López Obrador critica gli Stati Uniti per non aver stanziato “assolutamente nulla” all’America centrale in quattro anni e aver investito più di 30 miliardi di dollari in Ucraina.

Il presidente messicano ha definito la politica di Washington “inspiegabile”.

Fonte:
Traduzione: GFJ

AMLO riceve il presidente del Guatemala, Alejandro Giammattei Falla, nel Palazzo Nazionale

In un discorso con il suo omologo guatemalteco, Alejandro Giammattei Falla, il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha denunciato giovedì (5 maggio 2922, ndt)) che gli Stati Uniti hanno deciso di fornire più sostegno all’Ucraina nel suo conflitto con la Russia invece di contribuire allo sviluppo dei paesi che compongono la regione centroamericana.

Trovo inspiegabile che Washington abbia rinviato l’approvazione dei 4 miliardi di dollari che hanno offerto di investire per generare benessere nei paesi centroamericani, nonostante il fatto che sia il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, sia la vicepresidente, Kamala Harris abbiano preso accordi in merito“, ha sostenuto il leader messicano.

L'Ucraina ha ricevuto il 90% degli obici americani promessi come aiuto militare

Sono cose diverse. Non dovrebbero essere paragonati a una tabula rasa, ma più di 30 miliardi di dollari sono già stati approvati per sostenere la guerra in Ucraina. Abbiamo chiesto quattro anni fa, da quando c’era il presidente Donald Trump, un sostegno di 4 miliardi di dollari, e fino ad oggi niente, assolutamente niente“, ha detto López Obrador.

Andrés Manuel López Obrador ha iniziato un tour maratona questo giovedì, durante il quale visiterà Guatemala, El Salvador, Honduras e Belize in soli due giorni, e che culminerà domenica prossima a Cuba.

Tuttavia, il presidente ha commentato che continueranno a “insistere rispettosamente sulla necessità di collaborazione con gli Stati Uniti“, come ha ribadito che “al di là del fenomeno migratorio“, il continente americano deve andare avanti “verso l’integrazione economica e commerciale senza esclusioni, indipendentemente dalle differenze ideologiche“.

Basta con le egemonie, basta con le politiche che sono state imposte per più di due secoli nella nostra America. Abbiamo bisogno di unità, di rispetto per la sovranità di tutti i paesi. La sovranità del Guatemala deve essere rispettata, la sovranità del Messico deve essere rispettata“, ha asserito il rappresentante messicano.

Infine, ha spiegato che “abbiamo davanti a noi il compito immediato di promuovere la pace e il benessere delle nostre nazioni, e la collaborazione fraterna tra loro“, aggiungendo che i fiumi “Usumacinta e Suchiate non devono essere muri e che devono recuperare la condizione di arterie di commercio, cultura e fraternità che avevano quando gli Olmechi e i Maya, i nostri antenati, navigavano attraverso le loro acque.”

Andrés Manuel López Obrador ha iniziato un tour maratona questo giovedì, durante il quale visiterà Guatemala, El Salvador, Honduras e Belize in soli due giorni, e che culminerà domenica prossima a Cuba.

 

 

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

IL GENOCIDIO PIÙ LUNGO DELLA STORIA

Eventi

Fidel Castro: Cos'è Rivoluzione

Santiago Alvarez - Solidaridad Cuba Vietnam (1965)

ATTUALE

Cuba - Solidarietà, Salute, Internazionalismo

ARCHIVI

Fidel Castro: Cosa sono gli Stati Uniti (video)

Viva el Socialismo (Fidel Castro Tribute)