordine può essere importante per mantenere l’ordine pubblico, prevenire uno scenario di rivoluzioni colorate (e Cuba ha ripetutamente tentato di farlo), contrastare il contrabbando di droga, ecc.

A proposito, a Cuba esiste un centro specializzato dell’EMERCOM della Russia, che funziona come progetto comune. Esiste un’iniziativa simile in Serbia e la sua attività si estende a tutti i Balcani.

Vale la pena ricordare che la situazione sociale ed economica di Cuba è attualmente piuttosto complicata. Attualmente nel Paese è in atto una crisi energetica e del carburante. A causa della carenza di benzina, la circolazione dei trasporti pubblici è limitata. La domanda supera l’offerta. E l’offerta è difficile da organizzare. Sebbene Cuba produca petrolio e gas a sufficienza, queste risorse naturali vengono utilizzate per generare elettricità. Anche nel settore agricolo si registrano carenze alimentari e alcuni prodotti sono assenti dagli scaffali dei negozi e dai mercati da molti mesi.

Il blocco in corso da parte degli Stati Uniti d’America non consente un adeguato commercio internazionale benché alcuni Paesi vicini ignorino le sanzioni di Washington. Tra questi, Messico, Venezuela e Nicaragua. Le relazioni tra i Paesi sono migliorate anche da quando Lula è tornato alla guida del Brasile (il programma per i medici cubani in Brasile è stato gradualmente eliminato sotto Bolsonaro).

L’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri, Josep Borrel, è stato all’Avana a maggio. Anche lui ha promesso al governo cubano di impegnarsi per risolvere il problema delle sanzioni. Sebbene il primo giorno della sua visita abbia cercato di fare commenti su chi dovrebbe cooperare con Cuba (riferendosi alla posizione nei confronti della Russia), gli è stato subito fatto capire che la questione della cooperazione tra L’Avana e Mosca non sarebbe stata assolutamente discussa con lui, in quanto non erano affari suoi. Borrell ha imparato la lezione e non è tornato sull’argomento.

Cuba riceve sette nuove locomotive prodotte dall'azienda russa Sinara. Foto: Miguel Fernández Martínez / Sputnik

Nel complesso, una svolta tecnologica e l’eliminazione di una serie di problemi attuali di Cuba sono associati alla Russia. Sono stati firmati accordi nei settori dell’energia, della logistica e dell’approvvigionamento alimentare. Una rete di negozi statali a Cuba dovrebbe presto ricevere un’ampia gamma di prodotti alimentari dalla Russia. Sono già iniziati i lavori nell’impianto metallurgico Antillana de Acero J. Marti, dove l’acciaieria elettrica è stata completata con attrezzature russe e il suo avvio è stato possibile grazie agli investimenti russi. Il sistema ferroviario è in fase di ammodernamento. Il progetto, realizzato dalle Ferrovie russe, durerà dieci anni. Circa cinque anni fa la Russia ha fornito anche una nuova flotta di vagoni e locomotive.

Infine, la carta MIR funziona a Cuba e l’Aeroflot ha iniziato a operare voli verso il Paese, il che aumenterà notevolmente il traffico turistico.

Il turismo, indipendentemente dai Paesi da cui si arriva a Cuba, è una delle principali fonti di reddito del Paese. Ma, indirettamente, riflette anche il livello di interesse reciproco dei Paesi. Se consideriamo gli altri segmenti in cui Cuba detiene una posizione di leadership, vale la pena menzionare l’industria mineraria. In particolare, il cobalto e il nichel: in termini di produzione di nichel, Cuba è tra i leader insieme a Russia, Canada e Australia.

C’è una sfumatura molto interessante legata al lavoro dell’azienda mineraria canadese Sherritt International a Cuba. Sebbene gli Stati Uniti stiano applicando rigidamente le sanzioni ai loro partner, questa azienda (canadese, ndr) ha un’eccezione. Il motivo è che il nichel viene utilizzato per produrre centesimi, il che significa che il nichel viene estratto a diretto beneficio degli Stati Uniti. In teoria, se la Russia dovesse comprimere la presenza canadese in questo settore a Cuba (con un trattamento preferenziale per L’Avana), si sferrerebbe un colpo parallelo agli interessi di due Stati ostili in un colpo solo. Potrebbero esserci altri progetti di questo tipo, dato che la Russia ha il massimo trattamento di favore.

Il sistema di pagamento russo Mir ha già iniziato a operare a Cuba, consentendo di effettuare prelievi convertendo i rubli in pesos cubani.

Ci sono ancora una serie di sfumature che complicano gli accordi, come l’assenza di banche russe a Cuba. È noto che questo problema è in fase di elaborazione e la sua soluzione darà ulteriore impulso alla cooperazione tra i due Paesi, non solo a livello statale, ma anche con le imprese private.

Un altro aspetto importante che ostacola la cooperazione è la burocratizzazione dei processi da entrambe le parti. Ad esempio, le parti concordano alcune misure o progetti ad alto livello. Ma quando si tratta di affari, tutto rallenta a livello intermedio, perché non esiste una base legislativa corrispondente. E né la Russia né Cuba cambieranno le leggi per adattarle a qualsiasi accordo. Per questo motivo abbiamo bisogno di opzioni alternative, che soddisfino entrambe le parti ed evitino gli ostacoli esistenti. Ad esempio, gli studenti cubani vengono da noi in base a quote e devono imparare la lingua russa per un anno in più. Inoltre, sia Cuba che la Russia spendono molto denaro per gli studi e l’alloggio. Sarebbe più efficiente creare corsi di lingua russa direttamente a Cuba, in modo che gli studenti già preparati e motivati possano venire da noi. Ciò ridurrebbe i costi di entrambi i Paesi, ma migliorerebbe l’immagine della Russia direttamente a Cuba. Lo stesso si può dire dello scambio di studenti e scienziati tra i due Paesi: semplicemente non esiste. Anche se, a quanto pare, dopo le sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea, abbiamo un notevole potenziale liberato (a cui si può aggiungere il personale diplomatico), che può essere in parte reindirizzato anche a Cuba.

La metropolitana dell'Avana, una storia non conclusa. Immagine: La metropolitana dell'Avana, copertina della rivista "Juventud Técnica", anni Ottanta.

Scavando più a fondo, si scopre che Cuba ha progetti in sospeso lasciati dall’era sovietica, come una centrale nucleare e la metropolitana dell’Avana. Entrambi potrebbero essere scongelati e rilanciati con tecnologie già più efficienti. E queste iniziative a lungo termine sosterrebbero una linea comune di cooperazione strategica.


Articolo correlato:

Da Mosca a L’Avana: quali vestigia sovietiche permangono a Cuba?

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346